La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

/232 La diagnosi di BPCO 1.Persistente riduzione del flusso aereo. 2.Esclusione di altre cause di bronco-ostruzione cronica. 3.Anamnesi di presenza di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "/232 La diagnosi di BPCO 1.Persistente riduzione del flusso aereo. 2.Esclusione di altre cause di bronco-ostruzione cronica. 3.Anamnesi di presenza di."— Transcript della presentazione:

1

2 /232 La diagnosi di BPCO 1.Persistente riduzione del flusso aereo. 2.Esclusione di altre cause di bronco-ostruzione cronica. 3.Anamnesi di presenza di fattori di rischio. 4.Presenza o meno di sintomi. La spirometria è il gold standard per la diagnosi e linquadramento della BPCO. Note La spirometria rappresenta il test strumentale meglio standardizzato, più riproducibile e oggettivo. Il medico di medicina generale dovrebbe avere la possibilità di eseguire un esame spirometrico nel suo ambulatorio senza difficoltà.

3 /233 Stadiazione spirometrica StadioRiscontri strumentali I Lieve VEMS/CVF < 0,7 VEMS 80% del teorico IIModeratoVEMS/CVF < 0,7 50% VEMS < 80% IIIGraveVEMS/CVF < 0,7 30% VEMS < 50% IVMolto graveVEMS/CVF < 0,7 VEMS < 30% del teorico oppure VEMS < 50% del teorico in presenza di insufficienza respiratoria (PaO 2 < 60 mmHg) Note Il valore del VEMS diminuisce negli anni e più velocemente nei soggetti affetti da BPCO, per questo la spirometria è utile per monitorare la progressione della malattia. Andrebbe ripetuta a intervalli minimi di 12 mesi. Legenda: VEMS = Volume Espiratorio Massimo nel 1° secondo; CVF = Capacità Vitale Forzata.

4 /234 Classificazione multidimensionale VariabiliPunteggio nel BODE index 0123 VEMS (% teorico) Test del cammino (metri) Grado di dispnea (MMRC scale) Body mass index (BMI)> Note BODE = indice composito predittivo di mortalità per tutte le cause. Test del cammino = distanza percorsa camminando alla massima velocità per 6 minuti. MMRC = Modified Medical Research Council.

5 /235 Patogenesi Modificazioni indotte dall'infiammazione a carico di: piccole vie aeree > rimodellamento della parete e presenza di essudato nel lume > aumento delle resistenze parenchima polmonare > distruzione dei setti alveolari e degli attacchi alveolari > riduzione del ritorno elastico Esito > riduzione del flusso aereo espiratorio. Note L'infiammazione è sostenuta da macrofagi, linfociti T CD8+ e neutrofili.

6 /236 Riduzione del flusso aereo Cause reversibili Accumulo di cellule infiammatorie, muco ed essudato nei bronchioli. Contrazione della muscolatura liscia bronchiolare. Iperinsufflazione dinamica durante lesercizio fisico. Cause irreversibili Fibrosi della parete bronchiolare. Riduzione del ritorno elastico. Distruzione del supporto alveolare.

7 /237 BPCO: comorbilità Causali Complicanti Note La BPCO si associa frequentemente ad altre malattie croniche che possono riconoscere fattori di rischio comuni, o rappresentare effetti sistemici della BPCO, o ancora essere coesistenti senza alcuna relazione causale.

8 /238 Principali comorbilità Insufficienza cardiaca cronica Coronaropatia e infarto miocardico Vasculopatia periferica Embolia polmonare Aritmie Neoplasia polmonare Sindrome metabolica Diabete mellito Osteoporosi Depressione

9 /239 Radiografia del torace Alterazioni radiologiche associate a BPCO: segni di iperinsufflazione > appiattimento del diaframma, aumento dello spazio retrosternale; ipertrasparenza dei polmoni; rarefazione e/o redistribuzione del disegno vascolare; bolle enfisematose; marcato ispessimento delle pareti bronchiali. Note Bronchiectasie varicoidi o sacciformi, a contenuto aereo oppure contenenti fluido, o livelli idro-aerei, possono essere individuate sul radiogramma. Possono essere visibili i segni di ipertensione arteriosa polmonare con cuore polmonare cronico.

10 /2310 Radiografia del torace Valutazione delle riacutizzazioni gravi> scompenso cardiaco > polmoniti infettive > pneumotorace

11 /2311 Trattamento Nella maggior parte delle persone, la cessazione dell'abitudine al fumo è lintervento più efficace ed economicamente vantaggioso per ridurre il rischio di sviluppare BPCO e arrestarne la progressione.

