La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Argomenti di Patologia Clinica Simone Baldovino Università di Torino Dipartimento di Medicina ed Oncologia sperimentale Sezione di Patologia Clinica Introduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Argomenti di Patologia Clinica Simone Baldovino Università di Torino Dipartimento di Medicina ed Oncologia sperimentale Sezione di Patologia Clinica Introduzione."— Transcript della presentazione:

1 Argomenti di Patologia Clinica Simone Baldovino Università di Torino Dipartimento di Medicina ed Oncologia sperimentale Sezione di Patologia Clinica Introduzione alla patologia clinica

2 La patologia clinica è formalmente quella branca della medicina che applica le tecniche di indagine della patologia generale ai singoli casi clinici, in un contesto applicativo e ospedaliero. Un patologo clinico è quindi uno specialista di laboratorio e lavora su campioni biologici di tessuto, di sangue o di altri liquidi e secrezioni corporee provenienti dai pazienti. Su tali campioni egli esegue indagini di morfologia macro e microscopica, analisi chimiche, immunologiche, microbiologiche e molecolari. Dai servizi di laboratorio si sono progressivamente staccati, i servizi di Medicina Trasfusionale, dedicati alla raccolta di sangue e alla lavorazione degli emocomponenti

3

4 Lofficina del patologo clinico

5 Frequenza volontaria Laboratorio immunonefrologico Immunofluorescenza, ELISA, esame urine, coagulazione di 3 livello, citofluorimetria CMID – Centro di Immunopatologia e documentazione su malattie rare Prelievi DH (sottocute, endovena, intramuscolo) Capillaroscopia Visite immunoreumatologiche ed ematologiche 5

6 Frequenza volontaria Nefrologia e dialisi Reparto o dialisi Medicina durgenza 6

7 qualsiasi ben definita procedura che venga utilizzata al fine di raccogliere una ben definita informazione Che cosa è unTest ? test di laboratorio test strumentali test clinici (es. auscultazione cardiaca o la percussione polmonare...) questionari

8 Quali risultati può fornire un test? Qualitativi

9 Quali risultati può fornire un test? Qualitativi

10 Quali risultati può fornire un test? Dicotomici

11 Quali risultati può fornire un test? Dicotomici

12 Quali risultati può fornire un test? Quantitativi discreti Il paziente presenta 50 emazie per campo

13 Quali risultati può fornire un test? Quantitativo continuo La peso specifico urinario del paziente è pari a 1020 g/l

14 Perchè effettuar e un test? Screening Identificare soggetti malati in una popolazione sottoposta a un fattore di rischio Diagnosi Modificare la probabilità di un evento Follow-up Valutare lefficacia di una terapia o monitorare landamento di una malattia

15

16

17 Darwin: I look at the term species as one arbitrarily given, for the sake of convenience, to a set of inividuals closely resembling each other

18

19

20

21

22

23 LES, criteri ARA 1982 Rash malare Rash Discoide Fotosensibilità Ulcere orali Artiti Sierositi Disordini renali Disordini neurologici Disordini ematologici Disordini immunologici FAN Occorre la presenza di 4 criteri contemporanei o sequenziali

24 Cosa si intende per normale (o viceversa per patologico)

25 Normalità statistica

26

27 Culturalmente desiderabile

28

29 Diagnostica: valori al di fuori dei quali la malattia diventa altamente probabile: es. Batteriuria > 1 milione CFU

30

31

32 Come valutare un test? Affidabilità capacità del test di offrire sempre lo stesso risultato nel corso di misurazioni ripetute Accuratezz a capacità del test di distinguere in una popolazione i soggetti sani da quelli malati

33 Valori normali Valori decisionali Valori dallarme

34 Come valutare un test? Affidabilità capacità del test di offrire sempre lo stesso risultato nel corso di misurazioni ripetute Validità capacità del test di distinguere in una popolazione i soggetti sani da quelli malati

35 Come valutare la validità di un test? Sensibilit à Capacità del testdi individuarein una popolazionei soggetti malati Capacità del testdi individuarein una popolazionei soggetti sani Specificit à

36

37

38

39 Le curve ROC

40

41 41 Curve ROC Receiver Operating Characteristic

42 42 Curve ROC Receiver Operating Characteristic T4IpotiroideoEutiroideo < =5181 5, , > = 9339 Totale3293

43 43 Curve ROC Receiver Operating Characteristic CutoffSensibilitàSpecificitàFalsi positivi 1- specificità 50,560,990,01 70,780,810,19 90,910,420,58

44 44 Curve ROC Receiver Operating Characteristic

45 45 Curve ROC Receiver Operating Characteristic AUC: = Eccellente = Buono = Discreto = Accettabile = Inutile

46 46 Curve ROC: take home message Descrivono la relazione fra sensibilità e specificità di un test diagnostico Più la curva si avvicina al bordo sinistro e successivamente al bordo superiore più il test è accurato Più la curva si avvicina alla diagonale meno il test è accurato Larea sotto la curva è una misura dellaccuratezza

47 Perchè si effettua un test clinico ? Modificare la probabilità di un evento

48 MalatiSani Test +VPFPTot + Test -FNVNTot - Tot malati Tot Sani Totale popolaz ione VP / Totale + Esprime la probabilità che un soggetto risultato positivo ad un test sia effettivamente malato Valore predittivo positivo

49 VPN MalatiSani Test +VPFPTot + Test -FNVNTot - Tot malati Tot Sani Totale popolaz ione VN / Totale - Esprime la probabilità che un soggetto risultato negativo ad un test sia effettivamente sano

50 VP e prevalenza

51

52 Il ciclo analitico


Scaricare ppt "Argomenti di Patologia Clinica Simone Baldovino Università di Torino Dipartimento di Medicina ed Oncologia sperimentale Sezione di Patologia Clinica Introduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google