La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Modulo classi prime Realizzato con la consulenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Modulo classi prime Realizzato con la consulenza."— Transcript della presentazione:

1 Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Modulo classi prime Realizzato con la consulenza scientifica del Prof. Pierluigi Riani

2

3 In ogni fagiolo possiamo notare: la buccia è sottile e di colore marroncino la parte interna è giallina ed è divisa in due parti il gambettino è piccolo e giallino

4 Venerdì 9 marzo abbiamo seminato alcuni fagioli in vasi di plastica. Prima di procedere con la semina abbiamo osservato con attenzione il seme del

5 Con una paletta da giardino abbiamo messo la terra dentro ai vasi. PRIMA

6 Sopra la terra sono stati deposti i fagioli. DOPO

7 POI I fagioli sono stati ricoperti con altra terra.

8 La terra è stata bagnata con dellacqua. INFINE

9 Abbiamo osservato la piantina ad intervalli di tempo regolari, ogni due – tre giorni circa. La nostra attenzione si è concentrata non solo sulla parte aerea, ma anche su quella sotterranea. Per questo motivo, durante il nostro lavoro abbiamo dovuto sradicare numerose piantine dai loro vasi. Di seguito sono riportate le osservazioni più significative, quelle che evidenziano momenti importanti dello sviluppo della pianta di fagiolo.

10

11 Giovedì 16 marzo Prendiamo, da un vaso, un fagiolo ed osserviamolo con attenzione. La buccia del fagiolo si è rotta e dalla spaccatura esce una piccola radice. Il seme sta germinando, cioè sta sviluppando una nuova piantina.

12 Lunedì 19 marzo Si nota un piccolo fusto curvo che ha la parte finale un po grossa. La radice è formata da tanti filamenti.

13

14 Sabato 24 marzo Il fusticino è cresciuto: si alza dalla terra e si dirige verso lalto. La piantina ha due foglioline di colore verde chiaro. Sotto le foglioline ci sono le due parti interne del fagiolo: sono i cotiledoni.

15 Vaso numero 1 Vaso numero 2

16 Martedì 10 aprile La piantina è cresciuta: adesso ha tante foglioline e delle radici abbastanza lunghe. I due cotiledoni sono seccati e uno è caduto nel vaso sopra la terra

17 La piantina è cresciuta. Sono sbocciati tanti fiorellini bianchi. Lunedì 23 aprile

18 PARTE AEREA Dai fiori sono usciti fuori dei baccelli verdi. La piantina è cresciuta così tanto che abbiamo dovuto mettere un bastoncino per far stare diritto il fusto PARTE SOTTERRANEA Le radici sono lunghe e marroncine. Sabato 28 aprile

19 PARTE AEREA I baccelli sono grossi e hanno delle striature rossastre. Alcune foglioline sono ingiallite, altre sono seccate. PARTE SOTTERRANEA Le radici sono molto lunghe Lunedì 14 maggio

20 Abbiamo aperto i baccelli e dentro ad ognuno di essi cerano da due a quattro fagioli. Lunedì 28 maggio I BACCELLI

21 Un baccello con i fagioli

22

23 Dal seme alla piantina Fasi del percorso Verifiche Materiali Obiettivi Tempi Metodi Competenze Soluzioni organizzative

24 Prima fase Osservazione di diversi tipi di semi: mela, pera, mais, grano, pisello, fagiolo … Disegno di alcuni semi osservati e del frutto da cui sono stati prelevati. Osservazione libera e poi guidata del seme di fagiolo. Disegno del seme e delle parti che lo compongono: tegumento, cotiledoni, embrione.

25 Seconda fase Semina dei fagioli in vasi di plastica e di terracotta. Verbalizzazione dellesperienza. Disegno dei diversi momenti delle semina.

26 Terza fase La semina viene ripetuta individualmente. Ciascun alunno semina fagioli o piselli in un proprio vaso. Prepara un cartellino identificativo, su cui riportata: il proprio nome, la data della semina, il disegno del seme. Inseriscono il cartellino nel vaso, utilizzando un bastoncino. I vasi vengono tenuti per un certo periodo di tempo in classe, fino a quando la piantina non raggiunge i dieci – dodici centimetri di altezza, e dopo portati a casa.

27 Quarta fase Dopo la semina vengono effettuate numerose osservazioni successive per riuscire a rilevare i più significativi cambiamenti del vegetale durante il suo sviluppo. Tali osservazioni sono rivolte sia alla parte aerea, sia alla parte sotterranea ( durante losservazione è necessario sradicare le piantine; questo giustifica il numero elevato di vasi e di semi utilizzati ).

28 Quinta fase Raccolta dei baccelli e recupero dei semi. Disegno dei fagioli e dei baccelli. Confronto tra i fagioli utilizzati per la semina e quelli raccolti. Realizzazione di un cartellone riassuntivo.

29 Tempi Per poter osservare lintero ciclo vitale della piantina di fagiolo sono necessari due – tre mesi circa ( 20 ore). Le osservazioni dovranno essere effettuate, almeno in un primo momento, ogni tre – quattro giorni; in seguito potranno avere una scansione diversa, in relazione alla velocità di sviluppo della piantina.

30 Luoghi Le attività si semina si sono svolte in classe. I vasi sono stati sistemati sul davanzale della finestra. La sistemazione dei vasi allinterno della classe è fondamentale, in quanto permette agli alunni di assistere allintero processo di crescita delle piantine.

31 Materiali Per svolgere questa attività sono necessari i seguenti materiali: vasi di plastica o di terracotta terra una paletta da giardinaggio un annaffiatoio ( o un altro contenitore per lacqua) diversi tipi di semi ed in particolare quelli di fagiolo e di pisello. Per la documentazione dellesperienza abbiamo utilizzato: macchina fotografica, fogli di carta da pacchi, fogli a quadretti, pennarelli, matite, mattoncini lego …

32 Verifiche Sono state effettuate in itinere e alla fine del percorso attraverso: La rappresentazione grafica La verbalizzazione dellesperienza Lordinamento di immagini in sequenza Schede predisposte

33 Obiettivi Stimolare la capacità di osservazione di un essere vivente. Riconoscere le parti nella struttura di una pianta. Individuare le fasi principali della vita di una pianta. Potenziare il patrimonio lessicale attraverso lintroduzione di una terminologia specifica. Stimolare la capacità di spiegazione di eventi e di argomentare in modo logico. Saper rappresentare i fenomeni osservati con disegni, diagrammi, tabelle …

34 Competenze Distingue, in una piantina, la parte aerea e la parte sotterranea. Riconosce e denomina le parti principali di una piantina: fusto, foglie, fiori, frutti, radici. Riconosce le principali fasi di crescita di una piantina (mette in sequenza immagini riguardanti le principali fasi di sviluppo di una piantina conosciuta). Descrive oralmente il procedimento logico- sequenziale di unesperienza effettuata. Rappresenta, attraverso il disegno, unesperienza effettuata.

35 Organizzazione Le attività si sono svolte: collettivamente a piccoli gruppi individualmente

36 Metodo Le attività proposte sono state caratterizzate dalle seguenti fasi: Osservazione e sperimentazione. Verbalizzazione (orale) e rappresentazione grafica individuale. Discussione collettiva o a piccoli gruppi. Affinamento della visione individuale ed eventuale arricchimento della rappresentazione grafica. Elaborazione di una produzione condivisa.


Scaricare ppt "Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Modulo classi prime Realizzato con la consulenza."

Presentazioni simili


Annunci Google