La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASPETTI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA : (METODI, STRUMENTI, CONSENSO, PREPARAZIONE, RICHIESTE ANATOMIA PATOLOGICA, ESECUZIONE, FOLLOW-UP POSTBIOPSIA, REFERTAZIONE)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASPETTI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA : (METODI, STRUMENTI, CONSENSO, PREPARAZIONE, RICHIESTE ANATOMIA PATOLOGICA, ESECUZIONE, FOLLOW-UP POSTBIOPSIA, REFERTAZIONE)"— Transcript della presentazione:

1 ASPETTI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA : (METODI, STRUMENTI, CONSENSO, PREPARAZIONE, RICHIESTE ANATOMIA PATOLOGICA, ESECUZIONE, FOLLOW-UP POSTBIOPSIA, REFERTAZIONE) DOTT. Nicolina dadamio u.o. urologia 0spedale s. pio da pietrelcina - vasto

2 FATTORI CHE INFLUENZANO LO SVILUPPO DEL TUMORE DELLA PROSTATA Fumo di sigaretta Colesterolo Familiarità

3 I CONTROLLI DA 50 ANNI IN SU 1° Controllo dopo il 50° anno di età; Visita Urologica ed Esplorazione rettale: forniscono informazioni su dimensioni e consistenza della ghiandola ; Dosaggio P. S. A. totale: valore normale 3 ng/ml. ; Se necessario: Ecografia Prostatica Trans – rettale: valuta la morfologia, le dimensioni e la struttura della ghiandola; e contestuale Biopsia Prostatica: prelievo di frammenti di tessuto prostatico, effettuato con aghi bioptici, per studiarlo al microscopio per esame istologico con lo scopo di fare diagnosi di carcinoma prostatico.

4 LINEE GUIDA ITALIANE SULLA BIOPSIA PER CARCINOMA DELLA PROSTATA Reperto anormale allindagine rettale; PS A Totale >3 ng/ml; Valore di PSA ridotto a 2,5 ng/ml in soggetti giovani; Rapporto PSA libero/totale: inferiore al 15%; Valori superiori a 10 ng/ml; Incremento significativo del valore di PSA nel tempo (PSA Velocity); Numero dei prelievi non inferiori ad 8; Consenso informato; Profilassi antimicrobica omessa nellaccesso Trans Perineale, mentre va praticata nellaccesso Trans Rettale; Profilassi antibiotica; Farmaci utilizzati: chinolonici e cotrimossazolo; Esecuzione di clisma rettale (opzionale); In pazienti con Valvulopatia Cronica o Portatori di Protesi praticare abituale profilassi antibiotica; Anestesia obbligatoria in Biopsia Trans Perineale e fortemente raccomandata in quella Trans Rettale.

5

6 DESCRIZIONE DELLA TECNICA : ingresso dellago attraverso il canale anale; E la pratica più usata. Trans Perineale: : passaggio dellago nella regione cutanea posta al di sotto dello scroto ed al di sopra. dellano (perineo). : laterale Trans rettale Trans perineale Decubito

7 DECUBITO PAZIENTE

8

9 RUOLO DELLINFERMIERE NELLA BIOPSIA PROSTATICA

10 Preparazione del campetto sterile; Preparazione e dosaggio anestetico locale: Lidocaina 1% 3,5 ml + Naropina 2 mg./ml. 10 ml = Totale 13,5 ml Controllare: Eventuale assunzione di terapia anticoagulante o antiaggregante piastrinica: questi farmaci vanno sospesi perché cè il rischio che la biopsia causi rettorragia od ematuria copiose; Prelievo ematico per esami della coagulazione; Eventuale patologia diabetica; Assunzione di antibiotico terapia, dalla sera precedente lesecuzione della procedura, per evitare rischio di infezione; Esecuzione di clistere evacuativo per permettere alla sonda ecografica di visualizzare bene la prostata senza feci interposte; Presenza di 2 impegnative regolarizzate; Che abbia letto il Consenso Informato; Possesso di acqua da assumere dopo esecuzione di biopsia. PRIMA DELLA PRATICA

11 CAMPETTO STERILE

12

13 Collaborare con il medico; Posizionare i frustoli bioptici sulle spugnette. Controllare il paziente; Invitarlo a bere adeguatamente; Invitarlo ad urinare appena ne avverte lo stimolo; Informare il paziente delle possibili complicanze immediate; Informare il paziente delle possibili complicanze tardive; Riferire al medico qualsiasi sanguinamento massivo o ritenzione urinaria; Invitare il paziente a continuare ad assumere la terapia antibiotica fino a prescrizione medica; Avvertire il paziente di recarsi in Ospedale in caso di: comparsa di febbre alta, difficoltà nella minzione o sanguinamento eccessivo; DURANTE ESECUZIONE DELLA PRATICA: AL TERMINE DELLA ESECUZIONE DELLA PRATICA:

14 COMPLICANZE Emorragiche: sono lievi e transitorie. 1) Sangue nelle urine o nelle feci 2) EMOSPERMIA. Ritenzione urinaria: Richiede il posizionamento del Catetere Vescicale da trattenere per qualche giorno. Infiammatorie: Ritenzione acuta di urine con necessità di posizionamen- to di catetere vescicale per qualche giorno. Infettive: FEBBRE ELEVATA e BRUCIORI ALLA MINZIONE. Exitus: per shock settico dopo esecuzione di Biopsia Trans Rettale. Sindrome vaso-vagale: Episodi severi sono rari. La maggior parte a rapi- da risoluzione.

