La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE DA SANGUE CORDONALE Venezia 11 febbraio 2012 Prof.ssa C. Messina PDCBB Azienda Ospedaliera di Padova Clinica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE DA SANGUE CORDONALE Venezia 11 febbraio 2012 Prof.ssa C. Messina PDCBB Azienda Ospedaliera di Padova Clinica."— Transcript della presentazione:

1 IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE DA SANGUE CORDONALE Venezia 11 febbraio 2012 Prof.ssa C. Messina PDCBB Azienda Ospedaliera di Padova Clinica di Oncoematologia Pediatrica Università degli Studi di Padova

2 DEFINIZIONE PROCEDURA COMPLESSA SALVA VITA CHE COMPORTA LERADICAZIONE COMPLETA DELL EMOPOIESI DEL PAZIENTE CON CHEMIO/RADIOTERAPIA A DOSI SOVRAMASSIMALI ED IL SUCCESSIVO RIPRISTINO DELLE NORMALI FUNZIONI MIDOLLARI CON LINFUSIONE DI CELLULE STAMINALI

3 FONTI DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE MIDOLLO OSSEO SANGUE PERIFERICO SANGUE DI CORDONE OMBELICALE

4 TIPI DI TRAPIANTO AUTOLOGO ALLOGENICO APLOIDENTICO FRATELLO DONATORE ALTERNATIVO PAZIENTE GENITORE

5 Quali malattie? PATOLOGIE MALIGNE LEUCEMIE Leucemie (linfatica acuta; mieloide acuta o cronica) Sindromi mielodisplastiche Mielofibrosi acuta DISTURBI LINFOPROLIFERATIVI Linfomi (Hodgkin o non-Hodgkin) Mieloma multiplo LLC TUMORI SOLIDI Neuroblastoma Carcinoma bronchiale Carcinoma mammario Melanoma Tumori cerebrali Osteosarcoma Sarcomi parti molli Teratomi Altri PATOLOGIE NON MALIGNE SINDROMI DA INSUFF. MIDOLLARE Aplasia midollare Sindromi mielodisplastiche Mielofibrosi acuta STATI DI IMMUNODEFICIENZA Immunodeficienze congenite Sdr Wiskott-Aldrich DISTURBI EMATOLOGICI Talassemia maior Anemia falciforme Neutropenia congenita Gravi disturbi piastrinici congeniti DISTURBI GENETICI NON EMATOLOG Osteopetrosi Mucopolisaccaridosi Leucodistrofie Altre patologie metaboliche rare MALATTIE AUTOIMMUNITARIE

6

7 Attività UO TCSE PADOVA

8

9 TRAPIANTO AUTOLOGO LE CELLULE STAMINALI SONO DEL PAZIENTE VANTAGGI SVANTAGGI -Assenza di ricerca in banche o registri (tempi più brevi) -Assenza di malattia del trapianto contro lospite (GVHD) -Ridotta mortalità correlata al trapianto -Rapida ricostituzione emopoietica -Assenza di una reazione contro la leucemia o il tumore -Possibile contaminazione di cellule maligne (ricaduta)

10 HLA - CARTA DI IDENTITA CELLULARE CHE PERMETTE IL RICONOSCIMENTO RECIPROCO DELLE CELLULE DI UN INDIVIDUO -SELF-NON SELF 25% donatore familiare e per i restanti pazienti? e per i restanti pazienti? Ricerca di un donatore nei Registri di donatori adulti e nelle Banche di SCO TRAPIANTO ALLOGENICO LE CELLULE SONO DI UN DONATORE

11 Non contaminazione tumorale Reazione contro la leucemia o il tumore VANTAGGI SVANTAGGI TRAPIANTO ALLOGENICO Rigetto Reazione del trapianto contro lospite (GVHD) Mortalità correlata al trapianto Eventuale ricerca in banche e registri (italiani/internazionali)

12 Tempi medi di ricerca - fratello - fratello1-2 settimane - cordone - cordone3-4 settimane - donatore non familiare - donatore non familiare 3-6 mesi

13 Trapianto di cellule staminali da midollo o da cordone: quali criteri per la scelta?

14 Confronto fra trapianto di staminali cordonali e midollari Vantaggi: Pronta disponibilità Non ripensamento/non idoneità del donatore Problemi psicologici del donatore GVHD acuta e cronica Possibilità utilizzare CB con HLA (max 1-2 Ag) trasmissione virale Svantaggi: probabilità attecchimento Ritardata ricostituzione emopoietica Mancato trasferimento di cellule memoria

15 Fattori che influenzano la scelta della sorgente di cellule staminali emopoietiche La malattia da trapiantare Il numero di cellule disponibili dellunità di sangue placentare La compatibilità tra donatore e ricevente Le evidenze scientifiche

16 Hematopoietic reconstitution in a patient with Fanconis anemia by means of umbilical-cord blood from an HLA-identical sibling. Gluckman E, Broxmeyer HA, Auerbach AD, Friedman HS, Douglas, GW, Devergie A, Esporou H, Thierry D, Socie G, Lehn P et al, N Engl J Med Oct 26; 321(17): Primo trapianto da sangue di cordone ombelicale per un paziente con Anemia di Fanconi

17 Trapianti da sangue cordonale nel Mondo

18

19

20

21

22 Long-term follow-up and factors influencing outcomes after related HLA-identical cord blood transplantation for patients with malignancies. An analysis on behalf of Eurocord-EBMT Herr AL, Kabbara N, Bonfirm C, Teira P, Locatelli F, Messina C, et al. BLOOD 2010.

23 Risultati del trapianto solidale

24 ALL: outcomes of UCB on behalf of EUROCORD, ALWP and PDWP of the EBMT 36 th Annual Meeting of the European Group for Blood and Marrow Transplantation Vienna, Austria - 23th March, 2010 CR1: 62±3% CR2: 50±3% Advanced: 10±3%

25 LFS UCBT versus BMT in ALL Adjusted Probability, % Months CB 2-Ag MM (n=267) 33% CB matched (n=35) 60% BM matched (n=116) 38% CB 1-AG MM (n=157) 45%

26 1.0 Months p< Overall survival Bone Marrow Failure Syndromes (n=108) Metabolic Disorders (n=65) Primary Immunodeficiencies (n=95) UCBT in non-malignant disorders (n=268) (n=268)

27 p< Months Overall survival 2 and 3 HLA diff and cell dose < 3.5 (n=30) 0 and 1 HLA diff and cell dose < 3.5 (n=28) 2 and 3 HLA diff and cell dose >= 3.5 (n=62) 0 and 1 HLA diff and cell dose >= 3.5 (n=117) UCBT in non-malignant disorders (n=268) (n=268)

28 LFS: UCBT versus UBMT in adults with AL years 35 % ± 2 32 % ± 6 P (log rank)= 0.09 UBMT n=584 UCBT n=98

29 PDCBB Az. Osp. di Padova LORO ringraziano Finalità della donazione

30 Grazie! Thanks! Merci! Gracias! Danke! Shukra!

31 1 adulto su 1000 è un bambino guarito da tumore

32 La solidarietà è vita Grazie


Scaricare ppt "IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE DA SANGUE CORDONALE Venezia 11 febbraio 2012 Prof.ssa C. Messina PDCBB Azienda Ospedaliera di Padova Clinica."

Presentazioni simili


Annunci Google