La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aldeide chetone ALDEIDI e CHETONI Gruppo carbonilico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aldeide chetone ALDEIDI e CHETONI Gruppo carbonilico."— Transcript della presentazione:

1 aldeide chetone ALDEIDI e CHETONI Gruppo carbonilico

2 ALDEIDI e CHETONI contengono il gruppo CARBONILE Nelle aldeidi è su un carbonio primario Nei chetoni è su un carbonio secondario

3 Gruppo carbonilico

4 Nomenclatura Nelle aldeidi la desinenza e -ale

5 Nomenclatura Nei chetoni la desinenza e -one Il gruppo sostituente RCO- è chiamato alcanoile o acile

6 Nomenclatura Quando un chetone è un sostituente in catena si riferisce ad esso come gruppo osso. esanale 5-ossoesanale Mentre quando laldeide è il sostituente di un anello ci si riferisce ad essa come carbaldeide cicloesancarbaldeide

7 Nomenclatura Se il gruppo carbonilico viene considerato il sostituente in una catena ci si riferisce come gruppo acilico ed il nome è formato dal suffisso -il. acetil formil benzoil

8 Reagenti e prodotti comuni I reagenti piu comuni: Formaldeide ed Acetaldeide Acetone

9 Composti naturali

10 H R xy R H C O

11 R1R1 R2R2 xy R2R2 R1R1 C O

12 Polarizzazione del carbonile + Risonanza fra due forme limite

13 Il gruppo carbonile Il legame C=O è molto polarizzato: La polarità delle molecole ne diminuisce la volatilità rispetto agli alcani corrispondenti legami idrogeno: Le molecole non possono darli ma possono riceverli (ad esempio dallacqua)

14 Proprietà fisiche di aldeidi semplici e chetoni

15 Reattività del gruppo carbonilico: addizione nucleofila

16 Più reattiva un aldeide o un chetone?? Le aldeidi sono più reattive perché i sostituenti alchilici sono gruppi donatori che diminuiscono la parziale carica positiva sul carbonio carbonilico. La minore reattività dei chetoni deriva anche da un maggior ingombro sterico. Nu:

17 Addizione nucleofila Gli acidi catalizzano laddizione nucleofila per protonazione dellossigeno

18 Addizione di alcoli: semiacetali ed acetali

19 Acetali L'ossidrile del semiacetale viene sostituito da un gruppo alcossile. Negli acetali due funzioni eteree sono presenti sullo stesso atomo di carbonio. In presenza di un eccesso di alcol i semiacetali reagiscono ulteriormente fornendo gli acetali.

20 Il meccanismo consiste nei due stadi seguenti:

21 Semiacetali ciclici L'ossidrile si trova in posizione favorevole per poter agire da nucleofilo sul carbonio con un meccanismo specifico: Composti con un gruppo aldeidico e un ossidrile a distanza appropriata allinterno della stessa molecola sono in equilibrio col semiacetale ciclico che si forma per addizione nucleofíla intramolecolare.

22 O C O H H 5-idrossipentanale -ossialdeide I composti nei quali l'ossidrile dista quattro o cinque atomi di carbonio dal gruppo aldeidico hanno una forte tendenza a formare semiacetali ed acetali ciclici, perché gli anelli a cinque e a sei termini sono privi di tensioni.

23 Le - e le -ossialdeidi possono formare emiacetali ciclici stabili O C O H H O C O H + - H O C OH H

24 si ottengono due emiacetali enantiomeriS R C H O C

25 Glucosio

26 Reazioni Idratazione. Addizione di Azoto derivati. Riduzione dai carbonili Ossidazione Saggio di Tollens

27 Idratazione (addizione) L'acqua, come gli alcoli, è un nucleofilo all'ossigeno e può addizionarsi in modo reversibile alle aldeidi e ai chetoni. La formaldeide in acqua esiste prevalentemente in forma idrata. (un gem-diolo)

28 RC H O OH - RC H O OH H 2 O OH - aldeide idrata Laddizione nucleofila di acqua ad unaldeide in ambiente alcalino, il cui meccanismo è questo : porta alla formazione di una aldeide idrata (gem-diolo)

29 Il carbonio dellacido cianidrico indissociato non può comportarsi da nucleofilo, è necessaria una base. Addizione di acido cianidrico L'acido cianidrico si addiziona al carbonile delle aldeidi e dei chetoni per formare le cianidrine

