La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Seminario: L Infermiere Case Manager Bologna 19 Settembre 2007 Il ruolo e le funzioni dellinfermiere case manager nel reparto di nefrologia e ipertensione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Seminario: L Infermiere Case Manager Bologna 19 Settembre 2007 Il ruolo e le funzioni dellinfermiere case manager nel reparto di nefrologia e ipertensione."— Transcript della presentazione:

1 Seminario: L Infermiere Case Manager Bologna 19 Settembre 2007 Il ruolo e le funzioni dellinfermiere case manager nel reparto di nefrologia e ipertensione Domenica Gazineo Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi

2 U.O. NEFROLOGIA E DIALISI Dott. A. Santoro AMBULATORIO DIVISIONALE AMBULATORIO DIVISIONALE DIALISI PERITONEALE DIALISI PERITONEALE EMODIALISI EMODIALISI DIALISI ACUTI DIALISI ACUTI DEGENZA DEGENZA

3 DEGENZA Struttura: Struttura: 3 camere da 4 posti letto 2 camere da 2 posti letto 1 camera da 2 posti letto monitorati (subintensiva) 2 camere da 1 posto letto (estendibili a 2 in caso di necessità) Personale Infermieristico e di supporto: Personale Infermieristico e di supporto: 5 I.P. ed 1 Oss il mattino 3 I.P. ed 1 Oss il pomeriggio 2 I.P. la notte

4 OBIETTIVI DELLA U.O. NEFROLOGICA DIAGNOSICURA TERAPIA SOSTITUTIVA

5 CAMERA LETTI MONITORATI 2 Posti letto elettronici a bilancia 2 Monitor 2 Attacchi a muro per ossigeno ed aspirazione 1 Carrello 2 Prismaflex 1 CPAP

6 Terapie Intensive post-cardiochirurgiche Rianimazione Adulti Trapianto OLT-intensivo Post-operatorio Pronto Soccorso Rianimazione Pediatrica Terapie Intensive di altri Ospedali Centri Trapianti Cardiologia e Cardio- chirurgia I PAZIENTI DEI LETTI MONITORATI Letti monitorati

7 CRITICITA PAZIENTI MONITORATI Paziente in insufficienza renale acuta Paziente in insufficienza renale acuta Paziente in insufficienza renale cronica riacutizzata Paziente in insufficienza renale cronica riacutizzata Paziente con patologia multi-organo Paziente con patologia multi-organo Paziente post-intervento chirurgico in insufficienza renale acuta Paziente post-intervento chirurgico in insufficienza renale acuta

8 Supporti terapeutici Respirazione assistita (cPAP) Respirazione assistita (cPAP) Procedure dialitiche Procedure dialitiche Supporto farmacologico emodinamico Supporto farmacologico emodinamico Terapie nutrizionali endovenose ed enterali Terapie nutrizionali endovenose ed enterali Infusioni continue polifarmacologiche Infusioni continue polifarmacologiche Posizionamento cateteri ev.centrali Posizionamento cateteri ev.centrali Biopsie renali Biopsie renali

9 TECNICHE EMODIALITICHE CONTINUE PRISMA SCUF: Ultrafiltrazione Continua SCUF: Ultrafiltrazione Continua CVVHD: Emodialisi Continua CVVHD: Emodialisi Continua CVVHF: Emofiltrazione Continua CVVHF: Emofiltrazione Continua CVVHDF: Emodiafiltrazione Continua CVVHDF: Emodiafiltrazione Continua

10 LINFERMIERE DI NEFROLOGIA Formazione ampia e continua Formazione ampia e continua Preparazione tecnica specifica Preparazione tecnica specifica Coinvolgimento assistenziale ed umano Coinvolgimento assistenziale ed umano

