La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LORIENTAMENTO AL CLIENTE E LE IMPRESE MARKET DRIVEN Gruppo: Monica Bartoli Francesca Tumidei Jenny Sanchini Serena Sandroni Corso di Marketing IIA/A 2007-2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LORIENTAMENTO AL CLIENTE E LE IMPRESE MARKET DRIVEN Gruppo: Monica Bartoli Francesca Tumidei Jenny Sanchini Serena Sandroni Corso di Marketing IIA/A 2007-2008."— Transcript della presentazione:

1 LORIENTAMENTO AL CLIENTE E LE IMPRESE MARKET DRIVEN Gruppo: Monica Bartoli Francesca Tumidei Jenny Sanchini Serena Sandroni Corso di Marketing IIA/A

2 Tradizionalmente, le imprese erano create per un mondo di TRANSAZIONI tra organizzazioni gerarchiche, divisionali e burocratiche e i loro clienti. Oggi, il mondo si muove verso un modello di attività economica basato sullo scambio nel contesto di RELAZIONE di lungo termine e partnership fra attori economici nella struttura di network (rete). TRANSAZIONI RELAZIONI PARTNERSHIP

3 VECCHIO CONCETTO DI MARKETING SCENARIO ECONOMICO: Il vecchio concetto di marketing si è sviluppato negli anni 50, un periodo di crescita e ricchezza. Lo scenario economico in cui si trovava il cliente degli anni cinquanta era caratterizzato da SCARSITA ( in termini di capacità produttiva), OTTIMISMO, CRESCITA. CLIENTE CLIENTE: Chi faceva marketing aveva di fronte un cliente con aumentato potere di spesa e fiducioso nel futuro. La produzione di massa e il consumo di massa dei prodotti con alti valori simbolici caratterizzavano lera della società del cliente soprannominata la ricca società. Fu letà del consumo vistoso, dove i prodotti erano spesso acquistati basandosi su cosa comunicavano riguardo al concetto di stile di vita dei clienti tanto quanto per i loro specifici benefici di prestazione.

4 NUOVO CONCETTO DI MARKETING SCENARIO ECONOMICO: Si sviluppa negli anni 90, un periodo caratterizzato da CAPACITA PRODUTTIVA ECCESSIVA, PESSIMISMO, STAGNAZIONE. La competizione globale è ora un fatto nella vita economica. CLIENTE: Ha un ALTO GRADO DI CAUTELA essendo in un periodo di incertezza economica e instabilità politica E GLOBALE, poiché può scegliere tra una varietà di prodotti e servizi di produttori localizzati in ogni parte del mondo E interessato allambiente naturale Giudica i prodotti e servizi in termini di VALORE (definito come la differenza tra benefici e costo/prezzo inclusi i costi per luso)

5 THE VALUE DELIVERY CONCEPT OF STRATEGY DIFFUSIONE DI QUALITA: La qualità diventa lelemento chiave per creare vantaggio E un concetto troppo importante per essere affidato a un solo reparto specializzato; la politica generale dellimpresa è rivolta ad essa IMPRESA INTELLIGENTE James Brian Quinn molte imprese efficaci oggi possono essere considerate intelligenti se convertono le loro risorse intellettuali e le integrano al prodotto in modo utile per il cliente… Il valore è definito sul MERCATO dove i clienti valutano continuamente le offerte dei prodotti della concorrenza sulla base delle loro necessità e delle loro preferenze (in continuo mutamento) COMPETENZE DISTINTIVE: Fonte sostenibile e univoca di vantaggio competitivo da parte dellimpresa; la parte materiale del prodotto viene completata con una serie di servizi

6 VALUE PROPOSITION: CONOSCERE E SCEGLIERE I CLIENTI I clienti creano valore per limpresa, le informazioni su essi diventano la risorsa strategica più critica POSIZIONAMENTO, SEGMENTAZIONE e SCELTA del TARGET sono i requisiti essenziali per un efficiente piano strategico Limpresa deve essere SELETTIVA: non tutti i clienti sono di valore per i miei affari! Sono importanti quelli che danno valore a ciò che limpresa sa fare bene

