La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INFERMIERISTICA CLINICA DI BASE IV ANNO ACCADEMICO 2009 - 2010 Rolfo Monica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INFERMIERISTICA CLINICA DI BASE IV ANNO ACCADEMICO 2009 - 2010 Rolfo Monica."— Transcript della presentazione:

1 INFERMIERISTICA CLINICA DI BASE IV ANNO ACCADEMICO Rolfo Monica

2 Chief of Staff ROLFO MONICA Recapiti: Telefono (ufficio): presso Ospedale Mauriziano di Torino Chirurgia 4B / 2911 Cellulare: articolo sconosciuto

3 PROGRAMMA: INFERMIERISTICA CLINICA DI BASE IV Modulo: Nutrizione Modulo: Nutrizione Modulo: Prelievi Ematici Modulo: Prelievi Ematici Modulo: Eliminazione Modulo: Eliminazione

4 CALENDARIODATAMODULOLEZIONEORARIO 22 Marzo NutrizioneFrontale14/17 26 Marzo NutrizioneFrontale14/17 29 Marzo BilancioNutrizione/BilancioFrontaleLaboratorio9/1111/17 14 Aprile PrelieviFrontale9/11 19 Aprile EliminazionePrelieviFrontaleLaboratorio9/1111/17 21 Aprile EliminazioneFrontale9/11 14 Giugno EliminazioneEliminazioneFrontaleLaboratorio9/1111/17

5 MODULO: NUTRIZIONE Obiettivi Specifici Alla fine del modulo gli studenti devono essere in grado di: Descrivere i fattori che influenzano la nutrizione e lidratazione Descrivere i fattori che influenzano la nutrizione e lidratazione Utilizzare i termini specifici inerenti la funzione nutrizionale riconoscendone il significato Utilizzare i termini specifici inerenti la funzione nutrizionale riconoscendone il significato Riconoscere i dati necessari per individuare i principali problemi di nutrizione Riconoscere i dati necessari per individuare i principali problemi di nutrizione Descrivere gli interventi infermieristici da attuare per trattare i principali problemi di nutrizione (nutrizione alterata:superiore o inferiore alle richieste corporee; deglutizione alterata; eccesso o deficit del volume dei liquidi; eccesso o deficit di acqua) Descrivere gli interventi infermieristici da attuare per trattare i principali problemi di nutrizione (nutrizione alterata:superiore o inferiore alle richieste corporee; deglutizione alterata; eccesso o deficit del volume dei liquidi; eccesso o deficit di acqua) Effettuare il bilancio idroelettrolitico valutando le entrate e le uscite e interpretando gli esami di laboratorio e i dati clinici Effettuare il bilancio idroelettrolitico valutando le entrate e le uscite e interpretando gli esami di laboratorio e i dati clinici

6 LA RACCOLTA DEI DATI I fattori che influenzano la nutrizione e lidratazione (fisici, psichici, socio-ambientali) I fattori che influenzano la nutrizione e lidratazione (fisici, psichici, socio-ambientali) Valutare lo stato nutrizionale, le abitudini alimentari e lequilibrio idro-elettrolitico: intervista, esame obiettivo, rilevazione dati antropometrici Valutare lo stato nutrizionale, le abitudini alimentari e lequilibrio idro-elettrolitico: intervista, esame obiettivo, rilevazione dati antropometrici I principali esami di laboratorio: significato clinico e valutazione dei dati I principali esami di laboratorio: significato clinico e valutazione dei dati Lequilibrio idrico ed elettrolitico e acido-base ed i suoi principi Lequilibrio idrico ed elettrolitico e acido-base ed i suoi principi

