La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EPIDEMIOLOGIA La TROMBOSI VENOSA PROFONDA è la terza più comune malattia cardiovascolare subito dopo lischemia miocardica e lictus cerebrale. Lincidenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EPIDEMIOLOGIA La TROMBOSI VENOSA PROFONDA è la terza più comune malattia cardiovascolare subito dopo lischemia miocardica e lictus cerebrale. Lincidenza."— Transcript della presentazione:

1 EPIDEMIOLOGIA La TROMBOSI VENOSA PROFONDA è la terza più comune malattia cardiovascolare subito dopo lischemia miocardica e lictus cerebrale. Lincidenza esatta delle TVP non è nota ma si stimata in casi/anno in Italia.

2 Fattori di rischio congeniti - Deficit antitrombina III - Deficit proteina C - Resistenza alla proteina C attivata - Deficit proteina S - Displasminogenemie - Disfibrinogenemie - Omocistinuria

3 Fattori di rischio acquisiti - Interventi chirurgici e traumi - Neoplasie maligne - Immobilizzazione prolungata - Età avanzata - Obesità - Gravidanza e puerperio - Terapia estroprogestinica - Stati infettivi - Emopatie acquisite - Collagenopatie

4 CLINICA - Dolore - Edema arto - Impotenza funzionale - Alterazione del colorito cutaneo - Calore

5 DIAGNOSI DIFFERENZIALE - Trombosi superficiale (varicoflebite) - Infiammazione tessuto sottocutaneo - Lesioni muscolari o tendinee - Vasculite cutanea - Erisipela - Linfedema - Compressioni estrinseche (cisti o tumori) Talvolta la sintomatologia può essere scarsa o assente, oppure può manifestarsi sin dallesordio con le sue complicanza più gravi: lembolia polmonare e la gangrena venosa.

6 DIAGNOSI - Esame clinico - Ecocolordoppler - Angio-TC - (Flebografia)

7 ESAME CLINICO E poco attendibile: il 50% dei pazienti non ha sintomi e segni significativi allarto colpito. Nei casi sintomatici è invece presente dolore spontaneo o alla palpazione, edema dellarto (o di entrambi, in caso di trombosi della vena cava inferiore), edema a mantellina in caso di trombosi della cava superiore, sino ai casi più clamorosi di Phlegmasia.

8 ECOCOLORDOPPLER Permette di evidenziare la presenza del trombo nel lume venoso, può essere eseguito in pochi minuti, anche in pazienti critici, non è invasivo, ha basso costo, altamente sensibile. Limiti: è operatore-dipendente. Non è adeguato nei pazienti obesi e negli addomi meteorici od ostili (paziente con esiti recenti di chirurgia addominale...)

9 ANGIO-TC Permette di evidenziare la presenza del trombo nel lume venoso, consente lo studio anche del circolo polmonare per valutare leventuale presenza di embolia polmonare, può essere eseguito in pochi minuti. Limiti: richiede luso di mezzo di contrasto e radiazioni ionizzanti. Talvolta presenza di falsi positivi.

10 FLEBOGRAFIA E il test diagnostico considerato il Gold Standard per la diagnostica di una trombosi. E tuttavia un esame invasivo, legato ad alcuni rischi e con un costo abbastanza elevato. Si esegue ormai solo in circa il 5% dei pazienti.

11 Embolia Polmonare

12 EPIDEMIOLOGIA Comunemente secondaria a TVP, la TROMBOEMBOLIA POLMONARE ha, in ambiente ospedaliero, una incidenza di casi su ricoverati. Negli USA si contano casi/anno di cui 1/10 mortali. La mortalità è del 32% nei casi non diagnosticati e scende all8% in quei casi diagnosticati ed adeguatamente trattati.

13 SINTOMATOLOGIA - Dispnea - Dolore toracico puntorio - Ansia - Tosse secca - Tachicardia - Ipotensione - Emottisi - Sudorazione profusa - Sincope

14 DIAGNOSI - Esame clinico - Emogas arteriosa - ECG - RX torace - Angio TC polmonare - Scintigrafia polmonare

15 PREVENZIONE TEP - Elastocompressione - Mobilizzazione precoce - Terapia anticoagulante - Interruzione cavale con filtro o clip

16 INTERRUZIONE CAVALE E indicata nelle embolie polmonari recidivanti in pazienti regolarmente trattati con anticoagulante nei casi di scarsa risposta alla terapia anticoagulante in presenza di trombi iliaci e/o cavali flottanti

17 TERAPIA DI TVP E E.P. La grande maggioranza dei pazienti con TEP sopravvive alla sola condizione che siano prevenute recidive tromboemboliche: tale obiettivo viene raggiunto con lutilizzo delleparina a basso peso molecolare o e.v. in fase acuta, e degli anticoagulanti orali nel mantenimento. La terapia medica si avvale anche di Ossigenoterapia ed elastocompressione. La terapia trombolitica, così come quella chirurgica, ha un ruolo limitato.

18 Sindrome Post-Trombotica

19 La sindrome post-trombotica è la complicanza cronica delle TVP, stimabile nell1-1,5% della popolazione e riguardante sino al 50% dei pazienti con pregressa TVP. La ricanalizzazione venosa a seguito della TVP provoca una insufficienza valvolare, inversione di flusso attraverso le vene perforanti, ipertensione venosa profonda e turbe del microcircolo. Tutto ciò si traduce in danni cutanei che causano unalta incidenza di ulcere.

20 La diagnosi precoce di TVP e la conseguente terapia anticoagulante associata allelastocompressione, sono in grado di ridurne lincidenza.


Scaricare ppt "EPIDEMIOLOGIA La TROMBOSI VENOSA PROFONDA è la terza più comune malattia cardiovascolare subito dopo lischemia miocardica e lictus cerebrale. Lincidenza."

Presentazioni simili


Annunci Google