La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – copyright AstroCampania Fotografie tratte dal sito

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – copyright AstroCampania Fotografie tratte dal sito"— Transcript della presentazione:

1 AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – copyright AstroCampania Fotografie tratte dal sito Le Notti delle Stelle Passeggiata tra le stelle dagosto a caccia delle Lacrime di San Lorenzo Regione Campania Assessorato allAmbiente

2 Il cielo del 10 agosto e le costellazioni estive

3 Ercole Fin dai tempi più remoti questa grande costellazione é stata vista come la figura di un gigante inginocchiato. I Greci videro in questo gigante Heracles (Ercole), e a lui riferirono anche molte delle costellazioni circostanti, che ricordano alcune delle sue più grandi imprese (il Leone, lIdra, lo Scorpione, il Drago e così via). Pur essendo una delle costellazioni più grandi, non contiene stelle particolarmente luminose. In compenso, ospita uno degli oggetti più suggestive dellemisfero boreale: il grande ammasso globulare M13. Il caratteristico quadrilatero che ne costituisce la regione centrale é facilmente localizzabile tra la costellazione della Lira, facilmente identificabile grazie allo splendore di Vega, e la Corona Boreale.

4 Ammasso globulare M13 M13, detto anche "il grande ammasso globulare di Ercole", è uno dei più appariscenti e noti ammassi globulari dell'emisfero settentrionale. Fu scoperto nel 1714 da Edmund Halley, il quale notò che quando il cielo è limpido e senza Luna, è visibile ad occhio nudo. Alla distanza di anni luce, il diametro angolare di M13 (23') corrisponde ad una dimensione di 150 anni luce. L'ammasso contiene circa un milione di stelle. Verso il centro, le stelle sono circa 500 volte più concentrate che nei dintorni del nostro Sole. L'età di M13 è stata stimata da Arp in 14 miliardi d'anni.

5 Il Cigno (o Croce del Nord) è una delle costellazioni più facili a riconoscersi per la sua caratteristica forma a croce. La sua stella più brillante (Deneb) forma con Vega e Altair il ben noto Triangolo estivo. E immersa nelle nubi stellari della via Lattea ed è ricchissima, oltre che di stelle di grande importanza, anche di oggetti non stellari. La Lira è una piccola ma riconoscibile costellazione a forma di rombo irregolare, lalfa è Vega, in estate, è la stella più luminosa che si vede se si osserva in alto sulle nostre teste (Zenith). Vega è la quinta stella del cielo di magn.0,04, colore bianco-azzurro, a 27 a.l. Per il moto di precessione era la stella polare anni fa e tornerà ad esserlo tra anni. Fa parte del triangolo estivo. Nella Lira troviamo una bellissima nebulosa planetaria a forma di anello: M57 La stella alfa è Deneb, magn. 1,2 benchè a 3000 a.l. È una supergigante con luminosità e massa rispettivamente e 20 magg. del Sole, candidata a supernova tra anni. La beta Albireo è una spettacolare stella doppie con una componente color giallo oro di magn.3 e una di color zaffiro(verde-azzurro) di magn.5,1 separate da 34. Cigno Lira

6 Le Stelle doppie Il 50% delle stelle appartiene a sistemi multipli. Il colore delle stelle dipende dalla loro temperatura superficiale. La luminosità dipende sia dalla effettiva grandezza di una stella che dalla sua (relativa) vicinanza o meno alla Terra. In generale le stelle bianco/azzurre sono stelle giovanissime e di grande massa mentre le stelle rosso/arancione sono stelle che si avviano alla fine della loro esistenza. La maggior parte delle stelle rosse sono stelle giganti: di Betelgeuse (in Orione) si è potuto addirittura stimare il disco con tecniche particolari. Il nostro Sole tra 5 miliardi di anni diventerà una gigante rossa Albireo (Beta Cygni) Epsilon Lyrae

7 Nebulosa Anello o Nebulosa anulare della Lira M57 si trova quasi esattamente a metà strada fra Beta e Gamma Lyrae. E in certo qual modo considerata il prototipo di questa classe di oggetti, le nebulose planetarie, e uno dei pezzi forti dellosservazione al telescopio dellemisfero settentrionale estivo. E un oggetto relativamente facile da osservare, malgrado le dimensioni angolari estremamente ridotte (circa 1), in quanto la sua discreta luminosità sopporta abbastanza bene gli ingrandimenti. In un modesto strumento amatoriale come il classico 114/900 è facilmente osservabile, ad unottantina di ingrandimenti, come un piccolo ma ben definito anello di fumo. Nebulosa Planetaria M57 Quando una stella si avvia alla fase finale della sua esistenza