7 I PROBLEMI E IL LORO TRATTAMENTO Le manifestazioni di alterazione della funzione nutrizionale: obesità, sovrappeso, sottopeso, cachessia Le manifestazioni di alterazione della funzione nutrizionale: obesità, sovrappeso, sottopeso, cachessia La nausea ed il vomito e le alterazioni dellequilibrio idroelettrolitico La nausea ed il vomito e le alterazioni dellequilibrio idroelettrolitico Le manifestazioni di squilibrio idroelettrolitico: disidratazione, ritenzione idrica, ipo e iper potassiemia e sodiemia e le principali cause Le manifestazioni di squilibrio idroelettrolitico: disidratazione, ritenzione idrica, ipo e iper potassiemia e sodiemia e le principali cause Responsabilità e interventi infermieristici in caso di: Responsabilità e interventi infermieristici in caso di: Restrizioni/integrazioni dietetiche e somministrazione di diete speciali Restrizioni/integrazioni dietetiche e somministrazione di diete speciali Restrizioni/integrazioni di liquidi per via orale e parenterale Restrizioni/integrazioni di liquidi per via orale e parenterale Rifiuto del cibo Rifiuto del cibo Incapacità di alimentarsi autonomamente Incapacità di alimentarsi autonomamente Deglutizione alterata Deglutizione alterata Alimentazione enterale attraverso sonda nasogastrica e gastrostomica Alimentazione enterale attraverso sonda nasogastrica e gastrostomica Alimentazione parenterale Alimentazione parenterale Il sondaggio gastrico: principi e tecnica Il sondaggio gastrico: principi e tecnica La PEG: indicazioni, rischi, assistenza La PEG: indicazioni, rischi, assistenza

8 LABORATORIO Aiuto alla persona nellalimentazione e imboccamento Aiuto alla persona nellalimentazione e imboccamento Applicazione, gestione e rimozione del SNG e assistenza alla persona portatrice di SNG Applicazione, gestione e rimozione del SNG e assistenza alla persona portatrice di SNG Assistenza alla persona portatrice di PEG Assistenza alla persona portatrice di PEG Assistenza alla persona con emesi Assistenza alla persona con emesi Caso : calcolo del bilancio idroelettrolitico Caso : calcolo del bilancio idroelettrolitico

9 MODULO: PRELIEVI EMATICI Obiettivi Specifici Descrivere le procedure per lesecuzione del prelievo di sangue venoso, arterioso e capillare Descrivere le procedure per lesecuzione del prelievo di sangue venoso, arterioso e capillare Elencare i principali esami ematici e il loro significato Elencare i principali esami ematici e il loro significato

10 CONTENUTI Il sangue ed i principali esami di laboratorio: diversi tipi di campioni, preparazione del paziente, modalità di conservazione e invio Il sangue ed i principali esami di laboratorio: diversi tipi di campioni, preparazione del paziente, modalità di conservazione e invio La prevenzione di incidenti durante la venipuntura. Dispositivi di protezione dell operatore La prevenzione di incidenti durante la venipuntura. Dispositivi di protezione dell operatore La scelta delle sedi di puntura venosa, arteriosa e capillare La scelta delle sedi di puntura venosa, arteriosa e capillare La prevenzione delle infezioni associate a procedure intravascolari La prevenzione delle infezioni associate a procedure intravascolari Lassistenza al paziente sottoposto a venipuntura Lassistenza al paziente sottoposto a venipuntura

11 LABORATORIO Prelievo di sangue venoso con sistema vacutainer (ago semplice e a farfalla) Prelievo di sangue venoso con sistema vacutainer (ago semplice e a farfalla) Prelievo di sangue arterioso Prelievo di sangue arterioso Prelievo di sangue capillare e uso di reflettometro Prelievo di sangue capillare e uso di reflettometro Emocoltura Emocoltura

