La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ALIMENTAZIONE A CURA DI RIGINE CAYANAN & IRENE RICCA 2ªB.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ALIMENTAZIONE A CURA DI RIGINE CAYANAN & IRENE RICCA 2ªB."— Transcript della presentazione:

1 ALIMENTAZIONE A CURA DI RIGINE CAYANAN & IRENE RICCA 2ªB

2 COSA VUOL DIRE ALIMENTAZIONE? L’alimentazione consiste nell’ introdurre nel corpo, attraverso il cibo, sostanze fondamentali per mantenere attive le sue funzioni vitali

3 PERCHE’ CI ALIMENTIAMO? Il corpo umano, per costruire, sviluppare, rinnovare le sue strutture e mantenere le funzioni vitali di tutti i suoi organi ed apparati, nonché per svolgere qualsiasi attività esterna (lavoro muscolare) necessita di un apporto costante di energia" Tale energia viene fornita dagli alimenti sotto forma di sostanze che, armonicamente organizzate, vengono definite " PRINCIPI NUTRITIVI O NUTRIENTI "

4 NUTRIENTI LIPIDI O GRASSI PROTIDI O PROTEINE VITAMINE SALI MINERALI ACQUA ZUCCHERI

5 FUNZIONI DEI NUTRIENTI Le loro funzioni sono fondamentalmente le seguenti: Fornire materiale energetico per la produzione di calore, lavoro ed altre forme di energia. Fornire materiale plastico per la crescita e la riparazione dei tessuti. Fornire materiale di regolazione dei processi biologici.

6 INDAGINE STATISTICA SULL’ALIMENTAZIONE DELLA CLASSE 2ªB Abbiamo deciso di registrare i nostri pasti giornalieri nell’arco di una settimana. 22 alunni della nostra classe hanno seguito questo progetto così da avere risultati soddisfacenti e completi sull’alimentazione della classe. Questi sono i risultati:

7 GRAFICI ALIMENTAZIONE 2°B

8 COSA MANGIAMO ?

9 BEVANDE E CIBI

10 I RISULTATI Mediamente la classe rispetta un tipico modello di alimentazione mediterranea. Assumendo regolarmente pasta, carne, formaggi, uova e pesce. La frequenza con cui la classe mangia durante il giorno è abbastanza regolare, se non per alcuni ragazzi che non fanno colazione o altri pasti altrettanto importanti nel corso della giornata.

11 Alimentazione primitiva LarveInsetti foglieRadici Homo Erectus lascia l’Africa Differenze stagionali Necessità di nutrirsi di carne Sviluppo della caccia Invenzione del fuoco Cibo + sanoCibo + digeribile Suddivisione del lavoro Allevamento Agricoltura Sedentarietà Scambio Alimentazione migliore Nascita artigianato Allungamento della vita

12 L’Alimentazione antica

13 MODELLO ALIMENTARE MEDITERRANEO La dieta mediterranea è un modello nutrizionale ispirato ai modelli alimentari tradizionali di tre paesi : Italia, Grecia, Spagna e Marocco. Nel 2008 l'Italia presentò richiesta all'UNESCO affinché la dieta mediterranea venisse inserita fra i patrimoni culturali immateriali dell’umanità, riconoscimento che riceve nel 2010.

14 MODELLO ALIMENTARE AMERICANO Molte persone sono erroneamente convinte che l’America sia il paese di chi mangia male, dove non esiste una “tradizione gastronomica”, dove non ci sono regole nè gusti. Chi conosce un po’ approfonditamente gli americani e le loro abitudini, potrà accorgersi che, anche se è vero che la cucina americana ha preso molte cose da altre culture, in realtà negli Stati Uniti esiste un vero e proprio “stile culinario” fatto di piatti tipici, regole alimentari ed abitudini ben precise. La giornata americana prevede tre pasti principali. La colazione ( breakfast ), il pranzo (lunch) e la cena (dinner oppure supper).

15 ALIMENTAZIONE ETNICA OSA SI MANGIA NEL MONDO? Nel mondo possiamo distinguere due modi, ben diversi, di alimentarsi: Un’alimentazione tradizionale, povera, consistente soprattutto su ciò che offre la terra e l’ambiente; Un’alimentazione ricca, portata dal benessere economico e tecnico, la quale si allontana dal precedente mCodo di alimentarsi per un duplice processo di arricchimento: Nella quantità complessiva che si spinge anche al di sopra del fabbisogno umano; Nella composizione della dieta, nella quale si possono individuare sempre più presenti cibi ricchi di origine animale, industriale ed esotico.

