La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 11 Il mercato globale dei capitali: performance e problemi di politica economica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 11 Il mercato globale dei capitali: performance e problemi di politica economica."— Transcript della presentazione:

1 preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 11 Il mercato globale dei capitali: performance e problemi di politica economica

2 11-2 Anteprima I vantaggi dal commercio internazionale Diversificazione di portafoglio Operatori sui mercati internazionali dei capitali Politiche economiche perseguibili con i mercati internazionali dei capitali Attività bancaria offshore e scambio di valute offshore Regolamentazione dellattività bancaria internazionale Test di quanto i mercati internazionali dei capitali permettono la diversificazione di portafoglio, permettono il commercio intertemporale e trasmettono informazioni

3 11-3 I mercati internazionali dei capitali I mercati internazionali dei capitali sono un gruppo di mercati (a Londra, Tokyo, New York, Singapore e in altre città finanziarie) che scambiano diversi tipi di capitale finanziario e fisico (attività), tra cui: azioni obbligazioni (di governi e imprese) depositi bancari denominati in diverse valute materie prime (come il petrolio, il grano, la bauxite e loro) contratti forward, futures, swap e opzioni beni immobili e terreni fabbriche e impianti

4 11-4 I guadagni dal commercio In che modo i mercati internazionali dei capitali hanno incrementato i guadagni derivanti dal commercio internazionale? Quando un compratore ed un venditore intraprendono una transazione volontaria, entrambi ricevono qualcosa che desiderano e che può farli stare meglio. Un compratore ed un venditore possono scambiare beni o servizi per altri beni e servizi beni o servizi per attività attività in cambio di attività

5 11-5 I guadagni dal commercio (segue) I tre tipi di transazioni internazionali. I residenti in paesi diversi possono scambiare beni e servizi con altri beni e servizi, beni e servizi con attività (cioè con beni e servizi futuri) e attività con altre attività. Tutti e tre i tipi di commercio conducono a guadagni dallo scambio.

6 11-6 I guadagni dal commercio (segue) La teoria del vantaggio comparato descrive i guadagni dallo scambio di beni e servizi in cambio di altri beni e servizi: Con un ammontare finito di risorse e tempo, si usano quelle risorse e quel tempo per produrre ciò in cui si è più produttivi (rispetto alle alternative), quindi si scambiano quei prodotti con i beni ed i servizi che si desiderano. Si è specializzati nella produzione, ma si gode di molti beni e servizi come consumatore attraverso lo scambio.

7 11-7 I guadagni dal commercio (segue) La teoria del commercio intertemporale descrive i guadagni dal commercio di beni e servizi in cambio di attività, di beni e servizi oggi contro crediti su beni e servizi in futuro (attività di oggi). I risparmiatori vogliono comprare attività (beni e servizi futuri) e chi prende a prestito vuole usare le attività (ricchezza) per consumare o investire in un quantitativo di beni e servizi maggiore di quello che possono comprare con il reddito corrente. I risparmiatori guadagnano un tasso di rendimento sulle loro attività, mentre chi prende a prestito è in grado di usare i beni ed i servizi quando lo desidera: entrambi possono stare meglio.

8 11-8 I guadagni dal commercio (segue) La teoria della diversificazione del portafoglio descrive i guadagni dallo scambio di attività contro attività, di attività con un tipo di rischio con attività con un altro tipo di rischio. Molto spesso in economia (sebbene non a Las Vegas) le persone vogliono evitare il rischio: preferirebbero avere un guadagno di ricchezza sicuro piuttosto che investire in attività rischiose. Gli economisti dicono che gli investitori spesso manifestano avversione al rischio: sono avversi al rischio. Diversificare o mischiare un portafoglio di attività è un modo per gli investitori di evitare o ridurre il rischio.

