La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alimentazione e Sostenibilità Note a cura di Fabio Musmeci Elementi di riflessione sugli impatti degli stili alimentari, versione del 19/03/2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alimentazione e Sostenibilità Note a cura di Fabio Musmeci Elementi di riflessione sugli impatti degli stili alimentari, versione del 19/03/2010."— Transcript della presentazione:

1 Alimentazione e Sostenibilità Note a cura di Fabio Musmeci Elementi di riflessione sugli impatti degli stili alimentari, versione del 19/03/2010

2 Scopi del Seminario Comprendere i problemi globali Capire che dipendono dai nostri comportamenti Sfatare sensi comuni (fame e demografia, aiuti, ecc.) Misurare i nostri comportamenti Cambiare i nostri comportamenti

3 Stato del Pianeta e Sostenibilità "Lo sviluppo sostenibile è la capacità di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri". Ambiente Società Economia Alimentazione?

4 I temi della sostenibilità ambientale Globali Effetto serra Strato di ozono Regionali Piogge acide Disboscamento Biodiversità Desertificazione Locali Rifiuti Inquinamento Risorse idriche

5 Indicatori di sostenibilità ambientale Energia per servizio Ettari per servizio (Impronta ecologica) Kg per servizio (MIPS)

6 Analisi del Ciclo di Vita

7 Temi della sostenibilità sociale Equità Esternalizzazione delle produzioni Demografia Fame Diversità colturale Consapevolezza Partecipazione Migrazioni

8 LInversione Alimentazione del Nord: Carne, formaggio Alimentazione del Sud: cereali Primato produzione del Nord sui cereali Primato produzione del Sud: superfluo per il Nord Negli ultimi 20 anni le esportazioni agricole del SUD sono cresciute Ma contemporaneamente sono aumentate le importazioni alimentari.

9 Esempi In Brasile la produzione di soia per lesportazione occupa 8,2 milioni di ettari= farina concentrata per 40 milioni di maiali oppure potrebbe produrre: Fagioli neri= proteine per 35 milioni Mais= calorie per 59 milioni In Costa DAvorio il 50% delle terre coltivate è per lesportazione. Solitamente le terre dedicate a produrre per lesportazione sono le migliori Fonte: Lettera ad un consumatore del Nord, CNMS 2000

10 Aumento di produzione di biocombustibili e aumento dei morti di fame l Il costo del grano, del riso, della soia sta crescendo l Il valore delle azioni delle aziende che producono biocarburanti aumenta l I campi producono etanolo al posto del pane

11 Gli effetti perversi degli aiuti allo sviluppo Gli aiuti sono destinati e vincolati alla: rivoluzione verde colture intensive esportazione ad abbattere i prezzi dei prodotti locali

12 Note sul Caffè Pianta alta anche 10 metri Coltivata la specie arabica Ogni frutto una coppia di semi Originario dellEtiopia poi anche nello Yemen Bevuto dagli arabi sin dal X secolo In Europa dal 1600 Nel 1650 olandesi a Ceylon e Giava Nel 1700 i francesi in Martinica Nel 1730 prime piantagioni a Rio de Janeiro Brasile maggior produttore 80% della produzione in America Latina In Italia 2000 miliardi

13 La speculazione: 2 esempi Al rialzo Al ribasso Vendita Acquisto Consegna Marzo Maggio Settembre Maggio Agosto Ottobre

14 Quanto guadagnano dal caffè (Costa davorio)

15 Liniqua spartizione dei guadagni Fonte: Panorama International 7/6/92 Caso delle Banane, in grigio in mano alle multinazionali: 60.3%

16 Concentrazione del mercato

17 Il divario tra ricchi e poveri nel Sud (al sud non sono tutti poveri) Se si prendono il 20% dei più ricchi e il 20% dei più poveri si vede che i ricchi consumano: Brasile 26:1 Messico: 20:1 Botswana: 23:1 I poveri assoluti sono il 34% del sud del mondo. Un decimo dei proprietari possiede: 80% della terra in Columbia 93% in Perù Fonte: Lettera ad un consumatore del Nord, CNMS 2000

18 Distruzione delle foreste tropicali % distrutto delloriginale: Africa Orientale ed occidentale: 72% Africa centrale: 45% America Latina: 37% Asia Meridionale: 63% Sud-Est Asiatico: 38% Mondo Totale: 42%

19 La desertificazione (dei deserti e delle noccioline) Nel Sahel ci sono due fasce: Nord ( mm) e Sud ( mm) Al Nord cera pastorizia, al Sud sorgo e miglio. Transumanza e riposo dei terreni, lAcacia-gomma-legno. Dal 1950 produzione di arachidi e cotone. Produzione intensiva abbassa le rese. Difficoltà per la pastorizia esempio in Senegal si passa per le arachidi da 2.5 T (1940) a 1 (oggi). Leccesso di coltivazione produce desertificazione.

