La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) Corso di Economia delle Scelte Finanziarie e di Portafoglio (prof. G. Ferri): Lezione 2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) Corso di Economia delle Scelte Finanziarie e di Portafoglio (prof. G. Ferri): Lezione 2."— Transcript della presentazione:

1 1 Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) Corso di Economia delle Scelte Finanziarie e di Portafoglio (prof. G. Ferri): Lezione 2

2 2 Il CAPM Deriviamo il CAPM di base a un periodo. È un modello dei rendimenti di equilibrio delle attività ampiamente usato nella letteratura finanziaria (diversificazione di portafoglio, misure di rischio e di rendimento, portafoglio di mercato). Considereremo solo le azioni, ma il CAPM può applicarsi anche a tutte le altre attività finanziarie (es. obbligazioni, attività immobiliari ecc.).

3 3 Le principali questioni del CAPM Il CAPM risponde a una serie di domande: Perché agli agenti conviene detenere un portafoglio diversificato che include un gran numero di attività rischiose piuttosto che, ad esempio, una sola attività rischiosa o un sottoinsieme di attività rischiose? Cosa determina il rendimento di equilibrio atteso su ciascuna attività rischiosa nel mercato, in modo che gli investitori desiderino detenerla? Cosa determina le scelta di un investitore individuale tra detenere lattività priva di rischio e detenere linsieme di attività rischiose?

4 4 Visione generale del CAPM - 1 Nel CAPM gli agenti: possono scegliere tra un insieme di attività rischiose (azioni) e lattività priva di rischio (depositi bancari o BOT); possono dare e prendere a prestito quanto desiderano al tasso di interesse privo di rischio; sono avversi al rischio ( il rischio procura loro disutilità) sia ER i il rendimento (atteso) di unattività i; il suo rischio è misurato dalla sua varianza σ 2 i ; tutti gli individui hanno aspettative omogenee su: rendimenti attesi, varianze e covarianze (correlazioni) tra i vari rendimenti; non ci sono né costi di transazione né tasse.

5 5 Visione generale del CAPM - 2 Consideriamo il motivo per detenere un portafoglio diversificato con un insieme di attività rischiose: Assumiamo, per il momento, che siano già stati fissati i fondi destinati allattività sicura; Investendo tutta la ricchezza nellattività 1, si ha rendimento atteso ER 1 e rischio σ 2 1 ; analogamente, se si sceglie solo lattività 2, si ha rendimento atteso ER 2 e rischio σ 2 2 ; Assumiamo covarianza negativa tra i due rendimenti σ 12 <0, cioè ER 1 cresce se ER 2 cala e viceversa: ciò implica un coefficiente di correlazione negativa tra i rendimenti poiché ρ 12 =σ 12 /(σ 1 σ 2 ) Perciò, la diversificazione riduce la varianza del portafoglio

6 6 Visione generale del CAPM - 3 Per semplificare al massimo, assumiamo ER 1 =ER 2 e σ 2 1 =σ 2 2 e che quando ER 1 aumenta dell1% ER 2 cala dell1%, rendimenti perfettamente correlati negativamente ρ=– 1 In queste ipotesi, se dividiamo a metà il portafoglio tra le due attività il rendimento del portafoglio è ER 1 =ER 2 ma la diversificazione riduce il rischio del portafoglio a zero (ogni rendimento sopra la media dellattività 1 comporta un equivalente rendimento sotto la media dellattività 2 dato che ρ=– 1) Lesempio è ovviamente un caso speciale, ma mostreremo che, in generale, anche se la covarianza dei rendimenti è nulla o positiva (ma ρ<1) conviene diversificare

7 7 Visione generale del CAPM - 4 Lesempio suggerisce il perché ogni investitore potrebbe detenere un po di ognuna delle azioni sul mercato, se gli permettiamo di dare/prendere a prestito in misura illimitata al tasso privo di rischio r Per capirlo meglio, facciamo un contro-esempio. Se una azione non fosse inizialmente voluta da nessun investitore allora il suo prezzo dovrebbe calare (tutti la vendono). Ma (ceteris paribus e assumendo un flusso di dividendi attesi positivo) il calo del prezzo corrente fa salire il rendimento atteso futuro. Allora, il prezzo corrente dovrà scendere finché lazione divenga attraente.

