La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’amido è l’energia di riserva delle cellule vegetali Si trova in gran quantità nei tuberi, nei cereali e nei legumi, chiuso in granuli di amido nel citoplasmagranuli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’amido è l’energia di riserva delle cellule vegetali Si trova in gran quantità nei tuberi, nei cereali e nei legumi, chiuso in granuli di amido nel citoplasmagranuli."— Transcript della presentazione:

1 L’amido è l’energia di riserva delle cellule vegetali Si trova in gran quantità nei tuberi, nei cereali e nei legumi, chiuso in granuli di amido nel citoplasmagranuli di amido

2 Struttura dell’amido: polisaccaride Amilosio catena lineare Amilopectina ramificazioni Amilosio e amilopectina formano un reticolo cristallino GLUCOSIO

3 L’amido nel reticolo cristallino è:  insolubile in acqua fredda a causa dell’alto contenuto di amilopectina  resistente alla digestione da parte degli enzimi presenti nell’apparato digerente umano.

4 Gelatinizzazione Affinché l’amido diventi digeribile, deve perdere la sua struttura cristallina e ordinata e passare ad una struttura disordinata, con le caratteristiche di un gel In acqua calda (50-70°C) Col calore le molecole di acqua penetrano nei granuli di amido, disorganizzando i cristalli e rompendo i legami intermolecolari tra amilosio e amilopectina facendo gonfiare notevolmente i granuli

5 Destrinizzazione Un successivo aumento della temperatura provoca la rottura della molecola in strutture più piccole e più facilmente attaccabili dagli enzimi digestivi

6 Formazione del gel la soluzione acquosa diventa viscosa a causa della dissoluzione delle catene di amilosio (per questo una salsa si addensa quando vi aggiungiamo un po’ di farina e scaldiamo). Raffreddando, la miscela forma un gel, perché le molecole di amilosio si associano tra loro formando un reticolo che imprigiona l’acqua e i granuli di amido rigonfi.

7

8 Retrogradazione dell’amido Il raffreddamento favorisce il ripristino della struttura ordinata, sebbene mai ad una configurazione simile a quella iniziale Le catene di amilosio e amilopectina si legano tra loro escludendo l’acqua Un esempio di retrogradazione di amido si può osservare quando il pane diventa raffermo. L’amido retrogradato può essere nuovamente gelatinizzato sottoponendolo a calore

9 Fattori che influenzano la gelatinizzazione e retrogradazione contenuto in acqua: l’umidità minima per la gelatinizzazione è il 25 % temperatura : tra 50 e 70°C a seconda dell’origine dell’amido presenza di soluti (sale, zuccheri), lipidi o proteine : aumentano la temperatura di gelatinizzazione e rallentano la velocità di retrogradazione dell’amido l’origine dell’amido: gli amidi differiscono per il diverso rapporto di amilosio e amilopectina. L’amilosio tende a riscristallizzare più velocemente dell’amilopectina; per cui il tempo che impiega l’amido a riscristallizzare dipende dalla quantità di amilosio che contiene.

10 amidi ricchi di amilosio (mais, frumento, legumi) gelatinizzano con più difficoltà e riscristallizzano più facilmente, rispetto agli amidi contenti percentuali più elevate di amilopectina (patata, riso). La quantità di amido retrogradato dipende dal contenuto di amilosio.

11 Mais e riso OGM vengono denominati WAXY: hanno una bassissima percentuale di amilosio (1-2%) ed una altissima percentuale di amilopectina (99-98%)

12 + Amilopectina + digeribilità Amido retrogradato - digeribilità Amido resistente RS cioè fibra insolubile non digeribile RS: UTILE perché prebiotico, previene il cancro al colon, ha effetto ipoglicemico Digeribilità dell’amido

13 Gli ingredienti dell’impasto e la loro influenza sulla qualità finale dei prodotti lievitati La quantità di acqua aggiunta dipende dal tipo di farina (farine deboli o forti) Le caratteristiche chimico - fisiche, microbiologiche dell’acqua che influiscono negativamente: Sali di calcio e di magnesio NH 3 Nitriti Sostanze organiche Cloruri Inquinamento microbiologico pH (meglio se leggermente acida 5 – 6)

