La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASSISTENZA ALLA PERSONA NELL ALIMENTAZIONE Bernardi Simona Asl Teramo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASSISTENZA ALLA PERSONA NELL ALIMENTAZIONE Bernardi Simona Asl Teramo."— Transcript della presentazione:

1 ASSISTENZA ALLA PERSONA NELL ALIMENTAZIONE Bernardi Simona Asl Teramo

2 DIABETE Il DIABETE è una malattia metabolica caratterizzata dalla presenza nel sangue di una quantità di GLUCOSIO superiore alla norma. Può essere di 2 TIPI: Può essere di 2 TIPI: DIABETE DI TIPO 1 ( INSULINODIPENDENTE ) DIABETE DI TIPO 1 ( INSULINODIPENDENTE ) PATOGENESI AUTOIMMUNE PATOGENESI AUTOIMMUNE Può riguardare l età giovanile o linfanzia Può riguardare l età giovanile o linfanzia DIABETE DI TIPO 2 ( NON INSULINODIPENDENTE ) DIABETE DI TIPO 2 ( NON INSULINODIPENDENTE ) FAMILIARE NON AUTOIMMUNE Interessa la fascia detà adulta avanzata Interessa la fascia detà adulta avanzata

3 Dal punto di vista anatomico viene suddiviso in 3 PORZIONI: TESTA TESTA CORPO CORPO CODA CODA E una ghiandola voluminosa, lunga e piatta. Situata trasversalmente nella parte superiore e posteriore della cavità addominale. Nei soggetti giovani raggiunge un peso di circa 80 – 100 gr e tende a ridursi con lavanzare dell età. La lunghezza complessiva è di 15 cm.

4 FUNZIONE ENDOCRINA: Funzione svolta dalle ISOLE DI LANGHERANS. Controllano il metabolismo degli zuccheri, grassi e proteine. Controllano il metabolismo degli zuccheri, grassi e proteine. Produce 2 ORMONI: INSULINA (CELLULE BETA ) e GLUCACONE ( CELLULE ALFA). FUNZIONE ESOCRINA: Funzione svolta dagli ACINI PANCREATICI. Al loro interno troviamo cellule dette ACINOSE, che producono ENZIMI DIGESTIVI. ( AMILASI - LIPASI )

5

6 Tutti i tipo di DIABETE si avvalgono di un regime dietetico particolare, specifico per questa patologia. Un alimentazione razionale, con il corretto apporto di calorie e qualitativamente equilibrata rappresenta lelemento fondamentale nella terapia del diabete. Gli OBIETTIVI essenziali nel trattamento dietetico sono: RAGGIUNGIMENTO E/O MANTENIMENTO DEL PESO FISIOLOGICO RAGGIUNGIMENTO E/O MANTENIMENTO DEL PESO FISIOLOGICO CORREZIONE E PREVENZIONE DELLIPERGLICEMIA CORREZIONE E PREVENZIONE DELLIPERGLICEMIA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE CRONICHE TIPICHE DELLA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE CRONICHE TIPICHE DELLA MALATTIA DIABETICA MALATTIA DIABETICA (malattie cardiovascolari come fenomeni ateroclerotici, ictus, ipertensione,complicanze oculari come la retinopatia, complicanze renali come la nefropatia diabetica, e del sistema nervoso come disturbi della sensibilità, dolore agli arti inferiori o alle mani)

7 1.FRAZIONARE LALIMENTAZIONE IN PIU PASTI NELLARCO DELLA GIORNATA 2.INTRODURRE AMIDI IN MANIERA CONTROLLATA ( pasta, pane, patate e legumi ) ( pasta, pane, patate e legumi ) 3.INTRODURRE FIBRA ATTRAVERSO VERDURE, LEGUMI, CEREALI, PREFERIBILMENTE INTEGRALI 4.RIDURRE LAPPORTO DI ZUCCHERI E ALIMENTI CHE LI CONTENGONO ( ELIMINARE ZUCCHERO, MARMELLATE, GELATI E DOLCI ) 5.DIETA PERSONALIZZATA DOVE RICHIESTO 6.STIMOLARE IL PAZIENTE A SPENDERE DI PIU NEL MOVIMENTO FISICO PER CONTRIBBUIRE A MIGLIORARE IL CONTROLLO DELLA GLICEMIA

