La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FERITE LE FERITE, SONO LESIONI DI CONTINUO DELLE STRUTTURE MOLLI DEL CORPO, CUTE E MUCOSE, PROVOCATE DA UN AGENTE LESIVO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FERITE LE FERITE, SONO LESIONI DI CONTINUO DELLE STRUTTURE MOLLI DEL CORPO, CUTE E MUCOSE, PROVOCATE DA UN AGENTE LESIVO."— Transcript della presentazione:

1 FERITE LE FERITE, SONO LESIONI DI CONTINUO DELLE STRUTTURE MOLLI DEL CORPO, CUTE E MUCOSE, PROVOCATE DA UN AGENTE LESIVO.

2 Classificazione delle ferite Ferite pulite Ferite pulite Ferite pulite contaminate Ferite pulite contaminate Ferite contaminate Ferite contaminate Ferite infette Ferite infette

3 Tipi di Ferite ABRASIONI ED ESCORIAZIONI DA TAGLIO DA PUNTA PUNTA E TAGLIO LACERE CONTUSE LACERO-CONTUSE DA ARMA DA FUOCO

4 FERITE DA TAGLIO Prodotte da agenti affilati come coltelli, rasoi o schegge taglienti, premuti e fatti scorrere su un tessuto corporeo. Sono a margini netti e in genere molto sanguinanti, in relazione al tipo, numero e diametro dei vasi lesi. La ferita da taglio classica e quella del bisturi e del coltello. Va incontro a guarigione con ottimi risultati estetici. Difficilmente si infetta.

5 Ferite da punta Sono prodotte da agenti appuntiti come aghi, spine, chiodi, spille, punteruoli, infissi nel tessuto. Presentano un foro di entrata e un tragitto che ne determina la distinzione in superficiali e profonde. Possono essere: trapassanti;: attraversano un segmento. Penetranti: raggiungono le cavita. Transfosse: foro dentrata e uscita. Rapida guarigione Rischio di infezioni e sottovalutazione.

6 Ferite da punta e taglio Prodotte da agenti lesivi che combinano lazione di pressione e quella da strisciamento come pugnali, spade, lance. Sono molto pericolose perche raggiungono piu facilmente gli organi profondi e le grandi cavita.

7 FERITE LACERE SONO DOVUTE AD AZIONE DI TAGLIO, COMBINATE A STRAPPAMENTO E STIRAMENTO. SI PRESENTANO EDEMATOSE, CON VASTE ECCHIMOSI CON AREE NECROTICHE E MARGINI IRREGOLARI. TENDENZA ALLA INFEZIONE. RISULTATO ESTETICO SCADENTE.

8 FERITE CONTUSE DOVUTE AD AGENTI LESIVI SMUSSI IN CUI LA FORZA NON ESUFFICIENTE A PROVOCARE UNA DISCONTINUITA DEI TESSUTI. SI POSSONO DISTINGUERE: ECCHIMOSI: ROTTURA DI VASI SOTTOSTANTI, NON DELLA CUTE ELASTICA. EMATOMA: ROTTURA DI GROSSI VASI. ABRASIONI: MICROROTTURE DI STRATI SUPERFICIALI DELLA EPIDERMIDE. ESCORIAZIONI: LESIONI DEGLI STRATI PROFONDI DELLA CUTE E MODESTE LESIONI VASCOLARI.

9 FERITE LACERO-CONTUSE COMBINA LA NATURA LACERO E LA CONTUSIONE RAPPRESENTANO LE FERITE PIUCOMUNI. PARTICOLARMENTE SOGGETTE A SOVRAINFEZIONI CON RISULTATO ESTETICO PEGGIORE.

10 FERITE DA ARMA DA FUOCO SONO FERITE DOVUTE DALLAZIONE DI PROIETTILI LANCIATI DA: ARMI DA FUOCO: LE FERITE PRESENTANO UN FORO DENTRATA, UN TRAGITTO E A VOLTE UN FORO DUSCITA DI DIAMETRO MAGGIORE; HANNO ANALOGIA CON LE FERITE DA PUNTA; IL DOLORE E SANGUINAMENTO E MODESTO. DA SCHEGGIE DA SCOPPIO DI ORDIGNI: SONO SIMILI A FERITE LACERE-CONTUSE; IN QUESTO CASO I DANNI PER LA NOTEVOLE FORZA DIMPATTO SONO GRAVI.