9 11-9 La diversificazione del portafoglio Supponiamo che 2 paesi abbiano un attività agricola che genera un raccolto a seconda del tempo atmosferico. La resa (il rendimento) dellattività è incerta, ma con cattivo tempo la terra può produrre 20 tonnellate di patate, mentre con tempo favorevole può produrre 100 tonnellate di patate. In media la terra produrrà 1/2 * /2 * 100 = 60 tonnellate se il cattivo e il bel tempo hanno la stessa probabilità (entrambi con probabilità di 1/2). Il valore atteso del raccolto è 60 tonnellate.

10 11-10 La diversificazione del portafoglio (segue) Supponiamo che i dati storici mostrino che quando il paese domestico ha bel tempo (alto rendimento), il paese straniero ha cattivo tempo (basso rendimento). Che cosa possono fare i due paesi per essere sicuri di non dover sopportare un cattivo raccolto di patate? Vendere il 50% delle attività di uno allaltra parte e comprare il 50% delle attività dellaltra parte: Diversificare i portafogli di attività in modo che entrambi i paesi ottengano sempre il valore atteso (medio) dei portafogli.

11 11-11 La diversificazione del portafoglio (segue) Con la diversificazione del portafoglio, entrambi i paesi possono sempre godere di un raccolto di patate moderato e non subire le vicissitudini dellabbondanza e della carestia. Se il raccolto del paese domestico è 20 e quello del paese straniero è 100 allora entrambi i paesi ricevono: 50%* %*100 = 60. Se il raccolto del paese domestico è 100 e quello del paese straniero è 20 allora entrambi i paesi ricevono: 50%* %*20 = 60. Se entrambi i paesi sono avversi al rischio, entrambi possono stare meglio attraverso la diversificazione del portafoglio.

12 11-12 Classificazione delle attività I diritti sulle attività (strumenti) sono classificati come 1.Strumenti di debito Tra gli esempi vi sono le obbligazioni ed i depositi bancari. Stabiliscono che lemittente dello strumento deve ripagare un valore fisso indipendentemente dalle circostanze economiche. 2.Strumenti di capitale di rischio Ad esempio azioni o diritti su proprietà reali Stabiliscono il possesso (capitale di rischio = possesso) di profitti o rendimenti variabili, che variano secondo le condizioni economiche.

13 11-13 I mercati internazionali dei capitali Gli operatori: 1.Banche commerciali e altre istituzioni di deposito: accettano depositi prestano a governi, imprese, altre banche e/o a individui comprano e vendono obbligazioni e altre attività alcune banche commerciali sottoscrivono azioni e obbligazioni accettando di trovare acquirenti per tali attività ad un prezzo stabilito.

14 11-14 I mercati internazionali dei capitali (segue) 1.Istituzioni finanziarie non bancarie: fondi pensioni, compagnie di assicurazione, fondi comuni e banche di investimento I fondi pensione accettano fondi dai lavoratori e li investono fino al pensionamento dei lavoratori. Le compagnie di assicurazione incassano i premi dagli intestatari delle polizze e li investono fino a quando si verifica un incidente o un altro evento inatteso. I fondi comuni accettano fondi dagli investitori e li investono in un portafoglio diversificato di azioni. Le banche di investimento si specializzano nella sottoscrizione di azioni e obbligazioni e realizzano diversi tipi di investimento.

15 11-15 I mercati internazionali dei capitali (segue) 1.Imprese private: Le s.p.a. possono emettere azioni e obbligazioni e possono prendere a prestito dalle banche commerciali o dagli altri prestatori di fondi allo scopo di investire. Altre imprese private possono emettere obbligazioni o prendere a prestito dalla banche commerciali. 2.Banche centrali e agenzie governative: Le banche centrali talvolta intervengono sui mercati dei cambi. Le agenzie governative emettono obbligazioni per acquisire fondi e possono prendere a prestito dalla banche commerciali o dalle banche di investimento.