15 COMPLICANZE RIPORTATE DALLA LETTERATURA Tecnica Tecnica Trans-Perineale Trans-Rettale Ematuria % 47-74% Ematuria severa 0,7 % 0,1-0,7% Emospermia % 19-45% Ematoma pelvico 0,1 % 0,0% Dolore (con anestesia) 31 % 36% Disuria 2,7 % 6,8-7,2% Ritenzione 2 % 1% Setticemia 0,1-0,7 % 0,1-0,2% Infezione urinaria 0,o -0,5 % 27-32% Rettorragia o,0 % Lieve 4,9-22,1% Severa 1,2% Febbre 0,5 % 1%

16 METODO DI RACCOLTA DEI CAMPIONI Cassettine forate per tessuti, allinterno delle quali il frammento bioptico viene disteso su di una spugnetta imbevuta di soluzione fisiologica, coperto da una seconda spugnetta eguale alla prima, su cui si chiude il coperchio della cassetta. TECNICA PIU USATA. La cassettina viene immerso nel liquido fissativo (formalina al 10%). TECNICA A BASSO COSTO. TECNICA CASSETTE O A SANDWICH

17 METODI DI IDENTIFICAZIONE DEI FRAMMENTI I frammenti devono essere identificati : destra - sinistra p apice – zona media – base Il modo più semplice e più sicuro per identificare la sede del prelievo è quello di mettere ciascun frammento in un contenitore diverso, con lindicazione, numerica o alfabetica, del lato e dellarea della prostata da cui il frammento proviene. Questa etichettatura, scritta su ciascun contenitore, deve essere riportata anche sulla richiesta scritta di esame istopatologico. Per lato Per sede del prelievo

18 FRAMMENTI BIOPTICI I prelievi devono essere eseguiti con ago 18 gauge di tipo automatico. La cripta dellago deve avere una lunghezza di almeno 15 mm. Un frammento adeguato deve avere una lunghezza di almeno 10 mm. Al momento del prelievo si deve controllare la qualità e la lunghezza del frammento e, in caso di prelievo insufficiente, ripetere il prelievo nella stessa sede. Sotto il profilo qualitativo, un frammento bioptico è considerato adeguato quando contiene almeno 1 ghiandola prostatica. Il numero di prelievi da eseguire dovrebbe essere tra 8 e 10. Nel nostro ambulatorio il numero di prelievi effettuati è: 20.

19 CAMPIONI BIOPSIA PROSTATICA INVIATI IN ANATOMIA PATOLOGICA Nel nostro Ambulatorio il numero dei prelievi è 20 così suddiviso: Apice dx: 1 Celletta (2 prelievi bioptici) Zona Media dx: 2 Cellette (4 prelievi bioptici) Base dx: 2 Cellette (4 prelievi bioptici) Apice sx: 1 Celletta (2 prelievi bioptici) Zona Media sx: 2 Cellette (4 prelievi bioptici) Base sx: 2 Cellette (4 prelievi bioptici)

20 AGO E GUIDA ECOGRAFO

21 STRISCIO FRAMMENTO BIOPTICO

22 REBIOPSIA DOPO PRIMA BIOPSIA NEGATIVA 1° biopsia inadeguata: (sotto i 6 prelievi; assenza di ghiandole prostati- che; frammenti piccoli e non leggibili). PIN di alto grado alla prima biopsia; Per valori di P. S. A. costantemente > 10 ng./ml; Quando la PSA velocity è > a 0,75/1 ng/ml. anno; Ripetere entro 6 – 12 mesi; Il numero dei prelievi va aumentato rispetto alla prima. La biopsia deve essere ripetuta:

23 CONCLUSIONI RUOLO CENTRALE DELLINFERMIERE per: Prevenzione complicanze; Assistenza durante la procedura; Assistenza psicologica durante (dolore) e dopo la procedura (rassicurazioni circa le evenienze come blanda ematuria, rettorragia, etc…); Precisione del campionamento (prelievo ed invio); Organizzazione dellambulatorio di biopsie.


Scaricare ppt "ASPETTI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA : (METODI, STRUMENTI, CONSENSO, PREPARAZIONE, RICHIESTE ANATOMIA PATOLOGICA, ESECUZIONE, FOLLOW-UP POSTBIOPSIA, REFERTAZIONE)"

Presentazioni simili


Annunci Google