La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trattamento del Dolore Postoperatorio nellAnziano Dina Clelia Roccatagliata Corso di Aggiornamento SIAARTI Jolly Hotel Marina, Genova,2 Luglio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trattamento del Dolore Postoperatorio nellAnziano Dina Clelia Roccatagliata Corso di Aggiornamento SIAARTI Jolly Hotel Marina, Genova,2 Luglio 2005."— Transcript della presentazione:

1 Trattamento del Dolore Postoperatorio nellAnziano Dina Clelia Roccatagliata Corso di Aggiornamento SIAARTI Jolly Hotel Marina, Genova,2 Luglio 2005

2 Determinanti del Dolore Postoperatorio Tipo di chirurgia Durata dellintervento Fattori cognitivi demenza, depressione Fattori comportamentali Disturbi dellumore, disturbi cronici del sonno, ansia Trattamento del dolore instaurato Sesso Ambiente Eta D.C. Roccatagliata

3 Fisiopatologia del Dolore nellAnziano Nocicettiva Neuropatica ORIGINE D.C. Roccatagliata

4 Inadeguato utilizzo della terapia antalgica nellanziano in ogni setting assistenziale Anche quando viene rilevata dal personale di assistenza la presenza del dolore D.C. Roccatagliata

5 Il Quinto Segno Vitale D.C. Roccatagliata

6 Soglia del Dolore nellAnziano ? D.C. Roccatagliata

7 La frequenza di prescrizione di analgesici nel postoperatorio e inversamente proporzionale alleta D.C. Roccatagliata

8 Dolore e Trattamento D.C. Roccatagliata

9 Possibili Determinanti del Sottotrattamento del Dolore Postoperatorio Coesistenti disturbi cognitivi Inadeguata espressivita facciale algica Timore degli effetti negativi o associati dei farmaci Difficolta nella misurazione del dolore D.C. Roccatagliata

10 Misurazione del Dolore nellanziano I Misurazione del dolore difficile Disturbi Cognitivi Disturbi Sensoriali Misurazione del DPO ancora > Stress Uso del VAS D.C. Roccatagliata

11 Misurazione del dolore nellAnziano II Scala Vas Scala numerica NRS Scala a faccette Scala verbale la piu comprensibile poco dettagliata Nessun Dolore Dolore Lieve Dolore Moderato Dolore Forte Dolore Fortissimo difficolta di comprensione D.C. Roccatagliata

12 Misurazione del dolore nellAnziano III Nel paziente con disturbi cognitivi Modificazioni nelle vocalizzazioni Modificazioni nel comportamento * espressione facciale * postura * concentrazione * andatura VAS REST VAS INCIDENT D.C. Roccatagliata

13 Monitoraggio adeguato del dolore strutturato sulla base delle capacita cognitive rilevate nella visita preoperatoria D.C. Roccatagliata

14 Conseguenze del DPO non trattato D.C. Roccatagliata

15 Gli anziani necessitano di dosi minori di farmaci ( anche di analgesici) rispetto ai giovani per la diversa farmacocinetica e farmacodinamica La plurimedicazione facilita le interazioni farmacologiche D.C. Roccatagliata

16 Opzioni Farmacologiche Paracetamolo Fans Cox-2 inibitori Oppioidi Analgesici Centrali non Oppioidi Anestetici Locali D.C. Roccatagliata

17 Paracetamolo Particolarmente indicato nellanziano Analgesico, antipiretico Utilizzo: * da solo: somministrare molto precocemente * in combinazione (codeina, altri oppioidi) Non superare dose giornaliera di 4 gr Valutare epatotossicita D.C. Roccatagliata

18 Fans Non adatti agli anziani Troppo spesso sottovalutati * Disturbi gastrointestinali frequenti * Inibizione aggregazione piastrinica Attenzione in caso di alterata funzionalita epatica e/o renale Utilizzare quelli a emivita breve (ibuprofene,ketoprofene, diclofenac -per os) Per via parenterale Ketorolac (15 mg ev ogni 6 h) D.C. Roccatagliata

19 Anti-COX 2 Efficacia paragonabile ai Fans Maggiore tollerabilita gastrointestinale Utilizzare preferibilmente in associazione per ridurre il dosaggio Somministrare molto precocemente se da soli Non somministrare in pazienti con pregresso ictus o infarto o arteriopatieperiferiche.Cautela anche in presenza di fattori di rischio per malattie cardiovascolari D.C. Roccatagliata

