La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

JOINT SESSION SICVE-ASSOBIOMEDICA-AISLEC- SCIENZE INFERMIERISTICHE LA GESTIONE DELLE ULCERE VASCOLARI INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO Dr. Marco Udini S.C. di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "JOINT SESSION SICVE-ASSOBIOMEDICA-AISLEC- SCIENZE INFERMIERISTICHE LA GESTIONE DELLE ULCERE VASCOLARI INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO Dr. Marco Udini S.C. di."— Transcript della presentazione:

1 JOINT SESSION SICVE-ASSOBIOMEDICA-AISLEC- SCIENZE INFERMIERISTICHE LA GESTIONE DELLE ULCERE VASCOLARI INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO Dr. Marco Udini S.C. di Chirurgia Vascolare Azienda Ospedaliera della Valtellina e della Valchiavenna Presidio Ospedaliero E. Morelli Sondalo (SO) XII Congresso Nazionale SICVE, Bari, 6-8 ottobre 2013

2 Le ulcere degli arti inferiori Sono di competenza medica: garanzie di guarigione e prevenzione delle recidive sono date dalla correttezza della diagnosi e dalla cura della patologia di base Indipendentemente dalla terapia adottata, hanno una lunga durata Devono essere trattate e medicate periodicamente E necessario che linfermiere, sia ospedaliero che domiciliare, sappia come orientarsi quando si presentano

3 Ulcera cutanea: conseguenza di fenomeni di degenerazione tissutale Alterata funzione delle strutture vascolari Alterato bilancio omeostatico delle strutture cutanee Ridotta diffusione di nutrienti tra circolo ematico e tessuti (edema o cuffia fibrinica perivascolare) Ridotta perfusione di quantità di sangue ai tessuti (basso apporto arterioso / scarso ritorno venoso / deficit del letto microvascolare)

4 Omeostasi tissutale 4 livelli di influenza Livello dorgano (arto inferiore): coinvolge grandi arterie e vene Livello tissutale specifico: interessa il microcircolo cutaneo (arteriole e venule) Livello cellulare: coinvolge cellule endoteliali, ematiche, fibroblasti e matrice extracellulare Livello subcellulare: influenzato da processi metabolici, ph, temperatura, osmolarità, anticorpi, immunocomplessi, etc.

5 Classificazione eziologica Ulcera da danno primitivo delle strutture vascolari Venose (70-80%) Arteriose (15-25%) Miste Microangiopatiche (infiammatorie, vasocclusive) Ulcere da danno secondario delle strutture vascolari Pressione e cause chimico-fisiche Neuropatiche Infettive Metaboliche Ematologiche Neoplastiche Deficit pompa muscolare

6 Sistema venoso superficiale degli arti inferiori Sistema valvolare nel tratto venoso ilio-femorale e crosse safenica

7

8 Ulcere cutanee Le alterazioni del macrocircolo modificano in maniera sostanziale la struttura anatomica e la funzionalità del microcircolo cutaneo Le ulcere linfatiche: entità autonoma con compromissione del sistema linfatico, essenzialmente secondaria allinsufficienza venosa cronica e ne rappresenta una frequente complicanza

9 ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI COME RICONOSCERLE Le ulcere di origine venosa sono spesso accompagnate da edema, la pelle attorno alla ferita è generalmente scura (macchie marroni) e dura, spesso eczematosa (si sfoglia facilmente). Sono relativamente superficiali e frequentemente localizzate al di sopra della caviglia. Possono essere molto essudanti

10 ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI COME RICONOSCERLE Le ulcere di origine arteriosa sono generalmente profonde, irregolari, molto dolorose. La pelle immediatamente attorno allulcera può essere arrossata, ma lintero distretto cutaneo è pallido a causa del mancato apporto sanguigno. Spesso localizzate al di sotto della caviglia.

11 ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI COME RICONOSCERLE Le ulcere diabetiche si presentano elettivamente sul piede (piede diabetico) con ulcerazioni spesso indolori (dovute a mancanza parziale o totale di sensibilità), frequentemente profonde e necrotiche, molto spesso alle dita. Facilmente soggette a infezioni, possono degenerare in cancrena e portare ad amputazione.

12 ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI COME RICONOSCERLE In tutti i casi, e soprattutto in quelli dubbi come le ulcere miste, una diagnosi sicura potrà essere fatta solo con il contributo di analisi di laboratorio e strumentali, ossia attraverso lntervento di un medico che linfermiere deve richiedere.

13 Diagnosi clinica differenziale delle ulcere di più frequente riscontro doloreSede preferita formabordiCute circostante Sesso più colpito Elementi clinici associati venosa +/++ sopra malleolo irregola re rotonde ggiante callosiiperpigmenta ta sclerotica atrofia bianca F edema varici arterios a +++/ ++++ Superfici ant-lat gamba piede a stampo necroti ci pallida no annessi M Ipertension e diabete no polsi periferici

14 APPROCCIO CLINICO-DIAGNOSTICO ANAMNESI Come/quando è insorta Dolore Fattori peggiorativi (deambulazione, stazione eretta) Fattori associati (parestesie, disestesie) Fattori di rischio (vita sedentaria, dieta, stipsi, farmaci, microtraumi) Storia patologica personale e familiare Condizioni sociali Cure eseguite o in corso

15 APPROCCIO CLINICO-DIAGNOSTICO ESAME CLINICO-MORFOLOGICO Dimensioni e profondità Forma Numero Sede Bordi e fondo Cute circostante e annessi

16 Ulcera venosa post-traumatica Ulcera venosa in Sindrome post-flebitica

17 APPROCCIO CLINICO-DIAGNOSTICO ESAME SEMEIOLOGICO VASCOLARE Varici Dermatite ocra lipodermatosclerosi Polsi arteriosi pedidi e tibiali Pressione arteriosa Misurazione circonferenza arti Segno della fovea

18 Quadro di trombosi venosa dell arto inferiore destro e Sindrome post-flebitica con ulcera a sinistra

19 APPROCCIO CLINICO-DIAGNOSTICO ESAMI DI I° LIVELLO Doppler Ecocolordoppler Pletismografia Indice di Winsor TcPO2 Esame colturale* Biopsia ed esame istologico* Rx locoregionale* * se suggeriti dalla clinica

20 Valutazione ecocolordoppler degli assi venosi profondo e superficiale

21

22 APPROCCIO CLINICO-DIAGNOSTICO ESAMI DI 2° LIVELLO Esami contrastografici Angiografia Flebografia Varicografia Esami emato-chimici specifici Diabete latente Connettivopatie Vasculiti Emopatie Dismetabolismi Esami neurologici Esami ecografici Cuore, aorta, cavi poplitei approccio multidisciplinare (chirurgo vascolare, angioradiologo neurologo cardiologo laboratorista/ematologo)

23 CONCLUSIONI Le ulcere cutanee sono causate da alterazioni micro e macrovascolari di varia origine. Appare fondamentale lo studio che precede ladozione di qualsivoglia strategia terapeutica. Lindividuazione di sottogruppi omogenei di pazienti con ulcere cutanee di origine venosa e non, permette : 1° di razionalizzare gli interventi terapeutici, 2° di ridurre i costi sociali di tale patologia spesso cronica- recidivante e 3° di migliorare la qualità di vita delle persone affette

24


Scaricare ppt "JOINT SESSION SICVE-ASSOBIOMEDICA-AISLEC- SCIENZE INFERMIERISTICHE LA GESTIONE DELLE ULCERE VASCOLARI INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO Dr. Marco Udini S.C. di."

Presentazioni simili


Annunci Google