La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ELEMENTI MINERALI Sono elementi inorganici presenti in natura che non provengono né dalla vita animale né vegetale ma dalla crosta terrestre. Sono elementi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ELEMENTI MINERALI Sono elementi inorganici presenti in natura che non provengono né dalla vita animale né vegetale ma dalla crosta terrestre. Sono elementi."— Transcript della presentazione:

1 ELEMENTI MINERALI Sono elementi inorganici presenti in natura che non provengono né dalla vita animale né vegetale ma dalla crosta terrestre. Sono elementi inorganici presenti in natura che non provengono né dalla vita animale né vegetale ma dalla crosta terrestre. Gli elementi minerali sono classificati in due gruppi in base alla quantità di ciascuno di essi nell’organismo. Gli elementi minerali sono classificati in due gruppi in base alla quantità di ciascuno di essi nell’organismo. I minerali presenti in quantità relativamente grandi e di cui sono necessari almeno 100 mg/die sono detti macroelementi. I minerali presenti in quantità relativamente grandi e di cui sono necessari almeno 100 mg/die sono detti macroelementi. I minerali presenti in bassa quantità e di cui sono necessari pochi mg al giorno sono detti microelementi o elementi traccia. I minerali presenti in bassa quantità e di cui sono necessari pochi mg al giorno sono detti microelementi o elementi traccia.

2 Macroelementi minerali (necessari in quantità relativamente grandi Microelementi minerali o tracce (necessari in quantità molto piccole) Microelementi minerali o tracce (necessari in quantità molto piccole) CalcioClorioMagnesioFosforoPotassioSodio Cromo Ferro Cobalto* Manganese Cobalto* Manganese Rame Molibdeno Rame Molibdeno Fluoro Selenio Fluoro Selenio Iodio Zinco * Il bisogno di cobalto viene soddisfatto con l’introduzione di vitamina B 12 In generale, i minerali si trovano in abbondanza negli alimenti non raffinati; Iodio e rame sono presenti in alcuni terreni e in alcune acque potabili. Alcuni minerali come potassio, sodio, cloro, zolfo sono presenti nella dieta in quantità così abbondanti che ne è improbabile la carenza.

3 LE FUNZIONI DEI MINERALI possono essere così divise: Costruzione dei tessuti (ad es. calcio, fosforo, magnesio e fluoro entrano nella costituzione dei denti e delle ossa) (ad es. calcio, fosforo, magnesio e fluoro entrano nella costituzione dei denti e delle ossa) Regolazione di processi vitali (ad es. trasmissione degli impulsi nervosi, contrazione muscolare, etc.) (ad es. trasmissione degli impulsi nervosi, contrazione muscolare, etc.)

4 FERRO I depositi di ferro dell’organismo umano ammontano a circa 5g ma, a I depositi di ferro dell’organismo umano ammontano a circa 5g ma, a dispetto delle piccole quantità, il ferro svolge importanti funzioni. dispetto delle piccole quantità, il ferro svolge importanti funzioni. Esso è ripartito:  60% del ferro è presente nel gruppo eme dell’emoglobina  25% è accumulato sotto forma di ferritina e emosiderina (fegato, milza e midollo)  8% nella mioglobina (proteina del muscolo che lega l’ossigeno)  5% negli enzimi  1-2% nel plasma legato alla transferrina

5 METABOLISMO DEL FERRO

6 ASSORBIMENTO DEL FERRO Il ferro è assorbito nell’intestino attraverso un meccanismo complesso e non del tutto chiarito. Il ferro è assorbito nell’intestino attraverso un meccanismo complesso e non del tutto chiarito. Il ferro contenuto negli alimenti viene solubilizzato per mezzo dell’acido secreto nello stomaco e giunge nell’intestino dove viene captato dalle cellule della mucosa intestinale probabilmente attraverso l’intervento di molecole trasportatrici. Il ferro contenuto negli alimenti viene solubilizzato per mezzo dell’acido secreto nello stomaco e giunge nell’intestino dove viene captato dalle cellule della mucosa intestinale probabilmente attraverso l’intervento di molecole trasportatrici. A questo punto il ferro può accumularsi come ferritina o essere rilasciato nel circolo portale dove si lega ad una proteina di trasporto, la transferrina (normalmente questa proteina è saturata per il 30%). A questo punto il ferro può accumularsi come ferritina o essere rilasciato nel circolo portale dove si lega ad una proteina di trasporto, la transferrina (normalmente questa proteina è saturata per il 30%). Il complesso ferro-transferrina si lega ad uno specifico recettore posto sulle cellule del midollo e viene internalizzato. Il ferro viene staccato dal complesso e utilizzato per la sintesi dell’emoglobina mentre la transferrina ritorna di nuovo in circolo. Il complesso ferro-transferrina si lega ad uno specifico recettore posto sulle cellule del midollo e viene internalizzato. Il ferro viene staccato dal complesso e utilizzato per la sintesi dell’emoglobina mentre la transferrina ritorna di nuovo in circolo.

