La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI."— Transcript della presentazione:

1 linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI

2 il Governatore riconosce il riposizionamento competitivo con i sistemi europei nel rapporto costo lavoro/margine di intermediazione

3 altri interessanti dati: Il costo del lavoro pro-capite a prezzi costanti è sceso da del 1999 a del 2002 con una diminuzione del 2,23% Il costo del lavoro pro-capite a prezzi costanti è sceso da del 1999 a del 2002 con una diminuzione del 2,23%

4 ma, tutto ciò non ha consentito la piena valorizzazione della professionalità del bancario il contratto va quindi perfezionato per: migliorare gli assetti normativi aumentare il valore delle retribuzioni confermare per il sindacato, attraverso relazioni industriali concertative, il ruolo di governo della categoria

5 il rinnovo contrattuale deve: prevedere modifiche indispensabili per superare le contraddizioni emerse nella gestione di questi anni; consolidare il ruolo del sindacato nelle aziende e nei gruppi rafforzando le procedure su formazione continua, avanzamenti professionali, ruoli chiave, sistema valutativo, sistema incentivante; garantire una crescita salariale che salvaguardi il potere reale dacquisto delle retribuzioni e riconosca la parte dei risultati ottenuti dal sistema e non distribuiti adeguatamente dalle aziende; sviluppare un confronto sulla politica sociale e limpegno etico dellimpresa sul territorio e sulla gestione dei flussi finanziari garantiti dalle aziende che operano nel Meridione per lo sviluppo del Sud.

6 Area Contrattuale a garanzia dei livelli occupazionali interventi fondamentali: Contratti complementari Ipotesi di Contratto Complementare per esattoriali Per i Promotori Finanziari Agenti si dovrà ottenere: - il riconoscimento della categoria - un accordo collettivo nazionale - un sistema di previdenza complementare di categoria Per i Promotori Finanziari dipendenti vanno individuate soluzioni mirate alle specificità professionali

7 CCNL e modelli organizzativi il sistema bancario va assestandosi sulla differenziazione della clientela tra mercato privati e mercato imprese con il ritorno al cliente famiglia e più attenzione per la piccola impresa dopo la crisi dei grandi gruppi industriali e la conseguente ricerca di nuove professionalità

8 in ragione della nuova organizzazione del lavoro si riafferma il principio della contrattazione su: Nuovi inquadramenti Percorsi professionali e formativi Sistemi valutativi e incentivanti GESTIONE RISORSE UMANE

9 III^ Area professionale La Formazione dovrà essere: ° continua e certificata ° effettuata attraverso percorsi formativi completi, con un minimo di 50 ore annue pro capite ° garantita anche attraverso periodiche verifiche con il sindacato aziendale per: - il numero dei lavoratori interessati - le modalità di partecipazione

10 Per la valutazione professionale va accentuato il ruolo del sindacato: ° nella scelta di criteri oggettivi e trasparenti ° nella gestione e nella verifica Il Sistema Valutativo e il Sistema Incentivante devono riconoscere : il valore del singolo lavoratore/lavoratrice allinterno del gruppo di lavoro nel rispetto delle pari opportunità fra uomo e donna

11 Il Percorso Professionale dovrà essere concordato e formalizzato al lavoratore/lavoratrice e monitorato annualmente. Esso dovrà basarsi su: ° tempi di maturazione dellinquadramento e del ruolo professionale; ° piano formativo concordato; ° criteri oggettivi del sistema valutativo Va ricercata una giusta corrispondenza fra la Qualità della prestazione e la Rivalutazione della retribuzione

12 ORARI DI LAVORO Lavoro straordinario: ° restano le regole del limite giornaliero, settimanale e del monte ore annuo fino a 100 ore ° il lavoratore/lavoratrice dovrà poter scegliere se usufruire della retribuzione corrispondente o utilizzare la banca delle ore, con la certezza che il quantitativo di ore accantonate (minimo 23) sia utilizzato nellanno di competenza o sommato alle ferie dellanno successivo cessato lo stato di crisi del Settore per le norme contrattuali sugli orari di lavoro, si dovranno ricercare idonei correttivi

13 Riduzione generalizzata: dovrà essere compatibile con le esigenze rivendicative di crescita salariale e con la politica complessiva sugli orari di lavoro del nostro Paese; Turni disagiati: vanno previste riduzioni di orario di lavoro per particolari situazioni di lavoratrici/lavoratori inseriti in turni disagiati o soggetti a particolari condizioni