8 8 Visione generale del CAPM - 5 Le preferenze dellinvestitore entreranno in gioco, ma vale il teorema della separazione dei due fondi: Si può scindere linvestimento in due scelte separate. La prima, la quota ottimale x* i di attività rischiose da detenere, dipende solo dalle aspettative sulle variabili di mercato (rendim, var, covar). Ma aspettative omogenee tra gli agenti tutti detengono le stesse proporzioni di attività rischiose (es. 1/20 di azioni α, 1/80 di β ecc.) senza riguardo alle loro preferenze rischio-rendimento Nel 2° stadio, lagente sceglie quanto prendere (dare) a prestito così da aumentare (ridurre) la ricchezza detenuta nel portafoglio di mercato di attività rischiose

9 9 Visione generale del CAPM - 6 Solo ora entrano in gioco le preferenze rischio-rendimento: se lagente è molto avverso al rischio, investirà quasi tutto nellattività sicura (con rendimento r) e destina solo una piccola parte della sua ricchezza allattività rischiosa nelle proporzioni fisse x* i ; se invece è poco avverso al rischio, userà la ricchezza (e semmai prenderà a prestito al tasso r) per investire nellattività rischiosa nelle proporzioni fisse x* i. NB: il 2° stadio non influenza le domande relative di attività rischiose (restano fisse le proporzioni di x* i ) rendim attesi di equilibrio non dipendono dalle preferenze degli individui, ma solo da varianze e covarianze di mercato

10 10 Visione generale del CAPM - 7 Useremo la seguente notazione: rendimento atteso = μ i = ER i varianza dei rendimenti = σ 2 i = var(R i ) covarianza dei rendimenti = σ ij = cov(R i, R j ) Sui rendimenti di equilibrio, il CAPM prevede che il rendimento in eccesso atteso su unattività rischiosa (ER i – r) sia direttamente correlato col rendimento in eccesso atteso sul portafolgio di mercato (ER m – r) con la costante di proprzionalità beta di quella attività: (ER i – r) = β i (ER m – r) ovvero ER i = r + β i (ER m – r) ove β i = cov(R i, R m )/var(R m )

11 11 Visione generale del CAPM - 8 ER m è il rendimento atteso del portafoglio di mercato pari al rendimento atteso medio dal detenere tutte le attività nelle proporzioni ottimali x* i. Poiché i rendimenti effettivi del portafoglio di mercato differiscono dai rendimenti attesi, la varianza var(R m ) è nonnulla. La definizione del β i dellimpresa i indica che dipende da: (i)la covarianza tra rendimenti dellattività i e del portafoglio di mercato cov(R i, R m ) e che (ii)è inversamente correlato alla varianza del portafoglio di mercato var(R m ). Se in media i rendimenti ex post approssimano quello atteso ex ante ER i, allora il CAPM spiega il rendimento medio dellattività i.

12 12 Visione generale del CAPM - 9 Cosa ci dice il CAPM sui rendimenti di equilibrio in borsa? Primo si nota che (ER m – r)>0, altrimenti nessun agente avverso al rischio detiene il portafoglio di mercato di attività rischiose potendo guadagnare con certezza r; Poi, i rendimenti sulle singole attività tendono a muoversi nello stesso senso e, quindi, cov(R i, R m ) 0 e β i 0. Per il CAPM: se cov(R i, R m )=0 (β i =0) lattività i viene detenuta solo se ER i =r; se cov(R j, R m )>0 (β j >0) lattività j è detenuta solo se ER j è abbastanza > r così da compensare mancata riduzione varianza portafoglio; se cov(R k, R m )<0 (β k <0) lattività k è detenuta anche se ER k < r perché riduce la varianza del portafoglio.

