La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I Consultori Familiari ed il Progetto Obiettivo Materno Infantile Consiglio Nazionale delle Ricerche Roma 4-5 giugno 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I Consultori Familiari ed il Progetto Obiettivo Materno Infantile Consiglio Nazionale delle Ricerche Roma 4-5 giugno 2007."— Transcript della presentazione:

1 I Consultori Familiari ed il Progetto Obiettivo Materno Infantile Consiglio Nazionale delle Ricerche Roma 4-5 giugno 2007

2 Assistenza alla Gravidanza nelle Minori Floriana Di Maggio Luigi Cerasuolo Spazio Adolescenti DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE

3 Il tasso di gravidanze in età adolescenziale è generalmente in aumento nell'Unione europea Il tasso di gravidanze in età adolescenziale è generalmente in aumento nell'Unione europea tra / 1000 ragazze tra i 15 e i 19 anni tra / 1000 ragazze tra i 15 e i 19 anni il tasso più basso è registrato nei Paesi Bassi e in Belgio 7/1000 il tasso più basso è registrato nei Paesi Bassi e in Belgio 7/1000 il tasso intermedio in Germania, Francia, Finlandia e Danimarca il tasso intermedio in Germania, Francia, Finlandia e Danimarca il tasso più alto in Svezia, Italia,Inghilterra e Galles 28/1000 il tasso più alto in Svezia, Italia,Inghilterra e Galles 28/1000 Commissione Europea 2002

4

5

6

7 Possibili elementi di rischio socio- relazionali Interruzione degli studi Interruzione degli studi Frequente rottura del rapporto di coppia Frequente rottura del rapporto di coppia Perdita di contatto con il gruppo dei coetanei Perdita di contatto con il gruppo dei coetanei Difficoltà allaccudimento del neonato Difficoltà allaccudimento del neonato Relazione madre-bambino meno soddisfacente Relazione madre-bambino meno soddisfacente Assenza o rottura delle relazioni con la propria famiglia Assenza o rottura delle relazioni con la propria famiglia Ridotte disponibilità economiche o di tempo dei componenti del nucleo familiare di origine Ridotte disponibilità economiche o di tempo dei componenti del nucleo familiare di origine V. Bruni M. Dei

8 Possibili elementi di rischio ostetrici Difficoltà a prendersi cura di sé Difficoltà a prendersi cura di sé Basso numero di controlli prenatali Basso numero di controlli prenatali Abitudine ad alcool, fumo, sostanze di abuso Abitudine ad alcool, fumo, sostanze di abuso Presenza di malattie a trasmissione sessuale Presenza di malattie a trasmissione sessuale Anamnesi di disturbi del comportamento alimentare o altri deficit nutrizionali Anamnesi di disturbi del comportamento alimentare o altri deficit nutrizionali V. Bruni M.Dei

9

10 Il tema dellintervento odierno muove dalla riconsiderazione del lavoro fatto in sede consultoriale con gli adolescenti e che tuttoggi continua partendo dalle esperienze maturate e proiettandosi nella formulazione di risposte sempre più adatte alle esigenze degli adolescenti. Il tema dellintervento odierno muove dalla riconsiderazione del lavoro fatto in sede consultoriale con gli adolescenti e che tuttoggi continua partendo dalle esperienze maturate e proiettandosi nella formulazione di risposte sempre più adatte alle esigenze degli adolescenti.

11 La realtà consultoriale che prevede la presenza di professionalità specifiche ed integrate, ha modulato un percorso di assistenza alladolescente sensibilizzando e formando gli operatori e rinforzando la multidisciplinarietà. La realtà consultoriale che prevede la presenza di professionalità specifiche ed integrate, ha modulato un percorso di assistenza alladolescente sensibilizzando e formando gli operatori e rinforzando la multidisciplinarietà. E infatti è proprio nellassistenza alla gravidanza delladolescente che si esplicitano i vari livelli di intervento a cui è chiamato il Consultorio nella tutela della salute fisica e psichica della minore. E infatti è proprio nellassistenza alla gravidanza delladolescente che si esplicitano i vari livelli di intervento a cui è chiamato il Consultorio nella tutela della salute fisica e psichica della minore.