8 INSUFFICIENZA RENALE Il RENE controlla i liquidi del nostro corpo, svolge un AZIONE DEPURATIVA controllando sia leliminazione delle SCORIE AZOTATE derivanti dalle PROTEINE sia quella dei SALI MINERALI introdotti con lalimentazione. In caso di INSUFFICIENZA RENALE (il rene lavora poco e male) sinstaura un incapacità del rene ad eliminare le SCORIE METABOLICHE prodotte dalla digestione degli alimenti.

9 Si dovranno dunque ridurre le PROTEINE dando preferenza a quelle ad alto valore biologico ( CARNE, PESCE, UOVA ). Ed anche opportuno ridurre il FOSFORO ed il SODIO per lincapacità del rene di eliminarli. L UREA (prodotto finale del metabolismo delle proteine ) quando si accumula in eccesso nel sangue è possibile dosarla con un esame ematico l AZOTEMIA.

10 RACCOMANDAZIONI RIDURRE LA QUOTA DI PROTEINE, PREFERENDO QUELLE AD ALTO VALORE BIOLOGICO RIDURRE LA QUOTA DI PROTEINE, PREFERENDO QUELLE AD ALTO VALORE BIOLOGICO (carne, pesce, formaggio, prosciutto ) ASSICURARE SEMPRE ADEGUATO APORTO CALORICO ASSICURARE SEMPRE ADEGUATO APORTO CALORICO QUANDO RICHIESTO, CONTROLLARE IL CONSUMO DI QUANDO RICHIESTO, CONTROLLARE IL CONSUMO DI ALIMENTI AD ALTO CONTENUTO IN POTASSIO, ALIMENTI AD ALTO CONTENUTO IN POTASSIO, FOSFORO E SODIO. FOSFORO E SODIO. DOVE RICHIESTO, DIETA PERSONALIZZATA CON USO DI PRODOTTI APROTEICI CHE SI COMPRANO IN FARMACIA DOVE RICHIESTO, DIETA PERSONALIZZATA CON USO DI PRODOTTI APROTEICI CHE SI COMPRANO IN FARMACIA

11 MALATTIE DELL APPARATO DIGERENTE

12

13 GASTRITE Le più comuni patologie dello STOMACO sono: ULCERA Infiammazione della mucosa gastrica, sono diverse le cause che portano a tale manifestazione. Ci sono vari tipi: ACUTA ( EROSIVA-ISCHEMICA- ACUTA ( EROSIVA-ISCHEMICA- CORROSIVA- DA FARMACI ) CORROSIVA- DA FARMACI ) CRONICA ( SOSTENUTA DA CRONICA ( SOSTENUTA DA HELICOBACTER PYLORI ). HELICOBACTER PYLORI ). E una soluzione di continuo della parete dello stomaco. Può variare da una semplice EROSIONE della mucosa fino alla completa PERFORAZIONE.

14 ESOFAGITI MALATTIA DA REFLUSSO ESOFAGEO Infiammazione ACUTA e CRONICA della MUCOSA dellESOFAGO. Dovuta all incapacità dello sfintere inferiore dellesofago di impedire il reflusso di succo gastrico che svolge unazione irritante e lesiva nei confronti della mucosa esofagea. (REFLUSSO NELLESOFAGO DEL CONTENUTO DELLO STOMACO). Col tempo linfiammazione può evolvere in danni al tessuto dellesofago, sotto forma di piccole erosioni, ULCERE.

15 Tra le malattie dello stomaco troviamo anche le Tra le malattie dello stomaco troviamo anche le RESEZIONI PARZIALI O TOTALI. RESEZIONI PARZIALI O TOTALI.