11 DANNO TESSUTALE E TIPO DI RIPARAZIONE La perdita o il danno tessutale determina la rigenerazione, la riparazione attraverso la cicatrizzazione o una combinazione dei due processi

12 TIPO DI RIPARAZIONE La velocità e la qualità della cicatrizzazione dipendono da: -Quantità di tessuto interessato -Grado di contaminazione La soluzione di continuo può essere secondaria a: -Intervento chirurgico -Traumi accidentali -Esposizione al freddo o al caldo -Contatto con agenti chimici o corpi estranei

13 TIPI DI RIPARAZIONE I tipi di riparazione vengono suddivisi in: -Prima intenzione o primaria: avviene nelle ferite chiuse e con margini ben accostati, come in una incisione cutanea pulita e chiusa con una sutura. -Seconda intenzione: avviene quando i margini della ferita non sono accostati, come nelle ustioni profonde o nelle ferite infette lasciate aperte per la granulazione. -Terza intenzione o primaria ritardata: avviene quando la ferita lasciata aperta per una forte contaminazione viene chiusa dopo alcuni giorni come nellappendicite perforata.

14 FASI DELLA RIPARAZIONE Infiammazione Granulazione Epitelizzazione Fibroplasia Contrazione

15 INFIAMMAZIONE Vasocostrizione Rilascio di prodotti tessutali tromboplastici Innesco cascata fattori della coagulazione Attivazione del complemento Vasodilatazione

16 GRANULAZIONE Divisione e migrazione delle cellule endoteliali che formano un abbondante letto di nuovi capillari (angiogenesei) I fibroblasti proliferano e sintetizzano nuova matrice extracellulare (fibroplasia) Il Tessuto di granulazione è formato da: collagene - macrofagi - fibronectina - fibroblasti - ac. Ialuronico - cell. endoteliali La GRANULAZIONE è importante nelle riparazioni per seconda intenzione

17 EPITELIZZAZIONE Dopo levento lesivo: modificazione della morfologia dei cheratinociti lepidermide si ispessisce le cellule basali migrano verso la ferita I cheratinociti depongono la minina e collagene IV Una volta raggiunta lintegrità epiteliale, le cellule riformano gli emidesmosomi e aderiscono alla nuova membrana basale

18 FIBROPLASIA Risultato: CICATRICE: mancanza di organizzazione tessutale in confronto alla normale architettura circostante Deposizione disorganizzata di collagene La ferita si rimodella lentamente ed impiega alcuni mesi per formare una cicatrice consolidata

19 CONTRAZIONE Movimenti centripeti della cute normale sul sito della ferita CONTRATTURA:processo contrattile che segue la chiusura della ferita. Le cellule responsabili della contrazione sono i miofibroblasti

20 FORMAZIONE DELLA MATRICE E DEL RIMODELLAMENTO Collagene: componente principale della matrice extracellulare, rappresenta il 25% di tutte le proteine del corpo umano. E un componente chiave in tutte le fasi della cicatrizzazione. Lesposizione delle fibre al sangue stimola: -aggregazione e attivazione piastrinica -rilascio di fattori chemiotattici Proteoglicani Glicoproteine di adesione e integrine

21 FATTORI CLINICI CHE INFLUENZANO LA RIPARAZIONE DELLE FERITE -Età -Nutrizione -Diabete mellito e obesità -Corticosteroidi, Ag.chemioterapici e radioterapici -Infezioni -Fumo

22 NUTRIZIONE Deficit proteico con calo ponderale del 15-25% del p.c. Danno alla cicatrizzazione Ipoalbuminemia:rischio di deiscenza Deficitdi Vit. C: arresto della cicatrizzazione durante la fibroplasia (fibroblasti producono poco collagene) Nello scorbuto grave: apertura di vecchie ferite per lisi del collagene. Deficit di Vit. B6: danno allarchitettura del collagene Deficit di oligoelementi: danno alla cicatrizzazione

23 O2 ANEMIA E PERFUSIONE O2 necessario per : -infiammazione -angiogenesi -epitelizzazione -deposito di matrice -Trombosi -Vasocostrizione INFEZIONI -Ipovolemia Elevata tensione di sutura: ISCHEMIA Ht < 15%:Scarsa cicatrizzazione Perfusione:Nutrizione e ossigenazione della ferita,

