La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Benefici e rischi dellattività sportiva. Il punto di vista del Cardiologo Duilio Tuniz Responsabile della U.O. di Cardiologia Riabilitativa Istituto di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Benefici e rischi dellattività sportiva. Il punto di vista del Cardiologo Duilio Tuniz Responsabile della U.O. di Cardiologia Riabilitativa Istituto di."— Transcript della presentazione:

1 Benefici e rischi dellattività sportiva. Il punto di vista del Cardiologo Duilio Tuniz Responsabile della U.O. di Cardiologia Riabilitativa Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione- Udine

2

3 Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in eccesso né in difetto, avremmo trovato la strada giusta per la salute Ippocrate, A.C. Scrivere una ricetta è facile, mettersi daccordo su tutto il resto è difficile Kafka – Un medico di campagna

4 (Fonte: Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare – Ital Heart J 2004) In Italia il 34% degli uomini ed il 46% delle donne non svolge alcuna attività fisica nel tempo libero (Fonte: Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare – Ital Heart J 2004) Levoluzione delluomo

5 INTERHEART - risultati Fumo 2,87 Colesterolo 3,25 Ipertensione arteriosa 1,91 Diabete 2,37 Obesità addominale 1,12 Fattori psicosociali 2,67 Consumo di frutta e verdura 0,70 Attività fisica regolare 0,86 Consumo di alcool 0,90 OR = 1 : rischio uguale OR = inferiore 1 : rischio diminuito OR = superiore 1 : rischio aumentato Fattori di rischioRischio aggiuntivo Fattori di rischio Rischio aggiuntivo 0,86 -14% di rischio

6 EFFETTI DEL TRAINING FISICO RIDUCE: Pressione arteriosa e frequenza cardiaca a riposo e sotto sforzo Trigliceridi e glicemia (rischio dinsorgenza del diabete) Sovrappeso Ipercoagulabilità del sangue PCR Cancro al colon, prostata, seno, pancreas Osteoporosi Stress, ansia e depressione AUMENTA: Flusso sanguigno ai muscoli ed alle coronarie Utilizzo dellO2 da parte dei muscoli ( efficienza muscolare) Innalzamento della soglia ischemica La max ventilazione al minuto e dellefficienza ventilatoria COLESTEROLO HDL La sensibilità insulinica Tolleranza allo sforzo Autonomia in età avanzata

7 Perfomance fisica e invecchiamento La performance fisica si riduce del 7-10% per ogni decade di età Perfomance fisica e allettamento Alcune settimane di allettamento hanno lo stesso effetto di 30 anni di età sulla tolleranza allo sforzo

8 Se si sospende l'attività fisica i benefici effetti dell'esercizio fisico regolare diminuiscono entro 2 settimane e scompaiono entro 2 -8 mesi 6 mesi di training sono in grado di fare recuperare la riduzione della performance fisica legata all'invecchiamento

9 Quali rischi-danni possibili da attività sportiva Morte improvvisa (a qualunque età): nei giovani per miocardiopatie o malformazioni cardiocircolatorie; in adulti anziani per cardiopatie coronariche e FR presenti Patologie cardiovascolari: ischemia miocardica, ipertrofia cardiaca Patologie respiratorie: dispnea da sforzo (asma), dolore toracico da pneumotorace spontaneo Patologie da calore: colpo di calore (convulsioni, sincope) nelle giornate calde umide. Soggetti a rischio: obesi, molto giovani e anziani, disidratati,non acclimatati Nota: Gli effetti collaterali della attività sportiva sono di gran lunga inferiori ai danni da sedentarietà

10 Patologie da raffreddamento: broncospasmo in asmatici, angina e crisi ipertensive Patologie muscoloscheletriche: artrosi (> sollecitazione articolazioni), dolore muscolare (miopatie infiammatorie, microtraumatiche, crampi muscolari meccanici e da disidratazione), sindrome da superallenamento (fatica, stanchezza, depressione) Eventi da sport in quota: raffreddamenti, congelamenti, palpitazioni, vertigini Eventi da sport subacquei: lesioni timpaniche, asfissia (da apnea o laringospasmo), Patologia renali: ematuria, mioglobinuria, proteinuria post esercizio (prolungato, strenuo)