16 L OBIETTIVO principale della dieta nel paziente affetto da queste patologie infiammatorie e fare attenzione allintroduzione degli alimenti che possono provocare IRRITAZIONE DELLA MUCOSA. 1.CIBI TROPPO CALDI O TROPPO FREDDI 2.SPEZIE, IN PARTICOLARE TEINA, CAFFE, ALCOLICI 3.BEVANDE GASSATE, SUCCHI DI AGRUMI 4.CIBI CONTENENTI ARIA COME FRULLATI E FRAPPE 5.ALIMENTI CUCINATI IN MANIERA ELABORATA

17 RACCOMANDAZIONI FRAZIONARE L ALIMENTAZIONE IN PIU PASTI NELLARCO DELLA FRAZIONARE L ALIMENTAZIONE IN PIU PASTI NELLARCO DELLA GIORNATA GIORNATA ( almeno 5-6 al giorno ) ( almeno 5-6 al giorno ) NELLA FASE POST INTERVENTO SI CONSIGLIA UNA NELLA FASE POST INTERVENTO SI CONSIGLIA UNA RIALIMENTAZIONE RIALIMENTAZIONE ( inizialmente preferire piccole quantità di cibi asciutti o semi ( inizialmente preferire piccole quantità di cibi asciutti o semi densi come pastina piccola, creme e semolino, carne tritata e densi come pastina piccola, creme e semolino, carne tritata e piccole quantità di verdure cotta ) piccole quantità di verdure cotta ) EVITARE DI CONSUMARE TROPPI LIQUIDI SOPRATTUTTO EVITARE DI CONSUMARE TROPPI LIQUIDI SOPRATTUTTO DURANTE I PASTI DURANTE I PASTI EVITARE UN CONSUMO ECCESSIVO DI FIBRA EVITARE UN CONSUMO ECCESSIVO DI FIBRA EVITARE GLI ALIMENTI CUCINATI IN MANIERA ELABORATA O EVITARE GLI ALIMENTI CUCINATI IN MANIERA ELABORATA O FRITTI E QUELLI CHE POSSONO PROVOCARE IRRITAZIONE FRITTI E QUELLI CHE POSSONO PROVOCARE IRRITAZIONE DELLA MUCOSA GASTRICA

18 MALATTIE DELLINTESTINO Le MALATTIE DELL INTESTINO comprendono varie patologie tra cui INFIAMMAZIONI ACUTE E CRONICHE dellintestino con difficoltà di ASSORBIMENTO. Ultima parte dell apparato digerente, si presenta come un tubo di diametro variabile, con pareti flessibili ripiegato più volte su sé stesso. E distinto in 2 parti principali: INTESTINO TENUE INTESTINO TENUE INTESTINO CRASSO INTESTINO CRASSO Ha una lunghezza complessiva di 7 m circa.

19 Le più comuni sono: COLON IRRITABILE COLON IRRITABILE DIVERTICOLOSI DIVERTICOLOSI COLITE ULCEROSA COLITE ULCEROSA MORBO DI CROHN MORBO DI CROHN

20 Lo SCOPO della DIETA nei pazienti affetti da queste patologie nella FASE ACUTA e quello di evitare l assunzione di alimenti che possono provocare IRRITAZIONE DELLA MUCOSA INTESTINALE. CIBI CONTENENTI MOLTA FIBRA CIBI CONTENENTI MOLTA FIBRA ( verdure, legumi, frutta, cereali ( verdure, legumi, frutta, cereali integrali ) integrali ) SPEZIE E CIBI CUCINATI IN MODO SPEZIE E CIBI CUCINATI IN MODO ELABORATO E QUINDI DI PIU ELABORATO E QUINDI DI PIU DIFFICILE DIGESTIONE DIFFICILE DIGESTIONE ALCOLICI E BEVANDE GASSATE ALCOLICI E BEVANDE GASSATE LATTE E LATTICINI LATTE E LATTICINI