12 /2312 Interventi educativi Razionale Educazione del paziente>migliore capacità di gestione della malattia. Educazione del paziente>migliore risposta alle riacutizzazioni. Educazione del paziente>cessazione dell'abitudine di fumare. Obiettivi Acquisizione di conoscenze. Riduzione del fabbisogno di cure e miglioramento dell'autonomia funzionale. Miglioramento dello stato di salute. Aderenza alle norme basate sullevidenza.

13 /2313 Trattamenti farmacologici Broncodilatatori per via inalatoria: beta 2 -agonisti a breve durata d'azione; beta 2 -agonisti a lunga durata d'azione; anticolinergici. Glucocorticosteroidi inalatori in caso di ripetute riacutizzazioni. Note Si parte dai beta 2 -agonisti a breve durata d'azione per BPCO allo stadio I per arrivare ai cortisonici solo in fase III. Dallo stadio II in avanti alla terapia farmacologica vanno affiancati anche gli altri tipi d'intervento (riabilitazione, ossigenoterapia). Un trattamento farmacologico regolare è importante per migliorare i sintomi, migliorare la qualità della vita, aumentare la tolleranza allo sforzo e ridurre numero e gravità delle riacutizzazioni.

14 /2314 Altri farmaci Vaccinazione antinfluenzale > riduce del 50% la comparsa di patologie gravi e la mortalità. Vaccinazioni: antinfluenzale ed antipneumococcica > consigliate per tutti i pazienti con BPCO. Note Indipendentemente dalla gravità della patologia, nei pazienti con BPCO occorre promuovere la profilassi e la riduzione dei fattori di rischio modificabili.

15 /2315 Trattamenti non farmacologici Riabilitazione Ossigenoterapia Ventilazione meccanica Chirurgia

16 /2316 Trattamenti non farmacologici: Riabilitazione Non dipende dal livello di ostruzione delle vie aeree. >Migliora la capacità di esercizio fisico. >Migliora la dispnea. >Migliora la qualità della vita. Programmi strutturati in regime di: degenza; day-hospital; domiciliare. Note Gli effetti positivi degli interventi riabilitativi dipendono dalla durata e dal numero di sedute (consigliate almeno 12) e si protraggono per almeno un anno dal termine del programma.

17 /2317 Trattamenti non farmacologici: Ossigenoterapia A lungo termine ( 15 ore/die): aumenta la sopravvivenza; riduce i giorni di ospedalizzazione del 43,5%; riduce le percentuali di ricovero del 23,8%; riduce del 31,2% il numero di pazienti con almeno unospedalizzazione. Note Si suggerisce un utilizzo più vicino possibile alle 24 ore/die. Lefficacia dell'ossigenoterapia a lungo termine (OLT) in pazienti con ipossiemia intermittente (notturna, da sforzo) non è provata.

18 /2318 Trattamenti non farmacologici: Ventilazione meccanica NPPV = ventilazione meccanica non invasiva a pressione positiva. In aggiunta alla OLT: migliora gli scambi respiratori; migliora i sintomi; migliora la qualità della vita. NON influenza la sopravvivenza.

19 /2319 Trattamenti non farmacologici: Chirurgia Bullectomia. Riduzione chirurgica di volume polmonare. Riduzione volumetrica di enfisema per via broncoscopica. Trapianto polmonare.

20 /2320 Trattamento delle riacutizzazioni Domiciliare: broncodilatatori a rapida insorgenza dazione per via inalatoria; glucocorticoidi sistemici preferibilmente per os; antibioticoterapia in caso di origine batterica. Note I pazienti con segni clinici di infezione bronchiale possono beneficiare anche di una terapia antibiotica appropriata.

21 /2321 Trattamento delle riacutizzazioni Richiesta di ospedalizzazione in presenza di: marcato aumento dellintensità dei sintomi; BPCO classificata grave; comparsa di cianosi o edemi periferici; mancata risposta al trattamento; comorbilità serie; aritmie di nuova insorgenza; dubbio diagnostico; età avanzata; comparsa di disturbo del sensorio; non autosufficienza e/o mancato supporto familiare.

22 /2322 Bibliografia Progetto Mondiale BPCO GOLD Global Initiative for Chronic Obstructive Lung Disease Linee-Guida Italiane Ferrara, 8-10/3/2007

23


Scaricare ppt "/232 La diagnosi di BPCO 1.Persistente riduzione del flusso aereo. 2.Esclusione di altre cause di bronco-ostruzione cronica. 3.Anamnesi di presenza di."

Presentazioni simili


Annunci Google