11 Patologie gastro-intestinali (sforzi intensi): diarrea del corridore, fitta al fianco (intrappolamento di gas intestinali nelle flessure splenica o epatica del colon, o ischemia transitoria intestinale da iperafflusso muscolare), ernie inguinali Patologie nervose: cefalea da sforzo, neuropatie da compressione (piede del corridore) Patologie cutanee: verruche, micosi, dermatiti da contatto Patologie ematologiche: anemia ipocromica (rottura traumatica emazie),anemia sideropenica (> fabbisogno)

12 Editorial Is Exercise Beneficial -- or Hazardous -- to Your Heart? Gregory D. Curfman, M.D. N Engl J Med 1993; 329:

13 Sicurezza dell'esercizio fisico

14

15 Date le conoscenze in nostro possesso sui benefici del movimento, dovrebbe essere obbligatoria lautorizzazione del medico per chi NON pratica lattività fisica, per valutare se queste persone sono in grado di reggere gli effetti di uno stile di vita sedentario 1986, Per-Olof Åstrand (fisiologo svedese, pioniere della ricerca sullAttività Fisica) Il problema dei rischi

16 Attività fisica regolare di intensità moderata: ha effetti benefici sulla salute non comporta in genere rischi aggiuntivi Attività fisica agonistica: impegno psicofisico massimale aumento del rischio di complicanze cardiovascolari acute forte componente motivazionale Progressivo aumento con letà di patologie quali la cardiopatia ischemica (favorita dalla presenza di fattori di rischio cardiovascolare) che possono decorrere anche in forma silente

17 Il medico deve sapere fornire indicazioni per la pratica corretta di attività motorio-sportiva con lobiettivo di promuovere la salute e garantire il minimo rischio per il soggetto. Le indicazioni devono tenere conto della età e dello stato di salute.

18 Ogni individuo che si appresti ad iniziare una attività fisica regolare dovrebbe essere sottoposto preventivamente ad una attenta valutazione cardiologica. Esistenza di cardiopatie clinicamente silenti Stratificazione del rischio associato allattività fisica

19 LA MORTE IMPROVVISA NEGLI ATLETI

20 Atene 12 agosto 490 a.C: FILIPPIDE muore improvvisamente subito dopo aver annunciato agli Ateniesi la vittoria di MARATONA

21 Per Morte improvvisa (MI) da esercizio fisico si intende una morte repentina ed inaspettata, non traumatica che si verifica in relazione temporale con l'attività sportiva, in genere entro un'ora dall'inizio dei sintomi.

22 ARRESTO CARDIACO NEI GIOVANI in Italia l'incidenza di MI nella popolazione generale giovanile risulta pari a 2,62/ nei maschi e pari a 1,07/ nelle femmine). Il rischio di morte cardiaca improvvisa in atleti a giovani è molto ridotto. La probabilità che tale evento si verifichi è meno del 1: persone.

23 ARRESTO CARDIACO NELLA POPOLAZIONE GENERALE Secondo i dati rilevati dallIstituto di Statistica ISTAT, ogni anno in Italia 1 persona su 1000 perde la vita per arresto cardiaco

24 La MIS non supera l1-2% del numero globale di tutte le morti improvvise. (0.7-1/ abitanti/anno). Il numero assoluto di decessi nelle varie discipline cambia nei diversi paesi a seconda degli sport più praticati. In Finlandia è maggiore nella corsa e nello sci di fondo, negli USA nel basket e nel football americano, in Sud Africa nel rugby e in Italia, naturalmente, nel calcio.