14 T opt = 23°C T acqua = 69 – (T farina + T ambiente ) Quale è la giusta temperatura dell’acqua

15 Il cloruro di sodio, SALE E’ tradizionalmente aggiunto all’impasto per conferire sapidità, ma è anche utile perché: Influenza le caratteristiche meccaniche del glutine Influenza la conservabilità del prodotto finito Ha un’azione antisettica nei confronti di fermentazioni indesiderate La quantità di sale aggiunto è di circa 1kg per quintale di farina

16 Gli zuccheri presenti nell’impasto Gli zuccheri fermentescibili (circa 0,6%) Maltosio Lattosio (non fermentescibile) (ammesso per la produzione di pani speciali) Zuccheri aggiunti Naturalmente presenti nella farina C 6 H 12 O 6 + Lievito 2CO 2 + 2C 2 H 5 OH Glucosio Fruttosio Saccarosio per azione dell’enzima invertasi Maltosio per azione della maltasi Gli zuccheri influenzano il colore del prodotto finale ed anche la conservabilità Gli zuccheri influenzano il colore del prodotto finale ed anche la conservabilità

17 La loro aggiunta migliora le caratteristiche dei lievitati e ne aumenta la conservabilità Sono presenti solo in piccole quantità nella farina (1,5 – 2%) Problemi di ossidazione dei lipidi durante la conservazione della farina Influenza la degradazione dell’amido Influenza le caratteristiche del glutine Effetto emulsionante all’interfaccia amido- glutine L’effetto dei lipidi sulle caratteristiche dei lievitati

18 Interazioni dei lipidi con l’amido

19 Interazione dei lipidi con le proteine

20 L’aggiunta dei miglioratori e le loro influenze sulle proprietà degli impasti e dei prodotti finiti Il glutine è una struttura formata da residui di gliadine e glutenine tenuti assieme da differenti tipi di legami Esistono due principali tipi di legami: Ponti disolfuro tra residui di cisteina originano da un processo ossidativo Legami ionici tra lisina e acido glutammico che dipendono dal pH dell’impasto Le sostanze ossidanti sono i principali tipi di miglioratori aggiunti all’impasto

21 L’acido ascorbico è una sostanza antiossidante (riducente), ma è tradizionalmente aggiunta agli impasti come migliorante della struttura e della tenacità Acido L-AscorbicoAcido Deidroascorbico+ ½ 0 2 Ac. Ascorbico ossidasi Acido Deidroascorbico+ 2RSHAcido L-Ascorbico + RSSR Ac. Deidroascorbico reduttasi 2 Residui di cisteina Cistina I miglioratori

22 Gli enzimi miglioratori (Diastasi) Alfa-amilasi Beta-amilasi Producono Maltosio Producono Destrine

23 Fonti delle Diastasi pH ottimaleT°C ottimaleT°C inattivazione Pancreatica 6,94655 Fungina 5,05582 Malto 5,06080 Batterica 7,07093 Aggiunta di farine e derivati di malto

24 Gli effetti dell’aggiunta di farine e derivati di malto E’ sempre necessario bilanciare la quantità di farina o derivati di malto presenti Infatti elevate quantità di malto Pane poco sviluppato; Troppo scuro; Molto pesante; La quantità di zuccheri necessari ai lieviti e quelli disponibili dovrebbero essere bilanciati Troppi zuccheri disponibili in breve tempo = fermentazione tumultuosa Inoltre gli estratti e derivati di malto contengono proteasi

25 La possibile aggiunta di esteri acetici, lattici, tartarici, mono e digliceridi, ecc. Le proteine assorbono acqua per circa il 200% in peso L’amido invece, per circa 1/3 del loro peso La tensione superficiale della maglia glutinica è elevata La riduzione della tensione superficiale migliora la lavorabilità, l’estensibilità, la capacità di rigonfiamento

26 Qualche cenno sugli addensanti utilizzati nei prodotti da forno Sono molecole capaci di assorbire grandi quantità di acqua; Sono polisaccaridi Sono utilizzati per dare viscosità a ripieni, glasse, gelati… Riducono la cristallizzazione dell’amido Pectine; Carragenine; Farina di guar alginati

27 Idratazione dell’amido e delle proteine Interazione tra le proteine e formazione del glutine Ossidazione con formazione dei gruppi RSSR Legami ionici tra residui proteici per la presenza del NaCl Formazione di legami salini tra residui di amminoacidi Interazione con i lipidi e formazione di complessi lipo- proteici Processi chimico-fisici durante la fase di impastamento