16 DIGESTIONE La digestione è il processo che trasforma il cibo in energia e in materiale da costruzione per il corpo. Il nostro apparato digerente è una specie di catena di smontaggio: infatti le grosse molecole presenti nel cibo devono essere demolite e trasformate in molecole più piccole che possano essere riassorbite o utilizzate come fonti di energia. L’apparato digerente è costituito da una sorta di imbuto nel quale il cibo viene immesso – la bocca e la faringe – e da un tubo lungo una decina di metri e di diametro variabile – lo stomaco e l’intestino – che termina con un’apertura per la fuoriuscita del materiale di scarto

17 ALIMENTAZIONE IDEALE NELL’ADOLESCENZA L’adolescenza è una fase davvero particolare della nostra vita e spesso il rapporto con il cibo non è proprio di quelli perfetti, e purtroppo si segue un tipo di alimentazione squilibrata e carente di fibre indispensabili per crescere bene e mantenersi in ottima salute. Ci sono vari errori che molti commettono, come ad esempio quello di non fare colazione, cosa sbagliata perché è un pasto fondamentale che assicura l’energia necessaria a iniziare la giornata al meglio, non mangiare pesce, bere troppe bibite gassate e mangiare merendine e snack, tutte scelte ipercaloriche che causano gonfiore alla pancia e fanno ingrassare. A volte addirittura le ragazze iniziano a mangiar di meno per la paura di prendere peso quindi iniziano a eleminare alimenti importanti per la loro costituzione.

18 Kcal IDEALI PER LA FASE DI SVILUPPO Dai 12 a 14 anni si dovrebbero introdurre approssimativamente 45 a 55 calorie per chilogrammo di peso, mentre dai 15 a 18 anni approssimativamente 40 a 45 calorie per chilogrammo di peso. Non bisogna dimenticare di assumere abbastanza proteine, mentre i dolci vanno assunti con molta moderazione: molti adolescenti possono mangiare da 1 a 3 porzioni alla settimana senza che portino su troppo di peso. L’eccesso di dolciumi può anche avere un effetto sui problemi della pelle, come ad esempio l’acne. Bisogna dunque prestare attenzione all’alimentazione che si segue in questa delicata fase della vita, specialmente oggi dove troppo giovani italiani sono in sovrappeso.

19 ATTIVITA’ FISICA Uno stile di vita sano comprende oltre che, una sana alimentazione, un buon livello di attività fisica. La cosa migliore, è praticare sport poichè il divertimento stimola la voglia di fare attività fisica giorno per giorno.

20 PIRAMIDE ALIMENTARE

21 PRODOTTI EQUOSOLIALI Fanno parte dell'associazione FAIR TRADE che significa "commercio giusto, equo". si impegnano a: 1) acquistare le materie prime a prezzi giusti, in modo da consentire alle popolazioni che le producono una vita dignitosa e sana (cosa che non è affatto scontata) 2) avere un occhio di riguardo per l'ambiente (ci trovi moltissimi prodotti biologici, le confezioni sono riciclate\riciclabili, si impegnano nella salvaguardi degli habitat...) 3) dare ai consumatori un prodotto finito sano, buono, etnico…

22 DENUTRIZIONE L a denutrizione si ha quando non viene soddisfatto neanche il minimo fabbisogno di calorie giornaliere. Le conseguenze sono molteplici e si osservano soprattutto nei bambini: -ritardi nella crescita - insufficiente sviluppo scheletrico e muscolare.

23

24 MALNUTRIZIONE NEI PAESI POVERI Il corpo di una persona denutrita è costretto ad una battaglia continua anche per crescere e difendersi dalle malattie. Lavorare diventa impegnativo e anche le capacità di apprendimento possono essere ridotte. Per le donne sono più frequenti le gravidanze a rischio e i problemi nell’allattamento.

25 MALNUTRIZIONE NEI PAESI RICCHI In Europa, negli Stati Uniti, esiste il problema della malnutrizione, per eccesso di cibo e per dieta squilibrata. Quali errori commettono comunemente le persone malnutrite per eccesso?: Evitano o riducono la colazione al mattino Eccedono nel consumo di alimenti come salumi cioccolata patatine fritte caramelle e altri dolci confezionati; Eccedono nell’uso di bibite gassate ricche di zuccheri e caffeina.

26 ANORESSIA Molte ragazze, pur di avere un aspetto fisico ideale, decidono di dimagrire senza consultare il medico. Iniziano a mangiare sempre meno senza precauzioni o attività muscolare adeguata. Il problema fisico, diventa anche un problema psicologico, che se non curato, con il tempo può diventare anche una grave patologia.

27 BULIMIA Si manifesta con l’improvvisa fame In seguito, i sensi di colpa e la paura di ingrassare spingono la persona a procurarsi il vomito o ad assumere dosi massicce di lassativo

28 THE END...!!!


Scaricare ppt "ALIMENTAZIONE A CURA DI RIGINE CAYANAN & IRENE RICCA 2ªB."

Presentazioni simili


Annunci Google