14 SISTEMA INCENTIVANTE in sede aziendale andranno negoziati criteri e modalità di assegnazione garantendo: I contributi indiretti delle lavoratrici/ lavoratori; I part-time I contratti a tempo determinato I periodi di astensione per: maternità, congedi parentali, assistenza ai familiari; I contributi di lavoratrici/ lavoratori che ricoprono incarichi di rilevanza sociale e sindacale alla luce della rilevante dimensione occorre: un riesame delle norme e maggiore trasparenza

15 PREVIDENZA E ASSISTENZA nei CIA verranno garantite a tutte le lavoratrici/lavoratori previdenza complementare assistenza sanitaria

16 Q uadri D irettivi con il necessario adeguamento delle precedenti norme e nuove modalità di relazione tra OO.SS. e aziende passando dalla odierna trattativa debole a trattativa, andranno garantite: Il riconoscimento delle professionalità espresse; Il giusto riconoscimento delle disponibilità assicurate; Va perseguito inoltre lobiettivo tendenziale della unificazione dei trattamenti normativi ed economici della categoria

17 LIVELLI RETRIBUTIVI in generale : alle professionalità maturate e/o richieste; ai livelli di responsabilità attribuiti; alle prestazioni dovute. va perseguito un adeguamento dei livelli retributivi per meglio rispondere:

18 in particolare : alla necessità di superare attraverso laumento della retribuzione annua, le contraddizioni di alcune norme di raccordo sistemate con incrementi di salario assorbibile (ex 3 milioni lire tra 2° e 3° livello) ; alla esigenza di dare concretezza alle prospettive di crescita professionale ed economica oggi compresse dal CCNL che prevede solo 4 livelli retributivi, attraverso lindividuazione di ulteriori 2 livelli oltre il 4°, introdotti con declaratorie professionali nazionali.

19 PRESTAZIONE LAVORATIVA Contraddizioni Valore della forfetizzazione Difficile gestione di autogestione e certificazione Congruità della prestazione Soluzioni Raddoppio del valore della forfetizzazione = pieno riconoscimento della prestazione richiesta Regole trasparenti e cogenti Autocertificazione mensile Confronto in sede aziendale su interpretazione del concetto di congruità

20 RUOLI CHIAVE individuare Ruoli Chiave professionali definendo per la loro assegnazione parametri oggettivi quali: ° lesercizio di responsabilità funzionali e di gestione; ° lutilizzo della professionalità acquisita nel tempo ° non si esclude la possibilità di individuare Ruoli le cui specificità giustifichino riconoscimenti anche indennitari; verificare periodicamente lintroduzione di nuovi Ruoli Chiave derivanti da operazioni di reengineering aziendale Obiettivo politico prioritario è quello di legare la crescita retributiva allo sviluppo professionale; a tal fine vanno previsti in sede aziendale confronti negoziali per:

21 PERCORSI PROFESSIONALI I Percorsi Professionali, dovranno essere negoziati in sede aziendale ed essere accessibili a tutti nel rispetto delle pari opportunità tra uomini e donne. Il confronto dovrà definire: I contenuti professionali di ciascun ruolo aziendale I percorsi professionali per laccesso a tali ruoli Le cadenze formative pertinenti Il rispetto delle modalità pattuite professionalità maturate – livelli delle responsabilità attribuite – formazione - sono elementi essenziali per lo sviluppo professionale e lavanzamento di livello del Q.D.

22 ed ancora: annualmente verranno monitorati in sede di giudizio professionale: il piano formativo e il percorso professionale concordato e formalizzato i criteri oggettivi e trasparenti del sistema valutativo

23 FORMAZIONE Il sindacato aziendale dovrà: Negoziare gli indirizzi e i contenuti; Negoziare i profili formativi utili allaccesso a ciascuna figura professionale aziendale; Verificare leffettiva fruibilità; Garantire ai lavoratori la possibilità di concordare il piano di crescita formativa e di sviluppo professionale Prevedere la certificazione del percorso formativo la formazione per il Q.D. ha un valore determinante per la prestazione professionale richiesta e per il necessario aggiornamento continuo

