La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Azienda Ospedale-Università - Padova ULSS 15 - Cittadella 29 febbraio 2012 “Rari ma forti insieme”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Azienda Ospedale-Università - Padova ULSS 15 - Cittadella 29 febbraio 2012 “Rari ma forti insieme”"— Transcript della presentazione:

1 Azienda Ospedale-Università - Padova ULSS 15 - Cittadella 29 febbraio 2012 “Rari ma forti insieme”

2 MALATTIE RARE “Definizione” In Europa: Prevalenza < 0.5/1000 ( 1 caso ogni 2000 soggetti) In Giappone: Prevalenza < 0.4/1000 ( 1 caso ogni 2500 soggetti) In USA quando interessa meno di soggetti dell’intera popolazione ( 1 caso ogni 1200 soggetti) ACROMEGALIA: 1 Caso ogni persone

3 MALATTIE RARE raggruppano un complesso di oltre 5000 patologie rappresentano il 10 % delle patologie che affliggono l’umanità

4 NATIONAL ORGANIZATION for RARE DISORDERS (NORD) “Physicians’ Guide to rare Diseases” Jess G. Thoene Chair National Commission on Orphan Disease

5 L’Ipofisi come Direttore d’orchestra degli Organi del Corpo Umano

6 GHPRLTSH ACTH FSH LHADH PATOLOGIA IPOINCRETIVA PATOLOGIA IPERINCRETIVA DeficitEccesso

7 Tipo di AdenomaPrevalenza x Non secernenti PRL secernenti GH Secernenti ACTH Secernenti EPIDEMIOLOGIA DEGLI ADENOMI IPOFISARI Melmed, J Clin Invest, 2003

8 EPIDEMIOLOGICAMENTE La Malattia Ipofisaria è una Malattia Rara

9 Concetto comune dell’aggettivo “raro” Gioiello Raro Panorama di rara bellezza “Raro” = Prezioso

10 “Raro” = Problematico Malattia Rara Problemi per il paziente e la sua famiglia A chi mi rivolgo ? Quali ricadute ? Quali terapie ? etc Problemi per il medico Fare diagnosi ? Disporre di terapie adatte ? Approfondire gli studi ? etc

11 Malattia Ipofisaria = Malattia Rara Problemi per il medico Fare diagnosi ? Disporre di terapie adatte ? Approfondire gli studi ? etc Problema dei Farmaci Orfani Industria Farmaceutica S.S.N.

12 MALATTIE RARE Problema Diagnostico - Per la loro rarità queste malattie sono difficili da diagnosticare e, spesso, sono pochi i Centri Specializzati nella diagnosi e cura. “Conoscere è ben diverso dal riconoscere;… e qui (in clinica) si deve soprattutto riconoscere”. (Augusto Murri)

13 Displasia ectodermica anidrotica legata all'X Sindrome di Christ-Siemens-Touraine SINTOMI E SEGNI Anomalia delle Unghie Anomala o assente dentizione Assente o ridotta lacrimazione Ridotta colorazione cutanea Intolleranza al caldo Assente o ridotta sudorazione Assente termoregolazione Fronte spaziosa Ipoacusia Ridotta capacità visiva Capelli sottili e rari Cute sottile

14 RUOLO FONDAMENTALE DI UNA ATTENTA E COMPLETA OSSERVAZIONE CLINICA OCCHIO CLINICO

15 SINDROME DI ALSTROM Documentazione sanitaria di ricoveri e consulti anche internazionali di circa 10 anni

16 MEDICO = DETECTIVE “...è un errore capitale teorizzare prima di avere i dati. Senza accorgersene, si comincia a deformare i fatti per adattarli alle teorie, invece di adattare le teorie ai fatti…..” “Conan Doyle: Gli aforismi di Sherlock Holmes” Tascabili Economici Newton a cura di M Baldini 1995 RUOLO FONDAMENTALE DEL PROCEDIMENTO LOGICO POLIZIESCO Analizzare gli indizi con attenzione alla ricerca di una loro qualche inter-relazione

17 CASO CLINICO DI UNA INFERMIERA CHE NON ACCETTAVA LA DIAGNOSI DI IPOTIROIDISMO PERCHE’ LA MALATTIA CRONICA PREVEDEVA UNA TERAPIA CRONICA MALATTIA BIOLOGICA - MALATTIA BIOGRAFICA

