La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Perugia Primo Brandi Anna Salvadori Noi, speriamo che ce la caviamo! Festival della Scienza 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Perugia Primo Brandi Anna Salvadori Noi, speriamo che ce la caviamo! Festival della Scienza 2009."— Transcript della presentazione:

1 Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Perugia Primo Brandi Anna Salvadori Noi, speriamo che ce la caviamo! Festival della Scienza FUTURO Genova 23 ottobre 2009

2 La sostenibilità del pianeta terra è uno dei temi di scottante attualità, che investe il futuro in modo invasivo Domanda chiave: la crescita demografica è compatibile con il rallentamento della produzione agricola, la costante erosione delle risorse energetiche ed il crescente inquinamento ambientale? Noi, speriamo che ce la caviamo!

3 Crescita demografica

4 Boom demografico in Africa La Repubblica ( ) Lesplosione demografica dellAfrica sub-sahariana rischia di intrappolare i Paesi più poveri del pianeta in una spirale di miseria e malattie dalla conseguenze difficilmente prevedibili.

5 Crescita demografica Produzione agricola insufficiente

6 La Repubblica, Il nuovo rapporto sulla insicurezza alimentare è ormai più un grido di dolore che un allarme. Il 65 % degli affamati vive in soli 7 paesi … Un miliardo di affamati nel mondo Rapporto shock della FAO: 40 milioni in più del 2007

7 La Repubblica, I poveri del mondo Codice colore: tre livelli : rosa arancio rosso Misura assoluta: misura di superficie Misura relativa (percentuale) Reddito giornaliero < 1 $

8 Corriere della Sera Americani e inglesi fanno incetta di riso Aumento dei prezzi Mais 31 % Riso 74 % Soia 87 % Grano 130 % Nei negozi Wal-Mart non più di quattro confezioni per ogni cliente

9 Crescita demografica Produzione agricola insufficiente Esaurimento risorse

10 La Repubblica, Stiamo consumando la terra Il WWF: nel 2050 esaurite le risorse. I paesi ricchi i più a rischio

11 La Repubblica, Stiamo consumando la terra Consumi idrici

12 La Repubblica, Stiamo consumando la terra Consumi idrici Negli ultimi 20 anni la crescita è stata più del doppio di quella dei primi 40 anni …

13 Crescita demografica Produzione agricola insufficiente Esaurimento risorse Inquinamento

14 LESpresso, Con il carbone il futuro è nero Dalla Cina agli Stati Uniti, se ne brucia sempre di più. Perchè ce nè tanto e costa poco. Ma inquina molto … Nei prossimi 25 anni la produzione raddoppierà

15 E la matematica? … Può la matematica predire il futuro?

16 E la matematica? … G. Sartori Corriere della Sera del 16 giugno 2008 La grande carnevalata della FAO si è chiusa con la risibile e irresponsabile promessa di vincere la fame entro il Speriamo che prima venga chiusa la FAO. … i discorsi seri si fanno altrove … negli stessi giorni la Fondazione Aurelio Peccei celebrava il 40° anniversario del Club di Roma … Peccei fu il primo profeta della impossibilità di una crescita illimitata del pianeta Terra, così come due secoli fa il bravo abate Malthus fu il primo a intravedere la bomba demografica.

17 E la matematica? … G. Sartori Corriere della Sera del 16 giugno 2008 Malthus … Calcolò che mentre la popolazione poteva crescere in progressione geometrica (1,2,4,8), la produzione agricola può solo crescere in progressione aritmetica (1,2,3,4). … il suo Saggio sul principio di popolazione usciva nel 1798, prima della rivoluzione industriale. Ed è lagricoltura meccanizzata, che Malthus non poteva prevedere, che ha rinviato di due secoli la resa dei conti. Ma ora ci siamo.

18 E la matematica? … G. Sartori Corriere della Sera del 16 giugno 2008 La preoccupazione di Peccei fu diversa: segnalava limminente venir meno delle risorse naturali, e segnatamente del petrolio. Ma nel 1972, quando uscì il primo rapporto, I limiti dello sviluppo, la popolazione mondiale era di 3 miliardi e 850 milioni. In meno di quaranta anni si è quasi raddoppiata. …. ormai viviamo su una coperta troppo corta che se tirata da una parte lascia scoperta unaltra parte.

19 E la matematica? … G. Sartori Corriere della Sera del 16 giugno 2008 La preoccupazione di Peccei fu diversa: segnalava limminente venir meno delle risorse naturali, e segnatamente del petrolio. Ma nel 1972, quando uscì il primo rapporto, I limiti dello sviluppo, la popolazione mondiale era di 3 miliardi e 850 milioni. In meno di quaranta anni si è quasi raddoppiata. …. ormai viviamo su una coperta troppo corta che se tirata da una parte lascia scoperta unaltra parte

20 Presentazione degli interpreti … in ordine di apparizione

21 Thomas R. Malthus (Londra 1766 – Haileybury 1834) professore di Economia Politica presso il college di Haileybury dove venivano formati i funzionari dellEast India Company. Nel 1798 pubblica Essay on the Principle of Population, che è citato dallo stesso Darwin nella sua autobiografia come un importante riferimento teorico per le sue ricerche. Introduce un primo modello matematico per lo studio dellevoluzione di una popolazione. Una formula che consente di stimare il numero degli individui di una popolazione al variare del tempo …

22 Aurelio Peccei (Torino 1908 – Roma 1984) dirigente industriale (FIAT e Olivetti) in Italia ed America Latina, comprese, già negli anni sessanta, che erano in corso mutamenti planetari che avrebbero dovuto essere affrontati con attenzione e coraggio. Nel 1968 fonda il Club di Roma: un gruppo di studiosi per unanalisi scientifica della situazione. La ricerca fu commissionata al System Dynamics Group della Sloan School of Management del MIT (Massachusetts Institute of Technology). Il trattato I limiti dello sviluppo (1972), produsse una tempesta, in un momento in cui leconomia spingeva verso un processo continuo di crescita appariva assurdo parlare di limiti e controllo. 30 ML copie!!!

