La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto di architettura e nodi infrastrutturali fabrizio zanni Mutazioni morfologiche: la città.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto di architettura e nodi infrastrutturali fabrizio zanni Mutazioni morfologiche: la città."— Transcript della presentazione:

1 progetto di architettura e nodi infrastrutturali fabrizio zanni Mutazioni morfologiche: la città

2 La città di antica formazione La città consolidata La città diffusa

3 La città rappresenta lo sforzo più notevole da parte della civiltà umana di una trasformazione completa dell’ambiente naturale, il passaggio più radicale dallo stato di natura allo stato di cultura Vittorio Gregotti Il territorio dell’architettura Feltrinelli Milano 1966

4 La città di antica formazione come è rappresentata nell’iconografia E’ racchiusa dalle mura E’ inclusa. E’ “compatta” Questa condizione perdura per secoli e determina due condizioni precise: il “dentro” e il “fuori”, mediate dalla presenza dei borghi

5 La Gran Città di Milano, del Baratieri, Secolo XVII

6 In essa sono posti in essere due principi dispositivi dello spazio (anche detti paradigmi): Il paradigma inclusivo che fa riferimento alla figura simbolicadel Recinto Principi di inclusione dalla pianta del Baratieri

7 Principi di demarcazione dalla pianta del Baratieri Il paradigma demarcativo che fa riferimento alla figura simbolica della Porta

8 La città consolidata Si costruisce nella seconda metà dell’Ottocento E’ figlia della rivoluzione industriale Dell’avvento della borghesia imprenditoriale Del conseguente inurbamento di popolazione dedita alla produzione

9 •Si costruisce rompendo il principio inclusivo della città precedente demolendo le mura ed i bastioni e trasformandoli in principi di connessione •La griglia quadricolare o radioconcentrica delle vie urbane moltiplica il principio di connessione •Gli incroci stradali nelle loro quasi infinite varianti formali ricostituiscono in altro modo un principio di demarcazione •Il principio inclusivo viene ridefinito localmente costituendo la base di costruzione dell’isolato urbano

10 Strada Incrocio Isolato Sono i tre elementi primari sui quali si costruiscono Le espansioni urbane otto-novecentesche La teorizzazione del rapporto tra strada isolato e incrocio nell’opera di Ildefons Cerda’

11 L’infrastruttura, in particolare quella ferroviaria, Inizia ad assumere un ruolo fondamentale anche nella costruzione della forma urbana e del territorio attraverso i suoi terminali e i suoi manufatti scali, stazioni, rilevati, viadotti

12 La città diffusa Il fenomeno della diffusione urbana Inizia a partire dagli anni 80 ddel XX Secolo e prosegue tuttora E’ figlia della rivoluzione post-industriale Dell’avvento della indifferenza localizzativa Del conseguente dis-urbamento di popolazione

13 Le infrastrutture diventano il reticolo multiplo di interconnessione della nuova forma urbana Agglomerano attorno ai propri terminali spazi e funzioni urbane Il ruolo sociale dello spazio pubblico urbano storico viene preso da un altro genere di spazi ad esempio dai grandi centri commerciali o dai grandi cinema multisala disposti sul territorio

14 “La città e’ divenuta, secondo una bella definizione di Franco Purini “… un cimitero di frammenti infelici” La condizione insediativa della città diffusa nel mosaico informatizzato degli strumenti urbanistici della Provincia di Milano (M.I.S.U.R.C)

15 •Alle periferie storiche si sovrappongono e si contrappongono più recenti tessuti che saturano lo spazio aperto tra quartiere e quartiere e tra città e città •Lo spazio urbano è composto da frammenti di spazi accostati “paratatticamente” senza un ordine apparente.

16 Le infrastrutture costruiscono un nuovo “paesaggio” complesso fatto di ferrovie superstrade autostrade svincoli tangenziali stazioni aeroporti, che si sovrappone alla forma insediativa dispersa.

17 Alcuni terminali delle reti potrebbero determinare nuovamente un principio di demarcazione Mentre aste del reticolo infrastrutturale determinare un nuovo principio di connessione o inter-connessione

18 Morfologia Ricomposizione dei frammenti dispersi in sistemi coerenti Utilizzo di alcuni nodi infrastrutturali come elementi di rifdefinizione locale della forma urbana Tipologia Ridefinizione dei terminali delle reti da elementi indifferenzati a nuovi tipi complessi inglobanti parte dello spazio pubblico urbano Tecnologia Utilizzo di tecnologie eco-compatibili Rifiuto della cosiddetta “mitigazione” delle opere infrastrutturali Possibili strategie del progetto architettonico nella forma urbana attuale

19 Ricomposizione dei frammenti dispersi in sistemi coerenti

20 Utilizzo di alcuni nodi infrastrutturali come elementi di rifdefinizione locale della forma urbana

21 Ridefinizione dei terminali delle reti da elementi indifferenzati a nuovi tipi complessi inglobanti parte dello spazio pubblico urbano

22

23 CONTATTOMedioevoMONUMENTO/ TESSUTO SPETTACOLOXVII XVII secolo Alberti RECINTO PIAZZA CIRCOLAZIONEHaussmann XIX Cerdà QUADRICOLA ISOLATO CONNESSIONEDal 1960 protesiRETE NODO

24 Per concludere Possiamo riassumere le mutazioni della forma urbana descritte utilizzando alcune riflessioni sullo spazio urbano di Françoise Choay figure di regolazione epoca CONTATTO SPETTACOLO CIRCOLAZIONE CONNESSIONE Medioevo XVII XVII secolo Alberti Haussmann XIX Cerdà Dal 1960 “protesi”

25 CONTATTO SPETTACOLO CIRCOLAZIONE CONNESSIONE Medioevo XVII XVII secolo Alberti Haussmann XIX Cerdà Dal 1960 “protesi” Concetti di F. Choay Epoca Forme urbane Città di antica formazione Città consolidata Città diffusa

26 CONTAT-TO SPETTA- COLO CIRCOLA- ZIONE CONNES- SIONE ADDIZIONE ESPANSIONE DIFFUSIONE Rete viaria urbana FerroviaPolarizzazione nodi Autostrada superstrada Inversione gerarchica Figuremodalità infrastrutturefenomeni


Scaricare ppt "Progetto di architettura e nodi infrastrutturali fabrizio zanni Mutazioni morfologiche: la città."

Presentazioni simili


Annunci Google