La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OSPITALITA Fra Marco Fabello Presidio Ospedaliero Riabilitativo B.V. Consolata Fatebenefratelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OSPITALITA Fra Marco Fabello Presidio Ospedaliero Riabilitativo B.V. Consolata Fatebenefratelli."— Transcript della presentazione:

1

2 OSPITALITA Fra Marco Fabello Presidio Ospedaliero Riabilitativo B.V. Consolata Fatebenefratelli

3 OSPITALITA MISERICORDIOSA OSPITALITA MISERICORDIOSA di San Giovanni di Dio è quella che più ci colpisce per le sue straordinarie azioni in favore dei bisognosi e dei sofferenti e per averla lui stesso per primo sperimentata da parte di Dio che da peccatore lo ha trasformato in un grande Santo della carità ospedaliera LOSPITALITÀ MISERICORDIOSA di San Giovanni di Dio è quella che più ci colpisce per le sue straordinarie azioni in favore dei bisognosi e dei sofferenti e per averla lui stesso per primo sperimentata da parte di Dio che da peccatore lo ha trasformato in un grande Santo della carità ospedaliera LA MISERICORDIA CHE S. GIOVANNI RICEVE DA DIO, LA RISERVA SUGLI ALTRI, COME SEGNO DELLA PRESENZA DI DIO IN LUI E COME DONO E PARTECIPAZIONE ALLA MISERICORDIA DEL PADRE. QUESTO ATTEGGIAMENTO CI SPRONA A NON RISPARMIARCI NELLA CONTINUA VERIFICA DEI NOSTRI ATTEGGIAMENTI:. LA MISERICORDIA CHE NOI ABBIAMO RICEVUTO DA DIO DEVE APRIRCI IL CUORE A DONARE IL PERDONO.

4 OSPITALITA SOLIDALE OSPITALITA SOLIDALE Giovanni di Dio si è realmente incarnato nei poveri e negli infermi. La sua OSPITALITA SOLIDALE rivela in lui lannichilimento. lumiliazione e la risposta pronta verso tutti i bisognosi, sofferenti e peccatori GIOVANNI DI DIO, CON LA SUA OSPITALITÀ MISERICORDIOSA, SI È DAVVERO INCARNATO E IDENTIFICATO NEI POVERI E NEGLI INFERMI CHE AIUTAVA E CURAVA CON TUTTI I MEZZI CHE AVEVA A DISPOSIZIONE. GIOVANNI DI DIO, CON LA SUA OSPITALITÀ MISERICORDIOSA, SI È DAVVERO INCARNATO E IDENTIFICATO NEI POVERI E NEGLI INFERMI CHE AIUTAVA E CURAVA CON TUTTI I MEZZI CHE AVEVA A DISPOSIZIONE PERCHÉ ANCHE NOI POTESSIMO IMITARLO NELLA SUA SOLIDALE OSPITALITÀ.

5 OSPITALITA DI COMUNIONE OSPITALITA DI COMUNIONE Lelemosina, la preghiera e il digiuno diventano parole vuote e prive di senso se non sono vivificate dalla carità e dalla giustizia. LOSPITALITA di COMUNIONE praticata da Giovanni di Dio consiste nel dividere il pane con laffamato e nellintrodurre nella propria casa i poveri, senza tetto in cui tutti si sentano fratelli, amati e aiutati, e nel vestire chi è nudo., NEL NOSTRO MONDO IN CUI SEMBRA SPESSO TRIONFARE LA LOGICA DEL PROFITTO E DEL GUADAGNO AD OGNI COSTO, OCCORRE RISCOPRIRE IL BISOGNO PROFONDO DEL VALORE DELLA GRATUITA, PROPRIO PERCHE DIO CHE CI HA CREATI PER AMORE CI HA ANCHE DESTINATI ALLA COMUNIONE CON SE E CON I FRATELLI ATTRAVERSO UNA RISPOSTA GENEROSA DI SOLIDARIETA.

6 OSPITALITA CREATIVA OSPITALITA CREATIVA In una città come Granada, con quasi una decina di ospedali e case per i poveri, Giovanni di Dio riesce a scoprire tanti bisognosi e malati abbandonati e a creare una NUOVA OSPITALITÀ che rispondesse ai nuovi bisogni sconosciuti da altri responsabili, come ad esempio: le sofferenze dovute alle colpe, allodio e alle vendette. EGLI LA RACCOMANDA ANCHE AD UNA SUA BENEFATTRICE, SCRIVENDO: QUANDO ANDATE A LETTO, BUONA DUCHESSA, SEGNATEVI CON IL SEGNO DELLA CROCE E CONFERMATEVI NELLA FEDE RECITANDO IL CREDO, IL PATER NOSTER, LAVE MARIA E LA SALVE REGINA (1DS8). ANCHE LA SUA VICENDA TERRENA SI CONCLUDERA IN GINOCCHIO, IN PREGHIERA.. EGLI LA RACCOMANDA ANCHE AD UNA SUA BENEFATTRICE, SCRIVENDO: QUANDO ANDATE A LETTO, BUONA DUCHESSA, SEGNATEVI CON IL SEGNO DELLA CROCE E CONFERMATEVI NELLA FEDE RECITANDO IL CREDO, IL PATER NOSTER, LAVE MARIA E LA SALVE REGINA (1DS8). ANCHE LA SUA VICENDA TERRENA SI CONCLUDERA IN GINOCCHIO, IN PREGHIERA. LA PREGHIERA, LA CONTEMPLAZIONE (OLTRE ALLAZIONE) E PER NOI MEZZO INDISPENSABILE PERCHE LA NOSTRA OSPITALITA SIA SEMPRE APERTA AI NUOVI BISOGNI DELLA SOCIETA.