13 13 Visione generale del CAPM - 10 Il CAPM consente anche di misurare la volatilità relativa dei rendimenti attesi su singole attività in base ai β i : Il rendimento dovrebbe muoversi: uno a uno col portafoglio di mercato (cioè ER i = ER m ) se β i =1 (azioni neutrali); più del portafoglio se β i >1 (azioni aggressive); meno del portafoglio se β i <1 (azioni difensive) Così, gli investitori possono usare i β i per classificare la rischiosità delle varie attività ed eventualmente prendere posizione; ma, facendo così, non obbedirebbero il CAPM che, come detto, prescrive che tutti detengano il portafoglio di mercato composto nelle stesse proporzioni ottimali x* i previste dal CAPM

14 14 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 1 Prima di formalizzare il CAPM, vediamo: criterio media- varianza; concetto di portafoglio efficiente, guadagni da diversificazione nel ridurre il rischio di portafoglio. Vediamo relazione tra rendimento atteso μ p del portafoglio diversificato e suo rischio σ p. Se si vuole minimizzare il rischio per ogni (livello) rendimento atteso, i portafogli efficienti sono sulla frontiera efficiente, non-lineare nello spazio (μ p, σ p ). Poi esaminiamo la relazione rischio-rendimento per uno specifico portafoglio di due attività: una è la somma di attività sicura data o presa a prestito, laltra il portafoglio unico di attività rischiose. Se ne ricava linea di trasformazione rischio-rendimento

15 15 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 2 Criterio media-varianza (CMV): Se linvestitore preferisce un rendimento atteso (ER) più elevato ma è avverso al rischio, secondo il CMV egli preferirà il portafoglio A (di n attività) al portafoglio B (con un insieme diverso di n attività) se: (i)E A (R) E B (R) e anche (ii)var A (R) var B (R) ovvero SD A (R) SD B (R) ove SD = deviazione standard. Se vale (i) ma (ii) no, il CMV non consente di scegliere. I portafogli che soddisfano CMV sono efficienti : nel nostro caso B è inefficiente e non sarà mai scelto se A è disponibile

16 16 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 3 Diversificazione di portafoglio: Consideriamo due attività rischiose con rendimenti effettivi (a un periodo) R 1 e R 2 e con rendimenti attesi μ 1 =ER 1 e μ 2 =ER 2. Le varianze dei rendimenti sono σ 2 i =E(R i -μ i ) 2 per i=1,2. Il coefficiente di correlazione tra movimenti nei due rendimenti è ρ = σ 12 / (σ 1 σ 2 ) ove σ 12 = E[(R 1 – μ 1 )(R 2 – μ 2 )] = cov(R 1, R 2 ) Se ρ=+1 (= – 1) i due rendimenti sono perfettamente correlati positivamente (negativamente) e si muovono sempre nello stesso senso (in senso opposto). Chiaramente, il rischio del portafoglio dipende da ρ: diversificazione annulla il rischio se ρ = – 1 e lo riduce per ρ < 1.

17 17 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 4 Dapprima linvestitore sceglie in modo da minimizzare il rischio del portafoglio (per ora non si occupa di prestare/indebitarsi sullattività sicura). Dovrebbe mettere tutta la ricchezza in 1 sola delle 2 attività (tutte le uova in un solo paniere) e assumersi rischio σ 2 1 o σ 2 2 oppure dividerla tra le 2 attività e, se sì, in quali proporzioni? Diciamo che sceglie di detenere un proporzione x 1 di attività 1 e il restante x 2 =(1 – x 1 ) di attività 2. Il rendimento effettivo sul portafoglio diversificato (ex post, non noto inizialmente) è: R p = x 1 R 1 +x 2 R 2 Rendimento atteso (ex ante): ER p = μ p = x 1 ER 1 + x 2 ER 2 = x 1 μ 1 + x 2 μ 2

