La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

«Solo i bambini sanno quello che cercano» disse il Piccolo Principe, «perdono tempo per una bambola di pezza e lei diventa così importante che, se gli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "«Solo i bambini sanno quello che cercano» disse il Piccolo Principe, «perdono tempo per una bambola di pezza e lei diventa così importante che, se gli."— Transcript della presentazione:

1 «Solo i bambini sanno quello che cercano» disse il Piccolo Principe, «perdono tempo per una bambola di pezza e lei diventa così importante che, se gli viene tolta, piangono…» «Beati loro» disse il controllore. (Cap. XXII Il Piccolo Principe)

2 Prima di cominciare … alcune cose importanti da ricordare!!! Curare i bambini nel rispetto delle norme igieniche: controllare la pulizia e lordine di capelli, denti e unghie; Vestire i bambini con vestiti comodi e consoni allambiente educativo, comprensivi di biancheria intima; Accompagnare i propri figli provvisti di fazzoletti, possibilmente anonimi, dimodochè non diventino oggetto di scambio e distrazione e di salviettine umidificate; A scuola non portare giochi, vige la regola GIOCO PORTATO, GIOCO REGALATO! (si fa eccezione per il succhietto o per il pupazzetto della nanna);

3 I compleanni di ogni mese vengono festeggiati ogni ultimo venerdì, del mese stesso, è facoltativo portare sacchetti di caramelle e/o biscotti, mentre sono vietati sacchetti-regalo personalizzati a ciascun alunno. Si richiede la massima puntualità per lentrata e luscita da scuola: laccoglienza è dalle ore 8.30 alle 9.00 mentre luscita è dalle ore alle Per qualsiasi chiarimento linsegnante riceve i genitori con appuntamento programmato; Le telefonate vengono ricevute dalle insegnanti dalle ore 8.10 alle 8.30, dopodiché saranno le suore o le inservienti ad annotare comunicazioni varie, le quali verranno riportate alle insegnanti di sezione. Da ricordare la flessibilità per quanto riguarda macchie su grembiuli, bavaglie, pantaloni e scarpe : I BAMBINI GODONO DEL DIRITTO DI SPORCARSI!!!.

4

5

6

7 Le sensazioni e i sentimenti Dal corpo alle sensazioni…ai colori Giochi di movimento e di immaginazione Il movimento e il rilassamento Il movimento libero e strutturato Lo yoga La respirazione La concentrazione

8 OBIETTIVI: Rappresentare lo schema corporeo, Curare in autonomia la propria persona, gli oggetti personali, lambiente e i materiali comuni, Riconoscere e controllare laffettività e le emozioni rielaborandole attraverso il movimento, Educare i bambini al riconoscimento di abitudini e pratiche di stili di vita corretti, Sviluppare la coordinazione e la capacità di attenzione attraverso giochi motori e di rilassamento, Acquisire la dominanza corporea, la lateralità e la coordinazione degli arti, Educare i bambini a leggere e ad interpretare i segnali del corpo, Avvicinare i bambini alla conoscenza e allinterpretazione dellalfabeto delle emozioni.

9 SITUAZIONE DI PARTENZA: Le attività quotidiane legate alle pratiche di igiene, alimentazione e conoscenza del sé corporeo ci offrono lo spunto per approfondire un tema di estremo interesse: IL BENESSERE.

10 BENESSERE = Globale stile di vita! E bene educare da subito i bambini alla conoscenza del proprio CORPO inteso non solo come struttura fisica ma come «contenitore» di sensazioni ed emozioni da esplorare e valorizzare.

11 SITUAZIONE DI ARRIVO AUSPICHIAMO CHE: Alla fine del percorso i bambini abbiano acquisito una maggiore consapevolezza del proprio corpo e siano in grado di assumere comportamenti più corretti inerenti la cura e il suo rispetto.

12 INDICAZIONI METODOLOGICHE Le proposte privilegiano le attività di sezione, di intersezione e di piccolo gruppo. Si intende favorire la SOCIALITA incoraggiando la RELAZIONE intesa come possibilità di stare bene con sé e gli altri, tenendo conto che il bambino costruisce il proprio star bene sia attraverso linterazione con laltro/a, sia attraverso lesperienza personale derivante dal proprio vissuto e dalla propria cultura di appartenenza.

13 STRUMENTI METODOLOGICI E DIDATTICI TESTI: «Sei folletti nel mio cuore». Una storia sul valore delle emozioni. Ed. Erickson (F. Ceresetti – M. Palazzo), «Ti racconto una storia» Ed. Elledici, «Il piccolo principe» Antoine De Saint- Exupery, «Giochi di rilassamento» Ed. Erickson (N, Malenfant), «Benessere yoga» Ed. Erickson e…filastrocche, conte e canti.

