La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Parte I (Sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Se si vogliono stimare i parametri di un sensore in regime statico occorre disporre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Parte I (Sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Se si vogliono stimare i parametri di un sensore in regime statico occorre disporre."— Transcript della presentazione:

1 1 Parte I (Sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Se si vogliono stimare i parametri di un sensore in regime statico occorre disporre di un segnale in ingresso campione che viene fatto variare opportunamente. Inoltre, spesso, una data misura non viene ripetuta: si eseguono due sole misure, una per valori crescenti del misurando e una per valori decrescenti. Si suppone che il valore del misurando non altera le caratteristiche statistiche dei residui! Nel caso di un misuratore, i dati potrebbero essere quelli riportati in tabella.

2 2 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico In genere, si suppone che la curva di calibrazione sia una retta. Essa dovrà approssimare i dati reali nel miglior modo possibile, secondo un opportuno criterio. In genere si utilizza il metodo dei minimi quadrati; esso minimizza la somma dei quadrati degli scarti verticali tra dati reali e curva interpolante. Lequazione della retta interpolante ha la forma: essendo: q 0 la variabile dipendente q i la variabile indipendente m la pendenza della curva b lintercetta con lasse verticale.

3 3 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico I parametri m e b vengono determinati minimizzando un opportuno funzionale costo. Ovvero imponendo che siano nulle le due derivate parziali rispetto a m e a b. Valgono le seguenti relazioni: essendo N il numero di coppie di misure disponibili.

4 4 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico La quantità: rappresenta la deviazione standard di q 0. Ovvero, il valore della deviazione standard ottenuta, supponendo che lingresso fosse mantenuto costante e si fosse fatta una serie di letture, nelle stesse condizioni sperimentali.

5 5 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Nel caso del sistema per la misura di pressione si ottengono i seguenti valori: m = 1,08 b = -0,85 Kpa s qo = 0.20 Kpa, s m = 0,0134 s b = kPa Se si assume per tali parametri una distribuzione di tipo gaussiano e si prende in considerazione il limite a 99.7% (± 3s), si possono dare per i parametri le seguenti stime: m = 1,08 ± 0.04 b = -0,85 ± 0,24 kPa Nel caso del nostro misuratore di pressione, si ottiene il grafico riportato

6 6 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Nelle situazioni reali la grandezza nota è q 0 e si vuole avere una stima della grandezza in ingresso In tale caso è necessario invertire lequazione utilizzata per la determinazione dei parametri. La corrispondente deviazione standard viene data dalla formula: Applicando tale relazione al nostro misuratore di pressione si ottiene s qi = 0.18kPa.

7 7 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Spesso i limiti dellerrore sono dati in termini di di errore probabile e p. Esso è definito come: e p = 0,674 s Lintervallo ±e p contiene il 50% dei valori. Il procedimento di taratura descritto permette di distinguere tra bias e imprecisone. Il bias è il termine che può essere rimosso, dopo la procedura di calibrazione. Si può quindi definire la taratura come il processo che permette di rimuovere il bias e di definire quantitativamente limprecisione !

8 8 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico

9 9 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico

10 10 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Si supponga di avere un sistema retto dallequazione non lineare in x 1 e x 2 : for i=1:201, for j=1:63; y(i,j)=3*sin(x1(i))+2*x2(j)^2; end

11 11 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Luscita assume il seguente andamento: mesh(y) Aggiungiamo quindi del rumore: yr=y+.2*(rand(601,63)-.5);

12 12 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Per poter applicare il metodo dei minimi quadrati è necessario costruire organizzare opportunamente i dati for i=1:201, for j=1:63, yrv((i-1)*201+j)=yr(i,j); uv((i-1)*201+j,1)=sin(x1(i)); uv((i-1)*201+j,2)=(x2(j)^2); end Si può quindi procedere alla stima dei parametri par=inv(uv'*uv)*uv'*yrv par =

13 13 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico E possibile quindi procedere alla simulazione delluscita del sistema: E possibile stimare anche lerrore: for i=1:201, for j=1:63; ys(i,j)=par(1)*sin(x1(i))+par(2)*x2(j)^2; end mesh(yr-ys)

14 14 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Per determinare le caratteristiche dinamiche di un sensore, per via sperimentale, occorre adottare strategie diverse, in accordo con lordine del sistema. I casi più comuni sono: Sistema di ordine zero; Sistema del primo ordine; Sistema del secondo ordine.

15 15 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema di ordine zero Per i sistemi di ordine zero la risposta a una sollecitazione in ingresso è istantanea e lunico parametro dinamico coincide con la sensibilità (si ricordi che stiamo supponendo che il sistema sia lineare). Questa è stata determinata durante la fase di caratterizzazione statica.