24 DIABETE E OBESITA Neuropatia Vasculopatia Deficit immunitari Scarsa perfusione Necrosi adipocitaria Disordini metabolici

25 CORTICOSTEROIDI, CHEMIOTERAPICI E RADIOTERAPICI Steroidi: infiammazione epitelizzazione sintesi del collagene Chemioterapici e Radioterapici: Danno nella divisione delle cellule endoteliali, fibroblasti e cheratinociti

26 TERAPIA MEDICA PULIZIA, DETERSIONE, RIMOZIONE DI MATERIALE CONTAMINANTE MA NON DI CORPI ESTRANEI. DA NON FARE: NON LAVARE CON SAPONI, NON TROFINARE, NON VERSARE IL DISINFETTANTE SULLA FERITA, NON VERSARE POLVERI, COTONE IDROFILO E FASCIARLE STRETTE. ANTIDOLORIFICI. ANTIBIOTICOTERAPIA. VACCINAZIONE (ANTITETANICA).

27 TERAPIA CHIRURGICA DELLE FERIE SUTURE LA SUTURA E LA PROCEDURA CHIRURGICA CHE PERMETTE DI AVVICINARE STABILMENTE I LEMBI DELLA FERITA FAVORENDONE LA CICATRIZZAZIONE. ESEGUIRE LEMOSTASI DEI VASI, CHIUDERE BRECCIE SU ORGANI E CAVITA.

28 LE SUTURE CHIRURGICHE FILI FILI DI ORIGINE ANIMALE: CATGUT. FILI DI ORIGINE VEGETALE: SETA, LINO, COTONE. FILI SINTETICI: VAYCRIL, NYLON. FILI METALLICI: CLIPS AGRAFFES SUTURATRICI MECCANICHE

29 FERITE CHIRURGICHE TECNICHE DELLE SUTURE SUTURE CONTINUE. SUTURE INTERROTTE. A TUTTO SPESSORE. A SPESSORE PARZIALE INTROFLETTENTI ESTROFLETTENTI IN OPPOSIZIONE INTRADERMICA. A MATERASSAIO.

30 COMPLICANZE DELLE FERITE DOLORE SANGUINAMENTO INFEZIONI LESIONI DI ORGANI INTERNI PERICOLO DI VITA

31 Complicanze delle ferite: TETANO Malattia infettiva acuta da Clostridium tetani, caratterizzta da convulsioni e spasmi tonici intermittenti dei muscoli volontari; lo spasmo dei masseteri è responsabile del nome di "trisma" (o "serramascelle").

32 Complicanze delle ferite: TETANO Tre forme di tetano: Il tetano locale, è raro e provoca contrazioni esclusivamente dei muscoli vicini alla ferita. È piuttosto benigno ma può, seppur raramente, trasformarsi nella forma estesa a tutto il corpo. Il tetano locale, è raro e provoca contrazioni esclusivamente dei muscoli vicini alla ferita. È piuttosto benigno ma può, seppur raramente, trasformarsi nella forma estesa a tutto il corpo. Il tetano cefalico, vale a dire della testa, che si manifesta quando uninfezione dellorecchio si aggrava per la presenza del clostridio. In questo caso le contrazioni interessano i soli muscoli della faccia. Il tetano cefalico, vale a dire della testa, che si manifesta quando uninfezione dellorecchio si aggrava per la presenza del clostridio. In questo caso le contrazioni interessano i soli muscoli della faccia. La forma più comune è quella diffusa, in cui tutto il corpo è scosso da spasmi. La forma più comune è quella diffusa, in cui tutto il corpo è scosso da spasmi.

33 Complicanze delle ferite: TETANO La prevenzione è larma più efficace che possediamo e si basa su tre fondamenti: Limmunizzazione attiva Limmunizzazione attiva Limmunizzazione passiva Limmunizzazione passiva Il corretto trattamento delle ferite. Il corretto trattamento delle ferite.


Scaricare ppt "FERITE LE FERITE, SONO LESIONI DI CONTINUO DELLE STRUTTURE MOLLI DEL CORPO, CUTE E MUCOSE, PROVOCATE DA UN AGENTE LESIVO."

Presentazioni simili


Annunci Google