La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dellarmonia fisica EDUCAZIONE ALIMENTARE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dellarmonia fisica EDUCAZIONE ALIMENTARE."— Transcript della presentazione:

1 Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dellarmonia fisica EDUCAZIONE ALIMENTARE

2 Anche se in totale inattività, il corpo umano impiega comunque energia per il funzionamento di organi ed apparati, per il mantenimento della temperatura corporea, per il continuo ricambio delle cellule che si rinnovano (pelle, sangue, intestino…) Lenergia necessaria viene ricavata dagli alimenti Lorganismo è una macchina biochimica che consuma carburante

3 FABBISOGNO ALIMENTARE E la somma dei nutrienti necessari contenuti nel cibo, capaci di assicurare allorganismo uno stato di salute ottimale e di assicurare al bambino un accrescimento corrispondente al suo potenziale genetico ed alla sua età LIVELLI di ASSUNZIONE RACCOMANDATI Sono le quantità di alimenti sufficienti a coprire i bisogni nutrizionali di una persona sana Società Italiana di Nutrizione Umana

4 ACCRESCIMENTO Non è un semplice aumento delle dimensioni corporee Comporta modificazioni biochimiche e trasformazioni metaboliche necessarie allorganismo per svolgere e mantenere ogni attività vitale

5 METABOLISMO E linsieme delle trasformazioni di materia e di energia che si compiono negli organismi viventi

6

7 Le SOSTANZE NUTRITIVE sono divise in tre gruppi fondamentali 1.CARBOIDRATI o ZUCCHERI 2.PROTEINE 3.LIPIDI O GRASSI Anche ACQUA, SALI MINERALI, VITAMINE e OLIGOELEMENTI sono indispensabili per la vita: pur non fornendo energia essi sono utilizzati per un corretto funzionamento di tutto lorganismo

8 Metabolismo e fabbisogno energetico Metabolismo e fabbisogno proteico Metabolismo e fabbisogno glucidico Metabolismo e fabbisogno lipidico Metabolismo idroelettrolitico Fabbisogno di mineraliFabbisogno di vitamine

9 Metabolismo e fabbisogno energetico Nellorganismo ha luogo la trasformazione dellenergia chimica degli alimenti nelle varie forme di energia umana (meccanica, chimica, termica, etc.) Questa può essere valutata mediante lo studio del ricambio energetico Lunità di misura utilizzata negli studi del bilancio energetico nei sistemi biologici è la KILOCALORIA (KCAL) Il valore calorico degli alimenti è il seguente ZUCCHERI:4 cal/g LIPIDI:9 cal/g PROTEINE:4 cal/g

10 Fabbisogno energetico Esprime la quantità di energia chimica che è necessario introdurre con gli alimenti Il fabbisogno energetico totale comprende i seguenti fabbisogni energetici parziali: F.E. per il metabolismo basale F.E. per laccrescimento F.E. per lattività fisica F.E. per lazione dinamico-specifica degli alimenti Perdita con gli escreti

11 Fabbisogno energetico per Kg di peso corporeo al giorno M.BAccrescimentoAttività motoria A.D.SPerditeTotale Neonato anni anni anni anni anni Adulto

12 Livelli di assunzione giornaliera di energia raccomandati dalla SINU MaschiFemmine Kcal/totali 0-3 mesi mesi anni anni anni anni anni anni anni

13 PROTEINE Le proteine alimentari vengono utilizzate dallorganismo del bambino soprattutto per laumento della massa corporea. Hanno inoltre funzioni catalitiche (enzimi), difensive (anticorpi) e di regolazione (ormoni) Le proteine sono costituite da AMINOACIDI Gli aminoacidi sono distinti in: Aminoacidi ESSENZIALI (che non possono essere sintetizzati dallorganismo) Aminoacidi NON-essenziali (che possono essere sintetizzati da altri precursori nellorganismo)

14 PROTEINE

15 Superiorità QUALITATIVA delle PROTEINE ANIMALI rispetto alle PROTEINE VEGETALI Tra le PROTEINE ANIMALI il maggior valore biologico è posseduto dalle proteine dellUOVO, seguito da quelle del LATTE e della CARNE Le PROTEINE VEGETALI hanno un basso valore biologico per la carenza di uno o più degli aminoacidi essenziali In ordine decrescente: Farina di soia, Riso, Grano, Patate, Mais LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI (10-15 anni) g/kg/die