8 A nord del Delfino e della Freccia, e a sud della grande croce del Cigno, vi è la debole ma interessante costellazione della Volpetta. Non annovera stelle cospicue, e con le sue stelline intorno alla quinta magnitudine è schiacciata dagli imponenti asterismi del Cigno, dellAquila, della Lyra e persino del Delfino. LAquila é una costellazione tipicamente estiva, dominata dalla luminosissima Altair (che con Deneb e Vega forma il cosiddetto Triangolo estivo). Nel pieno dellestate, si trova in direzione sud nelle prime ore della notte, alta sullorizzonte e in condizioni ideali per losservazione Aquila Volpetta

9 M 27 Nebulosa planetaria M27 (NGC 6853), tipo 3a+2, nella Volpetta Nebulosa manubrio (Dumbbell Nebula) fu la prima nebulosa planetaria ad essere scoperta. Il 12 luglio 1764, Charles Messier scoprì questa nuova ed affascinante classe di oggetti. La possiamo osservare approssimativamente dal suo piano equatoriale (quasi da sinistra a destra nella nostra immagine); se l'osservassimo in prossimità di uno dei poli, avrebbe con tutta probabilità l'aspetto della Nebulosa Anello M57. La Nebulosa Manubrio

10 Nel centro della Via Lattea: il Sagittario e lo Scorpione Il Sagittario e lo Scorpione sono costellazioni zodiacali. Poste in direzione del centro della nostra galassia, sono le costellazioni più ricche di nebulae facilmente osservabili anche con binocoli e piccoli telescopi. Sono le costellazioni più ricche di oggetti inclusi nel Catalogo Messier, e sono meglio osservabili nella stagione estiva. La loro declinazione media piuttosto bassa le rende facilmente osservabili dal centro-sud Italia, ma un po ostiche per gli osservatori delle regioni più settentrionali. La costellazione è da osservare con un binocolo a grande campo, regala panorami stellari meravigliosi Sagittario Scorpione Lalfa dello Scorpione è Antares una supergingante rossa e una delle più brillanti stelle visibili dal cielo boreale. Vicinissimo ad Antares è un altro ammasso globulare meno evidente di M13: si tratta di M4

11 Nel centro della Via Lattea: il Sagittario e lo Scorpione Linquinamento luminoso ha praticamente cancellato la via lattea dalla maggior parte dei cieli delle nostre città

12 Nebulose ad emissione M 8 M8 è situata in un campo veramente ricco della Via Lattea, nella costellazione del Sagittario. Si trova a circa 4,7° ovest e appena un po a nord di l Sagittarii, ed é chiaramente visibile ad occhio nudo come una chiazza luminosa simile ad una cometa. Nei piccoli telescopi, M8 appare come una tenue nebulosità che avvolge lammasso aperto NGC6530. Una delle più rimarchevoli caratteristiche della Laguna è appunto la presenza di nebulose oscure, conosciute come globuli di Bok, che sono nubi protostellari in fase di collasso gravitazionale, con diametri di circa unità astronomiche. M 20 Comunemente conosciuta comeTrifida. La nebulosa ad emissione rossastra, con l'ammasso di stelle giovani vicino al centro è circondata da una nebulosa a riflessione azzurra particolarmente rilevante sul bordo settentrionale. La sua distanza è: piuttosto incerta, con valori che vanno da anni luce (Mallas/Kreimer; Glyn Jones ne indica 2.300) a anni luce (C.R. O'Dell nel 1963). Lo Sky Catalog indica anni luce. Foto Di Giovanni Paglioli

13 Perseo - Cassiopea – Pegaso - Andromeda Cassiopea Andromeda Perseo Pegaso Cefeo Concludiamo la descrizione del cielo estivo con le costellazioni che sorgono ad Est. Nel corso della serata, sotto Cefeo e Cassiopea, vedremo il grande quadrilatero di Pegaso, seguito da Andromeda e Perseo, la costellazione che dà il nome allo sciame delle stelle cadenti di agosto. La sua forma ricorda una "Y" rovesciata. Questo gruppo di costellazioni racconta la leggenda delleroe Perseo.