12 MODULO: ELIMINAZIONE Obiettivi Specifici Alla fine del modulo gli studenti devono essere in grado di: Descrivere i meccanismi della eliminazione intestinale ed i fattori che la influenzano Descrivere i meccanismi della eliminazione intestinale ed i fattori che la influenzano Utilizzare i termini specifici inerenti leliminazione intestinale riconoscendone il significato Utilizzare i termini specifici inerenti leliminazione intestinale riconoscendone il significato Riconoscere i dati necessari ad individuare i principali problemi di eliminazione intestinale Riconoscere i dati necessari ad individuare i principali problemi di eliminazione intestinale Descrivere le caratteristiche delle feci (normali e alterate) riconoscendone il significato clinico Descrivere le caratteristiche delle feci (normali e alterate) riconoscendone il significato clinico Elencare i principali esami strumentali a cui è sottoposta la persona con problemi di eliminazione intestinale, descrivendone indicazioni, rischi, e interventi infermieristici atti ad assistere la persona nelle fasi di preparazione ed esecuzione dell esame Elencare i principali esami strumentali a cui è sottoposta la persona con problemi di eliminazione intestinale, descrivendone indicazioni, rischi, e interventi infermieristici atti ad assistere la persona nelle fasi di preparazione ed esecuzione dell esame Elencare i principali esami sulle feci,interpretarne i valori e descrivere le modalità di raccolta dei campioni Elencare i principali esami sulle feci,interpretarne i valori e descrivere le modalità di raccolta dei campioni Descrivere gli interventi infermieristici da attuare per trattare i principali problemi di eliminazione intestinale (stipsi, diarrea, incontinenza fecale) Descrivere gli interventi infermieristici da attuare per trattare i principali problemi di eliminazione intestinale (stipsi, diarrea, incontinenza fecale) Elencare le metodiche e i farmaci utilizzati per la prevenzione e il trattamento della stipsi e della diarrea Elencare le metodiche e i farmaci utilizzati per la prevenzione e il trattamento della stipsi e della diarrea Descrivere i principi, le modalità ed i rischi connessi alle manovre di facilitazione delleliminazione fecale Descrivere i principi, le modalità ed i rischi connessi alle manovre di facilitazione delleliminazione fecale

13 L eliminazione intestinale ed i fattori che la influenzano (fisici, psichici, e socio-ambientali) L eliminazione intestinale ed i fattori che la influenzano (fisici, psichici, e socio-ambientali) Le abitudini dell alvo. Le caratteristiche fisiologiche della evacuazione Le abitudini dell alvo. Le caratteristiche fisiologiche della evacuazione Stipsi, diarrea, alvo alternante, occlusione intestinale, perforazione intestinale (definizioni) Stipsi, diarrea, alvo alternante, occlusione intestinale, perforazione intestinale (definizioni) Le stomie intestinali: indicazioni, caratteristiche, modificazione delle emissioni intestinali Le stomie intestinali: indicazioni, caratteristiche, modificazione delle emissioni intestinali Le caratteristiche delle feci : dati normali e anormali, loro significato in rapporto alle principali alterazioni della funzione intestinale Le caratteristiche delle feci : dati normali e anormali, loro significato in rapporto alle principali alterazioni della funzione intestinale Lesame obiettivo dell addome: principali dati di interesse clinico Lesame obiettivo dell addome: principali dati di interesse clinico Principali esami diagnostici di tipo strumentale utili allaccertamento dei problemi di eliminazione intestinale: Principali esami diagnostici di tipo strumentale utili allaccertamento dei problemi di eliminazione intestinale: informazione, preparazione e assistenza alla persona in caso di ecografia addominale, tomografia computerizzata, esofago-gastro-duodenoscopia, retto- sigmoido-colonscopia, clisma opaco, risonanza magnetica e PET informazione, preparazione e assistenza alla persona in caso di ecografia addominale, tomografia computerizzata, esofago-gastro-duodenoscopia, retto- sigmoido-colonscopia, clisma opaco, risonanza magnetica e PET Indicazioni e rischi della diagnostica strumentale Indicazioni e rischi della diagnostica strumentale Raccolta di campioni di feci per esame completo, colturale, parassitologico, ricerca del sangue occulto, misurazione dei grassi fecali Raccolta di campioni di feci per esame completo, colturale, parassitologico, ricerca del sangue occulto, misurazione dei grassi fecali dati normali e anormali, loro significato in rapporto alle principali alterazioni della funzione intestinale dati normali e anormali, loro significato in rapporto alle principali alterazioni della funzione intestinale modalità di raccolta dei campioni modalità di raccolta dei campioni LA RACCOLTA DEI DATI