30 Il carbonio non possiede doppietti elettronici non condivisi. La base trasforma una parte dell'acido cianidrico in ione cianuro, che si comporta da nucleofilo sul carbonio. OH - HCN CN -

31 H H 3 CC O CN H + H + CN H H 3 CC O H OH NC C H 3 C OH NC C H 3 C H Sinister Rectus

32 Addizione di Azoto derivati L'ammoniaca, le ammine e alcuni loro derivati hanno sull'atomo di azoto un doppietto elettronico non condiviso e si comportano da nucleofili. Il prodotto tetraedrico di addizione che si forma nel primo passaggio è simile a un semiacetale

33 Le aldeidi e i chetoni vengono facilmente ridotti ad alcoli primari e secondari. Il più delle volte si ricorre agli idruri metallici. Riduzione dei carbonili Esempio:

34 Ossidazione Le aldeidi si ossidano molto più facilmente dei chetoni. Per ossidazione di un'aldeide si ottiene un acido con lo stesso numero di atomi di carbonio: Esempio:

35 Un saggio che distingue le aldeidi dai chetoni in base alla loro differente ossidabilità è il saggio di Tollens dello specchio d'argento. Lo ione argento complessato dall'ammoniaca è ridotto dalle aldeidi (ma non dai chetoni) ad argento metallico Ci si serve di questa reazione per argentare il vetro: l'aldeide usata è la formaldeide, a causa del suo basso costo. Il saggio di Tollens

36 Tautomerismo Cheto-Enolico carbonio- idrogeno-un carbonio adiacente a un gruppo carbonilico è chiamato carbonio-, e un idrogeno legato ad esso è un idrogeno-.

37 Tautomerismo Cheto-Enolico Un composto carbonilico con un idrogeno- è in equilibrio con un isomero chiamato enolo (en da alchene + olo da alcohol) Può formare lo ione enolato

38 Tautomeria Cheto-Enolica Aldeidi e chetoni possono esistere all'equilibrio come miscela di due forme: chetonica ed enolica. Le due forme differiscono per la posizione di un protone e di un doppio legame e vengono dette tautomeri: 2,4-pentanedione: forma enolica stabilizzata da H-bond

39 Tautomerismo Cheto-Enolico Gli equilibri per aldeidi semplici stanno dalla parte della forma chetonica

40 Tautomerismo Cheto-Enolico Il tautomerismo è catalizzato dagli acidi Step 1: trasferimento di protone da H-A Step 2: trasferimento di protone a A -

41 Racemizzazione Racemizzazione al carbonio- è catalizzata da acido

42 Tautomerizzazione di unaldeide in ambiente basico C H H O H CH C H H H O H C forma carbonilica OH - C H H O H C C H H C H O C H H C H OH OH - HOH forma enolica HOH C H H O H C

43 Acidità degli H in l'anione risultante è stabilizzato per risonanza Nellanione enolato la carica negativa si distribuisce fra il carbonio in alfa e l'atomo di ossigeno carbonilico.

44 Acidità degli H in

45 Condensazione aldolica Laldolo per riscaldamento si può disidratare a dare un alchene, in cui il doppio legame è coniugato con quello carbonilico Lacetaldeide reagisce con NaOH diluito a dare un dimero: il 3-idrossibutanale, che è un aldolo (aldeide + alcol)

46 OH - H 2 O C H H O H C C H H H C O C H H H O H CC H H O H C HC H H C H O C H H C H O HC H H C H OH C H H C H O H 2 O OH - HC H H C H O C H H C H O 1) Nella prima tappa si produce un anione enolato... …che nella tappa successiva compie un attacco nucleofilo su una seconda molecola di aldeide. Nellultima tappa della reazione si forma una -idrossialdeide. 3) 2) C H H H O H C

47 OH - 2 H 3 C C H O H 3 CC H OH C H H C H O H 3 C C H C H C H O 3-ossibutanale (aldolo) trans-2-butenale (aldeide crotonica) etanale

48 OH - 2 H 3 C C CH 3 O H 3 CC CH 3 OH C H H C CH 3 O H 3 C C H 3 C C H C CH 3 O 4-metil-4-ossi-2-pentanone (aldolo) 4-metil-3-pentene-2-one H 2 O

49 Meccanismo di addizione aldolica Lo ione enolato con carica negativa sul C agisca da nucleofilo al C-carbonilico. Forma nuovi legami C-C

50 FINE


Scaricare ppt "Aldeide chetone ALDEIDI e CHETONI Gruppo carbonilico."

Presentazioni simili


Annunci Google