La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bambini inappetenti, genitori in ansia! Come aiutare i bambini ad instaurare un buon rapporto con il cibo Dott.ssa Claudia Mazzoni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bambini inappetenti, genitori in ansia! Come aiutare i bambini ad instaurare un buon rapporto con il cibo Dott.ssa Claudia Mazzoni."— Transcript della presentazione:

1 Bambini inappetenti, genitori in ansia! Come aiutare i bambini ad instaurare un buon rapporto con il cibo Dott.ssa Claudia Mazzoni

2 Bisogni che cambiano In una contrada che si chiamava Bengodi si legano le vigne con le salsicce e avevasi un'oca a denaro e un papero per giunta; ed eravi una montagna tutta di formaggio parmigiano grattugiato, sopra la quale stavan genti che niuna altra cosa facevano che far maccheroni e ravioli e cuocerli in brodo di capponi, e poi li gittavan quindi giù, e chi più ne pigliava, più se n'aveva; e ivi preso correva un fiumicel di vernaccia, della migliore che mai si bevve, senza avervi dentro una gocciola d'acqua Boccaccio

3 Oggi Il rapporto che la nostra società ha instaurato con il cibo sembra legarsi ad una sopravvivenza di carattere affettivo emotivo, più collegata alla crescita psicologica dela persona che a quella meramente fisica

4 E' a partire da questo intreccio di significati che bambini e ragazzi possono utilizzare il cibo come mezzo di comunicazione nei confronti di genitori ed educatori

5 Uno sguardo ai comportamenti educativi Per mangiare bene occorre creare UN BUON CLIMA a tavola!

6 E' pur vero che È proprio la tavola il luogo privilegiato dei conflitti! I figli soprattutto se piccoli non hanno altro modo di richiamare l'attenzione!

7 Partiamo da come è possibile creare un buon clima familiare

8 È bene ricordarsi che..... Si mangia con tutti i sensi I pasti NON sono il posto giusto per educare i figli Il ruolo di guida spetta ai genitori ( responsabilità dell'alimentazione dei figli) I bambini sono competenti dal punto di vista alimentare, ma il ruolo guida spetta comunque ai genitori Il bambino che trova posto sul seggiolone deve cominciare a tenere conto della collettività!

9 Un buon cibo è quello che contiene gioia, piacere, bellezza, qualità Si può fare insieme al bambino esperienza del buon cibo ( odorare, gustare, guardare...) E ancora si può, mentre si fa la spesa coinvolgerli e spiegare loro le ragioni di quell'acquisto Preparare, manipolare il cibo insieme a loro ( tempo in cucina)

10 E il galateo? Non esiste, da un punto di vista pedagogico, un galateo particolare a tavola, ma un progetto educativo dei genitori che comprende anche il momento del pasto ( es. si sta insieme per il piacere di stare insieme e non semplicemente perchè è buona norma!)

11 E i conflitti a tavola? Per un genitore è frustrante vedere il figlio che non mangia il cibo che gli abbiamo preparato ed è da qui che si genera il conflitto ma i conflitti con i figli riguardo all'alimentazione costituiscono un'occasione unica di maturazione e di crescita per la famiglia

12 Frasi da non usare questione di buone prassi nella comunicazione

13 Bambini schizzinosi E' bene ricordarsi che i bambini hanno papille gustative decisamente molto sensibili e sono in grado di individuare il retrogusto molto più degli adulti, per cui il bambino è per definizione più schizzinoso !!!

14 tuttavia Si possono generare buone abitudini alimentari ricordando che il ruolo guida è sempre dei genitori! Si può dire ad un figlio:senti Paolo, sono due mesi che mangi solo cotolette di pollo. Ci fa piacere che tu mangi qualcosa che ti piace, ma così pensiamo che non vada bene. Da domani devi mangiare quello che mangiamo noi. Probabilmente non sarai contento, ma è così!

15 Non esistono regole e prescrizioni universali; in ogni famiglia è bene trovare la soluzione più adatta a quel contesto

16 L'importante è tenere conto che i disturbi alimentari riguardano il rapporto del bambino con se stesso, con i familiari e con la vita e MAI il rapporto con il cibo

17 Alcuni suggerimenti se il bambino mangia poco.... Non ha senso costringere il bambino a mangiare, lo farebbe solo per far contenti i genitori, evitando, però l'espressione del conflitto ( quadro nevrotico) Coinvolgere la rete d rapporti Chiedersi quando è comparso il fenomeno Analizzare in modo critico l'atteggiamento nei confronti dell'alimentazione Trascorrere tempo con il bambino osservandone altri ambiti di vita

18 Vedere se all'asilo o a scuola mangia Se il problema perdura è comunque possibile richiedere il parere di uno specialista

19 Per quali motivi ? Il cibo-latte inizia ad esistere per il bambino come oggetto affettivo o meglio uno dei termini privilegiati del suo primitivo linguaggio con la madre e successivamente con l'intero contesto familiare

20 Il cibo può dunque diventare il simbolo privilegiato della relazione affettiva e l'atto nutritivo metafora dello scambio d'amore

21 Possiamo dire che La relazione nasce insieme all'alimentazione !

22 E' importante ricordare che..... La relazione affettiva DEVE evolversi : la mamma offre qualcosa di buono anche senza cibo......segue

23 ......in questo modo il bambino ricava affetti e pensieri che lo aiutano a sopportare l'assenza materna

24 Quando il conflitto può finire nel piatto! In periodi di difficoltà di crescita ( separazioni, distacchi, cambiamenti) Quando i genitori sono troppo iperprotettivi ed agiscono in funzione evitante il conflitto stesso non permettendo l'esprimersi di quei sentimenti di oppositività che regolano ogni relazione In presenza di bruschi cambiamenti nella vita affettiva e relazionale Quando le aspettative dei genitori sono troppo elevate

25 E' importante sapere che un mutamento nella modalità di nutrirsi porta spesso con sé una comunicazione, un messaggio che non va trascurato

26 Cosa fare? Non soffermarsi solamente sul sintomo cibo Porsi in ascolto di ciò che attraverso il cibo viene comunicato Trasformare il disagio comunicato attraverso il cibo in dialogo e narrazione


Scaricare ppt "Bambini inappetenti, genitori in ansia! Come aiutare i bambini ad instaurare un buon rapporto con il cibo Dott.ssa Claudia Mazzoni."

Presentazioni simili


Annunci Google