11 FORMAZIONE DEL PERSONALE INFERMIERISTICO Corso formativo con crediti ECM Corso formativo con crediti ECM Corso pratico e teorico sulle apparecchiature Corso pratico e teorico sulle apparecchiature Tutoraggio ai neoassunti e/o ai colleghi Tutoraggio ai neoassunti e/o ai colleghi

12 LINFERMIERE CASE MANAGER Progetto: integrazione assistenziale tra ciò che è stato progettato e ciò che si è realizzato Progetto: integrazione assistenziale tra ciò che è stato progettato e ciò che si è realizzato Coordinamento dellassistenza inteso come modalità di condivisione del progetto Coordinamento dellassistenza inteso come modalità di condivisione del progetto Continuità assistenziale intesa come estensione del progetto assistenziale Continuità assistenziale intesa come estensione del progetto assistenziale

13 RUOLI DEL CASE MANAGER Ruolo clinico Ruolo clinico Ruolo finanziario ICM Ruolo manageriale Ruolo manageriale

14 Per le U.O. di destinazione del paziente Per il paziente Per medici e colleghi dellemodialisi Per i consulenti Per i famigliari Per le U.O. di provenienza del paziente ICM Professionista di riferimento Per i colleghi Per i medici di reparto IL PROGETTO

15 BRIEFING Quotidianamente ICMICM Medico referente letti monitoratiMedico referente letti monitorati

16 BRIEFING Settimanalmente DirettoreDirettore Capo reparto Medici e Medici specializzandiCapo reparto Medici e Medici specializzandi Capo salaCapo sala Infermiere referente di settoreInfermiere referente di settore Altri infermieri interessati al caso clinicoAltri infermieri interessati al caso clinico ICMICM

17 EVOLUZIONE DEL RUOLO ICM Identifica e favorisce i bisogni di crescita del gruppo Identifica e favorisce i bisogni di crescita del gruppo Si attiva per impostare momenti formativi Si attiva per impostare momenti formativi Favorisce la diffusione e lutilizzo della documentazione clinica: Favorisce la diffusione e lutilizzo della documentazione clinica: - Cartella infermieristica - Diagnosi infermieristica - Diagnosi infermieristica - Diario strutturato - Diario strutturato Individua lutilizzo appropriato delle risorse Individua lutilizzo appropriato delle risorse Elemento di raccordo con il settore di emodialisi e dialisi peritoneale Elemento di raccordo con il settore di emodialisi e dialisi peritoneale

18 EVOLUZIONE DEL RUOLO ICM Favorisce linformazione sul percorso dietetico e terapeutico Favorisce linformazione sul percorso dietetico e terapeutico Facilita il trasferimento del paziente in altra unità operativa Facilita il trasferimento del paziente in altra unità operativa Agevola la dimissione del paziente e se necessario attiva lassistente sociale ed i presidi necessari Agevola la dimissione del paziente e se necessario attiva lassistente sociale ed i presidi necessari

19 CONCLUSIONI ICM vuole essere una figura di riferimento e di raccordo tra personale medico e infermieristico ICM vuole essere una figura di riferimento e di raccordo tra personale medico e infermieristico Favorisce un percorso assistenziale con un approccio più personalizzato sulle necessità del singolo paziente. Favorisce un percorso assistenziale con un approccio più personalizzato sulle necessità del singolo paziente. Sarà da valutare, sulla base delle prime esperienze, lestensione dellutilizzo di questa figura professionale nelle Unità Operative specialistiche, creando figure ad hoc in grado di rispondere alle esigenze di ogni singola realtà. Sarà da valutare, sulla base delle prime esperienze, lestensione dellutilizzo di questa figura professionale nelle Unità Operative specialistiche, creando figure ad hoc in grado di rispondere alle esigenze di ogni singola realtà.


Scaricare ppt "Seminario: L Infermiere Case Manager Bologna 19 Settembre 2007 Il ruolo e le funzioni dellinfermiere case manager nel reparto di nefrologia e ipertensione."

Presentazioni simili


Annunci Google