21 In caso di DIARREA è indicata una DIETA ASTRINGENTE SENZA SCORIE, che prevede: RISO BOLLITO, CREMA DI RISO, SEMOLINO O PASTA IN BRODO RISO BOLLITO, CREMA DI RISO, SEMOLINO O PASTA IN BRODO VEGETALE VEGETALE CARNE O PESCE AI FERRI, ALLA GRIGLIA, AL VAPORE; CARNE O PESCE AI FERRI, ALLA GRIGLIA, AL VAPORE; PROSCIUTTO COTTO O CRUDO, BRESAOLA O GRANA PROSCIUTTO COTTO O CRUDO, BRESAOLA O GRANA PATATE LESSATE, CENTRIFUGATO DI CAROTA PATATE LESSATE, CENTRIFUGATO DI CAROTA MELA GRATTUGGIATA O GENTRIFUGATO DI FRUTTA, SUCCO DI MELA GRATTUGGIATA O GENTRIFUGATO DI FRUTTA, SUCCO DI MELA SENZA ZUCCHERO, SPREMUTA MELA SENZA ZUCCHERO, SPREMUTA GRISSINI, CRACKER O FETTE BISCOTTATE GRISSINI, CRACKER O FETTE BISCOTTATE E inoltre importante controllare l IDRATAZIONE DEL PAZIENTE. Tra le bevande preferire ACQUA, THE, CAFFE D ORZO, CAMOMILLA o INFUSI limitando la quantità di zucchero aggiunto.

22 MORBO CELIACO MALATTIA AUTOIMMUNE dell INTESTINO TUENUE Patologia caratterizzata da un INTOLLERANZA PERMANENTE della GLIADINA ( PROLAMMINA ) PROTEINA DEL GLUTINE. Una PROTEINA di ORIGINE VEGETALE che si trova in tutti i cereali. E una patologia che si verifica in individui di tutte le età, geneticamente predisposti. E una patologia che si verifica in individui di tutte le età, geneticamente predisposti.

23 L esposizione alla GLIADINA causa una reazione infiammatoria, che porta a TRONCAMENTO dei VILLI che rivestono lintestino tenue, chiamata ATROFIA dei VILLI. Alla biopsia si presenta un appiattimento dei villi, una iperplasia delle cripte e linfiltrato linfocitario.

24 Le ripercussioni portano ad interferire sull ASSORBIMENTO delle sostanze nutritive poiché i villi ne sono responsabili. L UNICO TRATTAMENTO efficace conosciuto è una permanente DIETA PRIVA DI GLUTINE. ELIMINARE TUTTI GLI ALIMENTI CHE LO CONTENGONO: ELIMINARE TUTTI GLI ALIMENTI CHE LO CONTENGONO: FRUMENTO (GRANO), ORZO, SEGALE, FARRO, AVENA, KAMUT. Qualsiasi prodotto alimentare preparato con questi cereali è da escludere. SONO CONCESSI COME FONTI ALTERNATIVE DI CARBOIDRATI I SEGUENTI ALIMENTI: RISO, MAIS, PATATE, LEGUMI, GRANO SARACENO, MIGLIO, SESAMO, FARINA DI CASTAGNE. SONO CONCESSI COME FONTI ALTERNATIVE DI CARBOIDRATI I SEGUENTI ALIMENTI: RISO, MAIS, PATATE, LEGUMI, GRANO SARACENO, MIGLIO, SESAMO, FARINA DI CASTAGNE.

