La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DECADENTISMO. Il termine indica una intera corrente culturale, somma di manifestazioni anche tra loro differenti che però hanno in comune visione del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DECADENTISMO. Il termine indica una intera corrente culturale, somma di manifestazioni anche tra loro differenti che però hanno in comune visione del."— Transcript della presentazione:

1 DECADENTISMO

2 Il termine indica una intera corrente culturale, somma di manifestazioni anche tra loro differenti che però hanno in comune visione del mondo strumenti di conoscenza

3 Visione del mondo Rifiuto del positivismo; la ragione e la scienza non possono dare una vera conoscenza del reale perché lessenza di esso è al di là delle cose, misteriosa ed enigmatica. Tutti gli aspetti del reale sono legati tra loro da analogie e corrispondenze che sfuggono alla ragione Lunione tra io e mondo si verifica solo sul piano dellinconscio IIRRAZIONALISMO MISTICHEGGIANTE

4 La percezione della crisi produce una nuova concezione della vita e delluomo Malattia, follia, inettitudine, estetismo sono stati abnormi della coscienza, irrazionali, privilegiati, che aprono a prospettive ignote, e permettono di vedere, anche confusamente, il mistero che è al di là delle cose. diventano

5 STRUMENTI DI CONOSCENZA la ragione non produce conoscenza Sregolatezza, poeta veggente EPIFANIE: un particolare insignificante si carica improvvisamente di significati, come rivelazione dellassoluto

6 Ogni forma visibile è simbolo di qualcosa di più profondo, si collega con infinite altre realtà in una rete segreta di corrispondenze che si coglie solo a livello di percezione. Si crea una unità tra io e mondo, soggetto e oggetto, in arcana unità che avviene sul piano dellInconscio

7 Lartista, il poeta, è colui che può cogliere questa arcana unità. Se la poesia è veicolo di una rivelazione del mistero, la parola poetica non è più uno strumento di comunicazione logica, ma agisce in una zona profonda e oscura, assume valore suggestivo ed evocativo (Pascoli, DAnnunzio)

8 culto dellarte, capace di rivelare lassoluto, di vedere oltre le capacità delluomo comune Estetismo: fenomeno per cui il valore assoluto non è il bene ma il bello, che si colloca al di là della morale comune Larte non rappresenta la realtà, ma celebra se stessa: ARTE PURA

9 La percezione della crisi provoca tre atteggiamenti fondamentali: Estraneità Malattia Sconfitta

10 1. Lestraneità dellintellettuale Lartista si pone al di là della morale comune in una sfera di assoluta eccezionalità rispetto agli uomini mediocri Arte è vita – vita è arte

11 Il vagheggiamento del lusso raro e prezioso e della lussuria conduce spesso ad un gusto per la più sottile perversione e per le crudeltà più efferate. Estetismo: culto del bello Vitalismo: esaltazione della pienezza vitale senza freni, celebrazione della forza ferina che si impone sui deboli e può rigenerare un mondo esausto (superuomo dannunziano)

12 O. Wilde Ritratto di Dorian Gray: è lesteta che vuole trasformare la sua vita in opera darte; alle leggi morali sostituisce le leggi del bello

13 J. K. Huysmans A rebours: Des Esseintes cerca la solitudine come soluzione favorevole per godere della bellezza della vita. Lestraneità è vissuta fino alla malattia. Il presente è brutto, la bellezza è nel passato.

14 G. DAnnunzio Il piacere: rifiuto aristocratico della normalità, in polemica con la moralità borghese

15 2. La malattia È spesso argomento dellarte perché estranea alla vita comune, segno di nobiltà, elemento di distinzione sprezzante verso le masse. È anche metafora della condizione storica, segno di una crisi profonda. Di smarrimento dlle certezze e di angoscia per il crollo di tutto un mondo.

16 La malattia e l corruzione affascinano perché sono immagini della morte, spesso tema dominante e ossessivo che porta con sé una voluttà morbosa di annientamento, unattrazione irresistibile per il nulla.