18 18 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 5 La varianza del portafoglio è: σ 2 p = E(R p – μ p ) 2 = E[x 1 (R 1 – μ 1 ) + x 2 (R 2 – μ 2 )] 2 = x 1 2 E(R 1 –μ 1 ) 2 + x 2 2 E(R 2 –μ 2 ) x 1 x 2 E[(R 1 –μ 1 ) (R 2 –μ 2 )] = x 1 2 σ x 2 2 σ x 1 x 2 σ 12 = x 1 2 σ x 2 2 σ x 1 x 2 ρ σ 1 σ 2 = x 1 2 σ (1 – x 1 ) 2 σ x 1 (1 – x 1 ) ρ σ 1 σ 2 Assumendo che le due attività hanno lo stesso rendimento, linvestitore mira solo a minimizzare il rischio (σ 2 p ): (σ 2 p )/ (x 1 ) = 2x 1 σ 2 1 – 2(1 – x 1 )σ (1 – 2x 1 ) ρ σ 1 σ 2 = 0 da cui: x 1 = (σ 2 2 – ρ σ 1 σ 2 )/(σ σ 2 2 – 2 ρ σ 1 σ 2 ) ovvero: x 1 = (σ 2 2 – σ 12 )/(σ σ 2 2 – 2 σ 12 )

19 19 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 6 Dalla formula di σ 2 p notiamo che la varianza del portafoglio è minima se ρ =–1 ed è massima se ρ =+1. Facciamo un esempio. Se σ 2 1 =(0,4) 2, σ 2 2 =(0,5) 2 e ρ = 0,25 allora il valore ottimale di x 1 è: x 1 =[(0,5) 2 –0,25(0,4)(0,5)]/[(0,4) 2 +(0,5) 2 –2(0,25)(0,4)(0,5)] ovvero: x 1 = 20/31 e, sostituendo, σ 2 p =12,1% che è minore della varianza che si ha investendo tutto nellattività 1 [(0,4) 2 =16%] o tutto nellattività 2 [(0,5) 2 =25%] Usare le formule sopra per mostrare che con ρ=–1, σ 2 p =0. Intuizione: anche attività molto rischiose (alta σ 2 i ) servono a ridurre σ 2 p se hanno covarianza negativa con altre attività già nel portafoglio

20 20 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 7 Infine, si può mostrare che anche quando i rendimenti delle attività sono totalmente incorrelati, la loro aggiunta al portafoglio riduce σ 2 p. Con n attività incorrelate (ρ ij =0), la varianza di portafoglio è σ 2 p = (x 1 2 σ x 2 2 σ … + x n 2 σ 2 n ) Se tutte le varianze sono uguali (σ 2 i =σ 2 ) e tutte le attività sono detenute nella stessa proporzione (1/n), allora: σ 2 p = (n σ 2 ) / n 2 = σ 2 / n da cui si vede che lim n σ 2 p = 0, cioè attività incorrelate riducono in ogni caso il rischio del portafoglio e, pertanto, ci si può aspettare che non richiedano rendimenti oltre il tasso privo di rischio.

21 21 Diversificazione, frontiera, trasformazione - 8 Sin qui linvestitore si concentrava sul solo rischio poiché i rendimenti erano uguali, ma come muta la scelta se si rimuove tale ipotesi? Nellesempio con due attività, se μ 1 =10; μ 2 =20; ρ=–0,5; σ 1 =100; σ 2 =900; allora si ha: valore x 1 rendimento atteso μ p varianza (SD) portafoglio σ 2 p (30,0) 1/ (23,1) 2/ (16,4) 3/ (10,4) 4/ (7,2) (10,0) Rappresentare in figura (anche per n>2) relazione (μ p, σ p ) e anche riduzione di σ p al crescere di n.