16 CARBOIDRATI O ZUCCHERI

17 Pur rappresentando solo l1% del corpo umano costituiscono il più importante principio nutritivo della nostra alimentazione poiché coprono dal 40 al 70% del fabbisogno calorico Sono elementi fondamentali di ogni dieta. E raccomandata unassunzione giornaliera che corrisponde al % delle calorie totali. I carboidrati alimentari devono essere tutti trasformati in glucosio prima di poter essere usati dallorganismo. Il glucosio derivato dai glucidi alimentari attraversa la mucosa intestinale ed è convogliato al fegato Può essere utilizzato immediatamente ai fini energetici, oppure venire depositato sotto forma di GLICOGENO nel fegato, muscoli ed in molti altri tessuti

18 CARBOIDRATI O ZUCCHERI FUNZIONI dei CARBOIDRATI nella dieta e nellorganismo umano sono varie: 1.FUNZIONE ENERGETICA: i carboidrati sono la sorgente di energia più pronta (cervello, fegato, muscoli) 2.FUNZIONE STRUTTURALE: partecipano alla sintesi di acidi nucleici, glicoproteine e cerebrosidi 3.FUNZIONE DISINTOSSICANTE: intervengono nei processi di depurazione e di eliminazione delle sostanze tossiche

19 TIPI e FONTI dei PRINCIPALI CARBOIDRATI ALIMENTARI CarboidratiAlimentiProdotti della digestione MONOSACCARIDI GlucosioFrutta, mieleglucosio FruttosioFrutta, mielefruttosio GalattosioCon il glucosio costituisce il lattosio galattosio DISACCARIDI LattosioLatte e latticiniGlucosio+galattosio SaccarosioBarbabietole, canna da zucchero Glucosio +fruttosio MaltosioMalto e farine di cereali trattate con malto Glucosio

20 TIPI e FONTI dei PRINCIPALII CARBOIDRATI ALIMENTARI CarboidratiAlimentiProdotti della digestione POLISACCARIDI Amidi e destrineCereali, tuberi e legumiglucosio GlicogenoCarne, pescefruttosio CellulosaFoglie e gambi vegetalinon-digeribili PectineFruttanon-digeribili

21 Fabbisogno giornaliero di carboidrati Tra i anni: 8 g/kg/die Oltre i 16 anni: 5-7 g/kg/die CARBOIDRATI O ZUCCHERI

22

23 LIPIDI o GRASSI Si riconoscono tre classi principali: TRIGLICERIDI FOSFOLIPIDI COLESTEROLO In base al loro significato biologico: LIPIDI di DEPOSITO: trigliceridi (funzione di riserva energetica) LIPIDI STRUTTURALI: costituenti delle membrane cellulari (fosfolipidi e colesterolo)

24 LIPIDI di STRUTTURA

25 I LIPIDI a temperatura ambiente si possono trovare in uno stato solido oppure liquido. I primi vengono definiti GRASSI mentre i secondi vengono a far parte degli OLII I LIPIDI sono presenti come componenti principali di condimenti come olio di oliva, di semi, burro e margarina, ma anche in quantità più o meno cospicua nei derivati del latte, nelle carni e nei salumi LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI (12-15 anni) 1.6 g/kg/die LIPIDI o GRASSI

26 E necessario porre attenzione alla quantità ed alla qualità dei GRASSI alimentari LIMITARE la quantità di GRASSI SATURI e di COLESTEROLO contenuti maggiormente nelle carni animali (INSACCATI), nel burro, nella panna e nei formaggi PREFERIRE i GRASSI POLINSATURI (olio di girasole e mais) ed in particolare quelli contenuti nel PESCE e nellOlio di PESCE (acidi grassi omega 3)

27 Ancor più importante lutilizzo dei GRASSI MONOINSATURI contenuti principalmente nellOLIO dOLIVA

28 Attualmente si preferisce la dieta mediterranea che apporta sottoforma di CARBOIDRATI il 55-60% delle calorie, RIDUCENDO la quota LIPIDICA ed in parte quella PROTEICA

29 ACQUA, VITAMINE, SALI MINERALI, OLIGOELEMENTI LACQUA è il componente principale degli organismi viventi (70% circa del peso), è un elemento dietetico indispensabile, la cui CARENZA conduce ad effetti DANNOSI ancor più rapidamente che la carenza alimentare FABBISOGNO IDRICO AL GIORNO ml/kg/die (10-12 anni) 50 ml/kg/die (adulto)