28 La fase di lievitazione Lievitazione biologica Lievitazione chimica Lievitazione fisica

29 Lievitazione chimica e fisica La lievitazione chimica è ottenuta per liberazione di CO 2 da bicarbonato di sodio o di potassio o di ammonio La lievitazione fisica è ottenuta per insufflamento della chiara d’uovo montata a spuma ed incorporata nell’impasto. Per garantire il 12% di CO2 la polvere lievitante deve contenere circa il 23% di bicarbonato di sodio

30 Metodo diretto E’ basato sulla miscelazione contemporanea di tutti gli ingredienti Sono normalmente alternate delle fasi di impastamento a delle fasi riposo t fas e impastamento riposo Le fasi di riposo permettono il riequilibrarsi dell’umidità interna La durata dipende dall’impastatrice (circa 16 – 18 minuti) Impastatrici ad alta velocità o ad velocità crescente 10 La lievitazione biologica

31 Metodo diretto vantaggi Velocità di produzione: si ottiene pane anche in 1h 30’ dal momento della miscelazione La possibilità di utilizzare farine deboli; Alcuni produttori affermano che il pane ha minore caratteristiche organolettiche (sapore e colore)…..

32 Effetti della velocità di impastamento 13 minuti 45 s Il lievito si è sciolto ed i due impasti hanno una struttura analoga Imp. lento Imp. Veloce - intensificato Liscia, secca, elastica, duttile Bianca, collosa, poco elastica Aggiunta del sale Rassodamento dell’impasto Fine impastamento Dopo 1 ora di fermentazione l’impasto è pronto per la formatura Dopo 3 ore di fermentazione l’impasto è pronto per la formatura Rete alveolata molto eterogenea Alveoli piccoli, fini ed omogenei (distribuzione)

33 Metodo indiretto E’ basato sulla miscelazione di una parte degli ingredienti alternata a fasi di lievitazione Impasto lievitoImpasto naturale Miscela liquida di farina ed acqua (1:1) fermentazione Aggiunta della restante parte di acqua, farina e sale Seconda lievitazione Utilizzo di un impasto fermentato del giorno precedente particolarmente ricco di microorganismi

34 Impasto naturale: utilizzo del lievito pasta

35 Impasto naturale: sistema a biga Quantità di lievito di circa g per ogni chilo di farina per fermentazione di circa 3 ore

36 Lievito compresso Lievito secco attivo Lievito madre o lievito naturale Colture pure di S. cerevisiae

37 Precauzioni durante il suo utilizzo Scioglierlo in acqua, ad una temperatura di ca. 30°C (mai > 50°C) Temperatura dell’acqua Lievito secco attivo Umidità < 8%Maggiore vantaggio è correlato ad una maggiore conservabilita’ Perde solo il 6,5% della sua attività in 15g di conservazione a 4°C

38 Preparazione del lievito madre La madre, una parte di impasto del giorno precedente, viene RIPRESA più volte fino alla formazione dell’impasto usato come “trascinatore fermentativo” Principale aspetto : la presenza di contaminanti presenti nell’aria, sulle superfici di lavoro, sugli utensili ed impianti Fermentazioni parallele con formazione di: Ac. Lattico, ac.acetico, ac.butirrico, CO 2, etanolo, acetaldeide, ecc. Ottimale rapporto lattico/acetico = 3/1

39 Aspetti correlati Fermentazione notevolmente più lunga; Maggiore attività proteolitica; Maggiore attività amilolitica; Prolungata conservazione; Alveolatura più regolare ed omogenea; Caratteristiche organolettiche spiccate (colore e sapore); Processo più appropriato per l’utilizzo di farine di forza; Notevolmente più laborioso; maggiore digeribilità

40 Processi biochimici correlati alla lievitazione la fermentazione operata dai lieviti comporta: La formazione di anidride carbonica per il rigonfiamento La produzione di sostanze aromatiche La maturazione dell’impasto (modifica delle proprieta’ strutturali) Tutto ciò avviene per produzione di sostanze chimiche da parte dei lieviti per l’effetto del metabolismo fermentativo Come avviene la formazione degli alveoli….?

