La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso ARTETERAPIA e COUNSELING ESPRESSIVO A cura del Counsellor.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso ARTETERAPIA e COUNSELING ESPRESSIVO A cura del Counsellor."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso ARTETERAPIA e COUNSELING ESPRESSIVO A cura del Counsellor dott.ssa Paola Isotti Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione Giulianova (TE)

2 ARTETERAPIA e COUNSELING ESPRESSIVO Offrono lopportunità di utilizzare potenzialità psichiche spesso mai venute prima alla luce:larte dona lopportunità di cogliere linaudito, il non visto e il non detto. Offrono lopportunità di utilizzare potenzialità psichiche spesso mai venute prima alla luce:larte dona lopportunità di cogliere linaudito, il non visto e il non detto. Loperatore di sostegno proponendo immagini, parole e storie offre a chi accetta di mettersi in gioco loccasione di vedere, ascoltare e dar voce a parti inesplorate di sé, favorendo la connessione tra la mente e il corpo. Loperatore di sostegno proponendo immagini, parole e storie offre a chi accetta di mettersi in gioco loccasione di vedere, ascoltare e dar voce a parti inesplorate di sé, favorendo la connessione tra la mente e il corpo.

3 COME ? GLI ELEMENTI SPECIFICI CHE FANNO DEL COUNSELING GLI ELEMENTI SPECIFICI CHE FANNO DEL COUNSELING ESPRESSIVO UNO STRUMENTO DI SUPPORTO, UNA OPPORTUNITA ULTERIORE AL PERCORSO TERAPEUTICO AVVIATO, POSSONO ESSERE RIASSUNTE NELLE FAMOSE 4 C: ESPRESSIVO UNO STRUMENTO DI SUPPORTO, UNA OPPORTUNITA ULTERIORE AL PERCORSO TERAPEUTICO AVVIATO, POSSONO ESSERE RIASSUNTE NELLE FAMOSE 4 C: CREATIVITA CREATIVITA COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE CATARSI CATARSI CAMBIAMENTO CAMBIAMENTO

4 CHE COSE UN ESPERENZIALE E UN LAVORO DI GRUPPO IN CUI SI REALIZZANO LE TRE FASI DEL CICLO DEL CONTATTO EMOTIVO SANO: E UN LAVORO DI GRUPPO IN CUI SI REALIZZANO LE TRE FASI DEL CICLO DEL CONTATTO EMOTIVO SANO: Precontatto Precontatto Contatto, contatto-pieno Contatto, contatto-pieno postcontatto postcontatto

5 TEORIA DELLA PERSONALITA e LE FASI DEL CICLO DEL CONTATTO EMOTIVO Le tre fasi racchiudono in se tutta la teoria della personalità poiché lorganismo manifesta in ognuna di esse il suo personale stile di rapporto. Le tre fasi racchiudono in se tutta la teoria della personalità poiché lorganismo manifesta in ognuna di esse il suo personale stile di rapporto. A seconda della modalità adottata per entrare in relazione con il mondo si evidenzia quali sono i meccanismi di difesa utilizzati dalla persona a servizio dellatteggiamento nevrotico. A seconda della modalità adottata per entrare in relazione con il mondo si evidenzia quali sono i meccanismi di difesa utilizzati dalla persona a servizio dellatteggiamento nevrotico.

6 ACCOGLIENZA: PREDISPOSIZIONE DEL SETTING Cura dellambiente che accoglie: luci, suoni,odori, colori, cuscini, coperte. Cura dellambiente che accoglie: luci, suoni,odori, colori, cuscini, coperte. Il counselor utilizzerà un tono di voce pacato,sarà accogliente, non direttivo. Condurrà ogni partecipante dal mondo razionale a quello emozionale. Il counselor utilizzerà un tono di voce pacato,sarà accogliente, non direttivo. Condurrà ogni partecipante dal mondo razionale a quello emozionale.

7 PRECONTATTO: si stimola la funzione ES. PRECONTATTO: si stimola la funzione ES. In questa prima fase del ciclo del contatto emotivo, per favorire lascolto di SE, si può proporre: In questa prima fase del ciclo del contatto emotivo, per favorire lascolto di SE, si può proporre: * IL RILASSAMENTO * IL RILASSAMENTO (si suggerisce di ascoltare le sensazioni che derivano dal proprio corpo: il respiro, la muscolatura, se si avvertono dolori,contratture, blocchi e porre proprio li lattenzione) (si suggerisce di ascoltare le sensazioni che derivano dal proprio corpo: il respiro, la muscolatura, se si avvertono dolori,contratture, blocchi e porre proprio li lattenzione) * LA FANTASIA GUIDATA * LA FANTASIA GUIDATA ( si stimola limmaginazione visiva, olfattiva,uditiva,tattile; si racconta di un luogo da immaginare nei particolari che si preferisce, di percepirne la temperatura, i colori: il counselor suggerisce di accostarsi alle sensazioni ponendo alcune domande: COME? COME TI SENTI?) ( si stimola limmaginazione visiva, olfattiva,uditiva,tattile; si racconta di un luogo da immaginare nei particolari che si preferisce, di percepirne la temperatura, i colori: il counselor suggerisce di accostarsi alle sensazioni ponendo alcune domande: COME? COME TI SENTI?) * IL GIOCO DI MOVIMENTO * IL GIOCO DI MOVIMENTO (si invita i partecipanti a camminare in vari modi occupando lo spazio per sciogliere le tensioni muscolari e prendere confidenza con lambiente). (si invita i partecipanti a camminare in vari modi occupando lo spazio per sciogliere le tensioni muscolari e prendere confidenza con lambiente).

