La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Medicina sociale … Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Medicina sociale … Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata."— Transcript della presentazione:

1 Medicina sociale … Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata

2 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Alcolemia Concentrazione di alcool nel sangue

3 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Metabolismo alcool 1)Fegato 90% Alcool trasformato in aceltaldeide, successivamente in anidride carbonica e acqua 10% non metabolizzato

4 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Organo bersaglio Sistema nervoso centrale Alcolemia indice di concentrazione cerebrale

5 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Dose giornaliera accettabile OMS indica 30 grammi di alcool corrisponde a: 600ml di birra 300ml di vino 150 di liquore 75 di superalcolici

6 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Mortalità: cirrosi epatica, tumori, omicidi, incidenti stradali,infortuni sul lavoro etc M Danni da alcool

7 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Morbosità Azione aspecifica (rischio aumentato di 2-4 volte) Azione specifica sul SNC, apparato circolatorio, digerente

8 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Danni al SNC Alterazioni della struttura neuronale direttamente o indirettamente (alterazioni neuropsichiatriche acute e croniche)

9 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Disturbi neuropsichiatrici cronici Sindrome di Wernicke- Korsakoff (atrofia del cervello, cervelletto e polineuropatia)

10 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Disturbi sistemici acuti e cronici Gastriti, epatiti, pancreatiti, cirrosi, tumori gastrointestinali, cardiomiopatia etc

11 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Alcolismo Sindrome da dipendenza alcolica: condizione psichica e fisica, derivante dall’assunzione di alcool, caratterizzata da comportamenti e altre reazioni che includono la compulsione ad assumere alcool in maniera continua o periodica, per sperimentare gli effetti psicotropi e, alcune volte, per evitare il disagio di rimanere senza alcool

12 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Alcolismo a)vengono assunte bevande alcoliche in quantità sufficiente a provocare uno stato di malattia fisica e psichica palese, o comunque, in tali quantità da incidere durevolmente sulle funzioni dell’organismo e da rendere probabile la futura comparsa di manifestazioni patologiche

13 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata b) Anche a prescindere da una sofferenza organica in atto o prevedibile, sussiste un vero alcolismo quando si verifica una dipendenza da alcool la quale è espressione del perturbamento psichico e, protraendosi, costituisce premessa per lo svilupparsi di un danno organico

14 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Stadi dell’alcolismo: FASE PRETOSSICA (tolleranza) FASE PRODROMICA (amnesia) FASE CRUCIALE (perdita di controllo) FASE CRONICA (complicanze mediche)

15 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Azioni tossiche CIRROSI TUMORI CARDIOMIOPATIA

16 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Consumo giovanile 30% studenti non assume alcool costantemente (solo stagionalmente, feste etc) 59% vino durante i pasti 8% durante e fuori pasto occasionalmente 3% costantemente anche fuori pasti

17 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Fattori di rischio a)Genetici b)Individuali (depressione, ansia) c)Sociale (disoccupazione, famigliare, d)D)indice di disagio, trasgressione, imitazione, appartenenza al gruppo

18 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Indici diretti Studi epidemiologici

19 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Indici indiretti 1)recoveri per patologie alcoliche 2) Utenti di strutture pubbliche (Sert) 3) Numero di malati per cirrosi 4) Mortalità per cirrosi 5)Incidenti stradali

20 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Prevenzione primaria Problema culturale di accettazione dell’alcool Uso di alcol con altre droghe Pubblicità di sostanze alcoliche Interessi economici

21 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Droga Qualsiasi sostanza chimica naturale o sintetica che introdotta nell’organismo vivente può modificare una o più funzioni

22 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Sostanza stupefacente Sostanza che produce una modificazione della coscienza nel senso di una percezione della realtà più gradevole ma più attutita (stato di stupore), es oppiacei

23 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Sostanza psicotropa Sostanza che produce una alterazione dell’attività neuronale dell’individuo

24 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Definizione dell’OMS Sostanza che può provocare 1)Uno stato di dipendenza fisico o psichico 2)2uno stimolo o una depressione del Sistema nervoso centrale che dia luogo ad allucinazioni o disordini della funzione motrice e alla facoltà di giudizio o alla percezione o all’umore o 3)3) a degli abusi ed effetti nocivi comparabili con quelli inclusi nelle tabelle

25 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Dipendenza psichica Impulso che un soggetto prova a riassumere una determinata sostanza per gli effetti piacevoli che ne ha ottenuto. La mancanza della sostanza crea solo disagio di carattere psicologico (craving)

26 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata M Dipendenza fisica L’interruzione della periodica assunzione di uno stupefacente crea una serie di disturbi fisici dovuti ad un alterato stato fisiologico, la cosiddetta “crisi di astinenza”

27 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Tolleranza Aumento progressivo delle dosi per ottenere gli effetti farmacologici. Fenomeno generale che riguarda molti farmaci e sostanza stupefacenti ma non tutti (cocaina, amfetamina)