25 Epidemiologia della MI nello sportivo Gli sportivi più colpiti sono quelli di basso livello agonistico (80%), cioè dilettanti, partecipanti a tornei amatoriali ecc. Ciò è dovuto a minori controlli e a minore accuratezza nei controlli medici. La frequenza della MIS è inoltre maggiore nelle competizioni ufficiali (79%) rispetto agli allenamenti(21%). La MI nello sportivo è più frequente negli maschi (90%) Verosimilmente, la minor prevalenza della MI durante l'esercizio fisico nelle donne rispetto agli uomini trova spiegazione: nella scarsa partecipazione delle prime ad attività fisiche ad impegno elevato cardiovascolare e nella minore espressione fenotipica di alcune cardiopatie di origine genetica o aterosclerotica nel sesso femminile.

26 Morto Puerta, difensore del Siviglia colpito in campo da un attacco di cuore

27 Ancora una triste notizia dal mondo dello sport, questa volta del ciclismo. TRAGEDIA A GIRO QATAR, MUORE IL BELGA NOLF (AGI/AFP) - Doha, 5 feb. - Una tragedia ha funestato il Giro del Qatar: il ciclista belga Frederiek Nolf e' stato trovato morto nel suo letto, poche ore prima della partenza della quinta tappa. L'annuncio e' stato dato da Eddy Merckx, che e' uno dei direttori della gara. Non e' chiaro cosa abbia causato il decesso: Nolf, che martedi' avrebbe compiuto 22 anni, era in ottime condizioni fisiche

28 Morte improvvisa negli atleti Lo sport è pericoloso? Cosa provoca un evento del genere? Come si può prevenire?

29 "…nessun caso di morte può essere attribuito alleffetto di un esercizio fisico, ancorché strenuo, su un cuore sano. Per tale motivo, la morte improvvisa di un atleta presuppone il concorso di almeno due fattori fondamentali: lesercizio fisico, di intensità significativa, ed un substrato patologico, generalmente di natura cardiovascolare".

30 Cause di Morte Improvvisa nei giovani al di sotto dei 35 anni prevalgono le cardiopatie congenite o di origine genetica (cardiomiopatia ipertrofica, origine anomala delle arterie coronarie, cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro), nei soggetti in età adulta/avanzata la causa più frequente è rappresentata dall'aterosclerosi coronarica.

31 Cause di morte improvvisa negli atleti giovani (<40 aa) da Maron BJ Circulation 2007

32 La patogenesi della morte improvvisa è legata prevalentemente ad un disturbo del ritmo cardiaco (fibrillazione ventricolare, blocco atrio- ventricolare completo, prolungato arresto sinusale), mentre risultano meno frequenti le cause emodinamiche, quali la rottura di un aneurisma aortico o l'embolia polmonare

33 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE L'aritmia determina un sovvertimento completo della eccito conduzione del cuore con brusca interruzione dell'attività della pompa cardiaca.

34 Fattori favorenti la FV durante sforzo lischemia, cioè il mancato afflusso di sangue in una zona del muscolo cardiaco. squilibri ionici e/o metabolici es. la disidratazione, un calo della concentrazione nel sangue di magnesio o di potassio o della glicemia (maratona, partita di calcio in un ambiente torrido). Lo stress psichico è da tempo riconosciuto un elemento chiave nel determinare la morte improvvisa in generale e anche della MIS (prevalenza di eventi fatali nelle competizioni ufficiali rispetto agli allenamenti), notevole è quindi importanza del sistema nervoso autonomo cardiaco. La fase di recupero dopo una competizione sportiva è molto delicata ai fini della possibile insorgenza di aritmie, specie quando lo sforzo si riduce bruscamente e la frequenza cardiaca si riduce molto più velocemente è possibile linsorgenza di aritmie marcate e sincope.

35

36 è prevedibile la morte improvvisa? In genere questi soggetti sono asintomatici, le indagini dovrebbero essere daltra parte molto approfondite e costose, tanto per fare un esempio, per mettere alla luce 100 possibili casi di soggetti ad alto rischio di morte improvvisa nello sport, bisogna controllare almeno centomila atleti.

