La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - - C.T.O. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - Firenze - C.T.O. Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - - C.T.O. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - Firenze - C.T.O. Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore:"— Transcript della presentazione:

1 Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - - C.T.O. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - Firenze - C.T.O. Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore: Dr.P.Pasquetti Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - - C.T.O. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - Firenze - C.T.O. Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore: Dr.P.Pasquetti * Patologia della cuffia dei rotatori: Medicina fisica e riabilitazione Medicina fisica e riabilitazione 2007

2 è - PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE-T.conservativa- Esercizio terapeutico Economia articolare Terapia fisica massoterapia Farmacologia per via generale/locale. …………….. Riabilitazione algie spalla (chirurgia casi selezionati)

3 Dolore di spalla Incidenza da 10 a 20 casi per 1000 abitanti allanno Sesta-settima decade Sesso femminile Lavori pesanti Sport overhead

4 Tendinopatia della cuffia anatomia

5 Tendinopatia della cuffia definizione Alterazioni patologiche dei tendini della cuffia

6 Tendinopatia della cuffia Progressivo assottigliamento e indebolimento con età

7 Tendinopatia della cuffia - problema frequente - acuto o cronico - molti trattati conservativamente -alcuni necessitano della chirurgia

8 Tendinopatia della cuffia cause Traumatiche Degenerative

9 Storia Acuto (traumatico) Acuto (traumatico) Cronico (insidioso) Cronico (insidioso)

10 Patogenesi Eziologia MULTIFATTORIALE Fattori INTRINSECI Fattori ESTRINSECI Fattori ESTRINSECI

11 Patogenesi Fattori INTRINSECI Danno tendineo che origina allinterno del tendine (deficit proprietà meccaniche, sovraccarico, degenerazione-età)

12 Patogenesi Fattori ESTRINSECI Sono le cosiddette lesioni da impingement

13 Tendinopatia della cuffia forme Tendinite Lesione parziale Lesione completa

14 Tendinopatia della cuffia Lesione parziale

15 Sintomi Dolore Sonno Sonno Debolezza Debolezza Rigidità Rigidità

16 Diagnosi Anamnesi accurata Anamnesi accurata Esame obiettivo Esame obiettivo Imaging Imaging

17 Anamnesi Durata della sintomatologia Durata della sintomatologia Storia di trauma Storia di trauma Caratteristiche del dolore Caratteristiche del dolore Patologie concomitanti Patologie concomitanti Terapie effettuate Terapie effettuate

18 Esame obiettivo Perdita di ROM, atrofia muscolare, deficit di forza, scrosci articolari, dolore, test di impingement, test di tendinopatia

19 Asymmetrical range

20 Asymmetrical Range Asymmetrical Range

21 Pain at the extreme

22 Flexion

23 External Rotation

24 Internal rotation

25 Ipotrofia

26 Debolezza

27 Dolore

28 Test di impingement Test di Neer Test di Neer Test di Hawkins Test di Hawkins

29 Test di tendinopatia Test di Jobe Test di Jobe Test della caduta Test della caduta Lift-off test Lift-off test Test di resistenza alla rotazione esterna Test di resistenza alla rotazione esterna Test di Speed (pulm-up) Test di Speed (pulm-up) Test di Yegarson Test di Yegarson

30 Diagnosi differenziale Artrosi (acromionclavicolare, glenomerale) Artrosi (acromionclavicolare, glenomerale) Spalla congelata Spalla congelata Cervicobrachialgia Cervicobrachialgia Lesioni nervose Lesioni nervose Fratture Fratture

31 Imaging RX: rimaneggiamento osseo della grande tuberosità, osteofita acromiale, risalita della testa omerale

32 Rimaneggiamento osseo della grande tuberosità, osteofità acromiale

33 Risalita della testa omerale

34 Imaging Ecografia Risonanza magnetica Artrografia

35 Artrografia Acromion Humeral Head

36 Il danno funzionale sequenziale interessa: mobilità, forza, stabilità mobilità, forza, stabilità tre aspetti che possono essere trattati efficacemente con una terapia riabilitativa personalizzata

37 Trattamento Conservativo Conservativo Chirurgico Chirurgico

38 Indicazioni Generali Trattamento conservativo Età avanzata Età avanzata Buona risposta a F.K.T. Buona risposta a F.K.T. Lesione parziale Lesione parziale aspettative funzionali del paziente aspettative funzionali del paziente comorbilià importanti comorbilià importanti Trattamento chirurgico Età non avanzata lesione a tutto spessore disturbi persistenti dopo mesi di FKT sportivo