28 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Proprietà delle sostanze stupefacenti Effetti gratificanti Effetti motivazionali Effetti sul sistema dopaminergico e serotinergico

29 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Consumatore Consumatore (non tossicodipendenza): chiunque fa esperienza di droga, qualunque essa sia, in modo occasionale ed in situazioni di eccezione,..oppure in modo ripetuto ma utilizzando dosi del tutto minori e mantenendo sempre il controllo della situazione e la possibilità di interrompere senza avere conseguenza

30 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Consumatore occasionale Soggetto che ha esperienza saltuaria con la droga, per lo più sotto forma di consumo sperimentale e sociale ricreativo, con possibilità di interrompere l’uso, quando cioè è ritenuto utile o necessario, non alterando la struttura psichica e i rapporti sociali

31 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Consumatore regolare Soggetto che, pur avendo il desiderio di assumere droga, pur manifestando un certo tipo di dipendenza psichica o fisica, a seconda della droga, riesce a mantenere interessi validi e buoni rapporti interpersonali, in modo tale da condurre una vita pressocché normale nel proprio contesto sociale

32 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Tossicodipendenza Condizione di intossicazione cronica o periodica dannosa all’individuo e alla società prodotta dall’uso ripetuto di una sostanza chimica naturale o di sintesi.

33 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Storia della dipendenza Acquisizione Mantenimento Estinzione

34 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Legge 309/90 Articoli : il ministero della pubblica istruzione promuove e coordina attività di educazione alla salute e di informazione sui danni derivanti dall’uso delle sostanza stupefacenti (unitamente a quelli dell’alcolismo e tabagismo) e sulle patologie correlate

35 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Provveditore allo studio Promuove e coordina attività specifiche in relazione alle esigenze manifestatasi localmente, con l’avvallo di esperti, rappresentanti dei genitori e con la collaborazione degli organi collegiali. Promuove e organizza corsi per gli insegnanti sul tema degli stupefacenti

36 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Alimentazione: sostanze e energia necessarie alla costituzione dei tessuti in accrescimento e alla sostituzione di quelli deteriorati Nutrizione: insieme di processi fisiologici coinvolti nell’assimilazione e utilizzazione delle sostanza nutritive Dieta: schema alimentare pianificato per soddisfare le esigenze di un individuo

37 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Metabolismo: insieme di trasformazioni chimiche ed energetiche che avvengono nell’organismo Metabolismo basale: a riposo Metabolismo totale: in attività

38 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Sostanze nutritive Proteine Carboidrati Lipidi o grassi Sali minerali Vitamine acqua

39 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Diabete: alterazione del contenuto nel sangue di zuccheri Obesità

40 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Indice di massa corporea IMC= peso (Kg)/statura (m2) M F peso ideale 20,0-24,9 18,7- 23,8 Sovrappeso 25,0-29,9 23,9- 28,6 Obesità I 30,0-34,9 28,7- 33,7 Obesità II 35,0-39,9 33,8- 40,0 Obesità III >40 >40

41 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Epidemiologia obesità 45% adulti sovrappeso 10% obeso 27-34% bambini sovrappeso 15-18% obeso

42 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Altre malattie correlate ad alterata alimentazione Ipertensione: eccessivo lavoro del cuore Alcuni tumori Malattie cardioischemiche Diabete non insulino-dipendente

43 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Educazione alimentare (definizione OMS) Processo formativo ed educativo per mezzo del quale si persegue il generale miglioramento dello stato di nutrizione degli individui, attraverso la promozione di adeguate abitudini alimentari, l’eliminazione dei comportamenti alimentari non soddisfacenti, l’utilizzazione di manipolazioni più igieniche degli alimenti e un efficiente utilizzo delle risorse alimentari

44 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Apparato muscolare e articolare Sedentari: 1) riduzione della capacità muscolare 1)2) maggiore incidenza di infortuni articolari 2)3) ossa più fragili 3)4) rischio di insorgenza di dolori vertebrali 4)Fisicamente attivi 5)1) migliore tono muscolare, articolazioni più salde 6)2) migliore sintesi dei sali di calcio nelle ossa lunghe, ossa più forti 7)3) insorgenza ridotta di mal di schiena in età adulta

45 Prof. ………………. Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata Apparato respiratorio Sedentari: 1)Respiro più corto e frequente, affanno anche a sollecitazioni basse 2)Fisicamente attivi 3)2) Bradipnea, recupero più rapido

46 Apparato digestivo Sedentari: 1) ridotta motilità gastrointestinale, 2) rischio specifico di sovrappeso per aumento della massa grassa Fisicamente attivi: 1) corretta funzionalità intestinale 2) Rapporto peso-statura nella norma 3) corretto metabolismo dei grassi


Scaricare ppt "Medicina sociale … Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale – Università degli Studi di Macerata."

Presentazioni simili


Annunci Google