La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dermatology… at a glance Quando sospettare una patologia evolutiva Vittorio Gaudiello.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dermatology… at a glance Quando sospettare una patologia evolutiva Vittorio Gaudiello."— Transcript della presentazione:

1 Dermatology… at a glance Quando sospettare una patologia evolutiva Vittorio Gaudiello

2 Il 10 per cento circa delle visite pediatriche riguarda problemi dermatologici, ma non sempre il pediatra è in grado di approfondire i problemi diagnostici e terapeutici delle malattie cutanee. D'altra parte, l'esperienza di alcuni dermatologi nei confronti di patologie cutanee peculiari del bambino, talora è scarsa. Le caratteristiche istologiche, immunologiche e fisiologiche della cute in età pediatrica sono responsabili di quadri dermatologici differenti nel bambino rispetto alladulto, per cui la dermatologia pediatrica sta acquisendo sempre maggiore importanza come branca specifica nellambito sia della dermatologia generale che della pediatria.

3 La pelle, il più grande organo del corpo umano, è spesso coinvolta in malattie sistemiche in pediatria. Le manifestazioni cutanee possono rientrare nei criteri diagnostici di una malattia o essere la principale o lunica manifestazione di una patologia sistemica. Spesso la precoce comparsa dei segni cutanei, prima dei sintomi sistemici, consente una diagnosi e quindi una terapia precoci.

4 Scopo di questa relazione è di fornire elementi utili alla individuazione di patologie evolutive ma con sintomi cutanei molto semplici.

5 SINDROMI NEURO-CUTANEE Sono un gruppo eterogeneo di patologie caratterizzate da segni specifici, talvolta molto evidenti, a carico di cute, mucose e sistema nervoso. La diagnosi precoce delle patologie neurocutanee permette di individuare condizioni a loro associate che possono trarre beneficio da un trattamento instaurato tempestivamente e permette inoltre di offrire una consulenza genetica alla famiglia.

6 una adolescente portata dalla madre per acne…..

7

8 SCLEROSI TUBEROSA Tuberous Sclerosis Complex (TSC) O Malattia di Bouneville-Pringle

9 Sclerosi tuberosa Disturbo genetico caratterizzato dalla formazione di amartomi in vari organi (cute, SNC, occhio, rene, cuore) Gomez MR Tuberous Sclerosis 2° Ed Raven Press N.Y. 1988

10 SCLEROSI TUBEROSA La ST è una patologia ad eredità autosomica dominante con una alta incidenza di mutazioni sporadiche. Poiché il 50% dei casi sono familiari e poiché le stimmate cutanee diventano più evidenti con il passare degli anni, anche i genitori di bambini con sospetto di ST dovrebbero essere sottoposti a un accurato esame di cute e mucose.

11 SCLEROSI TUBEROSA La sclerosi tuberosa ha una incidenza nella popolazione di 1/ abitanti. Il quadro delle lesioni cutanee è piuttosto specifico: - macule ipopigmentate (a foglia di frassino) - macchie zigrinate - fibromi (periungueali) - angiofibromi al volto.

12 MACCHIE IPOPIGMENTATE

13 Macchie ipopigmentate Queste lesioni, spesso, già presenti alla nascita sono caratterizzate da una diminuzione di pigmentazione cutanea. -Macule a foglia di frassino o a goccia, isolate o a gruppi, presenti al tronco o alla estremità prossimale degli arti. -La biopsia cutanea rileva un numero normale di melanociti, ma una diminuita produzione di pigmento

14 PLACCHE ZIGRINO Placche di colorito roseo a buccia darancio

15 Placche zigrino

16 FIBROMI o TUMORI di KOENEN Compaiono di solito nelladolescenza. Fibromi a spicco daglio possono comparire in regione periungueale o gengivale.

17 Angiofibromi del volto Papule discrete o noduli del colorito della cute o rosso-bruni, di 1-10 mm di diametro. Rappresentano uno dei criteri maggiori per la diagnosi Sedi interessate: labbra, mento, pieghe nasolabiali e regioni centrali del volto Compaiono solitamente dopo i 3 anni, aumentando di numero e diventando piu' pronunciati intorno alla puberta'.