8 CONTATTO: entra in azione la funzione IO del SE La parola chiave di questa seconda fase è: ATTIVAZIONE, RISVEGLIO. La parola chiave di questa seconda fase è: ATTIVAZIONE, RISVEGLIO. I sensi sono amplificati. I sensi sono amplificati. E la fase in cui lenergia creativa si mobilita. E la fase in cui lenergia creativa si mobilita. Chi partecipa si orienta nellambiente, prende confidenza con la proposta dei conduttori. Chi partecipa si orienta nellambiente, prende confidenza con la proposta dei conduttori. Linvito sarà di SPERIMENTARE/SI seguendo le proprie scelte, utilizzando i propri mezzi per fare delle ESPERIENZE CREATIVE. Linvito sarà di SPERIMENTARE/SI seguendo le proprie scelte, utilizzando i propri mezzi per fare delle ESPERIENZE CREATIVE.

9 STILI ESPRESSIVI UTILIZZABILI Scrittura creativa: inventare parole nuove e frasi relative alle emozioni vissute nel qui e ora. Scrittura creativa: inventare parole nuove e frasi relative alle emozioni vissute nel qui e ora. Pittura, Disegno, Fotografia, Poesia, Pittura, Disegno, Fotografia, Poesia, Massaggi, Espressione corporea, Danza, Fiaba, Massaggi, Espressione corporea, Danza, Fiaba, Racconto, Sogno, Fumetto, Teatro, Maschere, Burattini, Lotta, Creta, giochi di ruolo.Etc. Racconto, Sogno, Fumetto, Teatro, Maschere, Burattini, Lotta, Creta, giochi di ruolo.Etc.

10 PASSAGGIO dal CONTATTO al CONTATTO PIENO PAROLA CHIAVE E :FUSIONE A CONFINE APERTO. E IL MOMENTO: E IL MOMENTO: Della TRASFORMAZIONE. Della TRASFORMAZIONE. Della FUSIONE. Della FUSIONE. Delle FORTI EMOZIONI Delle FORTI EMOZIONI Della PERDITA dei CONFINI nel fare e nel creare. Della PERDITA dei CONFINI nel fare e nel creare. Il soggetto si muove liberamente nellambiente lasciandosi scegliere da ciò che gli serve per soddisfare il proprio bisogno. La mente osserva dal di fuori e si prende consapevolezza, ci si riconosce in quello che si sta creando: collegamento PANCIA-TESTA Il soggetto si muove liberamente nellambiente lasciandosi scegliere da ciò che gli serve per soddisfare il proprio bisogno. La mente osserva dal di fuori e si prende consapevolezza, ci si riconosce in quello che si sta creando: collegamento PANCIA-TESTA

11 DOMANDE APERTE Il conduttore pone domande aperte per favorire la consapevolezza durante lazione nel qui ed ora: Il conduttore pone domande aperte per favorire la consapevolezza durante lazione nel qui ed ora: Comè per te usare… muoverti…? Comè per te usare… muoverti…? Cosa provi? Cosa senti? Lo senti tuo? Cosa provi? Cosa senti? Lo senti tuo? Quanto ti rappresenta quello che stai facendo? Quanto ti rappresenta quello che stai facendo? Cè qualcosa che vorresti aggiungere o togliere? Cè qualcosa che vorresti aggiungere o togliere? Posso fare qualcosa per te? Posso fare qualcosa per te? ( non chiedere mai PERCHE:è una domanda chiusa che invita alla chiusura) ( non chiedere mai PERCHE:è una domanda chiusa che invita alla chiusura)

12 Passaggio dal contatto pieno al post-contatto Confini temporali: il counselor informa del tempo rimasto per completare lopera. Confini temporali: il counselor informa del tempo rimasto per completare lopera. Si aiuta laltro a far entrare la REALTA e a staccarsi lentamente dalla proposta: Si aiuta laltro a far entrare la REALTA e a staccarsi lentamente dalla proposta: Si suggerisce di guardare il proprio lavoro anche da un punto di vista diverso magari alzandosi in piedi o da lontano. Si suggerisce di guardare il proprio lavoro anche da un punto di vista diverso magari alzandosi in piedi o da lontano. Si suggerisce di osservare cosa hanno fatto gli altri, cosa succede intorno a sè: si invita a PRENDERE CONTATTO CON LAMBIENTE che si è nel frattempo MODIFICATO. Si suggerisce di osservare cosa hanno fatto gli altri, cosa succede intorno a sè: si invita a PRENDERE CONTATTO CON LAMBIENTE che si è nel frattempo MODIFICATO. Suggerire di scegliere uno dei lavori realizzati, quello che più attrae e raccontare a chi lo ha realizzato il proprio vissuto: si porta al COGNITIVO le emozioni. Suggerire di scegliere uno dei lavori realizzati, quello che più attrae e raccontare a chi lo ha realizzato il proprio vissuto: si porta al COGNITIVO le emozioni.

13 POST-CONTATTO: funzione PERSONALITA del SE Parola chiave: CONSAPEVOLEZZA E il momento dellINSIGHT, della presa di coscienza delle proprie difficoltà e delle situazioni che danno piacere. E il momento dellINSIGHT, della presa di coscienza delle proprie difficoltà e delle situazioni che danno piacere. Il soggetto è consapevole del proprio copione relazionale, di come si è sentito durante il lavoro e vede ciò che ha fatto in modo diverso. Il soggetto è consapevole del proprio copione relazionale, di come si è sentito durante il lavoro e vede ciò che ha fatto in modo diverso. FEED-BACK FEED-BACK

14 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Università degli Studi G. dAnnunzio Chieti Corso di Psicologia Clinica Prof. Salvatore Sasso ARTETERAPIA e COUNSELING ESPRESSIVO A cura del Counsellor."

Presentazioni simili


Annunci Google