22 22 Diversificazione, frontiera, trasformazione -9 La frontiera efficiente: Se abbiamo N attività, è assai grande il numero di portafogli che si possono costruire variando x i (i=1,2, …N) ma solo alcuni di questi sono efficienti (figura), gli altri sono dominati da questi secondo il CMV Per calcolare gli x i ottimali (quelli sulla frontiera efficiente) linvestitore fronteggia n rendimenti attesi μ i e varianze σ 2 i nonché n(n–1)/2 covarianze σ ij, ove: [1] [2]

23 23 Diversificazione, frontiera, trasformazione -10 La frontiera efficiente mostra tutte le combinazioni (μ p, σ p ) che minimizzano il rischio (la DS del portafoglio σ p ) per ogni livello di rendimento atteso μ p. Linvestitore fronteggia il vincolo di bilancio Σx i =1 (per ora non è consentito né prendere/dare a prestito sullattività sicura né vendere allo scoperto, cioè x i <0).

24 24 Diversificazione, frontiera, trasformazione -11 Il problema dellinvestitore può essere così rappresentato: 1.Sceglie arbitrario rendimento obiettivo μ* p (es. 10%); 2.Sceglie arbitrari (x i ) 1 in modo da avere μ* p (dalla [1]); 3.Calcola (σ p ) 1, DS portafoglio con (x i ) 1 (dalla [2]); 4.Ripete passi 2–3 con (x i ) 2 ; elimina (x i ) 2 se (σ p ) 1 <(σ p ) 2 ; 5.Itera passi 2–4 finché ottiene quellinsieme di valori x i * che: (i) soddisfa vincolo di bilancio (Σx i *=1); (ii) dà μ* p ; (iii) ha la DS minima del portafoglio (σ p )*. Le attività detenute nelle proporzioni x i * danno portafoglio efficiente, un punto nello spazio (μ p, σ p ) (A in fig.); 6.Sceglie altro obiettivo arbitrario μ** p (es. 9%) e ripete passi 1–5 per ottenere x i ** e (σ p )** (B in fig.).

25 25 Diversificazione, frontiera, trasformazione -12 I portafogli efficienti si trovano solo sulla porzione superiore della curva XABCD, cioè sul tratto XABC: questa è la frontiera efficiente

26 26 Diversificazione, frontiera, trasformazione -13 Il nostro investitore ha percorso i seguenti passi: 1.Dati rendimenti attesi, varianze e covarianze, ha costruito la (unica) frontiera efficiente; 2.Ha così scelto le proporzioni ottimali x i * che soddisfano vincolo di bilancio e minimizzano rischio portafoglio per ogni dato livello rendimento atteso μ p ; 3.Ha ripetuto la procedura per calcolare il valore minimo di σ p per ogni dato livello di rendimento atteso μ p ; e ha quindi mappato la frontiera efficiente in spazio (μ p, σ p ); 4.Ogni punto lungo la frontiera efficiente corrisponde a un diverso insieme di proporzioni ottimali x 1 *, x 2 * …. 1–4 è la prima scelta in applicazione del teorema della separazione dei due fondi.

27 27 Diversificazione, frontiera, trasformazione -14 Dare/prendere a prestito: la linea di trasformazione Permettiamo ora allinvestitore di dare e prendere a prestito sul mercato dellattività sicura, con rendimento r; tale rendimento è sicuro e quindi la sua var è 0 così come la sua covar con tutte le n attività rischiose. Lagente può: i)investire tutta la sua ricchezza in attività rischiose (senza dare né prendere a prestito); ii)investire meno della sua ricchezza in attività rischiose, dando a prestito il resto nellattività sicura con tasso r; iii)investire più della sua ricchezza in attività rischiose, prendendo a prestito a tasso r.

28 28 Diversificazione, frontiera, trasformazione -15 La linea di trasformazione, è la relazione tra il rendimento atteso e il rischio di uno specifico portafoglio composto di: (i) attività sicura; (ii) portafoglio di attività rischiose Costruiamo un portafoglio K composto da unattività rischiosa (ER 1, σ 2 1 ) e dallattività sicura. Possiamo mostrare che vale la relazione: μ k = a + bσ k ove μ k e σ k sono il rendimento atteso e la DS del nuovo portafoglio Ma possiamo anche creare un altro nuovo portafoglio N che consta di q attività rischiose in proporzioni x i (i=1,2, …q) e dellattività sicura avendo μ N = δ 0 + δ 1 σ N Come sceglie linvestitore quanto dare/prendere a prestito sullattività priva di rischio?