37 Allo scopo di ridurre il rischio di eventi cardiaci avversi, quindi, risulta importante eseguire un adeguato screening preventivo ed avviare i soggetti ad un graduale e progressivo condizionamento fisico, soprattutto se hanno cardiopatia nota, età avanzata, o fattori di rischio coronario.

38 Screening preventivo Storia clinica (familiarità per cardiopatie e morte improvvisa; sintomi/segni di cardiopatia; disturbi durante esercizio fisico, ecc) L'ECG rappresenta il primo gradino di ogni indagine non invasiva, allo scopo di identificare malattie cardiache a rischio di instabilità elettrica. In casi selezionati può essere integrato con il test da sforzo. Il "golden standard" nella diagnosi della maggior parte delle malattie strutturali del cuore è l'ecocardiografia, che è un eccellente mezzo di diagnosi non invasiva per lo studio sia della morfologia che della cinetica ventricolare sinistra

39

40 Spie importanti sulle quali indagare sincopi o pre-sincopi da esercizio; dolore toracico palpitazioni per le quali è bene valutare anche leventuale fumo o labuso di alcol, farmaci, sostanze illecite; Dispnea (mancanza di respiro o respiro corto) da esercizio o eccessivo affaticamento. Importante, infine, considerare la familiarità per la morte improvvisa (rilevante soprattutto per la cardiomiopatia ipertrofica) o per patologie cardiovascolari, specie cardiopatia ischemica precoce, ipertensione, ipercolesterolemia.

41 Importanza dello screening obbligatorio negli atleti JAMA 2006;296; È stato analizzato il trend nella mortalità improvvisa cardiovascolare tra il 1979 e il 2004 nella popolazione di atleti e non atleti di età compresa tra 12 e 35 anni in Veneto. Lincidenza annuale di morte improvvisa cardiovascolare negli atleti si è ridotta dell89% dal periodo pre-screening (ante 1982) a quello post- screening tardivo (3,6 vs 0,4 x anni-persona, p<0,001), mentre quella dei non atleti non sottoposti a screening è rimasta sostanzialmente invariata nel periodo dello studio (intorno a 0,8 x anni- persona).

42

43 Importanza dello screening obbligatorio negli atleti JAMA 2006;296; La riduzione maggiore della mortalità tra gli atleti si registra a carico delle cardiomiopatie ed in particolare alla cardiomiopatia ventricolare destra aritmogena. Per effetto dello screening è stato escluso dalle competizioni il 2% degli atleti

44 Elizabeth A. Giese e coll. The Athletic Prepartecipation Evaluation: Cardiovascular Assessment. American Academy of Family Physicians. 2007, vol 75 numero 7 Negli Stati Uniti cè disaccordo sullesecuzione routinaria degli esami strumentali e dei test da sforzo, ritenuti poco utili per rivelare anomalie cardiologiche che hanno una prevalenza bassa. Routine use of ECG, echocardiography, or exercise stress testing is not recommended in young athletes.

45 1. Attività agonistica in soggetto in buona salute 2. Attività amatoriale in soggetto in buona salute 3. Attività amatoriale con finalità terapeutiche: sovrappeso- obesità, diabete 1° e 2°, cardiopatia ischemica, ipertesione, dislipidemia, ansia-depressione, BPCO, osteoporosi

46 Protocollo COCIS 2009 ai fini della formulazione del giudizio di idoneità allo sport agonistico, almeno gli sportivi di età > anni senza fattori di rischio o con rischio basso e in quelli di età < 40 ma con rischio intermedio o elevato, lECG da sforzo deve sempre essere eseguito mediante Test Ergometrico Massimale (TEM).

