La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UFFICIO SCUOLA DIOCESI DI CREMONA EQUIPE IDR SCUOLA PRIMARIA VERSO UN CURRICOLO DIOCESANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UFFICIO SCUOLA DIOCESI DI CREMONA EQUIPE IDR SCUOLA PRIMARIA VERSO UN CURRICOLO DIOCESANO."— Transcript della presentazione:

1 UFFICIO SCUOLA DIOCESI DI CREMONA EQUIPE IDR SCUOLA PRIMARIA VERSO UN CURRICOLO DIOCESANO

2 Il perché di una scelta La necessità di cambiare strumenti sui quali impostare il lavoro Da una didattica per obiettivi ad una didattica per competenze Riferimento ai Traguardi per lo sviluppo delle competenze

3 Il perché di una scelta Necessità nata dagli insegnanti stessi Avere uno strumento base uguale per tutti Chiarire metodi, strumenti, contenuti e obiettivi Calare nel concreto le indicazioni ministeriali

4 Come si è lavorato 1.Informazione capillare a tutti i docenti sia specialisti sia titolari; 2.Raccolta del materiale attualmente in uso dai docenti; 3.Lettura e analisi dei curricoli da parte di unequipe formata da alcuni specialisti 4.Sintesi di quanto visionato

5 Come si è lavorato 1.Stesura di una bozza di impianto per un curricolo rinnovato; 2.Scelta della struttura da mantenere nel nuovo strumento; 3.Stesura di una bozza di curricolo analitica per classe (esemplificazione: classe I)

6 IL RISULTATO Scelta condivisa di avere uno strumento: NUOVOSEMPLICE FACILMENTE MODIFICABILE A MAGLIE LARGHE ORIENTATIVO

7 IL RISULTATO Traguardi per lo Sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti ed attività Connessioni con le altre discipline Questo lo schema scelto dallequipe di insegnanti: ATTENZIONE è uno strumento NON calato dallalto ma scritto da chi la DIDATTICA la vive ogni giorno, utilizzando tutti i vostri contrib uti

8 IL RISULTATO nello specifico TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: Così come sono presentati nelle nuove indicazioni ed adattati alle varie classi

9 IL RISULTATO nello specifico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Declinati per ciascuna delle 5 classi Con attenzione alle quote riservate ovvero il riferimento specifico alla storia e alla cultura locali: -santOmobono -Santa Lucia -Il patrono locale -La cattedrale

10 IL RISULTATO nello specifico CONTENUTI ED ATTIVITA Colonna che, nello strumento ufficiale, resta bianca in quanto sarà compilata da ciascun insegnante con le attività proprie, messe in atto per raggiungere ogni traguardo

11 IL RISULTATO nello specifico CONNESSIONI CON LE ALTRE DISCIPLINE Attenzione sempre alla trasversalità e ad eventuali riferimenti alle altre discipline

12 ALCUNE NOTE A MARGINE … Lo strumento NON e vincolante È di accompagnamento, di sostegno, di orientamento Favorisce la progettazione del lavoro

13 ALCUNE NOTE A MARGINE … I TRAGUARDI enunciati si possono definire trasversali (progressione – ciclicità – correlazione) Esempio: lalunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dellambiente in cui vive; riconosce il significato cristiano del Natale e della Pasqua, traendone motivo per interrogarsi sul valore di tali festività nellesperienza personale, familiare e sociale.

14 Lorganizzazione cronologica/temporale è solo INDICATIVA e deve ritenersi molto FLESSIBILE I TRAGUARDI sono stati ADEGUATI alletà dei bambini delle varie classi cercando di modificare il meno possibile il testo ufficiale ALCUNE NOTE A MARGINE …

15 Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti ed attività Connessioni con le altre discipline Lalunno riflette su Dio Creatore e Padre Scoprire che il mondo e la vita sono doni di Dio Scoprire limportanza del sé e il valore della vita come dono Comprendere limportanza delle persone vicine allalunno Prendere coscienza dellamore che gli altri riversano sulla nostra vita Italiano Arte e immagine Cittadinanza e costituzione UN ESEMPIO …

16 Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti ed attività Connessioni con le altre discipline Riconosce il significato cristiano del Natale Collegare alla vita di Gesù la festa cristiana del Natale, ricostruendo la storia della sua nascita Ricercare e riconoscere i segni che contraddistinguono la festa del Natale. Conoscere e vivere la festa di Santa Lucia come una delle tradizioni popolari locali legate al Natale Italiano Musica Arte e immagine

17 E ADESSO?!? Leggere e valutare la proposta di curricolo Integrare con osservazioni e commenti indirizzati allequipe IdR Primaria Mandare materiale didattico da poter vagliare e condividere ENTRO IL MESE DI GIUGNO

18 E ADESSO? LEQUIPE, con i vostri contributi, continuerà il lavoro per la definizione del curricolo sulle restanti classi Lauspicio che con il nuovo anno scolastico si possa partire con il CURRICOLO DIOCESANO

19 CREATIVITA LIBERTA DI INSEGNAMENTO STRUMENTI LIBRO DI TESTO …

20 DALLA PARTE DEI BAMBINI PERCHE… DIO FA BENE AI BAMBINI E… NON SOLO A LORO

21 E POI SARA TUTTO FINITO? Siamo partiti dal documento Dovremo completarlo con unità di apprendimento, idee, proposte didattiche La verifica del primo anno di lavoro Il continuo aggiornamento


Scaricare ppt "UFFICIO SCUOLA DIOCESI DI CREMONA EQUIPE IDR SCUOLA PRIMARIA VERSO UN CURRICOLO DIOCESANO."

Presentazioni simili


Annunci Google