14 I PROBLEMI E IL LORO TRATTAMENTO Stipsi occasionale, cronica e percepita Cause/condizioni predisponenti alla stipsi e condizioni di rischio Cause/condizioni predisponenti alla stipsi e condizioni di rischio patologie e manifestazioni frequentemente correlate a stipsi: la malattia emorroidaria, fistole e ragadi anali, fecaloma, dolore patologie e manifestazioni frequentemente correlate a stipsi: la malattia emorroidaria, fistole e ragadi anali, fecaloma, dolore Misure non farmacologiche per la prevenzione e il trattamento della stipsi Misure non farmacologiche per la prevenzione e il trattamento della stipsi Farmaci catartici (aumentanti massa; salini; osmolari; da contatto): indicazioni duso, effetti indesiderati e rischi legati alla non corretta assunzione. Lautogestione della terapia catartica Farmaci catartici (aumentanti massa; salini; osmolari; da contatto): indicazioni duso, effetti indesiderati e rischi legati alla non corretta assunzione. Lautogestione della terapia catartica Le manovre per provocare leliminazione intestinale: lesplorazione e la stimolazione rettale, lenteroclisma (principi e tecnica) Le manovre per provocare leliminazione intestinale: lesplorazione e la stimolazione rettale, lenteroclisma (principi e tecnica)

15 Diarrea Cause/condizioni predisponenti alla diarrea ed alla dissenteria e condizioni di rischio Cause/condizioni predisponenti alla diarrea ed alla dissenteria e condizioni di rischio Misure non farmacologiche per il trattamento della diarrea Misure non farmacologiche per il trattamento della diarrea Farmaci antidiarroici: indicazioni duso, effetti indesiderati e rischi legati alla non corretta assunzione. Farmaci antidiarroici: indicazioni duso, effetti indesiderati e rischi legati alla non corretta assunzione. Le manovre e i provvedimenti per la prevenzione delle infezioni intestinali e della loro diffusione (con particolare riguardo al Clostridium Difficile): norme igieniche, isolamento enterico Le manovre e i provvedimenti per la prevenzione delle infezioni intestinali e della loro diffusione (con particolare riguardo al Clostridium Difficile): norme igieniche, isolamento enterico

16 Incontinenza fecale Cause/condizioni predisponenti alla incontinenza fecale e condizioni di rischio Cause/condizioni predisponenti alla incontinenza fecale e condizioni di rischio Misure per la prevenzione e il trattamento della incontinenza fecale Misure per la prevenzione e il trattamento della incontinenza fecale Uso di sacche di raccolta per enterostomia (principi e tecnica) Uso di sacche di raccolta per enterostomia (principi e tecnica) Irrigazione trans-stomale (principi e tecnica Irrigazione trans-stomale (principi e tecnica

17 LABORATORIO Preparazione e somministrazione di un clistere a piccolo e grande volume Preparazione e somministrazione di un clistere a piccolo e grande volume Il sondaggio rettale Il sondaggio rettale La stimolazione digitale dello sfintere anale e tecniche di rimozione di un fecaloma La stimolazione digitale dello sfintere anale e tecniche di rimozione di un fecaloma Procedure di prelievo di campioni di feci Procedure di prelievo di campioni di feci Posizionamento di sacche di raccolta per enterostomia Posizionamento di sacche di raccolta per enterostomia Preparazione ed effettuazione di una irrigazione trans-stomale Preparazione ed effettuazione di una irrigazione trans-stomale

18 BIBLIOGRAFIA Craven RF, Hinrle CI. Principi fondamentali dellassistenza infermieristica. CEA, Milano 1998 (2° edizione) : capitoli Nutrizione e metabolismo ed Eliminazione Craven RF, Hinrle CI. Principi fondamentali dellassistenza infermieristica. CEA, Milano 1998 (2° edizione) : capitoli Nutrizione e metabolismo ed Eliminazione Allinizio del corso vengono inoltre consegnati materiali didattici integrativi in formato Word e Power Point Allinizio del corso vengono inoltre consegnati materiali didattici integrativi in formato Word e Power Point Per la prova di esame può essere sufficiente la preparazione condotta sul testo e sui materiali integrativi forniti. Per la prova di esame può essere sufficiente la preparazione condotta sul testo e sui materiali integrativi forniti.