47 Atleti Master categoria di sportivi sempre più numerosa nel nostro Paese, al punto da rappresentare il 50% dei tesserati di alcune Federazioni Sportive. sono individui detà in genere superiore a anni che partecipano a competizioni organizzate dalle Federazioni Sportive del CONI. sono divisi in categorie detà (di cinque anni in cinque anni) Lidoneità cardiologica in presenza di problematiche specifiche: latleta master Zeppilli P., Guiducci U., Bettini R. Protocollo COCIS 2009

48 Il rischio cardiovascolare aumenta con letà anche in soggetti apparentemente sani. Malgrado predomini nellimmaginario collettivo lidea dellatleta agonista come un soggetto assolutamente sano e quindi immune da patologia cardiaca, da tempo è stata osservata una relazione tra attività fisica vigorosa e la morte improvvisa in atleti Master, in presenza di sottostante malattia cardiaca

49 Problematiche cardiologiche nellatleta Master La causa principale della morte improvvisa negli atleti Master e anziani è la malattia aterosclerotica coronarica, la quale, sulla base di studi autoptici, usualmente consiste in una severa ostruzione del lume coronarico determinata da placca aterosclerotica, in una o più arterie coronarie principali. I due meccanismi principali che generalmente determinano la morte improvvisa correlata allesercizio fisico sono: lo spasmo coronarico e la rottura della placca.

50 ATLETI MASTER la condizione psicologica di alcuni atleti Master, definita sindrome di Highlander (o dellimmortalità), caratterizzata da spiccata competitività, autostima ingravescente ed elevato tono endorfinico, elementi che possono indurre lindividuo a trascurare e/o a nascondere al medico dello sport patologie e/o sintomi anche palesi; leterogeneità della popolazione Master, che comprende soggetti che hanno sempre fatto sport e continuano ad allenarsi, ex- atleti che riprendono lattività dopo un periodo più o meno lungo di sospensione ed ex sedentari, i più pericolosi, che si scoprono campioni, dopo una gioventù trascorsa a cumulare fattori di rischio coronarico (fumo, alcool, alimentazione scorretta, etc.). Lidoneità cardiologica in presenza di problematiche specifiche: latleta master Zeppilli P., Guiducci U., Bettini R. protocollo COCIS 2009

51 ATLETI MASTER Per gli atleti Master, quindi, il test di screening e il protocollo usato del test da sforzo dovrebbe essere specificamente indirizzato alla scoperta di una cardiopatia ischemica silente. Questi atleti rappresentano in generale un gruppo a basso rischio dato che la maggioranza di loro ha un basso numero di fattori di rischio classici, come il fumo, ipertensione, obesità, dislipidemia, e ovviamente vita sedentaria, ma ciò non esclude la presenza di cardiopatia ischemica silente con prognosi negativa.

52 Attività fisica come stile di vita

53

54 a. Adattamenti funzionali allesercizio fisico Apparato cardiocircolatorio: capacità totale di esercizio; > massa eritrociti; > flusso ematico nei tessuti ( capillarizzazione, > calibro vasi periferici); > fibrinolisi Apparato respiratorio: > CV,> FEV1, > capacità respiratoria Apparato muscolo-scheletrico:> forza e massa muscolare, > elasticità tendini, > densità ossea Sistema immunitario: > risposta immunitaria (< con esercizi strenui) Sistema urinario: > velocità di filtrazione Funzioni psicologiche: > benessere, miglioramento ritmo sonno-veglia Quali benefici attendersi dalla pratica di attività sportiva regolare

55 b. Adattamenti metabolici allesercizio fisico Metabolismo lipidico: captazione muscolare), > HDL (> liberazione da endotelio) Metabolismo glucidico: captazione muscolare) Sistema ormonale: glucagone, > catecolamine, > cortisolo, > STH, > endorfine, Diabete 1(< produzione di insulina) 1.Lallenamento aumenta la tolleranza al glucosio: < fabbisogno di insulina 2.Rischi: ipoglicemia durante lesercizio; necessità di consumo regolare di carboidrati e scorta di glucosio Diabete 2 (insulino-resistenza) Lallenamento aumenta la sensibilità tissutale allinsulina: < fabbisogno farmaci ipoglicemizzanti