14 PRIMI TEMPI DI SCUOLA Durante i primissimi giorni di scuola e per tutto il mese di settembre ci ha accompagnato il racconto intitolato: «ROSSO PESCIOLINO, CANTASTORIE, BIRICHINO», presentato ai bambini nuovi iscritti durante lopen day di maggio. PESCIOLINO ha accompagnato tutti i bambini alla scoperta e riscoperta (medi e grandi) della scuola con i suoi spazi, i suoi ambienti e le persone che li accolgono tutti i giorni: maestre, suore, cuoca e inservienti.

15

16

17 CERA UNA VOLTA… Tempi: ottobre La festa dei nonni offre loccasione per far riflettere i bambini sul ruolo che i nonni hanno nella loro vita e per valorizzare il legame speciale che li unisce: «I miei nonni son speciali, sono angeli senza ali…». Persone coinvolte: tutti i bambini, le maestre, le suore e i nonni; Canto: «I miei nonni speciali» Filastrocca: «Cari nonnini» Realizzazione del dono da offrire ai nonni.

18 PROGETTO ACCOGLIENZA «VIVA LA SCUOLA» Tempi : settembre/ottobre …alcune idee operative… Racconto: «Pesciolino, cantastorie, birichino» Canti: «Pesciolino rosso», «Viva la scuola», «Girotondo di colori» Realizzazione del dono da offrire ai bambini nuovi durante la Festa dellAccoglienza; Costruzione e realizzazione del libricino «Le regole a scuola» e «La guida della scuola»; Bruchino regolino e le regole della sezione; Estensione: «Le regole a casa»

19

20

21

22 EDUCAZIONE ALLIGIENE E ALLA CURA PERSONALE Racconto: «Il bambino che non voleva lavarsi»; Filastrocca: «Ligiene innanzitutto»; Racconto e drammatizzazione delle storielle: «Le posate magiche» e «Enrico e lamico magico»; Realizzazione grafico-pittorica dei racconti e delle 5 regole che Maghino Cucchiaino suggerisce per STARE BENE A TAVOLA.

23 LABORATORIO ANNUALE: YOGA, RILASSAMENTO E MUSICARMONIA (Insegnanti: Sara Piovanelli e Samanta Tonelli) Attraverso il gioco favorire esperienze di gruppo che facilitano: INCONTRO/RELAZIONE ASCOLTO DI SE ASCOLTO DELLALTRO Destinatari: bambini di 3/4/5 anni Tempi: gennaio/maggio Diversi incontri annuali (per fasce omogenee detà) con prolungamento delle varie esperienze in sezione Strumenti: il CORPO, la MENTE, CALZE ANTISCIVOLO!

24 OBIETTIVI DELLO YOGA NEI BAMBINI Lo yoga favorisce nei bambini : La calma Il rilassamento Una maggiore apertura verso gli altri La concentrazione e la partecipazione La canalizzazione della vivacità e dellaggressività.

25 CONTENUTI Racconto stimolo: LA LEGGENDA DEL PESCIOLINO E LO YOGA Esercizi di respirazione: ascoltare il proprio respiro Giochi di rilassamento Alcune posture yoga LOTO ELEFANTE ALBERO …movimenti come RANA per gioco! MONTAGNA SERPENTE Il saluto al sole

26 Educazione ai valori secondo larte educativa di Gesù.

27 1° PERIODO : ALLA SCOPERTA DELLA VITA DEI SANTI Traguardi per lo sviluppo delle competenze: Percepire il dono come segno di AFFETTO e RICONOSCENZA; Accogliere gli aspetti più significativi della cultura e appartenenza; Gli Angeli Custodi (02 ottobre); La storia di San Francesco (04 ottobre); La storia di Santa Lucia (13 dicembre): la vita, la festa, il dono; - Filastrocca di Santa Lucia; - Realizzazione della letterina da scrivere a casa con i genitori e da imbucare nella cassettina in sezione; - … aspettando Santa Lucia a scuola !

28

29 3° PERIODO: Quaresima e Pasqua Festa della Vita! Durante le settimane di Quaresima verranno proposte ai bambini alcune letture evangeliche e brevi momenti di riflessione in chiesa. Racconto: «La generosa rondine del castello di Padernello» Gesto di solidarietà: lotteria pro-missioni Suor Gabriella Maranza. Tempi: Marzo

30 4° PERIODO : MESE MARIANO Maria, Regina del Cielo, madre di Gesù e di tutti noi! Scoprire la figura materna di Maria come viene presentata dai Vangeli. Visita al santuario della Madonna della Zucchella. Tempi: Maggio

31 LABORATORI ANNUALI: LABORATORIO di EDUCAZIONE AL MOVIMENTO Per bambini grandi, medi e piccoli (1 incontro settimanale, novembre/maggio) Insegnante: Elisa Vizzardi LABORATORIO DI INGLESE Per bambini grandi (1 incontro settimanale gennaio/maggio) Insegnante: Luisa Paderni LABORATORIO DI MUSICA Per bambini grandi e medi (minimo 25 iscritti), gennaio/maggio Insegnante: Valentina Giaconia