12 Il lavoro del ginecologo che segue la gravidanza di una adolescente viene integrato dalla equipe consultoriale che interviene in varie fasi del percorso dalla accoglienza al divenire madre della minore. Lintervento della assistente sociale, la consultazione e il sostegno psicologico, la preparazione al parto e la consultazione pediatrica nei suoi preziosi aspetti informativi, rappresentano indispensabili elementi di cura della gravidanza, della adolescente madre e del nascituro. Il lavoro del ginecologo che segue la gravidanza di una adolescente viene integrato dalla equipe consultoriale che interviene in varie fasi del percorso dalla accoglienza al divenire madre della minore. Lintervento della assistente sociale, la consultazione e il sostegno psicologico, la preparazione al parto e la consultazione pediatrica nei suoi preziosi aspetti informativi, rappresentano indispensabili elementi di cura della gravidanza, della adolescente madre e del nascituro.

13 Chi sono queste adolescenti? Ragazze che hanno scelto di avere una gravidanza Ragazze venute per anticipare il matrimonio a causa della gravidanza Ragazze venute per LIVG,ma che hanno deciso di portare avanti la gravidanza Ragazze costrette a portare avanti la gravidanza perché se ne sono accorte troppo tardi Ragazze inconsapevoli di essere in gravidanza

14 Queste adolescenti oltre alle incertezze, i dubbi e le paure della loro età, consegnano i fantasmi e le proiezioni di una genitorialità prematura subita o inconsapevole o strumento per una collocazione sociale. Queste adolescenti oltre alle incertezze, i dubbi e le paure della loro età, consegnano i fantasmi e le proiezioni di una genitorialità prematura subita o inconsapevole o strumento per una collocazione sociale. La tipologia dellintervento deve tenere conto di questi aspetti di immaturità inconsapevolezza e conflittualità. La tipologia dellintervento deve tenere conto di questi aspetti di immaturità inconsapevolezza e conflittualità.

15 Fase di accoglienza la adolescente in gravidanza presenta la sua situazione attraverso i racconti e i contenuti manifesti e latenti e, a sua volta, raccoglie le notizie sulla tipologia del percorso che seguirà. la adolescente in gravidanza presenta la sua situazione attraverso i racconti e i contenuti manifesti e latenti e, a sua volta, raccoglie le notizie sulla tipologia del percorso che seguirà.

16 Fase di accoglienza Definizione del contesto in cui matura la gravidanza Ricerca motivazione personale, familiare e sociale a portare avanti la gravidanza Definizione di quale interlocutore oltre ladolescente

17 Lintervento è multidisciplinare Accoglienza Assistente sociale Contatto primario con il ginecologo che accompagna allincontro con lo psicologo Partecipazione al gruppo di preparazione alla nascita Incontro con il pediatra

18 Il lavoro in equipe, allinterno del consultorio, avviene con una riflessione comune del gruppo

19 prendersi cura in modo efficace di gravidanza, parto e puerperio di unadolescente, rende necessario, soprattutto nelle situazioni più a rischio da un punto di vista socio-relazionale, costruire intorno alla giovane una rete di relazioni di aiuto, al di là della consulenza medica in senso stretto. prendersi cura in modo efficace di gravidanza, parto e puerperio di unadolescente, rende necessario, soprattutto nelle situazioni più a rischio da un punto di vista socio-relazionale, costruire intorno alla giovane una rete di relazioni di aiuto, al di là della consulenza medica in senso stretto.

