La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINFOMI MALIGNI LINFOMA non HODGKIN LINFOMA di HODGKIN EZIOLOGIA:sconosciuta. Predisposizione genetica (?) SEDE DESORDIO : linfonodi DIFFUSIONE:contiguità,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINFOMI MALIGNI LINFOMA non HODGKIN LINFOMA di HODGKIN EZIOLOGIA:sconosciuta. Predisposizione genetica (?) SEDE DESORDIO : linfonodi DIFFUSIONE:contiguità,"— Transcript della presentazione:

1 LINFOMI MALIGNI LINFOMA non HODGKIN LINFOMA di HODGKIN EZIOLOGIA:sconosciuta. Predisposizione genetica (?) SEDE DESORDIO : linfonodi DIFFUSIONE:contiguità, via linfatica, ematica (tardivamente)

2 LINFOMA di HODGKIN Linfoma maligno caratterizzato dalla proliferazione di cellule neoplastiche,cellule di Reed Sternberg e varianti, associate ad una componente cellulare, spesso polimorfa, di tipo reattivo. La maggior parte delle cellule neoplastiche deriva da elementi linfoidi B del centro germinativo

3 LINFOMA di HODGKIN CLINICA: -interessa tutte le età, frequenza massima anni -più colpito il sesso maschile -tumefazione linfonodale. sovraclaveare o latero-cervicale (50%) -febbricola o febbre (ondulante, remittente, continua), sudorazione profusa, prevalentemente notturna, calo ponderale, prurito -linfonodi indolenti, ipomobili sui piani sup. e profondi, tendono a riunirsi in pacchetti -interessamento stazioni linfonodali profonde mediastiniche e sottodiaframmatiche -localizzazioni extra-nodali (polmonari, epatiche) La DISSEMINAZIONE determina lo STADIO

4 LINFOMI MALIGNI CLASSIFICAZIONE IN STADI Stadio I : interessamento di una singola stazione linfonodale (I) o di un singolo organo extralinfatico (Ie) Stadio II. Interessamento di 2 o + regioni linfonodali poste tutte sopra o sotto il diaframma(II) con eventuale estensione a un organo extralinfatico contiguo (II e) Stadio III: interessamento di reg. linfonodali poste da ambo i lati del diaframma. Lo stadio si definisce III s, se è interessa la milza e III e se è esteso ad un organo extralinfatico contiguo Stadio IV: interessamento diffuso di uno o più organi extralinfatici, con o senza interessamento linfonodale

5 LINFOMI MALIGNI CLASSIFICAZIONE IN STADI VARIETA A NESSUN SINTOMO 55% dei pazienti VARIETA B UNO o PIU SINTOMI SISTEMICI: - FEBBRE o FEBBRICOLA - SUDORAZIONE PROFUSA - CALO PONDERALE - PRURITO sine materia

6 LINFOMA DI HODGKIN CLASSIFICAZIONE ISTOLOGICA 1 – Linfoma di Hodgkin a prevalenza linfocitaria nodulare 2 – Linfoma di Hodgkin classico sclerosi nodulare cellularità mista deplezione linfocitaria ricco in linfociti (nodulare o diffuso) 3 - inclassificabile

7 cellula di Reed Sternberg cellula di grande taglia nucleo polilobato con nucleoli prominenti alone chiaro perinucleare membrana nucleare ispessita variante mononucleata ( cell di Hodgkin) variabilmente presente nei diversi tipi istologici

8 LABORATORIO anemia (nelle fasi avanzate) modesta leucocitosi VES elevata iperuricemia iperfibrinogenemia VES 2 globuline ferritina LDH PCR

9 LINFOMI non HODGKIN I linfomi non Hodgkin rappresentano un gruppo eterogeneo di neoplasie maligne di derivazione linfocitaria con elettivo coinvolgimento dellapparato linfoghiandolare. Comprendono quadri patologici differenti per caratteristiche istopatologiche, immunofenotipiche e genotipiche Il quadro clinico è differente a seconda delle proprietà biologiche e citologiche del clone cellulare coinvolto dalla noxa neoplastica

10 REAL CLASSIFICATION Istopatologica e immunofenotipica LINFOMI BLINFOMI T

11 LABORATORIO modesta anemia Modesta leucocitosi neutrofila linfocitopenia ferritina LDH 2 microglobulina PCR fibrinogeno 2 globuline


Scaricare ppt "LINFOMI MALIGNI LINFOMA non HODGKIN LINFOMA di HODGKIN EZIOLOGIA:sconosciuta. Predisposizione genetica (?) SEDE DESORDIO : linfonodi DIFFUSIONE:contiguità,"

Presentazioni simili


Annunci Google