19 Modulo Alimentazione (per approfondimento dei contenuti presentati nel Corso) Palese A, Ciocchi B, Clementi R. La gestione della nutrizione enterale attraverso sondino nasogastrico. Assistenza infermieristica e ricerca 2001; 20: Palese A, Ciocchi B, Clementi R. La gestione della nutrizione enterale attraverso sondino nasogastrico. Assistenza infermieristica e ricerca 2001; 20: Laquintana D. Lintroduzione del sondino nasogastrico. Assistenza infermieristica e ricerca 2001; 20: Laquintana D. Lintroduzione del sondino nasogastrico. Assistenza infermieristica e ricerca 2001; 20: Pastore M., Orsi E., La valutazione dello stato di nutrizione, in: Orsi E., Musacchio N., Nutrizione clinica e terapia dietetica, McGraw-Hill, 1996 Pastore M., Orsi E., La valutazione dello stato di nutrizione, in: Orsi E., Musacchio N., Nutrizione clinica e terapia dietetica, McGraw-Hill, 1996 Lequilibrio idroelettrolitico, in: Greco R., La nutrizione parenterale ed enterale, Ed. scientifiche romane, 1992 Lequilibrio idroelettrolitico, in: Greco R., La nutrizione parenterale ed enterale, Ed. scientifiche romane, 1992 inoltre su IN INGLESE è possibile consultare diverse voci riguardanti disturbi gastroenterologici e nutrizione inoltre su IN INGLESE è possibile consultare diverse voci riguardanti disturbi gastroenterologici e nutrizione

20 Modulo Eliminazione (per approfondimento dei contenuti presentati nel Corso) AAVV. Indagine sul colon – inserto da Linfermiere marzo/aprile, 2/98 AAVV. Indagine sul colon – inserto da Linfermiere marzo/aprile, 2/98 Black, P., Practical stoma care, Nursing Standard, 1997 Vol. 11(47) Black, P., Practical stoma care, Nursing Standard, 1997 Vol. 11(47) Trainor, B.et alt., Changing an appliance, Nursing Standard, 2003 vol. 18(13) Trainor, B.et alt., Changing an appliance, Nursing Standard, 2003 vol. 18(13) Nugent K. P. Et alt., Quality of life in stoma patients, Dis Colon Rectum 1999, 42 : Nugent K. P. Et alt., Quality of life in stoma patients, Dis Colon Rectum 1999, 42 : Pisetzky F. Reazioni avverse da farmaci lassativi. Disponibile su insieme ad altre informazioni ricercando la parola-chiave lassativi IN ITALIANO Pisetzky F. Reazioni avverse da farmaci lassativi. Disponibile su insieme ad altre informazioni ricercando la parola-chiave lassativi IN ITALIANO Wald, A. Evaluation and management of constipation. Current Practice of Medicine 1999; 2:2317.disponibile su: insieme alla possibitità di consultare sezioni destinate ai pazienti su temi quali stipsi, diarrea, colonscopia, obesità ecc. IN INGLESE Wald, A. Evaluation and management of constipation. Current Practice of Medicine 1999; 2:2317.disponibile su: insieme alla possibitità di consultare sezioni destinate ai pazienti su temi quali stipsi, diarrea, colonscopia, obesità ecc. IN INGLESE Antibiotic-associated colytis in IN INGLESE riguarda linfezione da Clostridium Difficile Antibiotic-associated colytis in IN INGLESE riguarda linfezione da Clostridium Difficile inoltre su IN INGLESE è possibile consultare diverse voci riguardanti disturbi gastroenterologici e nutrizione inoltre su IN INGLESE è possibile consultare diverse voci riguardanti disturbi gastroenterologici e nutrizionehttp://www.merck.com/pubs/mmanual/sections.htm Altre risorse: sito ufficiale dellAmerican Gastroenterological Association IN INGLESE sito ufficiale dellAmerican Gastroenterological Association IN INGLESEhttp://www.gastro.org/

21 IL NOSTRO MOTTO: La vita bella e utile è quella in cui azione e pensiero si sostengono incessantemente a vicenda. Socrate


Scaricare ppt "INFERMIERISTICA CLINICA DI BASE IV ANNO ACCADEMICO 2009 - 2010 Rolfo Monica."

Presentazioni simili


Annunci Google