20 gruppo di preparazione alla nascita offre sia aspetti informativi che tecniche mirate a stimolare la percezione di sé e la relazione precoce con il bambino. Di fatto i cambiamenti fisici che la gravidanza comporta non sempre sono accettati e talvolta mal integrati nellimmagine corporea delladolescente, tanto da essere vissuti in alcuni casi come una malattia offre sia aspetti informativi che tecniche mirate a stimolare la percezione di sé e la relazione precoce con il bambino. Di fatto i cambiamenti fisici che la gravidanza comporta non sempre sono accettati e talvolta mal integrati nellimmagine corporea delladolescente, tanto da essere vissuti in alcuni casi come una malattia

21 Il rapporto con il gruppo di operatori può consentire un riferimento per i momenti di difficoltà, e soprattutto per il periodo post partum. Infatti il ritorno a casa con il neonato è spesso un momento critico per lallattamento e per le difficoltà di adeguamento ai ritmi del figlio: una o più visite domiciliari di una figura esperta, ma anche partecipe, possono rappresentare un valido aiuto pratico e psicologico Il rapporto con il gruppo di operatori può consentire un riferimento per i momenti di difficoltà, e soprattutto per il periodo post partum. Infatti il ritorno a casa con il neonato è spesso un momento critico per lallattamento e per le difficoltà di adeguamento ai ritmi del figlio: una o più visite domiciliari di una figura esperta, ma anche partecipe, possono rappresentare un valido aiuto pratico e psicologico

22 GINECOLOGO PEDIATRA PSICOLOGO OSTETRICA ASSISTENTE SOCIALE INFERMIERE PROFESSIONALE

23 Margherita 16 anni Inconsapevole della gravidanza Inconsapevole della gravidanza Famiglia in difficoltà Famiglia in difficoltà Consultorio Consultorio

24 Cira 14 anni Tribunale dei minori Tribunale dei minori Casa famiglia Casa famiglia Consultorio Consultorio Scuola Scuola Anne Geddes

25 B.S. anni 16 e I.C. anni 16 chiedono un colloquio con lAssistente Sociale nello Spazio dedicato agli Adolescenti B.S. anni 16 e I.C. anni 16 chiedono un colloquio con lAssistente Sociale nello Spazio dedicato agli Adolescenti Motivazione:una gravidanza indesiderata e contrarietà nellinterromperla Motivazione:una gravidanza indesiderata e contrarietà nellinterromperla Presa in carico e avvio al Ginecologo Presa in carico e avvio al Ginecologo Accertamento di una gravidanza alla 10 settimana Accertamento di una gravidanza alla 10 settimana

26 Difficoltà nellaffrontare largomento con i genitori Difficoltà nellaffrontare largomento con i genitori Accompagnamento della coppia dalla psicologa per cercare le motivazioni ed un altro interlocutore affidabile Accompagnamento della coppia dalla psicologa per cercare le motivazioni ed un altro interlocutore affidabile Scopriamo che la madre della ragazza è già utente del Consultorio Scopriamo che la madre della ragazza è già utente del Consultorio Si concorda un contatto da casa della ragazza con un operatore del centro Si concorda un contatto da casa della ragazza con un operatore del centro

27 I genitori della coppia, pur se a malincuore decidono di aiutare i ragazzi in questo per loro nuovo percorso, permettendogli di continuare gli studi I genitori della coppia, pur se a malincuore decidono di aiutare i ragazzi in questo per loro nuovo percorso, permettendogli di continuare gli studi I due adolescenti partecipano al corso di preparazione al parto compatibilmente con gli impegni scolastici, sono seguiti dai nostri operatori agevolati anche dalla presenza costante delle madri I due adolescenti partecipano al corso di preparazione al parto compatibilmente con gli impegni scolastici, sono seguiti dai nostri operatori agevolati anche dalla presenza costante delle madri

28 Riescono a finire lanno scolastico e allinizio del nuovo anno nasce una bambina da parto naturale. Riescono a finire lanno scolastico e allinizio del nuovo anno nasce una bambina da parto naturale. Dopo la nascita i genitori concordano di far convivere i ragazzi alternativamente a casa dei rispettivi genitori Dopo la nascita i genitori concordano di far convivere i ragazzi alternativamente a casa dei rispettivi genitori Mantengono le loro amicizie e frequentazioni ma cominciano ad interpretare il ruolo di genitore Mantengono le loro amicizie e frequentazioni ma cominciano ad interpretare il ruolo di genitore Con lalternanza si cerca di evitare che i nonni si sostituiscano ai genitori naturali Con lalternanza si cerca di evitare che i nonni si sostituiscano ai genitori naturali

29 Attualmente i ragazzi hanno completato gli studi superiori, hanno voluto legalizzare il loro rapporto ed hanno intrapreso gli studi universitari anche se lauree brevi per cercare di raggiungere quanto prima una indipendenza economica. Attualmente i ragazzi hanno completato gli studi superiori, hanno voluto legalizzare il loro rapporto ed hanno intrapreso gli studi universitari anche se lauree brevi per cercare di raggiungere quanto prima una indipendenza economica.