30 Le VITAMINE sono sostanze organiche che il nostro organismo non è in grado di fabbricare da solo e sono elementi INDISPENSABILI alla VITA Vitamine liposolubili: A,D,E,K Vitamine idrosolubili: C e complesso B VITAMINE

31 SALI MINERALI Sono sostanze inorganiche, anchessi elementi essenziali nella nostra dieta Svolgono importanti funzioni di controllo e di regolazione dellattività cellulare Sodio, Potassio, Calcio, Fosforo e Magnesio

32 Si trovano negli organismi animali in piccole quantità. Pur essendo presenti in tracce, alcuni di essi giocano un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo delluomo OLIGOELEMENTI Attualmente sono considerati ESSENZIALI per luomo NOVE oligoelementi FERRO, RAME, ZINCO, MANGANESE, COBALTO, SELENIO, CROMO, MOLIBDENO, IODIO

33 EDUCAZIONE ALIMENTARE Le abitudini nutrizionali si instaurano in età infantile ed hanno un chiaro effetto sui livelli plasmatici dei lipidi e sul rischio di malattia cardio-vascolare, obesità e diabete e quindi sul destino del bambino e delladolescente

34 La dieta delladolescente italiano risulta IPERPROTEICA (15%) con un eccesso di assunzione di proteine di origine animale, IPERLIPIDICA (32-38%) con un elevato intake di acidi grassi saturi (11.9%) e IPOGLICIDICA (48-52,9%) con relativo esagerato intake di zuccheri a rapido assorbimento ASSUNZIONE DI NUTRIENTI ERRORI QUANTITATIVI e QUALITATIVI Altri errori sono il ridotto apporto di fibra alimentare, di calcio e nelle adolescenti anche di ferro

35

36 ASSUNZIONE DI NUTRIENTI ERRORI QUANTITATIVI e QUALITATIVI Monotonia della dieta Errata distribuzione dellintake calorico durante il giorno Pasti nutrizionalmente inadeguati ed intervallati da numerosi spuntini Mancata assunzione di una prima colazione

37 CONSIGLI UTILI E consigliabile suddividere lassunzione giornaliera di alimenti in 4-5 pasti (evitando i fuori pasto) con la seguente ripartizione calorica: Colazione + spuntino 20% Pranzo 40% Merenda 10% Cena 30%

38 GLI ASSAGGI PERICOLOSI Le Calorie Extra Alimenti Calorie Caramelle (6 g): 24 Olive (n3) 35 Cioccolatino (medio) 57 Spremuta di arancia 70 Cappuccino 100 Coca Cola (latt.330 cc) 135 Gassosa " 135 Briosce 150 Noccioline (20 g) 150 Tramezzino al prosciutto e formaggio 210 Panino con salame 3 Confronto tra alcuni farinacei Alimento Calorie in 100 g Crackers 447 Fette Biscottate 410 Grissini 382 Pane all'Olio 364 Pane comune 277 Pane integrale 243 Pasta all'uovo 368 Pasta comune 361 Riso 361 Semolino 344

39 Si raccomanda di privilegiare largamente i CARBOIDRATI COMPLESSI (AMIDI) e di limitare lapporto in grassi, zuccheri semplici e sale Per una alimentazione sana vanno assunte, tutti i giorni, abbondanti quantità di FRUTTA e VERDURA (non meno di 400 g), alimenti a cui oggi è riconosciuto un ruolo specifico in senso salutare e preventivo CONSIGLI UTILI

40 Altro elemento fondamentale è la rimozione di una eccessiva sedentarietà con lo svolgimento di una regolare ATTIVITA FISICA GIORNALIERA Lo stile di vita di un adolescente è prevalentemente caratterizzato da un numero elevato di ore quotidiane dedicate ad attività sedentarie (compiti, televisione, computer …) e da uno scarso numero di ore di attività fisica CONSIGLI UTILI

41 LESERCIZIO FISICO è infatti un fattore chiave nella determinazione della quantità di energia spesa quotidianamente e risulta fondamentale per il controllo del peso. Almeno UNORA AL GIORNO di ATTIVITA MOTORIA a moderata intensità, come il camminare è già un buon aiuto per mantenere la salute e la forma fisica