23 Dennis Meadows, docente di System Management nelluniversità del New Hampshire e un gruppo internazionale di giovani ricercatori, con interessi multidisciplinari Il problema affrontato: le politiche attuali portano a un futuro sostenibile o al collasso? Cosa si può fare per creare uneconomia umana che provveda ai bisogni di tutti? Lo studio fu svolto ricorrendo ad opportuni modelli matematici elaborati mediante un potente calcolatore creato ad hoc, il World3. Dodici scenari che illustrano differenti possibili modelli di sviluppo globale nellarco di due secoli (1900 – 2100)

24 Dennis Meadows, docente di System Management nelluniversità del New Hampshire e un gruppo internazionale di giovani ricercatori, con interessi multidisciplinari Successivi aggiornamenti: I limiti dello sviluppo Oltre i limiti dello sviluppo I nuovi limiti dello sviluppo Lumanità ha ormai superato i limiti della capacità di sostentamento della Terra e si stava addentrando nel terreno della insostenibilità.

25 Dennis Meadows, docente di System Management nelluniversità del New Hampshire e un gruppo internazionale di giovani ricercatori, con interessi multidisciplinari Lumanità ha ormai superato i limiti della capacità di sostentamento della Terra e si stava addentrando nel terreno della insostenibilità. Impronta ecologica %

26 Dennis Meadows, docente di System Management nelluniversità del New Hampshire e un gruppo internazionale di giovani ricercatori, con interessi multidisciplinari (aprile 2009) vince il Japan Prize Awards ( $) della Science and Technology Foundation of Japan con la motivazione: for transformation towards a sustainable society in harmony with nature. Dallintervista video che si può scaricare nel sito …Purtroppo la consapevolezza collettiva del problema è gravemente limitata all any of us can do, day after day, through our work, our science, our teaching, is to try to make things a little better than they would have been otherwise. And I know I can do that.

27 E adesso … si apra il sipario!

28 Il modello di evoluzione di Malthus annopopolazionetasso di crescita ……… Modello dinamico

29 Il modello di evoluzione di Malthus Primo scenario: tasso costante

30 Il modello di evoluzione di Malthus Primo scenario: tasso costante

31 Il modello di evoluzione di Malthus Formula chiusa Primo scenario: tasso costante

32 Il modello di evoluzione di Malthus Formula chiusa Primo scenario: tasso costante Progressione aritmetica crescita lineare

33 Il modello di evoluzione di Malthus Primo scenario: tasso costante Formula chiusa Ruolo del parametro k

34 Il modello di evoluzione di Malthus Primo scenario: tasso costante Produzione totale pro capite I nuovi limiti dello sviluppo (2006)

35 Il modello di evoluzione di Malthus Secondo: tasso variabile

36 Il modello di evoluzione di Malthus Secondo scenario: tasso proporzionale alla popolazione

37 Il modello di evoluzione di Malthus Formula chiusa Secondo scenario: tasso proporzionale alla popolazione

38 Il modello di evoluzione di Malthus Formula chiusa Progressione geometrica crescita esponenziale Secondo scenario: tasso proporzionale alla popolazione

39 Il modello di evoluzione di Malthus Progressione geometrica crescita esponenziale Ruolo del parametro k (fattore di crescita) Secondo scenario: tasso proporzionale alla popolazione

40 Il modello di evoluzione di Malthus Secondo scenario: tasso proporzionale alla popolazione Ruolo del parametro k (fattore di crescita) evoluzione estinzione processo stazionario (crescita zero) esplosione

41 Il modello di evoluzione di Malthus Tempo di raddoppio Secondo scenario: tasso proporzionale alla popolazione

42 Boom demografico in Africa La Repubblica ( ) Lesplosione demografica dellAfrica sub-sahariana rischia di intrappolare i Paesi più poveri del pianeta in una spirale di miseria e malattie dalla conseguenze difficilmente prevedibili. Adottando il modello di Malthus … si può valutare il fattore di crescita della Nigeria fattore di crescita Italia 0.01

43 Morte … di Venezia La Repubblica ( ) Si può stimare il tempo di dimezzamento: 40 anni Adottando il modello di Malthus … Pari al tempo di raddoppio della popolazione mondiale

44 anno consistenza (miliardi) tasso di crescita (%) tempo di raddoppio (anni) Popolazione mondiale I nuovi limiti dello sviluppo (2006)

45 Produzione industriale - Concentrazione CO2 I nuovi limiti dello sviluppo (2006)

46 Costi riduzione inquinamento I nuovi limiti dello sviluppo (2006)

47 Conclusioni …


Scaricare ppt "Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Perugia Primo Brandi Anna Salvadori Noi, speriamo che ce la caviamo! Festival della Scienza 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google