29 29 Diversificazione, frontiera, trasformazione -16 La scelta la fa considerando un nuovo portafoglio, mix di una quota di ricchezza y investita nellattività sicura e (1–y) nel portafoglio di attività rischiose con: rendimento effettivo R N = yr + (1–y)R rendimento atteso μ N = yr + (1–y)μ R Se y=1 investe tutta la ricchezza nellattività sicura e μ N =r; se y=0 investe tutta la ricchezza in azioni e μ N =μ R ; se y<0 prende a prestito al tasso r per investire più della sua ricchezza in azioni (es. se ricchezza=100 e y=–0,5 prende a prestito 50 per investire 150 in azioni) Poiché r è noto e fisso, DS nuovo portafoglio dipende solo da σ R (DS attività rischiose): σ N = (1–y)σ R

30 30 Diversificazione, frontiera, trasformazione -17 Da cui deriviamo: (1–y) = σ N /σ R ovvero y = 1 – (σ N /σ R ) e, sostituendo: μ N = r + [(μ R –r)/σ R ] σ N = δ 0 + δ 1 σ N ove δ 0 = r e δ 1 = (μ R –r)/σ R Per cui, per ogni portafoglio mix di attività sicura e attività rischiose, la relazione tra rendimento atteso e DS del portafoglio è lineare con pendenza δ 1 e intercetta = r. Dato che ER > r, per far crescere μ N linvestitore deve far aumentare σ N /σ R ovvero deve investire una quota maggiore in azioni, riducendo y. Quando tutta la ricchezza è in azioni y=0 e σ N =σ R (punto X nella figura); quando y=1, μ N =r e σ N /σ R =0; ma lagente può anche prendere a prestito per investire in azioni più della sua ricchezza iniziale (punto Z nella figura).

31 31 Diversificazione, frontiera, trasformazione -18 La linea di trasformazione

32 32 Derivazione del CAPM - 1 Linea del Mercato dei Capitali (LMC): Variando le caratteristiche dello specifico portafoglio di attività rischiose, vi saranno più linee di trasformazione (fig.): quella tangente alla frontiera efficiente è la linea del mercato dei capitali (LMC) Le sue preferenze determinano solo a che punto lungo la LMC linvestitore si colloca: se poco avverso al rischio andrà su K (ove si indebita al tasso r per aumentare linvestimento in azioni); se molto avverso andrà su A (ove presta al tasso r per ridurre linvestimento in azioni) ma ambedue rispettano le proporzioni x i * per ciò che investono in azioni

33 33 Derivazione del CAPM - 2

34 34 Derivazione del CAPM - 3 Principio di separazione: Dunque, linvestitore compie due scelte separate: 1.In base a rendimenti attesi, var e covar calcola quote efficienti portafoglio azioni (x i *) su frontiera efficiente. Poi trova il punto M tangenza linea di trasformazione x i * non dipende da preferenze: stesso mix di azioni per tutti gli investitori 2.Poi, in base alle sue preferenze, ciascun investitore sceglie dove posizionarsi sulla LMC (quanto investire in azioni vs. attività sicura) data da: μ N = r + [(μ R –r)/σ m ] σ N

35 35 Derivazione del CAPM - 4 Come il mercato prezza il rischio: In equilibrio, per ciascun investitore, la pendenza della LMC [(μ R –r)/σ m ] (spesso chiamata il prezzo di mercato del rischio) deve uguagliare la pendenza della curva di indifferenza (il TMS tasso marginale di sostituzione, cioè laumento al margine del rendimento atteso che linvestitore richiede per accettare un aumento del rischio al margine) siccome la pendenza della LMC è la stessa per tutti, in equilibrio tutti gli investitori hanno lo stesso TMS Il prezzo di mercato del rischio può anche scriversi in termini di varianza: m = [(μ R –r)/σ 2 m ]