42 CONSIGLI UTILI La SCUOLA può fornire un contributo fondamentale ai fini delleducazione alimentare mediante: 1.La refezione scolastica. La dieta da proporre deve essere controllata qualitativamente e quantitativamente da personale competente, coinvolgendo e sensibilizzando anche i genitori 2.Programmi di attività fisica e sportiva, adeguati alletà dei bambini/adolescenti, da attuare nel corso della programmazione scolastica 3.Corsi di aggiornamento/incontri in materia nutrizionale tra esperti del settore, insegnanti e alunni 4.Recupero del ruolo fondamentale dei genitori che con laiuto di medici, insegnanti, istituzioni dovrebbero essere messi in grado di cambiare la proprie abitudini scorrette al fine di essere un modello di comportamento per i propri figli

43 OKKIO ALLA SALUTE Indagine condotta nelle scuole italiane dal Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali LOBESITA non è solo un problema sanitario, ma soprattutto EDUCATIVO e SOCIALE che coinvolge la FAMIGLIA, la SCUOLA, le ISTITUZIONI sino alle AZIENDE PRODUTTRICI

44 OKKIO ALLA SALUTE Il picco maggiore di OBESITA si riscontra in alcune regione del SUD, con in testa la CAMPANIA che ha un tasso di obesità del 21%, seguono la SICILIA con il 17% e la Calabria con il 16% Tra le cattive abitudini alimentari: 1.11% dei bambini salta la prima colazione 2.28% non la fa in maniera adeguata 3.Troppe calorie per la merenda 4.Quasi un bambino su quattro non consuma né frutta, né verdura

45 OKKIO ALLA SALUTE Anche lattività fisica, in Italia, non sembra essere molto praticata 1.Molta televisione e videogiochi e poca attività fisica sia a casa che a scuola. 2.La metà dei bambini possiede un televisore in camera propria e solo 1 bambino su 10 svolge il livello di attività fisica raccomandato per la sua età. La percezione del problema da parte dei genitori 1.Quattro mamme su dieci di bimbi in sovrappeso non ritengono che il proprio figlio abbia un peso eccessivo rispetto allaltezza. Anche la quantità di attività fisica sembra non avere la giusta valutazione

46 PESO CORPOREO E la massa (PESO) di un organismo vivente, determinato dalla massa dei tessuti, organi e liquidi nel sistema OBESITA Eccesso di peso superiore al 30% del peso ideale in funzione della statura SOVRAPPESO Eccesso di peso NON superiore al 30% del peso ideale in funzione della statura

47 CAUSE SOVRAPPESO/OBESITA ALIMENTAZIONE IPERCALORICA 1.Di tipo quantitativo: consiste nellingerire una quantità eccessiva di cibo, a causa della incapacità di regolare e controllare il proprio appetito In questo caso anche seguendo una DIETA SANA un individuo finisce comunque con landare in sovrappeso 2. Di tipo qualitativo: riguarda soggetti con appetito normale o addirittura scarso, ma comunque in sovrappeso a causa di una alimentazione sbagliata. Gli errori più comuni riguardano la scelta di cibi ipercalorici come i grassi e i carboidrati dotati di scarsa sazietà, unalimentazione molto frequente e lassunzione di inutili calorie (caramelle, bevande zuccherate)

48 La DIETA IDEALE deve essere personalizzata, gradevole, quantitativamente moderata e deve prevedere: 1.Apporto calorico pari a quello indicato dai LARN per età e sesso: Ragazzi di anni: kcal/die 2.Intake alimentare suddiviso in 4-5 pasti con la seguente ripartizione calorica: Colazione + spuntino20% Pranzo40% Merenda5-10% Cena30%

49 LA PRIMA COLAZIONE E GLI SPUNTINI Fare la prima colazione è una buona abitudine: essa, infatti, dopo una notte di digiuno, fornisce allorganismo la quota necessaria di energia per affrontare gli impegni della giornata Un effetto diretto della omissione della colazione è il peggioramento della performance nelle prime ore della giornata che nei ragazzi si manifesta con una ridotta capacità di concentrazione e di resistenza durante lattività fisica

50 LA PRIMA COLAZIONE Una colazione deve avere un valore energetico di circa 400 cal. Questo valore va dimezzato se si intende effettuare una merenda a metà mattina COLAZIONE STANDARD 1.The deteinato con un cucchiaio di zucchero 2.Un bicchiere di latte parzialmente scremato fette biscottate con la marmellata + un frutto o una spremuta darancia 4.In alternativa: yogurt, cereali, frullati di frutta e latte e biscotti secchi