25 CONSULTARE IL PRONTURIO DI RIFERIMENTO CHE RACCOGLIE L ELENCO DEGLI ALIMENTI IDONEI AL CONSUMO. CONSULTARE IL PRONTURIO DI RIFERIMENTO CHE RACCOGLIE L ELENCO DEGLI ALIMENTI IDONEI AL CONSUMO. LE AZIENDE PRESENTI NEL PRONTUARIO APPLICANO UN PIANO CORRETTO DI CONTROLLO DELLE MATERIE PRIME E DEL PRODOTTO FINITO, GARANTENDO UN ASSENZA DI CONTAMINAZIONE ANCHE DURANTE LA FASE DI LAVORAZIONE E DI CONFEZIONAMENTO. SI CONSIGLIA DI LEGGERE SEMPRE ATTENTAMENTE LE ETICHETTE DEI PRODOTTI E DI VERIFICARE LA PRESENZA DEL MARCHIO SPECIFICO CHE GARANTISCE LASSENZA DI GLUTINE. SI CONSIGLIA DI LEGGERE SEMPRE ATTENTAMENTE LE ETICHETTE DEI PRODOTTI E DI VERIFICARE LA PRESENZA DEL MARCHIO SPECIFICO CHE GARANTISCE LASSENZA DI GLUTINE. (SPIGA BARRATA) (SPIGA BARRATA)

26 La PREPARAZIONE DEGLI ALIMENTI per questi pazienti richiede particolare attenzione, deve essere molto accurata per evitare che possa realizzarsi una CONTAMINAZIONE attraverso stoviglie, posate o piani di lavoro utilizzati per le preparazioni di cibi comuni. 1.NON INFARINARE GLI ALIMENTI CON FARINE CON GLUTINE 2.NON AGGIUNGERE FARINE VIETATE IN SALSE E SU COTTURA 3.NON UTILIZZARE LACQUA DI COTTURA GIA USATA PER PASTA COMUNE 4.NON INQUINARE IL CIBO CON MANI INFARINATE E UTENSILI SPORCHI DI FARINA 5.NON APPOGGIARE IL CIBO DIRETTAMENTE SU SUPERFICI CONTAMINATE

27 I SINTOMI della celiachia sono: DIARREA CRONICA DIARREA CRONICA DOLORI ADDOMINALI CRAMPI DOLORI ADDOMINALI CRAMPI GONFIORE ( distensione addominale ) GONFIORE ( distensione addominale ) La malattia celiaca, se non trattata, può in un lungo periodo di tempo condurre a varie COMPLICANZE : 1.INCAPACITA DI ASSORBIRE CARBOIDRATI E GRASSI PORTA AD UNA DIMINUZIONE DI PESO O RITARDATA CRESCITA NEI BAMBINI. 2.MALASSORBIMENTO DEL FERRO, ACIDO FOLICO E VITAMINA B12 PUO PORTARE AD ANEMIA. 3.MALASSORBIMENTO DI CALCIO, VITAMINA D PUO PORTARE AD OSTEOPOROSI. 4.UNA PICCOLA PARTE DI PAZIENTI SVILUPPA UN ANOMALA CAPACITA DI COAGULAZIONE PER CARENZA DI VITAMINA K, C E UN MODERATO RISCHIO DI SANGUINAMENTO.

28 EPATOPATIE Le EPATOPATIE comprendono malattie che colpiscono la STRUTTURA e/o FUNZIONI svolte dal FEGATO.

29 EPATITE ACUTA E CRONICA: EPATITE ACUTA E CRONICA: può essere causata da virus, ma anche da alcune sostanze tossiche può essere causata da virus, ma anche da alcune sostanze tossiche ( alcool ), malattie autoimmuni e da condizioni ereditarie. ( alcool ), malattie autoimmuni e da condizioni ereditarie. STEATOSI EPATICA: STEATOSI EPATICA: conosciuta come FEGATO GRASSO rappresenta un accumulo di lipidi nel fegato, che oltre a determinare dolore in ipocondrio destro, porta ad epatomegalia ( ingrossamento del fegato ).