41 La pressione necessaria a far rigonfiare un alveolo La miscelazione iniziale comporta l’inglobamento di N 2 e la formazione degli alveoli principali che poi si ingrandiranno La CO 2 prodotta dai S.cerevisiae prima satura l’acqua presente nell’impasto e poi rigonfia gli alveoli. Quali composti sono prodotti durante la fermentazione alcolica da parte dei lieviti………???

42 C 6 H 12 O 6 + Lievito 2CO 2 + 2C 2 H 5 OH Glucosio Fruttosio ,951,1 Inoltre sono normalmente prodotti: Glicerina; Acetaldeide; Ac.succinico; Ac. Lattico; (tracce) Ac. Acetico. (per ossidazione della acetaldeide) E’ fondamentale l’acidità dell’impasto pH opt. = 5 Il pH dell’impasto appena formato è tra 5,8 – 6,2 pH = 6

43 Presenza di batteri lattici sulla farina ( contaminazione naturale) Produzione di acido lattico e riduzione del pH Fermentazione desiderata Vengono create le ottimali condizioni per lo sviluppo dei lieviti Presenza di batteri butirrici sulla farina ( contaminazione naturale) Produzione di acido butirrico Fermentazione indesiderata Fortunatamente le T opt (butirrici) = 40°C per i lattici di 35°C (ma crescono a T<30°C

44 Non dimentichiamo che l’acido lattico ed acetico influenzano le caratteristiche del glutine L’ac. Lattico aumenta l’elasticità L’ac. acetico riduce la maglia glutinica Rapporto ottimale Lattico/Acetico = 3/1

45 I fenomeni chimici e biochimici durante la cottura del pane Obiettivo della cottura Migliorare e stabilizzare la forma e la struttura dell’impasto levitato; Migliorare le caratteristiche organolettiche; Migliorare la digeribilità; La temperatura dei forni è compresa tra 220 – 275°C Con quali metodi il calore si diffonde al nostro impasto……..????

46 Quale e’ l’andamento della temperatura del nostro impasto…….???? 100°C Temperatura interna Quando la T superficiale raggiunge i 100°C si ha evaporazione di acqua e formazione di un gradiente di concentrazione tra l’interno e la superficie stessa H2OH2O Riduzione dell’umidità Intanto numerosi processi chimici, fisici e biochimici stanno avvenendo all’interno dell’impasto

47 30°C – Attività enzimatica e fermentativa; 40 – 50°C – Riduzione attività dei saccaromiceti, intensa attività enzimatica (diastasi); 50 – 60°C – Inizio gelatinizzazione amido, intensa attività  -amilasi; 60 – 80°C – Fine gelatinizzazione e riduzione att. amilasica; 100°C – Evaporazione di acqua, rigonfiamento impasto; 110 – 120°C – Rallentamento evaporazione di acqua e inizio Maillard; 120–130°C;Caramellizzazione zuccheri, formazione melanoidine e composti aromatici; MoDIFICAZIONI BIOCHIMICHE DURANTE LA COTTURA DELL’IMPASTO

48 Problematiche connesse alla conservazione dei lievitati da forno Cosa si intende per raffermimento del pane……??? Può essere inteso come un processo di degradazione del pane che avviene durante la conservazione, il quale comporta la riduzione delle caratteristiche organolettiche Crosta da fragile a cuoiosa e poi dura Un indurimento della mollica (perdita di sofficità) (tendenza a sbriciolarsi) Da quali fenomeni dipendo questi due processi??

49 Dalla retrogradazione dell’amido E dalla transizione vetrosa delle proteine superficiali H2OH2O Migrazione di acqua dall’interno verso l’esterno ed un assorbimento della crosta Si va in transizione vetrosa quando la RH = 16% Migrazione dell’acqua Riarrangiamento configurazione strutturale Cosa è possibile fare per limitare il danno…????

50 Attenzione a non confezionare il prodotto prima del raffreddamento Aggiunta di lipidi polari (Emulsionanti) Utilizzo di amilasi batterica (Termoresistenti) La riduzione della temperatura aumenta progressivamente la velocità di retrodegradazione (tra 50 e -5°C)


Scaricare ppt "L’amido è l’energia di riserva delle cellule vegetali Si trova in gran quantità nei tuberi, nei cereali e nei legumi, chiuso in granuli di amido nel citoplasmagranuli."

Presentazioni simili


Annunci Google