18 Angiofibromi del volto

19 ANGIOFIBROMI

20 SEGNI EXTRACUTANEI Sono comuni astrocitomi subependimali a cellule giganti e dilatazione ventricolare. Il 75% dei pazienti ha convulsioni. Il 60% ritardo mentale. Il 50% calcificazioni intracraniche Il 40% amartomi retinici subclinici e rabdomiomi cardiaci intramurali. Angiomiolipomi (spesso subclinici) a livello renale. Lesioni cistiche alle falangi e anomalie della deposizione ossea (rimaneggiamento) a livello metatarsale e metacarpale.

21 Quadro clinico della malattia estremamente variabile Per confermare la diagnosi: Criteri diagnostici basati su dati clinici, radiologici ed istologici

22 CRITERI DIAGNOSTICI (Roach ES, 1998) Criteri maggiori: Angiofibromi facciali Fibroma ungueale Macule ipomelanotiche (tre o più) Chiazza a zigrino Amartomi nodulari della retina Nodulo subependimale Astrocitoma subependimale Rabdomioma cardiaco Linfoangiomiomatosi Angiomiolipoma renale Tubero corticale Criteri minori: Depressioni multiple nello smalto Poliposi rettale amartomatosa Cisti dellosso Fibromi gengivali Amartoma non renale Macchie acromiche della retina Lesioni cutanee a confetto Cisti renali multiple

23 Sclerosi tuberosa–Criteri diagnostici ST definita: 2 criteri maggiori o un criterio maggiore e 2 minori ST probabile: un criterio maggiore e uno minore ST sospetta: un criterio maggiore o almeno 2 criteri minori

24 TERAPIA Per combattere il complesso della sclerosi tuberosa (TSC) cè un nuovo farmaco EVEROLIMUS per il trattamento negli adulti e nei bambini di età > ai 3 anni di tumori cerebrali benigni (astrocitomi subependimali a cellule giganti). acronimo di mammalian target of rapamycin, inibitori di m-TOR (rapamicina, everolimus) Blood Jul 1. [Epub ahead of print]

25 inibitori di m-TOR (rapamicina, everolimus) Vi sono diversi lavori in letteratura che documentano l'efficacia della rapamicina (sirolimus) topica nel trattamento degli angiofibromi TERAPIA

26

27 MACCHIE CAFFELATTE

28 NEUROFIBROMATOSI Malattie genetiche, neurocutanee, caratterizzate dalla presenza di neurofibromi lungo il decorso dei nervi e da manifestazioni a carico di altri organi tra cui la pelle. Sette forme di neurofibromatosi ma, le più rilevanti sul piano sanitario e sociale sono quella di tipo I (forma periferica o malattia di Von Recklinghausen) e tipo II (forma centrale o acustica)

29 NEUROFIBROMATOSI (NF-I) (Malattia di Von Recklinghausen) Criteri Diagnostici (2 o >2) 1) Presenza di 6 o più chiazze caffèlatte (>5 mm in età prepubere o > 15 mm in età postpubere) 2) Due o più neurofibromi o un neurofibroma plessiforme 3) Lentigginosi ascellare o inguinale 4) Glioma delle vie ottiche 5) Due o più noduli di Lisch 6) Una lesione ossea tipica (displasia dello sfenoide, displasia della corticale delle ossa lunghe) 7) Parenti di primo grado (genitori, fratelli o figli) con NF I secondo i criteri suddetti

30 NEUROFIBROMI Possono essere distinti in: -cutanei o dermici -sottocutanei o nodulari -plessiformi Assenti alla nascita e nella prima infanzia, esordiscono di solito alla pubertà,di numero variabile, di colore rosso violaceo o pigmentati. Frequente la localizzazione areolare, riportata nel 90% delle donne di età > ai 20 anni. Sessili alla comparsa, tendono a divenire peduncolati. Non degenerano ma possono essere asportati a scopo estetico.

31 NODULI DI LISCH Piccoli (2 mm) amartomi pigmentati delliride di colore giallo-marrone, raramente visibili ad occhio nudo (lampada a fessura), asintomatici. Compaiono di solito dopo le macchie caffèlatte, ma prima dei neurofibromi

32 Lentiggini ascellari o inguinali ( segno di Crowe) Macule iperpigmentate di 1-3 mm. simili a chiazze caffèlatte di piccole dimensioni. Compaiono nellinfanzia, di rado prima dei tre anni. A 6 anni oltre la metà dei pazienti con NF I le presentano almeno in una sede.