39 Programma esercizio terapeutico esercizi di mobilizzazione precoce esercizi di mobilizzazione precoce esercizi stretching (special modo cuffia e capsula posteriore) esercizi stretching (special modo cuffia e capsula posteriore) esercizi potenziamento(m.stabilizzatori) esercizi potenziamento(m.stabilizzatori) esercizi a catena cinetica chiusa (anche su piani instabili) esercizi a catena cinetica chiusa (anche su piani instabili) esercizi pliometrici (ciclo veloce/intenso allungamento ed accorciamento) esercizi pliometrici (ciclo veloce/intenso allungamento ed accorciamento) esercizi propiocettivi (training vie sensitive afferenti) esercizi propiocettivi (training vie sensitive afferenti) esercizi di controllo neuro muscolare (risveglio coordinazione ed automatismi, in special modo per articolazione scapolo toracica) esercizi di controllo neuro muscolare (risveglio coordinazione ed automatismi, in special modo per articolazione scapolo toracica)PERSONALIZZAZIONE

40 Trattamento conservativo Obiettivi controllo dolore recupero completa escursione articolare potenziamento muscoli periscapolari e della cuffia ripristino sinergie muscolari con conseguente reintegrazione del ritmo scapolo-toracico e scapolo-omerale ripresa delle usuali attività quotidiane (lavoro,sport…) nel più breve tempo possibile

41 Trattamento conservativo Riposo Recupero ROM FANS Iniezioni locoregionali corticosteroidi Educazione FKT passiva poi attiva Progressivo ritorno allattività

42 Trattamento conservativo ROM Progressivo

43 Trattamento conservativo Flexion

44 Trattamento conservativo Forward lean

45 Trattamento conservativo Cross-body

46 Trattamento conservativo Rotazione esterna

47 Trattamento conservativo Rotazione interna

48 Trattamento conservativo Potenziamento muscoli agonisti

49 Trattamento conservativo esercizi di potenziamento

50 Outcome Nella maggior parte dei casi risoluzione con un appropriato trattamento conservativo

51 Trattamento chirurgico Persistenza dolore Persistenza dolore Persistenza limitazione articolare Persistenza limitazione articolare Perdita autonomia ADL Perdita autonomia ADL FALLIMENTO FKT

52 Trattamento chirurgico Artroscopia Artroscopia Tecnica mini-open Tecnica mini-open Tecnica a cielo aperto Tecnica a cielo aperto

53 Riabilitazione post-chirurgia obiettivo della riparazione chirurgica è la ricostruzione stabile del tendine sullosso che deve persistere fino alleffettiva riparazione biologica; quindi la protezione del tendine da carichi eccessivi è il fattore più importante nelle fasi riabilitative iniziali post chirurgiche

54 Riabilitazione post-chirurgia 6-8 settimane per la completa cicatrizzazione del tendine sullosso solo dopo movimento attivo controresistenza della spalla, senza mettere a repentaglio il successo della ricostruzione della cuffia

55 Tendinite calcifica

56 - Inizio insidioso …Dolore! - Tentare un approccio conservativo - Può essere necessario la rimozione e/o la decompressione se persiste la sintomatologia

57 Uso di CPM (mobilizzazione passiva continua) dopo chirurgia

58 Esercizi isometrici

59 Idrochinesiterapia minore sollecitazione sui tessuti (infiammati o ricostruiti) minore sollecitazione sui tessuti (infiammati o ricostruiti) riduzione ponderale del braccio fino ad un ottavo del suo peso a 90° di abduzione o di anteroposizione riduzione ponderale del braccio fino ad un ottavo del suo peso a 90° di abduzione o di anteroposizione recupero più rapido del movimento attivo, in ambiente protetto con ripristino più rapido dei normali schemi motori. recupero più rapido del movimento attivo, in ambiente protetto con ripristino più rapido dei normali schemi motori.

60 Esercizi di mobilizzazione sul piano scapolare (anche in acqua)

61 Esercizi di rinforzo muscolare

62

63 Il nostro protocollo II Fase (dalla IV alla VIII settimana):esercizi di rinforzo degli stabilizzatori della scapola

64 Esercizi di rinforzo muscoli periscapolari

65 Il nostro protocollo II Fase (dalla IV alla VIII settimana):esercizi di rinforzo dei muscoli della cuffia dei rotatori

66 Esercizi pliometrici

67


Scaricare ppt "Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - - C.T.O. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi - Firenze - C.T.O. Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore:"

Presentazioni simili


Annunci Google