La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ottobre 2007 ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI Schema di base.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ottobre 2007 ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI Schema di base."— Transcript della presentazione:

1 Ottobre 2007 ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI Schema di base

2 Ottobre 2007 START Circolare del cliente o comunicazione da parte del FO a LOG5 LOG5 aggiorna anagrafica clienti LOG5 inserisce cod. ABI-CAB aggiornamento automatico (trans. XD02) LOG5 inserisce CAB-ABI e immette la nuova descrizione La banca è già aperta in SAP? LOG5 archivia i documenti STOP LOG5 trasmette copia del documento a FIN Processo: Anagrafica cliente Modifica anagrafica cliente Variazione 0 Inserimento banca FI DA clienti 8 sino

3 Ottobre 2007 START Scelta Incoterms Inserimento Condizione manuale o automatica in ordine di vendita Costo imballo STOP Processo: Ordine di vendita Scelta Incoterms SD DA Varie 02 In % a costo Ordine di vendita F. CO Destinazione + Tipo costo imballo Spedizione Packing a Spedizione

4 Ottobre 2007 SIMBOLOGIA  Attività: Rettangolo  Decisione: Rombo  Dati : Informazioni, elettroniche verbali, scritte (input e output per altri processi)

5 Ottobre 2007 SIMBOLOGIA  Documenti : Fattura, ordine, report (input e output altri processi)  Attività manuale: Trapezio rovesciato  Collegamenti ad altri processi/flussi: cerchio

6 Ottobre 2007 PERCORSO FORMATIVO DI UN PROGETTO TRIENNALE DI ALTERNANZA (2 di 2) RUOLO PROCESSO IMPRESA 1° anno (2a classe) Apprende lo scopo dell’impresa 2° anno (3a classe) Apprende il significato di catena di creazione del valore 3° anno (4a classe) Sperimenta la partecipazione alla creazione del valore d’impresa Anno Classe Percorso Livello di competenze obiettivo 1° 2a conoscenza impresa elementare 2° 3a approccio al processo maturo 3° 4a approccio al ruolo esperto

7 Ottobre ) Delibere formali da parte degli Organi dell’Istituto Scolastico 2) Costituzione dell’Unità Formativa 3) La Partnership di Progetto 4) Il Piano d’azione preliminare Accertata - la disponibilità dell’impresa partner - la condivisione della vision del Progetto con i Consigli di Classe - la costituzione dell’”Unità formativa” del Progetto, con definizione dei ruoli - l’individuazione delle classi protagoniste del Progetto - l’individuazione di eventuali consulenti esterni Esempio delle macro-fasi del PROCESSO OPERATIVO di un PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (1 di 5)

8 Ottobre 2007 Il piano d’azione preliminare vede : - l’individuazione di eventuali Enti esterni di formazione - la bozza del Progetto - gli incontri con l’impresa partner, per - l’identificazione delle reciproche aspettative e obiettivi - la loro convergenza - la definizione con l’Impresa partner del profilo delle competenze da acquisire all’interno del ruolo in area da stabilire, in coerenza con il suo percorso di studio dello studente - la definizione congiunta del percorso formativo per acquisirle - l’identificazione dei tutors - l’informazione completa agli studenti coinvolti sia del progetto che dei suoi obiettivi/scopi - la stesura definitiva del Progetto - il piano d’azione operativo sviluppato su tre anni scolastici, dalla seconda, fino alla quarta classe (vedasi punto 5 ). Esempio delle macro-fasi del PROCESSO OPERATIVO di un PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (2 di 5)

9 Ottobre ) Il Piano d’azione operativo (il Processo formativo) Il piano d’azione operativo, a cura dell’”Unità formativa”, si sostanzia nei seguenti eventi in ordine cronologico: Primo anno (studenti di seconda classe : impegno di circa 30 ore), centralità del tema e obiettivo: (da definire) - Incontro del Consiglio di Classe con rappresentanti dell’impresa partner - preparazione alla visita aziendale delle classi interessate - visita aziendale - incontro in classe per la sistematizzazione e consolidamento dei valori dell’esperienza - verifica e valutazione dei risultati - dichiarazione delle competenze acquisite a livello collettivo Esempio delle macro-fasi del PROCESSO OPERATIVO di un PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (3 di 5)

10 Ottobre 2007 Secondo anno (gli stessi studenti in terza classe : impegno di circa 80 ore), centralità del Tema e obiettivo : (“da definire”) - incontro nella sede dell’impresa per la presentazione del ruolo e approccio al suo processo - incontro in classe per la sistematizzazione, rielaborazione e consolidamento degli effetti dell’incontro con tutti gli alunni delle classi, con il coinvolgimento dei compagni - verifica e valutazione dei risultati - dichiarazione delle competenze acquisite a livello individuale Esempio delle macro-fasi del PROCESSO OPERATIVO di un PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (4 di 5)

11 Ottobre 2007 Esempio delle macro-fasi del PROCESSO OPERATIVO di un PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (5 di 5) Terzo anno (gli stessi studenti in quarta classe: impegno previsto di circa 120 ore, comprensive dello stage), centralità del tema e obiettivo: “conseguimento delle competenze obiettivo”) - preparazione allo stage - incontro di avvicinamento di studenti e tutori al ruolo di ………………... in azienda - stage aziendale di 2 o 3 settimane - autovalutazione dello stagista - relazione dell’impresa partner - incontro in classe per la sistematizzazione, rielaborazione e consolidamento con tutti gli alunni delle classi, dei riscontri con le materie di studio, delle esperienze e delle competenze acquisite - verifica e valutazione dei risultati - dichiarazione delle competenze obiettivo individuali acquisite 6) Rendicontazione


Scaricare ppt "Ottobre 2007 ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI Schema di base."

Presentazioni simili


Annunci Google