17 T. Mann Morte a Venezia: alla malattia umana si associa la malattia delle cose, il gusto decadente ama ciò che è corrotto e impuro. Venezia: sfacelo e raffinatezza, putredine e bellezza aristocratica, esercita un fascino inquietante

18 3. Il senso della sconfitta Prende forma in personaggi esclusi dalla vita, cui non sanno partecipare per mancanza di energie vitali, per una sottile malattia che corrode la loro volontà Pirandello, Svevo e gli inetti a vivere

19 F. Kafka La metamorfosi: la trasformazione in un insetto ripugnante è simbolo di una realtà più ampia Solitudine, essenza delluomo novecentesco Angoscia Impossibilità di comunicare Esilio (la chiusura in una stanza è esilio dalla società, dalla famiglia) Sconfitta Insetto parassita: critica ad una società parassitaria, metafora della società nella sua sporcizia morale e fisica

20 A. Camus Letranger: luomo vive nella sua terra da straniero, esiliato, staccato da tutto è incapace di trovare qualcosa che lo leghi alla realtà. Lindifferenza è il non senso della vita, il protagonista non cerca la felicità ma si lascia vivere

21 Gli opposti coesistono Estetismo e vitalismo in realtà servono ad esorcizzare lattrazione per la morte, a sconfiggere il senso di stanchezza e di decadenza Il tema della sconfitta e della malattia è presente anche nella figura dellesteta

22 Il linguaggio Se la poesia è rivelazione del mistero e dellassoluto, la parola non può essere strumento di comunicazione logica, ma assume un valore evocativo Diviene però oscura, è rivolta a pochi iniziati: carattere aristocratico reazione alla cultura di massa (v. romanzi dappendice) frattura artista - pubblico

23 Le tecniche espressive Musicalità (attenzione al valore fonico della parola) Sintassi vaga e imprecisa Analogia, utilizzata non come tropo ma come espressione di una visione del mondo, istituisce legami impensati tra realtà lontanissime Sinestesia Fusione tra le arti

24 I temi Ammirazione per le epoche di decadenza Perversione e crudeltà Sensibilità nevrastenica Malattia Morte Vitalismo, che esorcizza la morte Rifiuto della normalità borghese

25 I protagonisti Lartista maledetto Lesteta Linetto a vivere La donna fatale

26 Decadentismo e Romanticismo Il Decadentismo accentua motivi già presenti nel Romanticismo: Irrazionalismo Fuga dalla realtà verso un altrove fantastico e ideale Sconvolgimento delle forme tradizionali Mancanza di un ruolo per lintellettuale

27 ROMANTICISMO: ribellione eroica; vaste costruzioni concettuali; impegno DECADENTISMO: stanchezza, malattia, debolezza; frammento; rifiuto dellimpegno, poesia pura MA

28 È contemporaneo a Naturalismo e Verismo 1881: Malavoglia (Verga) – Malombra (Fogazzaro) 1889: Mastro don Gesualdo (Verga) – Il piacere (DAnnunzio) 1891: Profumo (Capuana) – Myricae (Pascoli) 1894: I Vicerè (De Roberto) – Il trionfo della morte (DAnnunzio)

29 Sono espressione di gruppi di intellettuali diversi: scrittori naturalisti e veristi integrati nellordine borghese, o comunque non in alternativa radicale Scrittori decadenti che rifiutano radicalmente lordine esistente (è lo stesso scontro tra razionalismo e irrazionalismo già presente tra Illuminismo e Romanticismo)

30 Spesso anche le tendenze si mescolano: In Zola si rintracciano il vitalismo panico e le atmosfere malate e perverse (V. la Curée) Huysmans esordisce come seguace di Zola DAnnunzio stende bozzetti regionalistici (v. Terra vergine)


Scaricare ppt "DECADENTISMO. Il termine indica una intera corrente culturale, somma di manifestazioni anche tra loro differenti che però hanno in comune visione del."

Presentazioni simili


Annunci Google