7 OSPITALITA INTEGRALE (Olistica) OSPITALITA INTEGRALE (Olistica) Giovanni di Dio vedeva ogni sofferenza, sia nel corpo che nello spirito. Egli si lamentava con un suo amico e benefattore poiché vedeva soffrire tanti poveri miei fratelli e mio prossimo, che si trovano in così grandi necessità sia nel corpo che per lanima, non potendoli soccorrere per mancanza di mezzi materiali CURARE INTEGRALMENTE LUOMO SIGNIFICA PERCEPIRE TUTTA LA FRAGILITA CHE NON E SOLO SEMPLICE CORPOREITA MALATA, MA UNA GLOBALE ESISTENZA INFERMA.

8 OSPITALITA RICONCILIANTE OSPITALITA RICONCILIANTE Giovanni di Dio era un uomo di motivata indulgenza nei confronti del prossimo, e trattava tutti, peccatori, oppressori e oppressi, come Dio trattava lui: perdonava e aiutava, assisteva e guariva le ferite fisiche e morali. Spesso, prima di ottenere dal Signore larmonia e la guarigione delle malattie del corpo, esigeva la cura di quelle morali e spirituali. IN UN MONDO LACERATO DA TANTI ODI, DA TANTE VENDETTE E DA TANTE DIVISIONI, GIOVANNI DI DIO E LESEMPIO DI VERA FRATERNITA, DI PROFONDO GUARITORE DI FERITE, ODI E CONFLITTI. PER QUESTO EGLI RACCOMANDAVA AL GIOVANE LUIGI BATTISTA, E RACCOMANDA ANCORA OGGI A CIASCUNO DI NOI IN UN MONDO LACERATO DA TANTI ODI, DA TANTE VENDETTE E DA TANTE DIVISIONI, GIOVANNI DI DIO E LESEMPIO DI VERA FRATERNITA, DI PROFONDO GUARITORE DI FERITE, ODI E CONFLITTI. PER QUESTO EGLI RACCOMANDAVA AL GIOVANE LUIGI BATTISTA, E RACCOMANDA ANCORA OGGI A CIASCUNO DI NOI: ABBIATE SEMPRE CARITA, PERCHE DOVE NON CE CARITA NON CE DIO, ANCHE SE DIO E IN OGNI LUOGO.

9 OSPITALITA GENERATRICE DI VOLONTARI E COLLABORATORI OSPITALITA GENERATRICE DI VOLONTARI E COLLABORATORI La forza dellamore misericordioso che Dio ha trasmesso a Giovanni è stata così forte che il Santo ha irradiato attorno a sé un fuoco di carità con cui ha attirato numerosi volontari e collaboratori nellaiutare i poveri e i malati. ……TUTTI QUELLI CHE ENTRANO QUI E PER SERVIRE, SERVONO CON CARITA E PER AMORE DI DIO, SENZA CHE NESSUNO RICEVA SALARIO. E COSI LA CASA E SERVITA MEGLIO CHE QUALSIASI ALTRA CASA DEL MONDO, PERCHE TUTTI VI ENTRANO PER SALVARE LA PROPRIA ANIMA ESERCITANDOSI NELLA CARITA, E CIASCUNO FA PIU CHE PUO, SENZA CHE SIA NECESSARIA ALCUNA REPRENSIONE

10 OSPITALITA PROFETICA OSPITALITA PROFETICA Giovanni di Dio, sotto limpulso dello Spirito Santo e trasformato interiormente dallamore misericordioso del Padre, visse in perfetta unità lamore a Dio e al prossimo….si donò interamente al servizio dei poveri e dei malati nella citta di Granada…. ANCHE NOI, PARTECIPI DI QUESTO DONO, DOBBIAMO ANNUNCIARE E COLLABORARE ALLA REALIZZAZIONE DEL REGNO DI DIO TRA I POVERI E I MALATI. Come Giovanni di Dio, dobbiamo stare sempre più vicini alluomo e assisterlo di fronte alle ansietà che lo investono soprattutto nei momenti più critici della malattia: SAPER CREARE UNA CULTURA DIRETTA AD UMANIZZARE LASSISTENZA E TUTTE LE REALTÀ OSPEDALIERE.

11 Teniamo presente quanto il Vangelo ci insegna e che Giovanni di Dio nelle sue opere ripete: NE FARE DEL MALE, NE DANNO AL PROSSIMO, MA DESIDERARE PER IL PROSSIMO CIO CHE VORREMMO FACESSERO A NOI (2DS15)


Scaricare ppt "OSPITALITA Fra Marco Fabello Presidio Ospedaliero Riabilitativo B.V. Consolata Fatebenefratelli."

Presentazioni simili


Annunci Google