16 11-16 I mercati internazionali dei capitali (segue) A causa dei mercati internazionali dei capitali, le autorità di politica economica possono generalmente scegliere 2 delle 3 seguenti politiche : 1.Un tasso di cambio fisso 2.Una politica monetaria orientata al raggiungimento di obiettivi economici interni 3.Liberi flussi internazionali di capitale finanziario

17 11-17 I mercati internazionali dei capitali (segue) Un cambio fisso e una politica monetaria indipendente possono coesistere se restrizioni sui flussi di capitale finanziario evitano la speculazione e le fughe di capitali. Una politica monetaria indipendente e il libero flusso di capitale finanziario possono coesistere quando il tasso di cambio è flessibile. Un cambio fisso e liberi flussi di capitale finanziario possono coesistere se la banca centrale rinuncia agli obiettivi domestici e mantiene il cambio fisso.

18 11-18 Attività bancaria offshore Per attività bancaria offshore si intende lattività bancaria fuori dai confini di un paese. Ci sono almeno 4 tipi di istituzioni di attività bancaria offshore, che sono regolate in modo differente: 1. Unagenzia localizzata allestero concede prestiti e esegue trasferimenti, ma non accetta depositi e perciò non è soggetta alle norme sui depositi né nel paese domestico né in quello estero.

19 11-19 Attività bancaria offshore (segue) 1.Una banca sussidiaria in un paese straniero segue le leggi del paese estero, non le norme domestiche della casa madre. 2.Una filiale estera di una banca domestica è spesso soggetta sia alle leggi domestiche che a quelle straniere, ma talvolta può scegliere le norme più indulgenti.

20 11-20 Attività bancaria offshore (segue) 1.Le strutture bancarie internazionali sono banche estere negli USA a cui è permesso accettare depositi e fare prestiti solo a clienti stranieri. Non sono soggette alle norme sullobbligo di riserva, sui limiti ai tassi di interesse e a quelle sulle tasse statali e locali. Il Bahrain, Singapore ed il Giappone hanno norme simili per le banche offshore.

21 11-21 Commercio valutario offshore Un deposito di valuta offshore è un deposito bancario denominato in una valuta diversa da quella che circola dove ha sede la banca. Un deposito di valuta offshore può essere depositato in una banca sussidiaria, in una filiale estera, in una banca estera o in unaltra istituzione di deposito situata in un paese straniero. Talvolta i depositi di valuta offshore sono (inopportunamente) chiamati eurovalute, perché storicamente realizzati nelle banche europee.

22 11-22 Commercio valutario offshore (segue) Il commercio valutario offshore si è sviluppato per tre ragioni: 1. Crescita del commercio internazionale e dellattività di impresa internazionale 2. Elusione delle leggi e delle imposte domestiche 3. Fattori politici (es: per evitare la confisca da parte del governo a causa di eventi politici)

23 11-23 Commercio valutario offshore (segue) Gli obblighi di riserva sono il principale esempio di norma domestica che le banche hanno cercato di eludere attraverso il commercio valutario offshore. Le istituzioni di deposito negli USA e in altri paesi devono detenere una frazione dei depositi in valuta domestica in riserve presso la banca centrale. Queste riserve non possono essere date a prestito ai clienti e in molti paesi non ricevono interessi, perciò gli obblighi di riserva agiscono per le banche come una tassa. Le valute offshore in molti paesi non sono soggette a questo obbligo e perciò la totalità dei depositi può fruttare un interesse se diventa valuta offshore.

24 11-24 Il bilancio della banca Attività Passività + valore netto Riserve presso la banca centrale Prestiti -impresa -casa -automobile -immobili Obbligazioni statali e societarie Depositi Fondi presi a prestito Valore netto = Capitale della banca

25 11-25 Regolamentazione dellattività bancaria internazionale Le banche falliscono perché non hanno abbastanza attività o attività del tipo adatto per pagare le passività. La principale passività per le banche commerciali e gli altri istituti di deposito è il valore dei depositi e le banche falliscono quando non possono ripagarli. Se molti prestiti (o tipi di attività) falliscono o se il valore delle attività diminuisce in altro modo, allora le passività possono diventare maggiori del valore delle attività e può verificarsi la bancarotta. In molti paesi ci sono diversi tipi di regolamentazioni per evitare il fallimento delle banche.

