La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Medicina della Riproduzione UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MESSINA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Medicina della Riproduzione UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MESSINA."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Medicina della Riproduzione UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MESSINA

2 Clinica della sindrome da anticorpi antifosfolipidi N. CARLO STELLA Corso di malattie Autoimmuni in Gravidanza Taormina 15 – 16 Ottobre 2003

3 La definizione di sindrome da anticorpi antifosfolipidi (APS) storicamente risale a quando venne segnalata l’associazione tra: sieropositività per Lupus Anticoagulant (LAC) ripetute perdite fetali episodi trombotici piastripenia

4 Sindrome da anticorpi antifosfolipidi E’ un processo morboso sistemico che può colpire qualsiasi distretto corporeo e/o il letto placentare nella donna gravida. Le manifestazioni cliniche sono, comunque, da ascrivere alla trombosi arteriosa e/o venosa.

5 Nel siero presenza di anticorpi specifici per complessi fosfolipide-proteina o per le singole componenti dei complessi: Beta 2- glicoproteinaI Prototrombina Annessina V

6 La sindrome da Anticorpi antifosflipidi può essere: Primaria presenza di aPL in assenza di malattie autoimmune Secondaria presenza di aPL con associata malattia autoimmune

7 EPIDEMIOLOGIA Predilige il sesso femminile con prevalenza fra II e IV decade Fra i soggetti positivi per aPL solo il 30% sviluppa la sindrome Le complicanze in corso di gravidanza oscillano fra %

8 APS e positività anticorpale oDonne affette da LES: 37-40% oDonne affette da sclerodermia: 5% sindrome secondarie oDonne affette da artrite reumatoide: 7% oDonne con poliabortività senza altra patologia autoimmune: 10-20% sindrome primaria oDonne sane: 2-5 %

9 Principali aPL LAC (AA. ANTILUPUS) aCL (AA. ANTICARDIOLIPINA) aPS (AA. ANTIFOSFATIDILSERINA)  GLICOPROTEINA I ANNESSINA V PROTEINA S PROTEINA C

10 L’aps è una sindrome sistemica che oltre alle manifestazioni cliniche in campo ostetrico, presenta caratteristiche cliniche che coinvolgono molteplici distretti corporei. etiopatogenesi che si associa ad eventi tromboembolici che non si accompagnano mai a quadri di vasculite. La lesione è rappresentata da una micropatia obliterativa trombotica senza infiltrati perivascolari.

11 APS e manifestazioni cliniche sistemiche DERMATOLOGICHE (livedo reticolare) NEUROLOGICHE ( stroke, tia ) OCULISTICHE (ischemia oculare) OTORINOLARINGOIATRICHE ( disturbi audiovestibolari)

12 Cardiologiche ( infarto, valvulopatie) Polmonari ( embolia, infarto ) Renali ( trombosi, ipertensione) Surrenaliche( Addison autoimmune ) Intestinali ( ischemia, trombosi )

13 Ortopediche ( necrosi asettica ) Ematologiche (trombocitopenia, anemia emolitica autoimmune ) Ed inoltre Catastrophic antiphosphlipid syndrome Sindromi paraneoplastiche

14 APS e manifestazioni cliniche ostetriche Aborti spontanei ricorrenti Parto pretermine IUGR Ipertensione gestazionale Preeclampsia Morte endouterina del feto Sindrome trombotica puerperale Infertilità inspiegata Fallimenti di FIVET

15 Eziopatogenesi Danno diretto al trofoblasto da parte degli anticorpi Inibizione della produzione di  hCG ed interferenza con la capacità invasiva del trofoblasto Azione inibitoria sulla crescita e differenziazione del trofoblasto (formazione del sincizio) Interazione degli aPL con i fosfolipidi di membrana delle piastrine e delle cellule endoteliali con conseguente attivazione dei processi di trombogenesi Vasculopatia deciduale ed infarti placentari,mediata da un danno alle cellule endoteliali ed alle piastrine

16 Alterazioni anatomopatologiche placentari oCongestione dei villi oFenomeni emorragici oAgglutinazione del villo oNecrosi fibrinoide oProliferazione fibroblastica oAccumuli di cellule schiumose

17

18 APS e manifestazioni cliniche ostetriche * Aborto spontaneo ricorrente Parto pretermine IUGR Ipertensione gestazionale Preeclampsia Morte endouterina del feto Sindrome trombotica puerperale Infertilità inspiegata Fallimenti di FIVET

19 Etiologia aborti spontanei ricorrenti Cause genetiche Cause infettive Cause anatomiche Cause endocrine Trombofilie congenite Cause autoimmuni Cause alloimmuni Fattori ambientali Sine causa

20 Se come criterio di diagnosi si considerano tre o più aborti consecutivi l’incidenza è del 7% Aborti spontanei ricorrenti e malattie autoimmuni

21 Aborti spontanei ricorrenti e APS Piuttosto raro, se si considerano tre o più aborti consecutivi l’incidenza è dell’1%.