24 REPERIBILITA E INTERVENTO In sede aziendale vanno previsti incontri annuali per definire regole certe per i lavoratori che effettuano turni gravosi o nelle giornate festive : Obbligo di preavviso in caso di richiesta di reperibilità; Equiparazione degli interventi sia a distanza sia in loco con copertura delle spese a carico dellazienda; Disciplina e riconoscimento degli interventi effettuati nellabito della stessa giornata; In caso di intervento notturno previsione di interruzione tra lorario dellintervento e inizio del normale orario di lavoro. omogeneizzazione delle regole fra le categorie e allinterno dellarea dei Q.D. secondo il principio del ristoro completo delle spese sostenute e del disagio occorso

25 CONTRATTAZIONE AZIENDALE Il confronto negoziale deve avvenire dove vengono assunte le decisioni, quindi nei Gruppi è opportuno definire indirizzi e criteri sulle materie delle holding e lasciare alle realtà aziendali la trattativa per il rinnovo dei CIA i 2 livelli di contrattazione vanno confermati Il CCNL garantisce diritti e solidarietà di categoria La contrattazione decentrata consente di gestire le specificità di banche e Gruppi

26 in sede aziendale vanno previsti momenti di contrattazione che riguardano: Formazione Sistemi valutativi Sviluppo professionale Sistemi incentivanti Previdenza e Assistenza Per i Q.D.: - valutazione prestazioni lavorative - assegnazione Ruoli Chiave

27 MISSIONI E TRASFERTE nessuno sia costretto a sostenere spese effettive superiori al trattamento di missione; sia risolto il problema dei trasferimenti giornalieri di lunga durata con la revisione dei criteri, sia per i rimborsi a piè di lista che, per le trasferte brevi inferiori a 4 giornate mensili; anche ai Promotori Finanziari dipendenti venga riconosciuto il rimborso delle spese vive tenendo conto della tipicità del loro incarico. vanno risolte le attuali criticità affinché:

28 TRASFERIMENTI va riconosciuto il ristoro del disagio nel caso di trasferimento: - senza cambio di residenza - con cambio di residenza/domicilio; vanno migliorate le previsioni circa la fornitura da parte dellazienda dellabitazione; per i Q.D. vanno omogeneizzate le previsioni circa i rimborsi economici, le diarie e il preavviso.

29 RICHIESTE ECONOMICHE Obiettivi 1999 Incremento produttività/redditivi tà del settore Calo rapporto costo lavoro/margine intermediazione Raffreddamento dinamiche salariali Ampliamento del peso del salario variabile Situazione al 2002 è cresciuta notevolmente la produttività Il sistema si è allineato a quelli europei nella produttività pro capite e nel rapporto costo lavoro/ricavi totali Vi è stato un consistente contenimento del salario fisso Il salario variabile non ha raggiunto livelli adeguati

30 IL NUOVO CCNL DOVRÀ PERTANTO GARANTIRE: Una crescita salariale che salvaguardi il potere reale dacquisto delle retribuzioni; Una crescita salariale che riconosca la parte dei risultati ottenuti dal sistema e non distribuiti adeguatamente dalle aziende; Sistemi Incentivanti contrattati, equi e trasparenti e che riconoscano anche i contributi indiretti dei lavoratori/lavoratrici; Lerogazione dei risparmi non previsti dal CCNL in ordine al maggior lavoro prestato dai Quadri Direttivi e dalle aree professionali;

31 ciò avverrà attraverso: una richiesta di aumento del 10% medio di tutte le tabelle salariali e la conferma della trattativa aziendale per i Premi di Produttività/Redditività

32 Costruzione tabelle Rivalutazione della voce stipendio per tutte le aree e livelli del 7% (6% rivalutazione più una quota di produttività pregressa pari all1% per tutti i lavoratori); Rivalutazione degli scatti di anzianità del 7%; Aumento progressivo dei parametri a partire dal II livello della III area per redistribuire quote di produttività pregressa; per i quadri direttivi di 1°, 2° livello è compresa la rivalutazione della forfettizzazione dello straordinario; Un aumento del 10% medio si applicherà anche sulle indennità varie (cassa, diarie, turno, sotterraneo ecc.)

33 Aumento complessivo mensile a regime senza scatti di anzianità

34 Aumento complessivo mensile a regime con sei scatti di anzianità

35 Nuova scala parametrale


Scaricare ppt "Linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI linee guida per la preparazione della piattaforma rivendicativa del CCNL ABI."

Presentazioni simili


Annunci Google