26 11-26 Regolamentazione dellattività bancaria internazionale (segue) 1.Assicurazione dei depositi Assicura i depositanti contro le perdite fino a $ negli USA quando le banche falliscono Evita il panico bancario a causa di mancanza di informazioni: poiché i depositanti non possono distinguere una buona banca da una cattiva, è nel loro interesse ritirare i fondi durante una fase di panico quando le banche non hanno unassicurazione dei depositi. Crea un comportamento sleale da parte delle banche che si assumono troppi rischi Comportamento sleale (moral hazard): rischio che chi prende a prestito (es: una banca o unimpresa) intraprenda attività non desiderabili (es: investimenti rischiosi, attività fraudolente) dal punto di vista di un finanziatore meno informato.

27 11-27 Regolamentazione dellattività bancaria internazionale (segue) 1.Obblighi di riserva Le banche tradizionalmente devono mantenere alcuni depositi in riserve presso la banca centrale in caso di emergenza. 2.Requisiti di capitalizzazione e restrizioni sulle attività Maggiore capitale bancario (valore netto) permette alle banche di proteggersi contro cattivi prestiti e investimenti. Proibendo ad una banca di detenere (troppe) attività rischiose, le restrizioni sulle attività riducono gli investimenti rischiosi. Impedendo ad una banca di detenere una quantità eccessiva di una singola attività, le restrizioni sulle attività incoraggiano anche la diversificazione.

28 11-28 Regolamentazione dellattività bancaria internazionale (segue) 1.Ispezioni bancarie Una regolare ispezione evita che le banche intraprendano attività rischiose. 2.Prestatore di ultima istanza Negli USA, la Federal Reserve può prestare alle banche con grandi uscite di depositi. Evita il panico bancario Agisce come assicurazione per i depositanti e le banche, oltre allassicurazione dei depositi Incrementa il comportamento sleale delle banche ad assumersi troppo rischio.

29 11-29 Difficoltà nel regolamentare lattività bancaria internazionale 1.Lassicurazione dei depositi negli USA copre perdite fino a $ , ma poiché la dimensione dei depositi dellattività bancaria internazionale è spesso maggiore, lammontare di assicurazione è spesso minimo. 2.Anche gli obblighi di riserva agiscono come una forma di assicuratore per i depositanti, ma i paesi non possono imporre obblighi di riserva sui depositi in valuta estera nelle agenzie, nelle filiali estere o nelle banche sussidiarie di banche domestiche.

30 11-30 Difficoltà nel regolamentare lattività bancaria internazionale (segue) 1.Lispezione bancaria, i requisiti di capitalizzazione e le restrizioni sulle attività sono più difficili a livello internazionale. La distanza e le barriere linguistiche rendono difficile il controllo In paesi diversi esistono attività differenti con diverse caratteristiche (es: rischio), rendendo difficile un giudizio. La giurisdizione non è chiara nel caso di banche sussidiarie: se una sussidiaria di una banca italiana situata a Londra ha principalmente depositi offshore americani, quale autorità ha la giurisdizione?

31 11-31 Difficoltà nel regolamentare lattività bancaria internazionale (segue) 1.Non esiste alcun prestatore di ultima istanza a livello internazionale. Il FMI talvolta agisce come prestatore di ultima istanza per i governi con problemi alla bilancia dei pagamenti. 2.Le attività delle istituzioni finanziarie non bancarie sono in crescita nellattività bancaria internazionale, ma non hanno la regolamentazione e la supervisione delle banche. 3.Nuovi e complicati strumenti finanziari come i derivati e le attività cartolarizzate rendono più difficile valutare la stabilità ed il rischio finanziario. Unattività cartolarizzata è una piccola parte di una combinazione di molte attività con diverse caratteristiche di rischio.

