La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EZIOPATOGENESI E CLINICA DM TIPO 2. EZIOPATOGENESI DM TIPO 2: Disordine metabolico causato dalla contemporanea presenza di insulino- resistenza ed inadeguata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EZIOPATOGENESI E CLINICA DM TIPO 2. EZIOPATOGENESI DM TIPO 2: Disordine metabolico causato dalla contemporanea presenza di insulino- resistenza ed inadeguata."— Transcript della presentazione:

1 EZIOPATOGENESI E CLINICA DM TIPO 2

2 EZIOPATOGENESI DM TIPO 2: Disordine metabolico causato dalla contemporanea presenza di insulino- resistenza ed inadeguata secrezione insulinica, che induce iperglicemia EZIOPATOGENESI DM TIPO 2: Disordine metabolico causato dalla contemporanea presenza di insulino- resistenza ed inadeguata secrezione insulinica, che induce iperglicemia

3 Prevalenza del diabete di tipo 2 tra 45 e 54 anni in varie popolazioni

4 Attribuzione del rischio: Età Età BMI BMI Familiarità Familiarità Attribuzione del rischio: Età Età BMI BMI Familiarità Familiarità

5 Insulina

6 GLP-1GIP PASTO PASTO INSULINA Glucosio(Alanina)

7 Insulina

8 Insulino-resistenza (IR) “La condizione di una cellula, di un tessuto o di un organo legata alla necessità di maggiori quantità di insulina per ottenere risposte normali” (Berson 1960) Determinazione di IR Clamp euglicemico-iperinsulinemico (indaginoso, complesso) Insulinemia basale (poco precisa) OGTT-IR (Matsuda &De Fronzo) Modello HOMA (ambito epidemiologico) HOMA-IR:  FPG (mmol/l) x Ins base (  U/ml)  /22.5

9 Livelli di azione insulinica

10 INSULINO-RESISTENZA Fattori genetici Fattori genetici Fattori ambientali: Fattori ambientali: - adiposità viscerale - sedentarietà - iperglicemia INSULINO-RESISTENZA Fattori genetici Fattori genetici Fattori ambientali: Fattori ambientali: - adiposità viscerale - sedentarietà - iperglicemia

11 GENI INSULINO-RESISTENZA FATTORI AMBIENTALI RIDOTTA SECREZIONE INSULINA DIABETE TIPO 2

12

13 Tessuto adiposo come organo endocrino IL-18 Leptina Lipocalina 2 LPL MIF Nesfatina NGF NO Omentina PAI-1 RANTES RAS RBP4 Resistina SFRP5 TGF-ß TNF-  Vaspina VCAM-1 VEGF Visfatina Adiponectina Adipsina Amiloide A AGRP ANGPTL2 Angiotensinogeno Apelina ApoE CCL2 CETP Chemerina COX-pathway CRP CXCL5 Aptoglobina HGF ICAM-1 IGF-I IL-6 IL-8 IL-10

14 Risk of developing diabetes mellitus (% ) by initial BMI and WHR ratio for men aged 54 at entry BMI tertiles WHR tertiles Olshon et al, 1985

15 WHR 0,8 0,9 1,0 1,1 Small Dense-LDL R=0,52 p<0, WHR 0,8 0,9 1,0 1,1 HDL 2 R=0,52 p<0,0001 Correlazione tra distribuzione del grasso corporeo (WHR) e frazioni lipoproteiche Terry et al., 1988

16 Carenza insulinica Resistenza insulinica Diminuzione della secrezione insulinica indotta dalla glicemia Diminuzione della risposta tessutale all’insulina - Diminuzione di inibizione della produzione epatica di glucosio - Diminuzione di uptake cellulare di glucosio Iperglicemia Diminuzione del trasporto di glucosio - Iperinsulinemia basale - diminuito legame insulinico Deficit di funzione delle beta-cellule Difetto post- recettoriale