33 Proliferazioni cutanee nella NFI Xantogranuloma giovanile

34 Proliferazioni cutanee nella NFI Nevi melanocitari Schawannoma

35 COMPLICANZE Nel 20% dei casi si associano alcune gravi manifestazioni (tumori cerebrali ed extracerebrali - in particolare del nervo ottico, del surrene, delle ossa – scoliosi, convulsioni, ritardo mentale, ipertensione, bassa statura, pubertà precoce ecc.). Il 30-40% presenta disturbi dellapprendimento (difficoltà di lettura, di scrittura o di linguaggio) che necessitano di un supporto adeguato fin dalla prima infanzia.

36 Neuroma plessiforme

37 TERAPIA Limprevedibile decorso della malattia e la mancanza di una cura risolutiva impongono di effettuare controlli medici multispecialistici presso sedi qualificate ed eventualmente intervenire con cure sintomatiche, tanto più efficaci se precoci. Utile la consulenza genetica per il paziente e per i suoi familiari.

38 HERPES ? IMPETIGINE? DERMATITE ATOPICA?

39 INCONTINENTIA PIGMENTI ( Sindrome di Bloch-Siemens) È una rara genodermatosi ereditaria legata al cromosoma sessuale X, presente già alla nascita o nel periodo neonatale, la cui causa è nel difetto di un gene chiamato NEMO, localizzato sul cromosoma X. Pertanto, mentre la mutazione genetica è letale per i feti di sesso maschile (che non giungono a termine), la presenza, invece, di due cromosomi X nel sesso femminile sembra determinare la sopravvivenza e la maifestazione della malattia.

40 STADI DELLINCONTINENTIA PIGMENTI Le manifestazioni cutanee sono dirimenti e diagnostiche. Classicamente le lesioni evolvono attraverso quattro stadi, che si possono sovrapporre e la cui durata è variabile: Stadio eritemato-bolloso Stadio desquamativo-verrucoso Stadio iperpigmentario Stadio ipopigmentario-atrofico

41 Stadio eritematoso

42

43 Stadio eritemato-bolloso o infiammatorio È presente nel 90% dei pazienti con IP. Vescico-bolle di piccole dimensioni. Compaiono alla nascita o poco dopo alle estremità o al tronco disposte secondo le linee di Blaschko. Le bolle,allinizio piene di siero che col tempo diventa torbido a causa dellinfiltrazione e disgregazione degli eosinofili. Leosinofilia nel sangue periferico ha un grande valore diagnostico e può raggiungere valori elevati (65% della formula leucocitaria).

44

45

46 STADIO DESQUAMATIVO- VERRUCOSO Si evidenzia tra la seconda e la sesta settimana di vita con lesioni papulo lichenoidi, ipercheratosiche, verrucose con aspetto di strie allungate nella parte distale degli arti.

47 Stadio desquamativo verrucoso

48 STADIO IPERPIGMENTARIO È il carattere distintivo dellIP. Compare dopo il 6° mese.le chiazze pigmentarie sono reticolate e di colore bruno con aspetto a chiazza, a vortice, a rete, a colata ecc. rimangono stabili per anni e risolvono gradualmente nella adolescenza potendo però persistere per tutta la vita.

49

50 LIP si associa, nell80% dei casi, ad altra anomalia. Anomalie neurologiche (30%) Anomalie oculari (35%) Anomalie dentarie (65%) Alopecia (38%) Onicodistrofia (7%)

51 TERAPIA Non è generalmente necessario alcun trattamento delle lesioni cutanee, se non la prevenzione di complicanze infettive. Esame oculistico nel corso dei primi anni di vita. Studio neuroradiologico nei pazienti con documentata malattia retinica. Consulenza genetica sulle gravidanze future.

52 CONCLUSIONI Per la conferma diagnostica studio del gene NEMO mediante tecniche di biologia molecolare per la ricerca della delezione o delle mutazioni puntiformi. L'indagine genetica si può effettuare a Napoli presso l'istituto di genetica del CNR. La dott.ssa Ursini si può contattare al n° o all'indirizzo

53 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Dermatology… at a glance Quando sospettare una patologia evolutiva Vittorio Gaudiello."

Presentazioni simili


Annunci Google