32 PROGETTO BIBLIOTECA (genn./maggio) (grandi/medi) In collaborazione con il Comune e lAssessorato alla Pubblica Istruzione; PROGETTO SICUREZZA In collaborazione con la Protezione Civile; PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE (giugno) In collaborazione con i Vigili di Cazzago S.M. PROGETTO CONTINUITA CON LA SCUOLA PRIMARIA di BORNATO* Per bambini grandi (dicembre/maggio, con incontri periodici) *Utilizzo del quadernone in sezione come strumento di raccolta e documentazione delle attività svolte. (Testi adottati MATERIALI IPDA – Erickson, GIOCARE CON LE PAROLE – Erickson, ATTIVITA PER SVILUPPARE LE INTELLIGENZE MULTIPLE - Erickson).

33 Novità 2013: Partecipazione al concorso bandito dalla rivista «La Giostra» sul tema DIVERSI PUNTI DI VISTA (scadenza aprile 2014). Realizzazione di un libretto pensato e costruito dai bambini con il supporto delle insegnanti sul tema della DIVERSITÀ intesa come risorsa e non come limite. Sarete aggiornati sullandamento delliniziativa.

34 Corso di sensibilizzazione alla LINGUA INGLESE Il laboratorio si pone lo scopo di accompagnare i bambini alla scoperta della lingua e della cultura inglese. questa proposta si fonda su tre obiettivi ben definiti: OBIETTIVO FONETICO: ascoltare e ripetere canzoni e filastrocche con pronuncia e intonazione corretta. OBIETTIVO LESSICALE: memorizzare vocaboli, brevi espressioni, conte e filastrocche… OBIETTIVO COMUNICATIVO: rispondere e chiedere, eseguire, dare semplici comandi. Poiché è necessario partire sempre dallesperienza del bambino, dai suoi interessi, dalla sua realtà quotidiana, il percorso si snoderà partendo dalle espressioni utili per salutarsi, presentarsi, conoscersi…

35 LABORATORIO EDUCAZIONE AL MOVIMENTO INSEGNANTE: ELISA VIZZARDI

36 LIVELLO DI INTERVENTOINDICAZIONI DI ATTIVITA * Schemi motori statici Schemi motori dinamici * Orientamento Spaziale * Orientamento Temporale * Capacità coordinative Capacità condizionali Padronanza del proprio comportamento motorio nelle attività singole e collettive. MOTORIO SOCIOMOTORIO

37 Il CORPO è : uno strumento di comunicazione uno strumento di conoscenza, portatore di stati emozionali, stati affettivi, stati relazionali

38 Il MOVIMENTO è: Il pensiero del bambino; Nutrimento naturale per la sua crescita e per il suo sviluppo

39 STRUMENTO E STRATEGIA DIDATTICA perché favorisce lapprendimento attraverso il vissuto del bambino e ne motiva il lavoro; STRUMENTO LINGUISTICO perché utilizza un linguaggio specifico (il linguaggio non verbale); STRUMENTO COGNITIVO perché promuove lesplorazione e la conoscenza di sé, degli altri e del mondo circostante; STRUMENTO FORMATIVO perché crea occasioni di confronto e di verifica.

40 Momento Iniziale Momento Iniziale: Consiste nel prepararsi allattività motoria in sala da gioco; Momento Centrale Momento Centrale: Inizio dellattività vera e propria con proposte-gioco, in base agli argomenti programmati dallinsegnante; Momento Finale Momento Finale: Si concretizza il lavoro svolto, ripristinando la situazione fisiologica, proponendo giochi e posizioni di rilassamento.

41

42

43

44 Iniziative in programma: Maggio 2014: giornata dedicata alla FESTA DELLA FAMIGLIA Giugno 2014: FESTA DI FINE ANNO Saluti finali con consegna dei diplomi.

45 USCITE DIDATTICHE (date da definire!): A carnevale: Spettacolo tenuto dalla Compagnia CLOWNOFF dal titolo «La ricetta del buonumore» (c/o sala polivalente delloratorio) per tutti i bambini. Maggio/giugno: GITE Bambini 3 anni: visita alla fattoria PICCOLO RANCH a Ospitaletto; Bambini 4 anni: visita e laboratorio didattico alla fattoria LA FIORITA di Ome; Bambini 5 anni: visita a BRESCIA MUSEI e laboratorio didattico dal titolo «Andar per quadri. Piccoli detectives alla prova». Bambini 3/4 anni: gelato alla gelateria ORSETTO POLARE a Bornato; Bambini 5 anni : gita a Iseo in treno, con gelato; Visite sul territorio alla scoperta dei patrimoni naturali e culturali di Bornato.

46

47


Scaricare ppt "«Solo i bambini sanno quello che cercano» disse il Piccolo Principe, «perdono tempo per una bambola di pezza e lei diventa così importante che, se gli."

Presentazioni simili


Annunci Google