14 Perseo - Cassiopea – Pegaso - Andromeda Cefeo era il re d'Etiopia, e Cassiopea era la regina, sua consorte. L'Etiopia del mito non va confusa con quella 'attuale; gli storici collocano la leggenda nel territorio corrispondente alla moderna Tel Aviv. Cassiopea era una donna bellissima e terribilmente vanitosa, al punto di vantarsi di essere perfino più affascinante delle Nereidi, le ninfe del mare. Queste ultime, offese dalla sfrontatezza della regina, chiesero a Poseidone, il Dio del mare, di vendicarle. Poseidone mandò allora un mostro marino, la Balena (raffigurata in una grande costellazione, difficile da identificare perché priva di stelle brillanti, situata bassa sull'orizzonte a Sud - Est, sotto i Pesci e l'Ariete) a devastare le coste del regno di Cefeo. Lo sventurato re chiese all'Oracolo di Ammone cosa potesse fare per placare l'ira del Dio del mare: l'Oracolo gli ordinò di sacrificare al mostro sua figlia, l'incolpevole Andromeda. La fanciulla fu incatenata ad uno scoglio, nell'attesa della sua orrenda fine tra le fauci della Balena. Ma come in tutte le storie a lieto fine, ecco arrivare l eroe, Perseo, reduce da altre imprese: aveva appena ucciso la terribile Medusa, la Gorgone con la chioma costituita da un intreccio di serpenti. Perseo arriva in groppa al suo destriero, il cavallo alato Pegaso, uccide il mostro e, liberata Andromeda, la sposa.

15 La Galassia di Andromeda e lammasso doppio H e Chi Persei Lammasso doppio del Perseo è formato da stelle giovanissime (nate da ununica nube progenitrice). Tra qualche milione di anni le stelle, a causa dei loro moti propri, saranno disperse nello spazio e lammasso non sarà più riconoscibile. E visibile ad occhio nudo e al binocolo mostra uno spettacolo meraviglioso La galassia di Andromeda è la più grande componente del Gruppo Locale del quale fa parte anche la nostra Galassia. Contiene 2/300 miliardi di stelle e si trova a più di 2 milioni di anni luce. E loggetto più lontano visibile ad occhio nudo.

16 Le stelle cadenti Cosa sono e da dove vengono le stelle cadenti? Le meteore (o stelle cadenti) sono in maggioranza i residui della disintegrazione progressiva delle comete. Queste, ad ogni loro ritorno in vicinanza del Sole, perdono una certa quantità della propria massa, disgregandosi più o meno velocemente in rapporto al grado del loro avvicinamento al Sole e alla frequenza dei passaggi. Le particelle dapprima si disperdono nelle vicinanze della cometa e col passare del tempo si distribuiscono lungo tutta l'orbita. Sono questi "sciami" di piccoli frammenti a produrre molte piogge meteoriche. Le nubi di piccole particelle, scontrandosi a gran velocità con l'atmosfera terrestre, danno luogo ad una scia luminosa. Le più grandi pesano appena 1/10 di grammo ma sono in grado di produrre tracce luminose quanto le stelle più brillanti. Lo stelle cadenti dette Perseidi senzaltro lo sciame più conosciuto (in realtà le meteore sono osservabili in tutti i periodi dellanno); lo sciame delle Perseidi fu registrato dai cinesi diverse volte, a partire dal 36 d.C., e successivamente da giapponesi, coreani ed europei

17 Come mai la notte di San Lorenzo ? Nellantichità alle piogge di meteore veniva attribuito un significato infausto. Generalmente interpretate come lacrime di divinità, esse ne rappresentavano la disperazione in occasione di assedi, stragi e soprattutto annunciavano la caduta o la morte dei re. La tradizione popolare cristiana ha ereditato il significato degli sciami di meteore come lacrime del cielo, legando indissolubilmente le stelle cadenti di agosto al martirio di San Lorenzo. San Lorenzo E uno dei santi più popolari, in particolare a Roma, dove è considerato a tutti gli effetti il terzo patrono. San Lorenzo fu bruciato vivo per non aver voluto consegnare allImperatore i tesori della Chiesa. La pioggia di meteore proprio in prossimità della ricorrenza del santo fece sì che il fenomeno fosse collegato dalla tradizione popolare al martirio di Lorenzo. Le stelle cadenti sarebbero quindi le lacrime versate dal santo durante il suo supplizio: esse vagano in eterno nei cieli e cadono sulla terra ogni anno, nel giorno in cui Lorenzo morì, a ricordarci il suo sacrificio nel nome della carità. Esiste una variante al significato attribuito alle meteore: esse sarebbero originate dalle scintille del fuoco che ardeva sotto la graticola su cui morì il martire, volate poi in cielo. Da questa interpretazione deriva probabilmente il proverbio: "San Lorenzo dei martiri innocenti, casca dal ciel carboni ardenti"