7 Alla fine del loro ciclo vitale (120 giorni), i globuli rossi vengono intrappolati nel sistema reticoloendoteliale del fegato e della milza: il ferro viene staccato dall’eme e immesso in circolo dove viene di nuovo legato alla transferrina. La gran parte del ferro viene riutilizzato per la sintesi di nuova emoglobina e solo piccolissime quantità di ferro (1mg/die) vengono perse attraverso la cute,il tratto genito-urinario e intestinale. Nella donna una perdita addizionale è rappresentata dal ciclo mestruale, gravidanza e allattamento. In queste ultime condizioni si rende necessario un supplemento di ferro. METABOLISMO DEL FERRO

8 BILANCIO DEL FERRO

9 L’assorbimento intestinale del ferro è modulato in rapporto alle necessità ed è inversamente proporzionale all’entità dei depositi. Il ferro degli alimenti si divide in due categorie: Ferro emoglobinico è il 40% del ferro contenuto in carne, pesce e pollame. Un’alta percentuale di questo ferro viene assorbito nell’intestino e questo assorbimento non viene influenzato da nessun altro fattore della dieta. Ferro non emoglobinico è il restante 60% del ferro (legato alle proteine o sotto forma di sali) contenuto in alimenti animali e vegetali. L’assorbimento di questa quota è molto inferiore (3%) ed è influenzato da altri costituenti della dieta. BILANCIO DEL FERRO

10  I fattori che favoriscono l’assorbimento del ferro non emoglobinico sono : l’acido ascorbico (vit C) che converte il ferro da ferrico a ferroso (più solubile e assorbibile) carne (probabilmente per la presenza di cisteina)  I fattori che riducono l’assorbimento del ferro non emoglobinico sono: polifenoli fitati calcio (se l’intake è > 300 mg/pasto) alcuni elementi inorganici (Zn, Mn, Cu)

11 RELATIVA BIODISPONIBILITA’ DEL FERRO NON EMOGLOBINICO NEGLI ALIMENTI ALIMENTOBIODISPONIBILITA’ BASSA (5%) MEDIA (10%) ALTA (15%) CAREALI MAIS, AVENA, RISO, SORGO, FARINA DI GRANO INTERO FARINA DI GRANTURCO, FARINA BIANCA FRUTTA MELA, AVOCADO,BANANA, UVA, PESCA, PERA, SUSINA, RABARBARO, FRAGOLE CANTALUPO, MANGO, ANANAS GUAVA (PERO DELLE INDIE), LIMONE, ARANCIA, PAPAIA VEGETALI MELANZANA, POMODORI, LEGUMI, FARINA DI SOIA, PROTEINE DI SOIA, LUPINI CAROTE, PATATE BARBABIETOLA, BROCCOLI, CAVOLO, CAVOLFIORE, ZUCCA, RAPA BEVANDE TEA, CAFFE’ VINO ROSSO VINO BIANCO FRUTTA OLEOSA MANDORLA, COCCO, ARACHIDI, NOCI PROTEINE ANIMALI FORMAGGI, UOVA, LATTE PESCE, CARNE, POLLAME, LATTE DI DONNA

12 In una dieta non è importante il contenuto di ferro ma la sua biodisponibilità. LOW: insufficiente a coprire il fabbisogno di Fe in molte donne e adolescenti. INTERMEDIATE: sufficiente nel 50% delle donne. HIGH: sufficiente nella quasi totalità (ma non in gravidanza).

13 DEFICIT DI FERRO N.B. La causa più frequente delle deficienze di ferro non è dovuta ad aumentate perdite (per emorragie), ma ad un intake insufficiente, almeno nei paesi in via di sviluppo la cui alimentazione è scarsa e costituita da cereali non raffinati.

14 SOVRACCARICO DI FERRO L’ingestione acuta di grandi quantità di ferro (in genere accidentale) causa: dolori addominali vomito acidosi metabolica collasso cardiocircolatoria per dosi superiori a 600mg può causare la morte. Il sovraccarico cronico si verifica nelle seguenti condizioni:  emocromatosi: malattia genetica che causa un’aumentata disponibilità di ferro con accumulo nel fegato, cuore, pancreas e altri organi;  uso prolungato di pentole o utensili in ferro  frequenti trasfusioni (pz talassemici)

15 VALUTAZIONE DELLO STATO DEL FERRO Carenza di ferro:  Deplezione del ferro: - ferritina bassa  Ridotta eritropoiesi: -ferritina bassa -sideremia bassa -saturazione della transferrina inferiore al 16%  Anemia con microcitosi e ipocromia Sovraccarico di ferro:  Ferritina aumentata  Saturazione della transferrina > 60%


Scaricare ppt "ELEMENTI MINERALI Sono elementi inorganici presenti in natura che non provengono né dalla vita animale né vegetale ma dalla crosta terrestre. Sono elementi."

Presentazioni simili


Annunci Google