La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONVEZIONE NATURALE 1. Si origina quando il moto del fluido è causato da gradienti di densità. Le velocità sono di norma minori rispetto alla convezione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONVEZIONE NATURALE 1. Si origina quando il moto del fluido è causato da gradienti di densità. Le velocità sono di norma minori rispetto alla convezione."— Transcript della presentazione:

1 CONVEZIONE NATURALE 1

2 Si origina quando il moto del fluido è causato da gradienti di densità. Le velocità sono di norma minori rispetto alla convezione forzata. I moti atmosferici, oceanici e quelli interni alla crosta terrestre sono fenomeni di convezione naturale. L’approccio sperimentale è preponderante rispetto a quello teorico. 2

3 CONVEZIONE NATURALE Hp: proprietà fisiche del fluido costanti ad eccezione della densità (BOUSSINESQUE) approssimazione di strato limite: EQUAZIONI FONDAMENTALI quantità di moto lungo x quantità di moto lungo y ne consegue che il gradiente di pressione lungo y è indipendente da y e quindi è uguale fuori e dentro lo strato limite; Nella zona in cui la velocità è nulla (u = v = 0) si ha: 3

4 CONVEZIONE NATURALE Sostituendo nell’equazione della q.d.m. : EQUAZIONI FONDAMENTALI Le altre equazioni dello strato limite sono: Definendo poi il coefficiente volumetrico di dilatazione termica: ed approssimandolo a: si ottiene: (continuità) (energia) Le equazioni non sono più disaccoppiate 4

5 CONVEZIONE NATURALE Definendo: ADIMENSIONALIZZAZIONE si ottiene: con Dove il numero di Grashof Gr è il rapporto tra le forze di galleggiamento e le forze viscose ed è definito dalla: Il grupposi può scrivere come: 5

6 CONVEZIONE NATURALE Ipotizzando la lastra riscaldata, applicando il teorema di Bernoulli tra il bordo inferiore ed un punto x: ADIMENSIONALIZZAZIONE E, tenendo conto della relazione approssimata tra r e T, si può definire la velocità caratteristica della convezione naturale: Ed introducendola nell’espressione del numero di Grashof si ottiene: Assumendo u 0 = u c, le equazioni diventano: con Nu funzione sia di Gr che di Pr 6

7 CONVEZIONE NATURALE ADIMENSIONALIZZAZIONE Si definisce il numero di Rayleigh come: Quando, oltre alla convezione naturale, è imposta anche una convezione forzata, l’importanza relativa è espressa dal rapporto: se Gr >> Re 2 è prevalente la convezione naturale se Gr  Re 2 si ha convezione mista se Gr << Re 2 si ha convezione forzata 7

8 CONVEZIONE NATURALE LASTRA PIANA VERTICALE Si utilizzano le equazioni dello strato limite, con le condizioni al contorno seguenti: per y = 0: u = 0, v = 0, T = T p x y per y = : L’equazione della quantità di moto, integrata sullo strato limite, è: che, con le condizioni al contorno, diventa: 8

9 CONVEZIONE NATURALE LASTRA PIANA VERTICALE Integrando l’equazione dell’energia sullo strato limite termico: Per poter procedere con l’integrazione delle equazioni, si introduce un’ulteriore ipotesi sull’andamento dei profili di velocità e temperatura: che, con le condizioni al contorno, diventa: Sostituendo queste espressioni nelle equazioni del moto si ottiene: 9

10 CONVEZIONE NATURALE LASTRA PIANA VERTICALE Ipotizzando che u 0 e d dipendano da x secondo le relazioni seguenti: Affinchè le due equazioni siano indipendenti da x, gli esponenti devono essere uguali: si ha: quindi si possono ricavare le costanti C 1 e C 2 : 10

11 CONVEZIONE NATURALE LASTRA PIANA VERTICALE Lo spessore dello strato limite diventa dunque: Si ricava così la velocità di riferimento: Noto d, si può ricavare T dalla definizione del profilo e, conseguentemente, anche Nu: con Pertanto: 11

12 CONVEZIONE NATURALE LASTRA PIANA VERTICALE Integrando sulla lunghezza, si ottiene il valore medio del coefficiente di scambio: Allo stesso modo si ottiene il valore medio del numero di Nusselt: La maggior parte dei problemi pratici è costituita da geometrie di un grado di complessità tale da essere necessario il ricorso a correlazioni sperimentali, espresse nella forma: con C ed n che dipendono dalla geometria e dalle condizioni di moto 12

13 CONVEZIONE NATURALE ESEMPIO CILINDRO RISCALDATO Per 13

14 CONVEZIONE NATURALE SPAZI CONFINATI CAVITA’ RETTANGOLARI T 1 > T 2 In assenza di convezione (Ra < 10 3 ) si ha: In presenza di convezione vale la: Il coefficiente h viene determinato attraverso correlazioni sperimentali. Per cavità anulari e canali verticali non limitati superiormente valgono le stesse considerazioni 14


Scaricare ppt "CONVEZIONE NATURALE 1. Si origina quando il moto del fluido è causato da gradienti di densità. Le velocità sono di norma minori rispetto alla convezione."

Presentazioni simili


Annunci Google