20 Tramadolo Analgesico centrale mu parziale agonista Particolarmente indicato nellanziano per scarsa possibilita di depressione respiratoria Inibisce anche il reuptake della norepinefrina. Puo avere meccanismo serotoninergico: londansetron puo bloccare leffetto antalgico D.C. Roccatagliata

21 Oppioidi Usare quelli a emivita breve (morfina, idromorfone, ossimorfone, ossicodone) Non usare meperidina come oppioide di prima scelta. Dal rene viene eliminato un metabolita, la normeperidina > accumulo tossico per SNC Evitare somministrazione IM (dolore, assorbimento imprevedibile per riduzione massa magra) Effetti collaterali piu frequenti. Usare degli adiuvanti per ridurre le dosi. Ridurre dosaggio se analgesia adeguata. D.C. Roccatagliata

22 Utilizzabili tutte le altre vie somministrazione parenterale (ev, peridurale, intratecale). Oppioide transdermico, non facilmente titratabile, controindicato nellanziano Solitamente la prima dose analgesica nellimmediato postoperatorio e abbastanza simile a quella richiesta dalladulto piu giovane, mentre le dosi successive adeguate sono ridotte Iniziare con dosi giornaliere basse (dal 25 al 50%della dose per adulto) e titrare lentamente Monitorare paziente per sedazione e depressione respiratoria D.C. Roccatagliata

23 Oppiodi IV PCA Istruire il paziente su concetto e uso macchina Il paziente deve essere fisicamente in grado di premere il bottone, in caso contrario designare parente o infermiere Usare infusione ev basale con cautela Analgesia Epidurale con Oppioidi Ridurre le dosi, soprattutto morfina solfato Ridurre la somministrazione parenterale concomitante Monitorare il paziente per sedazione e depressione respiratoria D.C. Roccatagliata

24 DOSAGGIO DEGLI OPPIOIDI RANGE DI DOSE CORRELATO ALL ETA NON AL PESO : FABBISOGNO GIORNALIERO TEORICO MG = ETA SOPRA I 70 ANNI LE DOSI VANNO RIDOTTE DI UN TERZO VANNO TITRATI IN BASE A: - confort del paz - sedation score<2 - f.r. > 8 atti/min D.C. Roccatagliata

25 Adiuvanti Benzodiazepine da evitare s.p. specie se presenti fattori predisponenti al delirio postop Antidepressivi Triclici Amitriptilina Migliorano il sonno; Possono potenziare lanalgesia; Effetti anticolinergici Gabaagonisti Gabapentin Indicato nel trattamento del dolore neuropatico.Puo essere particolarmente utile nel trattamento del DPO dellanziano.Puo dare sonnolenza,astenia, vertigini Clonidina Ipotonia e sedazione piu frequenti D.C. Roccatagliata

26 Anestetici locali Infiltrazione della ferita Blocchi regionali (b. plesso brachiale, etc) Blocchi nervosi (b. intercostali, etc) Analgesia epidurale (in basse concentrazioni o associati) D.C. Roccatagliata

27 Modalita per ottimizzare il controllo del dolore Controllo frequente, specie dopo aver instaurato trattamento antalgico Domande: Qualeil livello di dolore? Quanto sollievo dalla dose precedente? Si muove? Puo fare respiri profondi? Effetti collaterali o reazioni avverse? Educare paziente e familiari su pregiudizi errati su uso oppioidi Incoraggiare ed istruire pazienti su uso dispositivi VALUTAZIONE INFORMAZIONE D.C. Roccatagliata

28 Opzioni non Farmacologiche Fisioterapia caldo freddo massaggi esercizi Tens Psicoterapia colloquio/addestramento rilassamento musica biofeedback D.C. Roccatagliata

29 Trattamento della malattia perioperatoria dellanziano Analgesia multimodale Mobilizzazione precoce Alimentazione enterale Fisiokinesiterapia attiva D.C. Roccatagliata

30 Programma Geriatrico Completo Valutazione Preoperatoria e Preanalgesica D.C. Roccatagliata

31 S.R. Barnett, Clinical Geriatrics, Vol. 11, Settembre 2003 D.C. Roccatagliata

32 GOALS Dare sollievo e soddisfazione al paziente Ripristinare funzione Ridurre morbidita perioperatoria Ridurre durata degenza Ridurre costi sanitari D.C. Roccatagliata


Scaricare ppt "Trattamento del Dolore Postoperatorio nellAnziano Dina Clelia Roccatagliata Corso di Aggiornamento SIAARTI Jolly Hotel Marina, Genova,2 Luglio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google