18 La cometa che ha dato origine, molti anni fa, allo sciame delle Perseidi si chiama Swift-Tuttle, dal nome dei suoi scopritori. Questa cometa ha un nucleo del diametro di circa 10 Km. Come mai la notte di San Lorenzo ? Cometa Swift-Tuttle Lo sciame meteorico delle Perseidi Il nome di "Perseidi" è legato alla posizione sulla volta celeste del punto - detto "Radiante" - dal quale paiono provenire le meteore, situato nella costellazione del Perseo. Nell'800 il massimo della loro frequenza avveniva il 10 agosto, giorno della ricorrenza di San Lorenzo, ma ai giorni nostri il massimo si è spostato in avanti di circa due giorni. Le Perseidi sono visibili da metà luglio fino a dopo metà agosto, ma mostrano il maggior numero di meteore dal 10 al 13 agosto, con un culmine che in genere ha luogo il giorno 12, quando la Terra nel suo percorso orbitale intercetta la parte più densa dello sciame di particelle. La possibilità di osservare un maggior numero di Perseidi si ha quando il radiante è più alto nel cielo, cosa che ad agosto avviene nella seconda parte della notte. In Italia potremo cominciare ad osservare il radiante verso le ore 22, dapprima basso sull'orizzonte e quindi via via sempre più alto fino all'alba. Il momento della massima attività dello sciame è prevista quest'anno verso le ore 19 del 12 agosto –

19 Le Perseidi Il fenomeno si verifica ogni anno per effetto del passaggio della Terra attraverso una nube di polveri lasciata lungo la propria orbita dalla cometa Swift-Tuttle che passa vicino al Sole ogni 130 anni, (ultimo passaggio 1992, successivo 2123.) Nel 2005 le Perseidi potrebbero rivelarsi piuttosto attive (come nel 2004) poichè l'orbita della cometa S.T. è stata perturbata da Giove durante i due più recenti passaggi al perielio e le particelle eiettate dalla cometa passeranno molto vicine a noi. Ma il periodo di massima attività è esteso per più giorni e le notti tra il 9 e il 13 agosto sono le migliori per osservare le Lacrime di San Lorenzo. Si prevede un picco di circa 40 minuti alle ore 19:00 del 12 agosto quando il radiante sarà ancora sotto lorizzonte, una condizione pertanto non molto favorevole per noi. In condizioni ideali, cioè con un cielo buio, privo di foschia, umidità, smog e luci artificiali sarà possibile comunque osservare un buon numero di meteore, senz'altro parecchie decine all'ora.

20 Esprimiamo un desiderio? E probabile che questa usanza, ora gioiosa, derivi da antiche rappresentazioni del cielo non propriamente allegre e spensierate. In particolare, si deve far riferimento a credenze religiose legate al culto dei morti secondo le quali morendo si saliva in cielo diventando stelle. Una stella che cade sarebbe quindi lanima del defunto che esprime il desiderio di essere ricordato nel mondo dei vivi, chiedendo ad essi una preghiera. Nella versione moderna, il desiderio viene invece espresso direttamente da chi riesce a cogliere il fugace momento dellaccensione della stella cadente sulla volta celeste. E universalmente noto questo tipo di interpretazione in una fiaba: La Piccola Fiammiferaia (Andersen) …….. E sollevò lo sguardo sull'albero enorme, e quello si sollevava sempre più in alto, finchè divenne le stelle del cielo sulla sua testa, e una stella attraversò sfavillando il cielo, e lei ricordò che la mamma le aveva detto che quando un'anima muore, cade una stella. …….. E la bambina accese un fiammifero dopo l'altro…… …….. La mattina dopo, lì tra le case, la bambina fu ritrovata immobile. ……