20 La carne LUro (Grotte di Lascaux) Il Dio egiziano API

21 Carne e efficienza Fonte: F.M.Lappé: Diet for a small planet

22 Bilancio di massa per un hamburger di 90 gr 90 gr di hamburger nel piatto 93 gr in piastra 110 gr al ristorante 110 gr al magazzino 114 gr di carne tritata 230 gr di manzo al macello 1450 gr di alimenti Fonte: A.Carlsson et Al.:Energy use in food sector: a data survey

23 Bilancio energetico per un hamburger di 90 gr (MJ) :Trasporto : Macellazione : Macinazione e cong : Conservazione : Cottura Totale Fonte: A.Carlsson et Al.:Energy use in food sector: a data survey : Alimentazione

24 Limpronta Ecologica: Produttività (Kg/ettari) Carne bovina 49 Latticini749 Cereali 2744 Frutta e ortaggi Tuberi Fonte: M.Wackernagel, W.Rees: limpronta ecologica

25 Limpronta Ecologica: m 2 pro capite Carne bovina 5300 Latticini 160 Cereali 1660 Frutta e ortaggi 300 Tuberi 30 Impronta Ecologica Italiana: 3.1 ha di cui 1.9 per alimenti Fonte: M.Wackernagel, W.Rees: limpronta ecologica

26 Fatti circa la carne 50 litri di metano al giorno (11 volte la CO 2 ) Azoto e fosforo (40% e 35% carico in acque) 1 caloria di manzo = 10 calorie di cereali 145 Ml di T utilizzati per il bestiame 21 ritornano come carne Lo scarto (121 MT) ha un valore di 20 miliardi di $ Consumo acqua per kg di carne: 25 m 3 In Italia lagricoltura ha il 57.3% del consumo acqua Virilità Proteine

27 Consumi giornalieri pro capite espressi in nutrienti, secondo le indagini dellINRAN NutrientiRaccomandatoConsumatoDifferenzaCopertura Energia (kcal) % Proteine (g.) % - da animali % - da vegetali % Lipidi (g.) % - da animali da vegetali Carboidrati (g.) % Calcio (mg.) % Rielaborazione di dati contenuti nella Relazione presentata dallIstituto Nazionale della Nutrizione alla II Consensus Conference

28 Modelli e scenari: Image

29 Emissioni CO 2 (20% del totale) Fonte: Università della Tuscia e Napoli- Gennaio 2010

30 Organismi Geneticamente Modificati Vi sono due tipi di OGM: Intrageniche dove i cromosomi sono scambiati tra elementi della stessa specie Transgeniche dove i cromosomi sono scambiati tra elementi di specie diverse E possibile riconoscere tre generazioni di OGM: resistenti ai pesticidi e agli erbicidi adatti alle necessità del processo e della conservazione industriale I nutraceuti (nutrizionali+farmaceutici) dove accanto alle proprietà nutrizionali si accompagnano proprietà integrative o addirittura curative. Questa tipologia si può a sua volta suddividere in cibi Funzionali, dove vi è lintegrazione con vitamine, minerali vari (esempio calcio) o altri elementi ritenuti importanti per la salute e di cui si ritiene povera la normale dieta Curativi, dove vengono inseriti principi attivi atti alla cura e alla prevenzione di particolari malattie, come nel caso delle banane (vaccino per il colera) o lolio di colza (colesterolo)

31 Conseguenze degli OGM Ambientali Più chimica in agricoltura Inquinamento genetico Resistenza agli insetticidi Riduzione della biodiversità Sanitari Nuove allergie Resistenza agli antibiotici Sociali Instabilità genetica e perdita dei raccolti Ingegneria genetica e fame nel mondo Sicurezza alimentare

32 Più chimica in agricoltura: gli erbicidi I giganti dellindustria chimica, si sono massicciamente riconvertiti nel settore dellagro-biotecnologia La maggior parte della ricerca sviluppata dalle aziende della ingegneria genetica si è fino ad ora focalizzata sull'ottenimento di piante resistenti agli erbicidi Il 71% delle piante GM presenti nel 1998 su circa 28 milioni di ettari avevano la caratteristica di resistere agli erbicidi Esempio: la soia manipolata della Monsanto resiste a dosi massicce di Roundup, un erbicida prodotta dalla Monsanto stessa.