32 11-32 Cooperazione internazionale sulla regolamentazione Gli accordi di Basilea (1988 e Basilea II previsto per il ) forniscono standard di regolamentazione e responsabilizzazione standard per le istituzioni finanziarie internazionali Gli accordi del 1988 cercarono di standardizzare le misure del capitale bancario tra i paesi. Svilupparono requisiti di capitalizzazione basati sul rischio, in cui una quantità maggiore di attività rischiose richiede un ammontare maggiore di capitale bancario. Il Comitato di Basilea nel 1997 ha sviluppato i principi fondamentali per unefficace vigilanza sul sistema bancario per i paesi in via di sviluppo senza regolamentazioni bancarie e standard di responsabilità adeguati.

33 11-33 Il grado di diversificazione internazionale del portafoglio Nel 1999, le attività possedute dagli USA in paesi esteri rappresentavano circa il 30% del capitale USA, mentre le attività estere negli USA erano circa il 36% del capitale USA. Queste percentuali sono circa 5 volte le percentuali del 1970, e ciò indica che i mercati internazionali dei capitali hanno permesso agli investitori di aumentare la diversificazione. Allo stesso modo, le attività e le passività estere in percentuale al PIL sono cresciute per gli USA e per gli altri paesi.

34 Il grado di diversificazione internazionale del portafoglio (segue)

35 11-35 Il grado di diversificazione internazionale del portafoglio (segue) Tuttavia, alcuni economisti sostengono che sarebbe ottimale che gli investitori diversificassero di più investendo maggiormente in attività estere, evitando l home bias dei portafogli.

36 11-36 La dimensione del commercio internazionale intertemporale Se alcuni paesi prendono a prestito per finanziare progetti di investimento (per produzione e consumo futuri) e altri prestano a questi paesi, allora i livelli di risparmio e di investimento nazionali non dovrebbero essere fortemente correlati. Si ricordi che risparmio domestico – investimento = saldo del conto corrente. Alcuni paesi dovrebbero avere ampi avanzi di conto corrente perché risparmiano molto e prestano ai paesi stranieri. Alcuni paesi dovrebbero avere ampi disavanzi di conto corrente perché prendono a prestito molto da paesi stranieri. In realtà, i livelli di risparmio e di investimento sono fortemente correlati.

37 11-37 La dimensione del commercio internazionale intertemporale (segue)

38 11-38 La dimensione del commercio internazionale intertemporale (segue) I mercati internazionali dei capitali non riescono a permettere ai paesi di intraprendere più commercio intertemporale? Non necessariamente: i fattori che generano un tasso di risparmio elevato, come una rapida crescita di produzione e reddito, possono generare anche un alto tasso di investimento. Inoltre i governi possono attuare politiche per impedire ampi deficit o surplus di conto corrente

39 11-39 Il grado di trasmissione di informazioni e la mobilità del capitale finanziario Ci aspettiamo che i tassi di interesse sui depositi in valuta offshore e su quelli in valuta domestica allinterno di un paese siano gli stessi se i due tipi di deposito sono trattati come perfetti sostituti, il capitale finanziario si muove liberamente e i mercati internazionali dei capitali sono in grado di trasmettere velocemente e facilmente le informazioni su qualsiasi differenza tra i tassi.

40 11-40 Il grado di trasmissione di informazioni e la mobilità del capitale finanziario (segue) In effetti, il differenziale tra i tassi di interesse si è avvicinato a zero con la crescita della mobilità del capitale finanziario e con lelaborazione delle informazioni più rapida ed economica attraverso i computer e le telecomunicazioni.

41 11-41 Il grado di trasmissione di informazioni e la mobilità del capitale finanziario (segue)

42 11-42 Il grado di trasmissione di informazioni e la mobilità del capitale finanziario (segue) Se le attività perfettamente sostituibili, ci aspettiamo che valga in media la parità dei tassi di interesse: R t – R* t = (E e t+1 – E t )/E t Secondo questa condizione, la differenza tra i tassi di interesse è la previsione del mercato delle variazioni attese nel tasso di cambio. Se sostituiamo i tassi di cambio attesi con i cambi futuri effettivi, possiamo testare la perfomance del mercato nella previsione delle variazioni dei tassi di cambio. Ma i differenziali tra i tassi di interesse non riescono a prevedere ampie fluttuazioni nei tassi di cambio e nemmeno a prevedere in quale direzione varino i tassi di cambio effettivi.