7 VALUE PROPOSITION: LEALTA DEL CLIENTE La nuova idea di marketing non è più VENDERE ma SVILUPPARE UNA RELAZIONE CONTINUA CON I CLIENTI Il CLIENTE si mostra leale restando fedele allimpresa che soddisfa le sue preferenze e necessità LIMPRESA si mostra leale diventando bene informata sul cliente e rispondendo con offerte di prodotto superiori alle sue aspettative

8 DALLA MASS PRODUCTION ALLA MASS CUSTOMIZATION Produzione in serie e Marketing tradizionale Contesto caratterizzato da: -DOMANDA: beni di appartenenza, aspettative omogenee -TECNOLOGIA: tecniche di produzione standardizzate -FATTORI CRITICI: economie di scala, pubblicità e distribuzione -IMPRESA: grande impresa integrata verticalmente Personalizzazione di massa e Marketing relazionale 1990-oggi Scenario caratterizzato da: -DOMANDA: varietà e variabilità, prodotti personalizzati, valutazione del value for money -TECNOLOGIA: sviluppo ICT e internet -FATTORI CRITICI: risorse materiali, economie di varietà, velocità, qualità e apprendimento -IMPRESA: focalizzata sui processi, inserita in network, pro-attiva

9 Obiettivo mass production : produrre prodotti di sufficiente qualita a bassi costi. Obiettivo mass customization : sviluppare, produrre, distribuire, prodotti personalizzati adatti a soddisfare le singole richieste. Processi e prodotti stabili dinamici Lavorare con tecnologie di prodotti esistenti, in forma modulare per creare specifici prodotti per specifici clienti

10 la personalizzazione di massa rappresenta la morte della funzione di marketing ….. il trionfo della disciplina di marketing (B. Joseph Pine) Il Marketing diventa parte della cultura organizzativa e del sistema di conoscenze che devono guidare le decisioni prese ad ogni livello. Focus della nuova cultura organizzativa IL CLIENTE

11 LORIENTAMENTO AL CLIENTE Tale orientamento consiste in un insieme di conoscenze, supportate da informazioni attuali e precise riguardanti: bisogni dei singoli clienti, desideri ottenute attraverso preferenze un contatto diretto abitudini dacquisto con essi.

12 Il concetto di azienda orientata al mercato va oltre lorientamento al cliente, poiché considera 3 variabili: capacità e prodotti offerti dallimpresa capacità e prodotti offerti dai concorrenti come il cliente, in base ai propri bisogni, considera le prime due variabili. Lintersezione di questi tre aspetti concorre a definire il valore per i clienti.

13 LA LEARNING ORGANIZATION Organizzazione che si migliora e si reinventa continuamente Sempre più orientata alla personalizzazione di massa, introduce cambiamenti alla struttura esistente per: -sviluppare e migliorare competenze distintive -imparare dai nuovi partner in aree critiche per lo sviluppo e la distribuzione del valore al cliente NETWORK ORGANIZATION che richiede una stretta cooperazione tra tutte le funzioni aziendali

14 … IN CONCLUSIONE -Orientato allazione -Orientato ai clienti -Confinato alla funzione commerciale - Orientato allazione, allanalisi e alla cultura -Orientato al cliente, ma anche agli altri attori del mercato -Si sforza di diffondere la cultura del mercato a tutti i livelli dellorganizzazione MKTG MANAGEMENT TRADIZIONALE MARKET DRIVEN MANAGEMENT Unimpresa che aumenta il suo orientamento al mercato migliorerà di conseguenza il suo risultato economico.


Scaricare ppt "LORIENTAMENTO AL CLIENTE E LE IMPRESE MARKET DRIVEN Gruppo: Monica Bartoli Francesca Tumidei Jenny Sanchini Serena Sandroni Corso di Marketing IIA/A 2007-2008."

Presentazioni simili


Annunci Google