16 16 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine Per i sistemi del primo ordine occorre determinare la sensibilità k e la costante di tempo. La sensibilità viene determinata mediante la calibrazione statica del dispositivo; E possibile stimare la costante di tempo determinando listante di tempo in cui la risposta al gradino raggiunge il 63.2% del valore di regime. Tale metodo tuttavia risente dellincertezza nella determinazione dellistante t=0 e non consente in ogni caso di verificare se il sistema è realmente del primo ordine.

17 17 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine Si preferisce, pertanto, analizzare i dati della risposta al gradino in forma semilogaritmica. Si ha, infatti: E definendo la quantità: Si ha:

18 18 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine Quindi riportando Z come grafico di t, si ottiene una linea retta, la cui pendenza è proprio -1/ La stima della costante di tempo risulta più accurata perché basata sulluso di tutti i punti disponibili. Inoltre, se i dati sperimentali sono prossimi a una retta si ha la certezza che il sistema è proprio del primo ordine…..

19 19 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine t=.01:.01:10; y=5*(1-exp(-t./.3)); plot(t,y)

20 20 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine Z=log(1-y/5); plot(t,Z) polyfit(t,Z,1) ans = >> 1/ans(1) ans =

21 21 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine Una verifica ancora più forte si può ottenere operando nel dominio della frequenza : Si sollecita il sistema con un segnale sinusoidale a frequenza lentamente variabile ; Si tracciano i diagrammi del modulo e della fase, in scala semilogaritmica ; Se il sistema è realmente del primo ordine il diagramma dei moduli avrà il classico andamento di un filtro passa basso, con pendenza del diagramma di 20 dB/decade ad alte frequenze e il digramma delle fasi tenderà asintoticamente a -90°.

22 22 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del primo ordine Se il sistema è realmente del primo ordine il diagramma dei moduli avrà il classico andamento di un filtro passa basso, con pendenza del diagramma di 20 dB/decade ad alte frequenze e il digramma delle fasi tenderà asintoticamente a -90°. I diagrammi asintotici permetteranno, inoltre, di determinare il valore della costante di tempo break =1/2 f break.

23 23 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine Si consideri un sistema del secondo ordine. Per esso si può sempre scrivere: infatti….

24 24 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico ….infatti, si consideri il seguente sistema massa molla:

25 25 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine La sensibilità può ancora essere stimata durante il processo di calibrazione statica. Gli altri parametri vengono determinati invece con metodi diversi in accordo con il valore del coefficiente di smorzamento (cfr. sistemi sottosmorzati e sistemi sovrasmorzati ). Nel caso di un sistema sottosmorzato si ha:

26 26 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico ….e il massimo della risposta vale: Abbiamo cosi determinato, dai dati sperimentali il valore del coefficiente di smorzamento.

27 27 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Per determinare la pulsazione n, basta determinare due passaggi successivi per lo zero della parte periodica della risposta: Abbiamo cosi determinato, dai dati sperimentali il valore della pulsazione. NB:la stima risulterà più accurata se si considerano N cicli.

28 28 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine Nel caso di sistemi sovrasmorzati conviene riscrivere la risposta come:

29 29 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine Definiamo: Se il sistema è del secondo ordine e si traccia R pi in scala semilogaritmica si ottiene per valori grandi di t, una retta, Infatti….

30 30 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine …infatti… Che in scala semilogaritmica è una retta. 1) Indichiamo con P 1 il punto in cui tale asintoto incontra lasse di R pi. Si ha, inoltre:

31 31 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico 2) Sottraiamo dalla retta R pi, ciò corrisponde ad isolare il contributo del secondo esponenziale. In scala semilogaritmica dovremo quindi ottenere una seconda retta. Il valore iniziale di tale contributo sarà individuato dal punto

32 32 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine E possibile individuare i parametri del sistema anche utilizzando la risposta in frequenza (sistema sottosmorzato):

33 33 Parte I (I sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime dinamico Sistema del secondo ordine E possibile individuare i parametri del sistema utilizzando la risposta in frequenza (sistema sovrasmorzato): NB: le informazioni sono state ottenute utilizzando esclusivamente il diagramma dei moduli. Se è disponibile anche il diagramma delle fasi è possibile avere unulteriore verifica del valore dei parametri stimati.


Scaricare ppt "1 Parte I (Sensori) Stima sperimentale dei parametri in regime statico Se si vogliono stimare i parametri di un sensore in regime statico occorre disporre."

Presentazioni simili


Annunci Google