30 CALCOLOSI DELLA COLECISTI: CALCOLOSI DELLA COLECISTI: Presenza di formazioni dure simili a sassi, di dimensioni variabili da pochi millimetri a qualche centimetro, molto diffusa dopo i quarantanni e maggiormente nel sesso femminile. CIRROSI: CIRROSI: Formazione di tessuto fibroso in sostituzione degli epatociti morti. La morte delle cellule epatiche può essere causata da epatite virale, alcolismo o intossicazione da altre sostanze.

31 RACCOMANDAZIONI ESCLUDERE IL CONSUMO DI ALCOOL E DI QUALSIASI ALTRO NERVINO (caffeine e teina) ESCLUDERE IL CONSUMO DI ALCOOL E DI QUALSIASI ALTRO NERVINO (caffeine e teina) LIMITARE IL CONSUMO DI GRASSI SATURI LIMITARE IL CONSUMO DI GRASSI SATURI ( panna, salse, maionese, dolci con creme, gelati ( panna, salse, maionese, dolci con creme, gelati alle creme, salsiccia, burro. ) alle creme, salsiccia, burro. ) EVITARE COTTURE ELABORATE E CIBI EVITARE COTTURE ELABORATE E CIBI FRITTI, PREDILIGERE METODI DI FRITTI, PREDILIGERE METODI DI COTTURA PIU SALUTARI (cottura al vapore) COTTURA PIU SALUTARI (cottura al vapore) FAVORIRE L INTRODUZIONE DI FRUTTA FRESCA, VERDURE, FIBRE E SOSTANZE ANTIOSSIDANTI. FAVORIRE L INTRODUZIONE DI FRUTTA FRESCA, VERDURE, FIBRE E SOSTANZE ANTIOSSIDANTI.

32 IN CASO DI CALCOLI ALLA COLECISTI OLTRE A SOPRA ELENCATO ELIMINARE LE UOVA E GLI ALIMENTI CHE LO CONTENGONO. IN CASO DI CALCOLI ALLA COLECISTI OLTRE A SOPRA ELENCATO ELIMINARE LE UOVA E GLI ALIMENTI CHE LO CONTENGONO. IN CASO DI CIRROSI EPATICA E LIVELLI DI AMMONIACA, LE PROTEINE NON VANNO NE ABOLITE NE RIDOTTE. PREFERIRE QUELLE VEGETALI LEGUMI, TRA QUELLE ANIMALI PROTEINE DEL LATTE, PESCE E FORMAGGI MAGRI. IN CASO DI CIRROSI EPATICA E LIVELLI DI AMMONIACA, LE PROTEINE NON VANNO NE ABOLITE NE RIDOTTE. PREFERIRE QUELLE VEGETALI LEGUMI, TRA QUELLE ANIMALI PROTEINE DEL LATTE, PESCE E FORMAGGI MAGRI. LIMITARE IL CONSUMO DI CARNE. LIMITARE IL CONSUMO DI CARNE. NELLA CIRROSI CON ASCITE COMPORTA UN ABNORME TENDENZA A TRATTENERE IL SALE ED ACQUA: TANTO SALE SIGNIFICA MAGGIORE QUANTITA DI ASCITE, PERTANTO MANGIARE MENO SALE SIGNIFICA ACCUMULARE MENO LIQUIDI ED AVERE MENO BISOGNO DI DIURETICI.

33

34 DIETA LIQUIDA DIETA IDRICA DIETA SEMI - LIQUIDA DIETA IPOSODICA DIETA IPOGLICIDICA DIETA IPERGLICIDICA DIETA IPOLIPIDICA DIETA IPERLIPIDICA DIETA IPOPROTEICA DIETA IPERPROTEICA

35 IGIENE DEGLI ALIMENTI

36 La maggior parte degli alimenti è soggetta ad alterazioni a causa di FATTORI CHIMICO – FISICI o MICROBIOLOGICI. Se non vengono conservati correttamente, possono modificarsi nell: ASPETTO ASPETTO AROMA AROMA SAPORE SAPORE

