La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicazione verbale e linguaggio dei media a.a.2009/10 Federica Da Milano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicazione verbale e linguaggio dei media a.a.2009/10 Federica Da Milano."— Transcript della presentazione:

1 Comunicazione verbale e linguaggio dei media a.a.2009/10 Federica Da Milano

2 Lo schema della comunicazione di Jakobson Componenti dellatto di comunicazione linguistica: -Parlante -Referente -Messaggio -Canale -Codice -Ascoltatore

3 Lo schema della comunicazione di Jakobson ….e le corrispondenti funzioni: -Emotiva (parlante) -Referenziale (referente) -Poetica (messaggio) -Fàtica (canale) -Metalinguistica (codice) -Conativa (ascoltatore)

4 Le funzioni comunicative e il messaggio pubblicitario Funzione referenziale Funzione conativa Funzione metapubblicitaria

5 Caratteristiche del messaggio pubblicitario Pubblicità (stampa e audiovisivo): continuum scritto/parlato Messaggio e mezzo strettamente collegati

6 Il messaggio pubblicitario a stampa Vincolo spaziale -Il testo visivo (immagini statiche) -L headline, o titolo (messaggio principale) -La bodycopy, o testo (il messaggio viene chiarito) -La baseline, o pay-off (frase conclusiva e riassuntiva) -Il claim (promessa) -Il logotipo (marchio e nome dellazienda che firma la campagna)

7 Il messaggio pubblicitario audiovisivo Vincoli temporali -immagini in movimento -Colonna sonora

8 Il messaggio pubblicitario e i nuovi media Interattività Personalizzazione Intrattenimento Es. cale=it_IT cale=it_IT Oralità scritta

9 Pubblicità e mezzi di comunicazione MezzoVantaggiSvantaggi TV Ampia copertura, prestigio e notorietà Alti costi complessivi, poco mirata, affollamento RADIO Bassi investimenti, targettizzata Solo audio, ascolto distratto, affollamento STAMPA Alto contenuto informativo, permanenza nel tempo Rapida obsolescenza (quotidiani), basso impatto WEB Personalizzazione e interazione Digital divide AFFISSIONI Impatto notevole, utilizzo ripetuto Tempo di esposizione ridotto, affollamento

10 Largomentazione pubblicitaria 1. Primato dellethos a. autorevolezza del marchio b. Qualità del prodotto 2. Primato del pathos Coinvolgimento diretto delluditorio

11 Largomentazione pubblicitaria 1.a Noi non rompiamo le scatolette ai delfini. Esselunga per il suo tonno ha selezionato esclusivamente fornitori certificati Dolphin safe dalle principali associazioni ambientaliste, a garanzia della totale incolumità dei delfini durante la pesca

12 Largomentazione pubblicitaria 1.b Capelli +30.5%/efficacia anticaduta 87%. Trattamento anticaduta Bioscalin con Biogenina. Più valore ai capelli

13 Largomentazione pubblicitaria 2. Alzati. Rinnovati. Rinasci./Vasca idromassaggio Jacuzzi Misto: Conad parla come te/3000 supermercati dal sapore tutto italiano. Conad diffusa in tutta Italia. In ogni Conad uomini e donne che parlano da sempre la lingua della convenienza, della qualità e del servizio. E lhanno imparata da te: standoti vicino, ascoltando i tuoi bisogni, rispettando i tuoi gusti. CONAD

14 La retorica pubblicitaria Perelman C./Olbrechts-Tyteca L. (1966), Trattato dellargomentazione. La nuova retorica, Torino, Einaudi Mortara Garavelli B. (1997), Manuale di retorica, Milano, Bompiani luoghi comuni: tópoi

15 La retorica pubblicitaria Utilizzo ampio di figure: fenomeni di sostituzione di unespressione comune (neutra, di grado zero) con unaltra, ritenuta più efficace e pertinente rispetto ai parametri fondamentali della comunicazione: contesto e uditorio. In tal modo, si producono delle deviazioni rispetto agli schemi discorsivi codificati


Scaricare ppt "Comunicazione verbale e linguaggio dei media a.a.2009/10 Federica Da Milano."

Presentazioni simili


Annunci Google