51 LE MERENDE Dovrebbero includere FRUTTA e VERDURA di STAGIONE poiché la maggior parte dei ragazzi non ne mangia 4 -5 porzioni raccomandate per ogni giorno, yogurt o latte 1/2 crema, pane integrale, cereali, fette biscottate con marmellata anche tutti i giorni Prodotti da forno: torte con marmellate fatte in casa Gelati non più di 2 volte a settimana

52 PRANZO 1.Pasta di semola, alluovo, o RISO ( gr) condita con sugo di pomodoro fresco + olio crudo 2.Carne magra (manzo, vitello, agnello, coniglio, pollo, tacchino) (100 gr) Pesce (pesce azzurro, merluzzo, sogliola, spigola, orata) ( gr) Formaggio non stagionato (Bel paese, stracchino, ricotta, fontina, mozzarella, emmenthal) (60-80gr) Due uova Prosciutto cotto, prosciutto crudo (80 gr) 3.Verdura al netto: bietola, pomodoro, calvofiore, melenzane (100 gr), zucchine, spinaci (150 gr), sedano, lattuga (200 gr) + olio crudo 4.Frutta al netto: mele, pere, prugne (150 gr), banane (80 gr), arancia, pesche, fragole (200 gr) 5.Pane

53 CENA 1.Passato di verdure o passato di legumi (100 gr) 2.Carne magra 100 gr (sostituzioni come per il pranzo) 3.Verdura al netto 100 gr + olio 4.Frutta al netto 150 gr 5.Pane 25 gr

54 Perché questi incontri Conoscere le regole per una alimentazione equilibrata Integrare le informazioni ricevute con le proprie conoscenze e i propri vissutiù Conoscere il pericolo di condotte alimentarj devianti o scorrette Sapere operare una corretta distribuzione dei pasti nellarco della giornata Essere consapevole dellimportanza di consumare in quantità adeguata i vari nutrienti Promuovere processi di individuazione e autoriconoscimento creando un canale di comunicazione fra i giovani e i servizi socio-sanitari Approfondire per accompagnare e supportare il lavoro degli insegnanti coi ragazzi, sostenere il progetto realizzato e la sua continuità Trasformare la classe in gruppo attraverso la comunicazione di emozioni e contenuti significativi per i soggetti che ne fanno parte

55 La nutrizione secondo il libro di scienze Tutti gli esseri viventi hanno bisogno di materia ed energia. Il processo che rende possibile questo rifornimento è la nutrizione. Questa è determinata da: Assunzione Digestione Assorbimento Assimilazione Raccolta ed eliminazione

56 Lenergia necessaria viene ricavata dagli alimenti Lorganismo è una macchina biochimica che consuma carburante Anche se in totale inattività, il corpo umano impiega comunque energia per il funzionamento di organi ed apparati, per il mantenimento della temperatura corporea, per il continuo ricambio delle cellule che si rinnovano (pelle, sangue, intestino…) LIVELLI di ASSUNZIONE RACCOMANDATI Sono le quantità di alimenti sufficienti a coprire i bisogni nutrizionali di una persona sana Società Italiana di Nutrizione Umana

57 Metabolismo e fabbisogno energetico Metabolismo e fabbisogno proteico Metabolismo e fabbisogno glucidico Metabolismo e fabbisogno lipidico Metabolismo idroelettrolitico Fabbisogno di minerali Fabbisogno di vitamine

58 Fabbisogno energetico Inserire tabella 4.1 pag 260 Il fabbisogno energetico è costituito da: Metabolismo basale è il consumo energetico di un soggetto a riposo, a digiuno da 14 ore, in condizioni di neutralità termica Accrescimento comprende lenergia necessaria per la sintesi dei tessuti e quella presente nei tessuti sintetizzati Attività fisica è la quota calorica ad essa necessaria Azione dinamico-specifica degli alimenti si riferisce alle proprietà metaboliche di prodotti di trasformazione degli alimenti. E più elevata per le proteine Perdite caloriche con gli escreti si aggirano intorno al 10% al giorno della quota calorica totale

59 ATTENZIONE ALLECCESSIVO APPORTO DI PROTEINE ECCESSIVO CARICO RENALE DI SOLUTI PROTEINE


Scaricare ppt "Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dellarmonia fisica EDUCAZIONE ALIMENTARE."

Presentazioni simili


Annunci Google