56 Benefici EBM della attività sportiva Invecchiamento di successo: < declino della forma fisica < mortalità e morbilità generale e specifica (CI, Ictus, CA): per coesistenza di altri fattori protettivi (alimentazione, non fumo…) e per azione di attività fisica come fattore protettivo indipendente Stile di vita migliore (alimentazione, < uso di generi voluttuari) Stabilizzazione-miglioramento diabete, ipertensione, vasculopatie periferiche, osteoporosi, umore (ansia- depressione) Riduzione peso corporeo

57

58 in Italia nei giovani di età <35 anni sembra essere la cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro. negli adulti (> 35 anni) la causa più comune della morte improvvisa è la cardiopatia ischemica.

59 LA CARDIOMIOPATIA IPERTROFICA è una malattie ereditaria, familiare, dovuta ad alterazione dei geni che regolano la sintesi delle proteine contrattili presenti nelle fibrocellule muscolari aumento dello spessore delle pareti cardiache (soprattutto del ventricolo sinistro, a scapito della cavità che si rimpicciolisce, e del setto interventricolare) alterazioni dellECG (nel nostro paese i portatori di questa patologia vengono riconosciuti con facilità perché lECG è obbligatorio per ottenere lidoneità) e dellEcocardiogramma.

60

61 ECOCARDIOGRAMMA Normale Cardiomiopatia ipertrofica

62 Forme di Cardiomiopatia ipertrofica

63 MIOCARDIOPATIA IPERTROFICA frequenza: fino a 1:500 ab. Cause genetiche (ereditarietà autosomica dominante) Istologia: disallineamento delle cellule miocardiche (disarray)

64 MIOCARDIOPATIA IPERTROFICA Sintomi (abitualmente dopo i 20 anni): dispnea da sforzo; angina da discrepanza; cardiopalmo/sincopi; morte improvvisa Diagnosi: occasionale (in corso di screening familiare); ECG anormale o presenza di soffio cardiaco

65 MIOCARDIOPATIA IPERTROFICA ELETTROCARDIOGRAMMA: Anormale (segni di ipertrofia ventricolare sinistra)

66 Lattività sportiva aumenta il rischio di morte improvvisa nei casi di cardiomiopatia ipertrofica, ma lattività fisica non significa esclusivamente fare sport. Su 78 adulti, il 37% era deceduto a riposo o nel sonno, il 24% nel corso di attività leggera e il 29% durante attività intensa (corsa, camminate in montagna) (Maron et al., 1982)

67 Diagnosi differenziale fra cuore datleta e CMI Athlete's Heart CMI Septum thickness 15 mm Symmetry Yes (for septum and LV wall) No (septum much thicker) Family history None Possibly Deconditioning Reduction within 3 months None

68 CARDIOMIOPATIA ARITMOGENA DEL VENTRICOLO DESTRO In Italia è la causa più frequente di MI nello sportivo (23%). Cause genetiche (ereditarietà autosomica dominante con penetranza incompleta). Finora sono stati identificati 5 GENI- malattia La severità dellespressione della malattia varia grandemente anche allinterno della stessa famiglia): se la penetranza è alta la probabilità di ammalarsi è elevata, se è bassa la malattia può non manifestarsi per tutta la vita (=soggetto portatore sano di malattia).