22

23 o Danno diretto al trofoblasto da parte degli anticorpi o Inibizione della produzione di  hCG ed interferenza con la capacità invasiva del trofoblasto o Azione inibitoria sulla crescita e differenziazione del trofoblasto (formazione del sincizio) Nelle fasi precoci della gravidanza gli aPL interferiscono con la differenziazione del trofoblasto in citotrofoblasto e sincizio trofoblasto, inibendo i meccanismi di placentazione: Meccanismo d’azione precoce

24 APS e manifestazioni cliniche ostetriche Aborti spontanei ricorrenti Parto pretermine IUGR Ipertensione gestazionale Preeclampsia Morte endouterina del feto Sindrome trombotica puerperale Infertilità inspiegata Fallimenti di FIVET

25 Meccanismo d’azione tardivo In una fase ulteriore della gravidanza, la presenza di aPL si associa a vasculopatia deciduale e placentare, con presenza di segni istologici di trombosi e villi avascolari: o Interazione degli aPL con i fosfolipidi di membrana delle piastrine e delle cellule endoteliali con conseguente attivazione dei processi di trombogenesi o Vasculopatia deciduale ed infarti placentari,mediata da un danno alle cellule endoteliali ed alle piastrine

26 TRATTAMENTO TERAPEUTICO E’ mirato a: Ristabilire il disturbo emocoagulativo,con l’uso di anticoagulanti ( eparina e/o aspirina) Ridurre la produzione anticorpale con terapia immunosoppressiva (cortisonici o immunoglobuline

27 Trattamento delle donne gravide con anticorpi antifosfolipidi oAspirina a basso dosaggio (50 – 100 mg) oEparina frazionata o a basso peso molecolare oImmunoglobuline endovena (non reali vantaggi comunque in casi eccezionali)

28 Terapia oSindrome classica da anticorpi antifosfolipidi oDurante la gravidanza oPost – partum oBassi livelli di anticorpi oTerapia donne infertili APS positive Prevenzione dell’insufficenza placentare Prevenzione dell’aborto Trombosi

29 ASPIRINA L’acido acetilsalicilico è un potente antiaggregante piastrinico. Induce anche a basso dosaggio, un decremento selettivo nella sintesi di trombassano nelle piastrine. Dosaggio consigliato 100mgr. Svantaggi scarsi: esofagiti, emorragie gastrointestinali, reazioni allergiche

30 EPARINA L’impiego dell’eparina a basso peso molecolare si basa sulla prevenzione della patologica coagulazione indotta dagli apl con inibizione delle trombosi intraplacentari. Dosaggio: 1 volta al di ( 3000/6000 UI ) Non si associa a difetti congeniti in quanto il farmaco non attraversa la placenta.

31 PREDNISONE L’impiego terapeutico è basato sulla soppressione degli autoanticorpi. Dosaggio: 20/80 mg/die dal 1° giorno del test positivo, modificato in base al titolo anticorpale. Complicanze ostetriche: ipertensione, diabete gestazionale. Sospensione graduale a scalare, la sospensione acuta può provocare stanchezza, artralgie, ipoglicemia.

32 IMMUNOGLOBULINE Si tratta di IgG, il risultato terapeutico eccellente è dovuto alla presenza degli anticorpi, i quali agiscono sul sistema immune attraverso un blocco degli aPL.

33 ALTERATA DIFFERENZIAZIONE ED INVASIONE DEL TROFOBLASTO

34 Inner cell mass or Embryoblast Outer cell mass or Trophoblast TROFOBLASTO

35 La  2 glicoproteina I agisce come anticoagulante fisiologico legandosi sulle membrane. Il suo blocco predispone alle trombosi vasali. L’annessina V è una proteina con potente attività anticoagulante. Gli aPL legandosi a tale proteina ne inibiscono l’effetto anticoagulante.

36 APS E’ una condizione morbosa caratterizzata frequentemente da: Manifestazioni tromboemboliche arteriose e venose e dei piccoli vasi Aborti ricorrenti Morte fetale Trombocitopenia Presenta nel siero anticorpi antifosfolipidi (LAC, ACA, APS,ANNESSINA V, PROTEINAS..)

37

38 (A) Anticorpo : molecola proteica specifica prodotta dal sistema immunitario, che reagisce con l’antigene che ne ha provocato la sintesi. Tutti gli anticorpi sono Immunoglobuline. (P) Fosfolipidi : lipidi che contengono acido fosforico. I fosfolipidi rappresentano i principali composti delle membrane cellulari. (S) Sindrome : un complesso di sintomi che caratterizzano un determinato quadro clinico

39 APS: Tappe fondamentali 1957 Laurell & Nilson associano la falsa reazione positiva al test per la sifilide (VDRL), all’aborto ricorrente. ……… 1986 Harris codifica la sindrome che oltre all’aborto ricorrente prevede il ritardo di crescita fetale intrauterina, trombosi e trombopenia 2003 …………..

40

41

42 APS in Ostetricia Segni clinici: oAborti ricorrenti oMorte fetale endouterina oTrombosi arteriose e venose Segni sierologici: oTrombocitopenia ( < ) oPresenza di anticorpi antifosfolipidi


Scaricare ppt "Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Medicina della Riproduzione UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MESSINA."

Presentazioni simili


Annunci Google