21 Fine AstroCampania Le Notti delle Stelle Passeggiata tra le stelle dagosto a caccia delle Lacrime di San Lorenzo

22

23

24 Le Perseidi Il fenomeno si verifica ogni anno per effetto del passaggio della Terra attraverso una nube di polveri lasciata lungo la propria orbita dalla cometa Swift-Tuttle che passa vicino al Sole ogni 130 anni, (ultimo passaggio 1992, successivo 2123.) Nel 2005 le Perseidi potrebbero rivelarsi piuttosto attive (come nel 2004) poichè l'orbita della cometa S.T. è stata perturbata da Giove durante i due più recenti passaggi al perielio e le particelle eiettate dalla cometa passeranno molto vicine a noi. Ma il periodo di massima attività è esteso per più giorni e le notti tra il 9 e il 13 agosto sono le migliori per osservare le Lacrime di San Lorenzo. Si prevede un picco di circa 40 minuti alle ore 19:00 del 12 agosto quando il radiante sarà ancora sotto lorizzonte, una condizione pertanto non molto favorevole per noi. In condizioni ideali, cioè con un cielo buio, privo di foschia, umidità, smog e luci artificiali sarà possibile comunque osservare un buon numero di meteore, senz'altro parecchie decine all'ora. Quest'anno il 12 e il 13 agosto la Luna sarà prossima al 1° quarto e tramonterà nel corso delle prime ore della notte. Al sorgere del radiante delle Perseidi il disturbo del chiarore lunare sarà ormai quasi nullo, permettendo delle ottime osservazioni per l'intera notte.

25 Le comete La Culla delle comete è la nube di Oort, composta da miliardi di nuclei cometari che avvolgono come un grande guscio sferico tutto il SISTEMA SOLARE. I nuclei cometari sono gli ultimi inquilini della famiglia di oggetti che compongono il nostro SISTEMA SOLARE Essi si trovano lontanissimi dall'influsso gravitazionale del SOLE che è trascurabile, nel senso, che non riesce ad attirarli all'interno del SISTEMA SOLARE stesso. Nella nostra GALASSIA il SOLE impiega 300 milioni di anni per completare un'orbita intorno al nucleo della GALASSIA, quindi, dalla sua formazione (4,6 miliardi di anni fa) ha già compiuto 15 orbite, ci sono allora parecchie probabilità che durante la sua orbita possa avere degli incontri ravvicinati con altre stelle. Un evento del genere, potrebbe scatenare degli scompensi gravitazionali su molti componenti delle nube di Oort.

26 Osservando il Cielo, specie se in estate e da luoghi abbastanza bui, ci sembra di poter scorgere milioni di stelle. Il Cielo stellato Di queste solo un migliaio al massimo sono quelle visibili in una notte di osservazioni. Mosaico della Via Lattea Cortesia Ass. Astrofili Catanesi G. Ruggieri In realtà le stelle visibili ad occhio nudo sono circa 6000.

27 Perchè si vedono così poche stelle? A causa dellinquinamento luminoso Per lalternarsi delle stagioni dovuto al movimento di rivoluzione della Terra intorno al Sole: mese per mese sorgono nuove costellazioni e tramotano altre prima visibili. Per lalternarsi del giorno e della notte Linquinamento luminoso cancella le stelle dal cielo e preclude la visione di quasi tutti gli oggetti più belli del cielo

28 Nonostante queste limitazioni le stelle visibili ci appaiono essere comunque tantissime e per questo si è sentita, sin dal lontano passato, lesigenza di una loro classificazione Già gli antichi osservatori, collegando tra di loro le stelle più brillanti visibili, hanno posto in cielo delle figure assomiglianti alle esperienze di vita sulla Terra: abbiamo figure di animali, di strumenti, di personaggi umani legati alla mitologia. Così sono nate le Costellazioni: quelle che noi conosciamo sono le denominazioni date agli asterismi in cielo dalle popolazioni indo- europee e, in particolare, del bacino del Mediterraneo. Nellantichità erano note 48 costellazioni mentre la classificazione moderna ne comprende 88 Ecco degli esempi: qui vediamo costellazioni che rappresentano un animale (il delfino, il cavallino e laquila) e un attrezzo (la sagitta)

29 M16 Nebulosa Aquila M16, è una incubatrice di stelle, è una nebulosa gassosa irregolare. Nel suo gas ionizzato sono immerse almeno 35 giovanissime stelle. Distante 5700 a.l. dimesioni reali 40 x 12 a.l. Foto Di Giovanni Paglioli


Scaricare ppt "AstroCampania Autore: Massimo Corbisiero – copyright AstroCampania Fotografie tratte dal sito"

Presentazioni simili


Annunci Google