La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CASE REPORT : IL TIBIALE POSTERIORE A. MEMEO MD, L.PEDRETTI MD ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI UNITA COMPLESSA di ORTOPEDIA e TRAUMATOLOGIA PEDIATRICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CASE REPORT : IL TIBIALE POSTERIORE A. MEMEO MD, L.PEDRETTI MD ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI UNITA COMPLESSA di ORTOPEDIA e TRAUMATOLOGIA PEDIATRICA."— Transcript della presentazione:

1 CASE REPORT : IL TIBIALE POSTERIORE A. MEMEO MD, L.PEDRETTI MD ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI UNITA COMPLESSA di ORTOPEDIA e TRAUMATOLOGIA PEDIATRICA Direttore Dott. Antonio Memeo La traversata del Lars Courmayeur, aprile 2012

2 ANATOMIA Origina dal labbro inferiore della linea obliqua e dalla faccia posteriore della tibia, dalla parte superiore della membrana interossea, dalla faccia mediale della fibula e dai setti intermuscolari circostanti Tendine dinserzione passa dietro al malleolo tibiale, va a terminare sul tubercolo dello scafoide, sulla superficie plantare dei tre cuneiformi e dellestremità prossimale del 2°, 3° e 4° osso metatarsale

3 BIOMECCANICA (1) Sostegno della VPM Flessione plantare Adduzione e rotazione interna del piede

4 BIOMECCANICA (2) La sua azione di stabilizzatore mediale sottopone il tendine a grandi richieste funzionali sia nella deambulazione sia durante la corsa

5 ROTTURA SOTTOCUTANEA DEL T. TIBIALE POSTERIORE

6 FATTORI PREDISPONENTI Sport che comportano veloci cambi di direzione Diabete, A.R., Farmaci steroidei/antibiotici (Ciprofloxacina) Donne (75%) over 50 aa caucasiche (95%) Piede piatto valgo

7 EZIOPATOGENESI TENDINOSI + MICROTRAUMI TENOSINOVITE ROTTURA PARZIALE ROTTURA COMPLETA

8 ZONA CRITICA DI IPOVASCOLARIZZAZIONE La zona più comune di rottura è situata dietro e distalmente al malleolo mediale

9 QUADRO CLINICO EMATOMA SOTTOMALLEOLARE MEDIALE DOLORE RETROMALLEOLARE MEDIALE INDEBOLIMENTO ADDUZIONE CONTRO RESISTENZA PRONAZIONE ++ VALGISMO DEL RETROPIEDE ++ MONOLATERALE

10 CLASSIFICAZIONE DI MYERSON Stage I: tenosynovitis without deformity Stage II: ruptured posterior tibial tendon, flexible flatfootStage II: ruptured posterior tibial tendon, flexible flatfoot Stage III: rigid hindfoot valgus Stage IV: ankle valgus Posterior tibial tendon rupture: a refined classification system.Posterior tibial tendon rupture: a refined classification system.Bluman EM, Title CI, MyersonMS. Foot Ankle Clin Jun;12(2):233-49, v. Review.

11 ACCERTAMENTI RX PIEDE ECOGRAFIA RMN

12 TRATTAMENTO FKT + FANS + ORTESI ( TENOSINOVITE/ LESIONI PARZIALI) CHIRURGICO ( LESIONIPARZIALI/COMPLETE)

13 LA NOSTRA ESPERIENZA… CASE REPORT Donna, 46 aa Estetista Fumatrice moderata Sportiva amatoriale saltuaria

14 Da circa 14 mesi dolore riferito in regione retromalleolare mediale + riduzione della forza in flessione plantare al piede sx Trattata per 10 mesi circa per radicolopatia lombare a partenza da L5 + S1

15 …nessun beneficio !!!!!!

16 Esame obiettivo Caduta della VPM + valgismo del retropiede monolaterali Deficit flessione plantare e della supinazione Dolore sfumato dp retromalleolare RX + RMN

17 RX PIEDE Edema delle parti molli perimalleolari.

18 RMN(1)

19 RMN(2) ROTTURA COMPLETA DEL TENDINE TIBIALE POSTERIORE + RETRAZIONE DEL MONCONE PROX

20 TRATTAMENTO(1) Considerata la assenza di rigidità del piede e la lesione inveterata con cospicua retrazione non riducibile del tendine prox si è optato per una raffia con sutura T-T dei monconi su tendine LARS da 5 cm e successiva ricostruzione del retinacolo mediale Si è poi confezionato un apparecchio gessato di posizione

21 TRATTAMENTO(2)

22 TRATTAMENTO(3)

23 TRATTAMENTO(4)

24 Lemistivaletto è stato mantenuto per 30 gg La deambulazione è stata concessa da sfiorante a progressiva secondo dolore tutelata da 2 bastoni canadesi dopo rimozione dellemistivaletto e con lutilizzo di ortesi TRATTAMENTO (5)

25 Controllo a 3 mesi dallintervento(1) Non riduzione della VPM

26 Controllo a 3 mesi dallintervento(2) Non deficit flessione plantare Non zoppia alla deambulazione

27 Controllo RMN a 15 mesi

28

29 CONCLUSIONI Poca esperienza Unico caso trattato, niente in letteratura Buon risultato clinico e funzionale

30 GRAZIE


Scaricare ppt "CASE REPORT : IL TIBIALE POSTERIORE A. MEMEO MD, L.PEDRETTI MD ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI UNITA COMPLESSA di ORTOPEDIA e TRAUMATOLOGIA PEDIATRICA."

Presentazioni simili


Annunci Google