30 M.S. anni 16 Rom etnia Serba amenorrea secondaria M.S. anni 16 Rom etnia Serba amenorrea secondaria Gravidanza alla 16 settimana inattesa Gravidanza alla 16 settimana inattesa Presa in carico con intervento dellAssistente Sociale e della Psicologa Presa in carico con intervento dellAssistente Sociale e della Psicologa Esclusa la possibilità di IVG per trascorsi termini Esclusa la possibilità di IVG per trascorsi termini Consulto familiare Consulto familiare Si prospetta la possibilità di dare in adozione il bambino Si prospetta la possibilità di dare in adozione il bambino

31 Consulto familiare Consulto familiare Si prospetta la possibilità di dare in adozione il bambino Si prospetta la possibilità di dare in adozione il bambino Contrarietà della ragazza ma necessità di rispettare le decisioni familiari Contrarietà della ragazza ma necessità di rispettare le decisioni familiari Assenza di figura paterna delladolescente per eventuale presa in carico da parte del nonno del nascituro Assenza di figura paterna delladolescente per eventuale presa in carico da parte del nonno del nascituro

32 Il padre naturale già sposato non può riconoscere il bambino Il padre naturale già sposato non può riconoscere il bambino Se il nonno prende in famiglia il bambino Se il nonno prende in famiglia il bambino Riconoscimento dei diritti propri di quel gruppo Riconoscimento dei diritti propri di quel gruppo Reintegrazione della madre Reintegrazione della madre

33 Attivazione di una rete Attivazione di una rete Contatto con Opera Nomadi e Tribunale Contatto con Opera Nomadi e Tribunale per incontro a tre - padre madre e ladolescente per incontro a tre - padre madre e ladolescente

34 Giunti ormai allottavo mese di gravidanza Giunti ormai allottavo mese di gravidanza Comunicazione agli Ass. Sociali dellOspedale dove avverrà la nascita ed il Tribunale dei Minori per preparare leventuale affidamento del bambino Comunicazione agli Ass. Sociali dellOspedale dove avverrà la nascita ed il Tribunale dei Minori per preparare leventuale affidamento del bambino

35 Il nonno acconsente Il nonno acconsente Il bambino nasce e resta nella comunità con la madre anche se questa non potrà più sposarsi Il bambino nasce e resta nella comunità con la madre anche se questa non potrà più sposarsi CONCLUSIONE

36 Lattività dellequipe consultoriale deve tenere presente sempre le realtà locali e lutenza che accoglie, cercando di conoscere i costumi e le abitudini delle diverse etnie. Lattivazione della rete tra le varie istituzione è essenziale per affrontare gli eventi che si propongono Lattività dellequipe consultoriale deve tenere presente sempre le realtà locali e lutenza che accoglie, cercando di conoscere i costumi e le abitudini delle diverse etnie. Lattivazione della rete tra le varie istituzione è essenziale per affrontare gli eventi che si propongono

37 In conclusione, il nostro lavoro è teso a proteggere e tutelare la madre- bambina, ma soprattutto ad accompagnarla in un percorso di progressiva consapevolezza indispensabile alla acquisizione di un ruolo genitoriale che deve essere progressivamente appreso! In conclusione, il nostro lavoro è teso a proteggere e tutelare la madre- bambina, ma soprattutto ad accompagnarla in un percorso di progressiva consapevolezza indispensabile alla acquisizione di un ruolo genitoriale che deve essere progressivamente appreso!

38

39 Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "I Consultori Familiari ed il Progetto Obiettivo Materno Infantile Consiglio Nazionale delle Ricerche Roma 4-5 giugno 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google