36 36 Derivazione del CAPM - 5 Lequilibrio: Affinché la frontiera efficiente sia la stessa per tutti, tutti gli investitori debbono avere aspettative omogenee sulle variabili di mercato (rendimenti attesi, var e covar) Come si determinano gli x i *: Sappiamo che tutti gli investitori detengono il mix x i * del punto M (ultima fig.), ma come si calcolano gli x i *? Sappiamo che per ogni linea di trasformazione e ogni portafoglio azionario p, tan = [(ER p –r)/σ p ]. Per raggiungere il punto M, si massimizza questa equazione rispetto a x i, soggetto al vincolo di bilancio Σx i =1 e, se non sono ammesse vendite allo scoperto, a x i 0

37 37 Derivazione del CAPM - 6 Derivazione dei rendimenti di equilibrio: Il rendimento atteso e la DS di un portafoglio p (mix di n attività rischiose e dellattività sicura) sono: (1) (2) ove x i =quota ricchezza in attività i. il CAPM è la soluzione al problema di minimizzazione di σ p soggetto a un dato livello di rendimento atteso ER p.

38 38 Derivazione del CAPM - 7 Il lagrangiano è il seguente: (3) i (i =1,2, … n) si sceglie x i per minimizzare C con la CPO: (4) Differenziando rispetto a si ottiene: (5)

39 39 Derivazione del CAPM - 8 Moltiplicando per x i (per ciascun i) la (4) e sommando tutte le equazioni (4) per i=1,2, …n, dà: (6) e nel punto in cui Σx i =1 si ottiene: (7) m = (ER m – r)ovvero (8) 1/ = (ER m – r)/ m ove ER m =Σ(x i ER i ) ed m indica il portafoglio di mercato. Dalla (8) si nota che 1/ è la pendenza della LMC, prezzo di una unità di rischio, uguale per tutti gli investitori. Siccome la CPO (4) vale per tutti gli investitori (non contano le preferenze), possiamo derivare lespressione del CAPM per i rendimenti di equilibrio quando Σx i =1:

40 40 Derivazione del CAPM - 9 (9) ovvero, sostituendo dalla (8) nella (9) per 1/ : (10) NB: (11) im = cov[R i,(x 1 R 1 +x 2 R 2 +…x n R n )]= x i i 2 + Σ i j x i ij e sostituendo la (11) nella (10) otteniamo lespressione CAPM per il rendimento di equilibrio nellattività i: (12)ER i = r + (ER m – r) i ove, ricordiamo: i = cov(R i, R m )/ m 2

41 41 Derivazione del CAPM - 10 Si ricordi che rendimento equilibrio si ha con gli x* i ottenuti per frontiera efficiente tangente a LMC, ove pendenza: (1)(μ m –r)/σ m. Per vedere che M e solo M (e quindi x* i ) è lequilibrio, si ragiona per assurdo. Costruiamo portafoglio artificiale p, ottenuto sottraendo un po dei fondi di M e investendoli nellattività i: p consta di x i in attività i e (1–x i ) nel portafoglio M ed ha rendimento atteso e DS: (2) p = x i i + (1 – x i ) m (3) p = [x i 2 2 i + (1 – x i ) 2 2 m + 2x i (1 – x i ) im ] 1/2 p si trova sulla curva AMB in fig. che è tangente in M a LMC e frontiera efficiente. Si mostrerà che lequilibrio richiede x i =0 per cui p degenera al portafoglio M

42 42 Derivazione del CAPM - 11

43 43 Derivazione del CAPM - 12 Sappiamo nel punto M le curve LMY (frontiera efficiente) e AMB coincidono poiché x i =0 ove pendenza LMY è: (3) con derivate valutate a x i =0. Da (1) e (2) sappiamo: (4) (5) eliminando i termini in x i (x i =0) e notando che a M p = m : (6) sostituendo la (4) e la (6) nella (3) si ottiene: (7) ma in M la pendenza della frontiera efficiente (7) uguaglia quella della LMC (1) e quindi