18 RUOLO FONDAMENTALE DI UN ATTENTO ASCOLTO ATTIVO DEL PAZIENTE ORECCHIO CLINICO

19 OCCHIO CLINICO ORECCHIO CLINICO LOGICA INVESTIGATIVA IL MEDICO DI FRONTE A TUTTI I MALATI MA IN PARTICOLARE DI FRONTE AD UN PAZIENTE CON MALATTIA RARA DEVE AVERE :

20 Final statement: The choice of treatment seems reasonable, however it is not clear if a significant measure of the change induced by the disease on the heart functionality could be measured during the study. The main limitation is the sample size which is not justified and judged too small for the type of conclusion which is expected Come le abbiamo già anticipato, il punteggio medio finale inferiore a 3;0 non le ha consentito di accedere al finanziamento. I principali limiti individuati dalla study session hanno riguardato aspetti legati al disegno dello studio e alle dimensioni del campione. Roma, 27 aprile 2006 Orphan Drugs

21 P.Maffei, C. Martini, C. Pagano, N. Sicolo, F. Corbetti Annals Internal Medicine 145, , 2006

22 Egr. Dott. ……….., Le trasmetto in allegato il testo della pubblicazione comparsa sull' Ann. Int. Med. di Agosto 2006 che riporta una nostra osservazione clinica relativa a 2 pazienti trattati con il farmaco XXXXXXX. Questa osservazione clinica faceva parte del progetto da noi presentato all'AIFA sugli Orphan Drugs e non accettato perchè uno dei referes riteneva che non sussistessero i numeri per permettere una qualche valutazione clinica o statistica. L'invio della pubblicazione è un atto che avevo promesso avrei fatto. RingraziandoLa per l'attenzione, Le invio i miei più cordiali saluti prof. N. Sicolo RUOLO FONDAMENTALE DELLA PAZIENZA E DELLA CONSAPEVOLEZZA DI NON ATTENDERSI AIUTI

23 Malattia Ipofisaria = Le Terapie TERAPIA MEDICA FARMACI ORFANI TERAPIA CHIRURGICA TERAPIA RADIANTE TERAPIE NEL 70’ TERAPIE NEL 2012

24 IL LUNGO CAMMINO DI UN FARMACO Fase 0: Preclinica Fase 1: Tolleranza e Sicurezza Fase 2: Efficacia su piccoli numeri Fase 3: Efficacia Policentrica Fase 4: Osservazionale Giudizio di Notorietà AIC: Registrazione Durata Media: 10 anni Mediamente solo 1/ percorre tutto il cammino

25 GHPRLTSH ACTH FSH LHADH PATOLOGIA IPERINCRETIVA Eccesso TERAPIA SOPPRESSIVA: GH = SmS e GH analoghi FSH – LH = LH-RH Analoghi ACTH = SmS Analoghi PRL = DA Agonisti ADH = Antagonisti TSH = SmS Analoghi

26 GHPRLTSH ACTH FSH LHADH Alla Chirurgia Endoscopica Eccesso TRATTAMENTI NCH Dalla Microchirurgia

27 GHPRLTSH ACTH FSH LHADH Alla Stereotassica Eccesso TRATTAMENTI RADIOTERAPICI Dalla Convenzionale esterna

28 Malattia Ipofisaria = Le Gestione TERAPIA MEDICA FARMACI ORFANI Necessità di Centri di riferimento multidisciplinari “PITUITARY UNITS” TERAPIA CHIRURGICA TERAPIA RADIANTE

29 Prof. M. Austoni Prof. C. Scandellari Prof. G. Federspil Prof. R. Vettor RINGRAZIAMENTI Dott. E. De Carlo Dott. P. Maffei Dott.ssa C. Martini Dott. R. Mioni L. La Serra B. Martin Dott. E. Zanchetta Dott. P. Battocchio Dott. A. Rebellato Dott. R. Mioni


Scaricare ppt "Azienda Ospedale-Università - Padova ULSS 15 - Cittadella 29 febbraio 2012 “Rari ma forti insieme”"

Presentazioni simili


Annunci Google