69 CARDIOMIOPATIA ARITMOGENA DEL VENTRICOLO DESTRO Nei pazienti affetti dalla Cardiomiopatia Aritmogena del Ventricolo Destro la mutazione genetica induce la produzione di proteine cardiache difettose che a lungo andare provocano il danneggiamento ed la distruzione delle cellule cardiache. Ne segue un processo riparativo in cui le cellule cardiache sono sostituite da tessuto fibroso e da tessuto grasso. Colpisce dapprima il ventricolo destro ma nelle forme progressive tende ad estendersi anche al ventricolo sinistro

70 cuore normale. Legenda: AS: atrio sinistro); VS: ventricolo sinistro; AD: atrio destro, VD:ventricolo destro cuore in soggetto con una forma di Cardiomiopatia Aritmogena del Ventricolo Destro. il ventricolo destro appare dilatato + presenza di alterazioni della contrazione

71 CARDIOMIOPATIA ARITMOGENA DEL VENTRICOLO DESTRO Tuttavia questo processo di solito NON riguarda tutte le cellule cardiache ma si distribuisce a macchia di leopardo; ne risulta che aree con sostituzione di fibrosi e grasso possono essere circondate da aree di cellule cardiache normali. Il danno delle cellule cardiache può portare da una parte alla dilatazione del ventricolo destro (vedi figura) e dallaltra favorire linsorgenza delle aritmie, dovute proprio alla disomogeneità tra cellule normali e cellule sostitutive.

72 CARDIOMIOPATIA ARITMOGENA DEL VENTRICOLO DESTRO Storia naturale Vi è un lungo periodo prodromico asintomatico. In molti casi la patologia consente un buona tolleranza allo sforzo (sport). Benché la trasmissione della malattia sia su base ereditaria, nei pazienti in giovane età può non essere evidente nessuno dei sintomi/segni caratteristici nei test di screening. Frequentemente sono presenti extrasistoli ventricolari originantesi dal ventricolo destro (>1000 nelle 24 ore). Alcuni pazienti hanno sintomi associati a tachicardia ventricolare (palpitazioni, sensazione di vertigini e sincope). In alcuni casi prima manifestazione della malattia può essere la morte improvvisa. E una malattia progressiva; con il tempo, il ventricolo destro risulta sempre più colpito, conducendo a grave insufficienza, prima ancora che il ventricolo sx manifesti disfunzione. Alla fine, si può avere coinvolgimento bi-ventricolare.

73 CARDIOMIOPATIA ARITMOGENA DEL VENTRICOLO DESTRO ECG: Tachicardia ventricolare (200/m) insorta dopo sforzo Le aritmie ventricolari sono di solito legate all'esercizio fisico, suggerendo una certa sensibilità alle catecolamine.

74 Miocardite 5-10% dei casi di MI. Infiammazione del cuore a decorso più o meno acuto, dovuta nella maggioranza dei casi ad un virus. Esordisce in genere come complicanza di malattie virali comuni (influenza, mononucleosi infettiva, malattie esantematiche). Gli sportivi soprattutto i più giovani devono osservare un adeguato periodo di riposo dopo una malattia infettiva.

75 Cause di morte cardiaca improvvisa nei dati relativi a 134 atleti, tra i 12 e i 40 anni negli anni , negli USA raccolti da Maron et al., (1996). Percentuale di casi di anomalia cardiovascolare _______________________________ Cardiomiopatia ipertrofica 36.0 Aumento della massa cardiaca (inspiegato) 10.0 Arterie coronarie atipiche 13.0 Altre anomalie coronarie 10.0 Aneurisma per rottura dellaorta 5.0 Stenosi della valvola aortica 4.0 Miocardite 3.0 Cardiomiopatia dilatativa 3.0 Ventricolo destro aritmogenico 3.0 Scarring miocardico idiomatico 3.0 Prolasso della valvola mitrale 2.0 Disfunzione aterosclerotica delle coronarie 2.0 Altre disfunzioni cardiache congenite 1.5 Sindrome del QT lungo 0.5 Sarcoidosi 0.5 Caratteristica falciforme 0.5 Altro 2.0


Scaricare ppt "Benefici e rischi dellattività sportiva. Il punto di vista del Cardiologo Duilio Tuniz Responsabile della U.O. di Cardiologia Riabilitativa Istituto di."

Presentazioni simili


Annunci Google