44 44 Derivazione del CAPM - 13 (8) Dalla (8) si ottiene relazione di equilibrio del CAPM: (9) ovvero: (10) quindi, lattività i è detenuta solo se soddisfa la CAPM (10). Definiamo il beta di i: (11) i = cov(R i, R m ) / var(R m ) e la relazione CAPM:(12) ER i = r + i (ER m – r) che si può pure scrivere:(13) ER i = r + m cov(R i, R m ) Le (10), (12) e (13) sono modi equivalenti di esprimere la condizione di equilibrio del rendimento atteso CAPM

45 45 Derivazione del CAPM - 14 Il beta e il rischio sistematico: Il risk premium (rp i ) è il rendimento di unattività rischiosa in eccesso allattività sicura: (14) ER i r + rp i da cui, in base al CAPM: (15) rp i = i (ER m – r) ovvero: (16) rp i = m cov(R i, R m ) NB: secondo il CAPM, il rendimento in eccesso dellattività i dipende solo dalla sua cov col portafoglio di mercato e rendimento atteso in eccesso di i rispetto a j da i / j : (17) (ER i – r)/(ER j – r) = i / j Il portafoglio di mercato ha =1; j =1 azioni neutrali; j >1 azioni aggressive; j <1 azioni difensive.

46 46 Derivazione del CAPM - 15 Il rischio sistematico (o non diversificabile) è quel rischio che non può essere diversificato aggiungendo altre attività al portafoglio anche portafogli molto diversificati avranno comunque un rischio sistematico (perché, si potrebbe mostrare, al crescere del numero di attività si riesce a diversificare al varianza dei singoli rendimenti ma non la covarianza tra rendimenti) il i misura il contributo al rischio del portafoglio intero dato dallattività i: se i =0 lattività i non muta la varianza del portafoglio (R i =r); se i >0 laumenta (R i >r); se i <0 la riduce (R i

47 47 Derivazione del CAPM - 16 Prevedibilità dei rendimenti di equilibrio: Il CAPM è coerente col fatto che i rendimenti di equilibrio siano sia variabili che prevedibili. Infatti i rendimenti attesi (in eccesso) del portafoglio sono: (18) E t R m t+1 – r t = E t [ 2 m,t+1 ] cioè i rendimenti di equilibrio variano nel tempo se la varianza condizionata dellerrore di previsione dei rendimenti non è costante nel tempo. Questo non è un punto teorico ma empirico: in borsa tende a esservi persistenza nella volatilità (turbolenza segue turbolenza; calma segue calma): ciò aiuta a prevedere i rendimenti futuri

48 48 Derivazione del CAPM - 17 Il modo più semplice di rappresentare la persistenza nella volatilità è con un processo autoregressivo AR(1). Quando il secondo momento della distribuzione (cioè la varianza o volatilità) è autoregressivo, il processo si chiama Autoregressive Conditional Heteroschedasticity (ARCH): (19) 2 t+1 = 2 t + t ove t è un termine di errore distribuito con media nulla (white noise) e indipendente da 2 t. La migliore previsione di 2 t+1 è: (20) E t 2 t+1 = 2 t

49 49 Derivazione del CAPM - 18 Il CAPM con processo (ARCH) dà: (21) E t R m t+1 – r t = 2 t per cui i rendimenti di equilibrio attesi: (i) variano nel tempo; (ii) dipendono dalle informazioni disponibili al tempo t, cioè 2 t. La varianza condizionata 2 t è la migliore stima del rischio sistematico di mercato al periodo successivo e, in equilibrio, questi rischi sono remunerati con rendimenti attesi corrispondentemente più elevati


Scaricare ppt "1 Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) Corso di Economia delle Scelte Finanziarie e di Portafoglio (prof. G. Ferri): Lezione 2."

Presentazioni simili


Annunci Google