La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

92© 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed. Swaps Capitolo 6 6.1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "92© 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed. Swaps Capitolo 6 6.1."— Transcript della presentazione:

1 92© 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed. Swaps Capitolo 6 6.1

2 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.93 Natura degli Swaps n Gli swaps sono accordi privati tra due società per scambiarsi dei futuri flussi di cassa, secondo una formula predefinita 6.2

3 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.94 Un Esempio di Plain Vanilla Interest Rate Swap n Un accordo in cui la “Società B” riceve il Libor a 6 mesi e paga un tasso fisso del 5% annuo ogni 6 mesi per 3 anni con riferimen- to a un capitale nozionale di $100 milioni n Nel prossimo lucido, che illustra i pagamen- ti dello swap, i flussi positivi rappresentano gli incassi e i flussi negativi rappresentano le uscite 6.3

4 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.95 I Pagamenti della “Società B” B paga il fisso al 5% e riceve il variabile (i pagamenti sono scambiati ogni 6 mesi) 6.4

5 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.96 Tipici Utilizzi di un Interest Rate Swap n Convertire una passività – da passività a tasso fisso a passività a tasso variabile – da passività a tasso variabile a passività a tasso fisso n Convertire una attività – da attività a tasso fisso a attività a tasso variabile – da attività a tasso variabile a attività a tasso fisso 6.5

6 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.97 Le Società A e B Trasformano una Passività (Figura 6.2, p. 144) 6.6 Società A Libor + 0,8% 5,2% 5% Libor Società B Quale Effetto? B paga il fisso al 5,8% annuo (5%+0,8%) A paga il Libor + 2% (Libor +5,2%-5%)

7 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.98 La Presenza di un Intermediario Finanziario (Figura 6.4, p. 145) 6.7 Società A Libor + 0,8% 5,2% 4,985% Libor Istituz. Finanz. Società B Libor 5,015% Quale Effetto? B paga il fisso al 5,815% annuo (5,015%+0,8%) A paga il Libor + 2,15% (Libor +5,2%-4,985) L’intermediario riceve 0,03

8 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.99 Le Società A e B Trasformano un’Attività (Figura 6.3, p. 145) Società A 4,7% 6.8 Libor  0,25% 5% Libor Società B

9 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.100 La Presenza di un Intermediario Finanziario (Figura 6.5, p. 146) Società A 4,7% 6.9 Libor  0,25% 4,985% Libor Istituz. Finanz. Società B Libor 5,015%

10 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.101 L’Argomentazione del Vantaggio Comparato n La società A vuole finanziarsi a un tasso legato al Libor a 6 mesi n La società B vuole finanziarsi a tasso fisso n Alle società sono stati offerti i seguenti tassi 6.10

11 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.102 Lo Swap (Figura 6.6, p. 148) 6.11 Società A Libor + 1,00% 10,00% 9,95% Libor Società B Quale Effetto? B paga il fisso al 10,5% annuo (0,25% in meno all’importo che pagherebbe se si finanziasse direttamente sul mercato) A paga il Libor + 0,05% (0,25% in meno all’importo che pagherebbe se si finanziasse direttamente sul mercato)

12 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.103 Lo Swap (Figura 6.6, p. 148) IL GUADAGNO COMPESSIVO E’ |a-b| n a = differenza tra i tassi di interesse offerti alle due società nel mercato del tasso fisso n b= differenza tra i tassi di interesse offerti alle due società nel mercato del tasso variabile a = 1,2 % b= 0,7%

13 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.104 La Presenza di un Intermediario Finanziario (Figura 6.7, p. 149) Società A Libor + 1,00% ,00% 9,93% Libor Istituz. Finanz. Società B Libor 9,97%

14 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.105 Critica dell’Argomentazione del Vantaggio Comparato Perché le differenze tra i tassi non scompaiono per effetto dell’arbitraggio? n I tassi del 10,0% e 11,2% offerti alle società A e B nei mercati del fisso sono a 5 anni n I tassi Libor + 0,3% e Libor + 1% offerti nei mercati del variabile sono a 6 mesi RINEGOZIAZIONE!!! MERITO CREDITIZIO!!! 6.13

15 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.106 Valutazione degli Interest Rate Swaps Gli interest rate swaps possono essere valutati come differenza tra - il valore di un titolo a tasso fisso e - il valore di un titolo a tasso variabile SE - V swap : valore dello swap - B fix : valore del titolo a tasso fisso sottostante lo swap - B fl: valore del titolo a tasso fisso sottostante lo swap V swap = B fix – B fl 6.14

16 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.107 Un Esempio di Currency Swap n Un accordo in cui ogni 6 mesi, per 3 anni, – si riceve il 7% su un capitale di £ – si paga il 5% su un capitale di $

17 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.108 Lo Scambio del Capitale n In un interest rate swap il capitale non viene scambiato n In un currency swap il capitale viene scambiato all’inizio e alla fine dello swap 6.18

18 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.109 Tipici Utilizzi di un Currency Swap n Convertire – una passività denominata in una certa valuta – in una passività denominata in un’altra valuta n Convertire – un’attività denominata in una certa valuta – in un’attività denominata in un’altra valuta 6.20

19 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.110 L’Argomentazione del Vantaggio Comparato n La società A vuole finanziarsi in sterline n La società B vuole finanziarsi in dollari n Alle società sono stati offerti i seguenti tassi 6.21

20 © 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed.111 Valutazione dei Currency Swaps I currency swaps possono essere valutati come differenza tra - il valore di un titolo a tasso fisso denominato in una certa valuta - il valore di un titolo a tasso fisso denominato in un’altra valuta SE - V swap : valore dello swap - BF: valore, misurato in valuta estera, del titolo in valuta sottostante lo swap - BD: valore del titolo in $ sottostante lo swap - S: tasso di cambio spot V swap = SBf– BD 6.22


Scaricare ppt "92© 1998 di John C. Hull Introduzione ai Mercati dei Futures e delle Opzioni 3 a ed. Swaps Capitolo 6 6.1."

Presentazioni simili


Annunci Google