43 11-43 Il grado di trasmissione di informazioni e la mobilità del capitale finanziario (segue) Dato che ci sono poche restrizioni sul capitale finanziario nella maggior parte dei paesi, ciò significa che i mercati internazionali dei capitali sono incapaci di elaborare e di trasmettere le informazioni sui tassi di interesse? Non necessariamente: se le attività non sono perfettamente sostituibili allora R t – R* t = (E e t+1 – E t )/E t + t I differenziali tra i tassi di interesse sono associati a variazioni dei tassi di cambio e a premi al rischio variabili nel tempo. I cambiamenti del premio al rischio possono portare a variazioni dei cambi piuttosto che del differenziale tra i tassi di interesse.

44 11-44 Il grado di trasmissione di informazioni e la mobilità del capitale finanziario (segue) R t – R* t = (E e t+1 – E t )/E t + t Poiché le variazioni attese sia dei tassi di cambio che dei premi per il rischio sono funzione delle aspettative e poiché le aspettative non sono osservabili, è difficile testare se i mercati internazionali dei capitali sono in grado di elaborare e trasmettere le informazioni sui tassi di interesse.

45 11-45 Prevedibilità del tasso di cambio In effetti, è difficile prevedere le variazioni del tasso di cambio in un orizzonte temporale breve sulla base della crescita dellofferta di moneta, della crescita della spesa pubblica, del PIL o di altre variabili economiche fondamentali. La miglior previsione per il tasso di cambio di domani sembra essere il tasso di oggi, indipendentemente dalle variabili economiche. Ma in orizzonti temporali lunghi (più di 1 anno) le variabili economiche prevedono meglio i cambi effettivi.

46 11-46 Sommario 1.I guadagni dal commercio di beni e servizi in cambio di altri beni e servizi sono descritti dalla teoria del vantaggio comparato. 2.I guadagni dello scambio di beni e servizi in cambio di attività sono descritti dalla teoria del commercio intertemporale. 3.I guadagni dal commercio delle attività in cambio di altre attività sono descritti dalla teoria della diversificazione del portafoglio. 4.Le autorità di politica economica possono scegliere solo 2 delle seguenti: un cambio fisso, una politica monetaria per obiettivi interni, liberi flussi internazionali di capitale finanziario.

47 11-47 Sommario (segue) 1.Diversi tipi di banche offshore si occupano degli scambi di valuta offshore che si sono sviluppati con la crescita del commercio internazionale e con il tentativo delle banche di eludere le regolamentazioni domestiche. 2.Le banche domestiche sono regolate da assicurazioni sui depositi, obblighi di riserva, requisiti di capitalizzazione, restrizioni sulle attività e ispezioni bancarie. La banca centrale inoltre agisce da prestatore di ultima istanza. 3.Lattività bancaria internazionale non è generalmente regolata come quella domestica e non cè un prestatore di ultima istanza.

48 11-48 Sommario (segue) 1.Con lo sviluppo dei mercati internazionali dei capitali, la diversificazione delle attività tra paesi è cresciuta ed i differenziali tra i tassi di interesse sui depositi di valuta offshore e quelli in valuta domestica allinterno di un paese si sono ridotti. 2.Se le attività estere e domestiche sono perfette sostitute, allora i tassi di interesse nei mercati internazionali dei capitali non prevedono bene i tassi di cambio. 3.Anche le variabili economiche non prevedono bene le variazioni dei tassi di cambio nel breve periodo.


Scaricare ppt "Preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 11 Il mercato globale dei capitali: performance e problemi di politica economica."

Presentazioni simili


Annunci Google