37 La SALUBRITA degli alimenti può risultare compromessa per la presenza di: A.MACRO E MICRORGANISMI PATOGENI: ( PARASSITI – BATTERI – VIRUS ) o prodotti dal loro metabolismo ( TOSSINE ) che possono provocare MALATTIE o INTOSSICAZIONI. B.RESIDUI DI SOSTANZE CHIMICHE TOSSICHE NATURALI O DI DERIVAZIONE INDUSTRIALE C.COMPOSTI CHIMICI IMPIEGATI NELLE ATTIVITA AGRARIE ( pesticidi ) ( pesticidi )

38 D.FARMACI E SOSTANZE DI TIPO ORMONALE IMPIEGATI SUGLI ANIMALI E.SOSTANZE TOSSICHE PRODOTTE DA MICETI PRESENTI IN MODO PARTICOLARE NEI VEGETALI ( micotossine ) ( micotossine ) F.SOSTANZE TOSSICHE DERIVANTI DA INTERAZIONI TRA COMPONENTI CHIMICI DEGLI ALIMENTI ( nitrosammine ) G.SOSTANZE VELENOSE PRESENTI IN ANIMALI IN PIANTE E FUNGHI SUPERIORI H.RADIONUCLIDI ( naturali o derivanti dalla fissione nucleare )

39

40 I FATTORI che incidono sull INSORGENZA e il DECORSO dell INTOSSICAZIONE sono numerosi, dei quali si possono cosi riassumere: I FATTORI che incidono sull INSORGENZA e il DECORSO dell INTOSSICAZIONE sono numerosi, dei quali si possono cosi riassumere: IL TEMPO CHE INTERCORRE TRA INQUINAMENTO E CONSUMO DELL ALIMENTO LA TEMPERATURA ALLA QUALE I CIBI SONO CONSERVATI IL GRADO DI UMIDITA DEL PRODOTTO LA NATURA E COMPOSIZIONE DEL PRODOTTO STESSO

41 VEICOLI DI CONTAMINAZIONE

42 CONTAMINAZIONE CROCIATA: CONTAMINAZIONE CROCIATA: trasferimento dei germi da un alimento allaltro UTENSILI: UTENSILI: luso degli stessi sia per i prodotti cotti che crudi può determinare il trasferimento dei germi dal prodotto crudo a quello cotto

43 MANI: Sono il mezzo più frequente di trasmissione dello STAFILOCOCCO, della SALMONELLA, e di altri GERMI pericolosi. Le mani devono essere correttamente lavate ogni qual volta ci si sia soffiato il naso oppure si sia utilizzato il bagno o si sia fumato, tossito, starnutito. MANI: Sono il mezzo più frequente di trasmissione dello STAFILOCOCCO, della SALMONELLA, e di altri GERMI pericolosi. Le mani devono essere correttamente lavate ogni qual volta ci si sia soffiato il naso oppure si sia utilizzato il bagno o si sia fumato, tossito, starnutito. PIANI FRIGORIFERO: quando alimenti non compatibili ( es. verdure con carni o pesce ) non vengono collocati in scomparti separati, può determinarsi il trasferimento di GERMI dalluno allaltro. PIANI FRIGORIFERO: quando alimenti non compatibili ( es. verdure con carni o pesce ) non vengono collocati in scomparti separati, può determinarsi il trasferimento di GERMI dalluno allaltro.

44 VERDURE, E CARNI INQUINATE: VERDURE, E CARNI INQUINATE: Possono dare origine al BOTULISMO, una patologia che può provocare la morte, spesso legata al consumo di conservare vegetali ed animali a debole acidità. PIANI DI LAVORO: PIANI DI LAVORO: luso in comune degli stessi piani di lavoro per la lavorazione di alimenti crudi o cotti può determinare la contaminazione dei piani stessi rendendoli FONTE DI INFEZIONE

45

46 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "ASSISTENZA ALLA PERSONA NELL ALIMENTAZIONE Bernardi Simona Asl Teramo."

Presentazioni simili


Annunci Google