33 Più chimica in agricoltura Le biotecnologie si sono sviluppate con la stessa filosofia che promosse lo sviluppo dei prodotti chimici: raggiungere il singolo obiettivo, a breve termine, di un aumento delle rese e dei margini di profitto. Questo approccio abbraccia una visione del mondo in cui predomina lidea che la natura deve essere dominata, sfruttata e forzata a produrre di più; dalla scelta di "soluzioni" veloci e remunerative rispetto alle complesse problematiche ecologiche; dal pensiero "riduzionista", che analizza sistemi complessi, come l'agricoltura, in termini di singole componenti, piuttosto che come un sistema integrato; e dalla convinzione, che il successo in agricoltura significhi guadagni di produttività nel breve periodo, piuttosto che la sostenibilità di lungo termine. Jane Rissler (Union of Concerned Scientist)

34 Inquinamento genetico Una volta rilasciato in natura, un nuovo OGM potrebbe essere in grado di interagire con altre forme di vita con effetti distruttivi, riprodursi, trasferire le sue caratteristiche e mutare in risposta alle sollecitazioni ambientali Esempi: i geni "trapiantati" possono velocemente passare dalla colza GM a piante affini, infestanti e non. Il glufosinato la fertilità dei suoli è assicurata a una complessa rete di microrganismi. In un grammo di suolo vi sono 100 milioni di microrganismi rappresentanti di circa 1000 specie

35 Resistenza agli erbicidi Il Bacillus thuringensis (Bt) L'uso di altre tossine insetticide in colture OGM, quale la lectina del bucaneve, ha anche mostrato preoccupanti effetti sulla catena alimentare. I bruchi della farfalla monarca

36 Riduzione della biodiversità Ogni anno si estinguono almeno specie viventi "Nonostante le biotecnologie abbiano la capacità di creare un'ampia varietà di piante commerciali, la tendenza imposta dalle multinazionali è di creare un ampio mercato internazionale per un singolo prodotto, generando così le condizioni per una uniformità genetica nel panorama rurale". Miguel Altieri

37 Sicurezza Alimentare "(Noi obiettiamo) fortemente che l'immagine della povertà e della fame dei nostri paesi sia utilizzata dalle imprese multinazionali per promuovere una tecnologia non sicura, né ambientalmente sostenibile e assolutamente svantaggiosa economicamente. Noi non crediamo che queste multinazionali o queste biotecnologie aiutino i nostri agricoltori a produrre il cibo a noi necessario per il XXI secolo. Al contrario, riteniamo che ciò distruggerà la diversità, le conoscenze locali e i sistemi agricoli sostenibili che i nostri agricoltori hanno sviluppato per millenni e che ciò indebolirà la nostra capacità di sfamarci". Dichiarazione presentata alle Nazioni Unite dai delegati di 24 stati africani, sostenuti da 30 organizzazioni di ambientalisti e di produttori.

38 OGM dove e cosa USA68% Argentina22% Canada6% Soia61% Mais12% Cotone14% Colza5% Fonte: Carta almanacco giugno 2002

39 Cosa fare? Meno carne, cibi semplici, poco elaborati e freschi Certificazioni ed etichette Consumo critico Mercato Ecosolidale e gruppi dacquisto Mercato biologico Boicottaggi

40 Consumo critico

41 Gruppi di acquisto

42 "Il numero di vittime causate dall'uso improprio del latte in polvere ogni mese è equivalente a quello che causò l'esplosione della bomba di Hiroshima nel 1945." James Grant, ex Direttore Esecutivo UNICEF Campagna Boicottaggio Nestlè

43 ''HAVE A BREAK?'', VIDEO SHOCK GREENPEACE INCHIODA LA NESTLE' Greenpeace accusa Nestlé di acquistare olio di palma proveniente dalla distruzione delle ultime foreste torbiere indonesiane. In migliaia stanno scrivendo allamministratore delegato di Nestlé chiedendo di interrompere i rapporti commerciali con Sinar Mas, il più grande distruttore di foreste in Indonesia. Fonte: ANSA marzo 2010

44 Monsanto - Mc Donalds

45 Campagna Boicottaggio Mc Donalds: 16 ottobre

46 Proposte attività per le scuole Misura di: Numero spot pubblicitari televisivi che riguardano il settore agro-alimentare Chilometri percorsi per fare la spesa Provenienza dei prodotti acquistati Peso lordo e netto dei prodotti acquistati Peso dei rifiuti per classe merceologica Studio ciclo di vita dellAcqua Claudia, del pane, dellinsalata Commento sulla sostenibilità di quanto consumato a mensa Commento su calorie, proteine, grassi consumati a mensa Lenergia necessaria per la pasta (laboratorio?) Lenergia necessaria per il frigo. Giochi


Scaricare ppt "Alimentazione e Sostenibilità Note a cura di Fabio Musmeci Elementi di riflessione sugli impatti degli stili alimentari, versione del 19/03/2010."

Presentazioni simili


Annunci Google