17 Carenza insulinica Diminuzione della secrezione insulinica indotta dalla glicemia - Diminuzione di inibizione della produzione epatica di glucosio - Diminuzione di uptake cellulare di glucosio Iperglicemia Deficit di funzione delle beta-cellule L’inadeguata secrezione dell’insulina è più evidente ai pasti

18 Resistenza insulinica Diminuzione della risposta tessutale all’insulina - Diminuzione di inibizione della produzione epatica di glucosio - Diminuzione di uptake cellulare di glucosio Iperglicemia Diminuzione del trasporto di glucosio - Iperinsulinemia basale - diminuito legame insulinico Difetto post- recettoriale L’insulino-resistenza è connessa con : Genotipo Età Peso corporeo Attività fisica

19 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Iperglicemia

20 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Genetica Ambiente Alimentazione Sedentarietà Obesità Iperglicemia

21 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Genetica Ambiente Alimentazione Sedentarietà Obesità Iperglicemia Disfunzione beta-cell.

22 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Genetica Ambiente Alimentazione Sedentarietà Obesità Iperglicemia Glucotossicità Disfunzione beta-cell.

23 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Genetica Ambiente Alimentazione Sedentarietà Obesità Iperglicemia Lipotossicità Glucotossicità Disfunzione beta-cell.

24 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Genetica Ambiente Alimentazione Sedentarietà Obesità Iperglicemia Lipotossicità Glucotossicità Disfunzione beta-cell. Deficit GLP-1

25 Patogenesi del diabete tipo 2 Deficit secrezione Insulino- resistenza Genetica Ambiente Alimentazione Sedentarietà Obesità Iperglicemia Lipotossicità Glucotossicità Disfunzione beta-cell. Deficit GLP-1

26 QUADRO CLINICO DM TIPO2 Insorgenza in età adulta Insorgenza in età adulta 80 – 90 % pazienti sovrappeso od obesi 80 – 90 % pazienti sovrappeso od obesi Esordio subdolo e per lungo tempo asintomatico (IFG, IGT) Esordio subdolo e per lungo tempo asintomatico (IFG, IGT) In fase conclamata perdita di peso di lieve entità (se presente) In fase conclamata perdita di peso di lieve entità (se presente) Poliuria, polidipsia Poliuria, polidipsia Disidratazione di modesta entità Disidratazione di modesta entità Non tendenza alla chetoacidosi Non tendenza alla chetoacidosi QUADRO CLINICO DM TIPO2 Insorgenza in età adulta Insorgenza in età adulta 80 – 90 % pazienti sovrappeso od obesi 80 – 90 % pazienti sovrappeso od obesi Esordio subdolo e per lungo tempo asintomatico (IFG, IGT) Esordio subdolo e per lungo tempo asintomatico (IFG, IGT) In fase conclamata perdita di peso di lieve entità (se presente) In fase conclamata perdita di peso di lieve entità (se presente) Poliuria, polidipsia Poliuria, polidipsia Disidratazione di modesta entità Disidratazione di modesta entità Non tendenza alla chetoacidosi Non tendenza alla chetoacidosi

27 Sindrome Metabolica: classificazione NCEP 2001 Obesità addominale: waist>102 cm in M e>88 cm in F Trigliceridi  150 mg/dl HDL<40 mg/dl in M e<50 mg/dl in F PA  130/85 mm Hg Glicemia a digiuno  110 mg/dl Obesità addominale: waist>102 cm in M e>88 cm in F Trigliceridi  150 mg/dl HDL<40 mg/dl in M e<50 mg/dl in F PA  130/85 mm Hg Glicemia a digiuno  110 mg/dl (National Cholesterol Education Program-NCEP-III Report. JAMA 16: 285 (5) 2001).

28 Ford ES et al., JAMA 2002; 287: Prevalenza della sindrome metabolica nel NCEP: NHANES III per età 0 Prevalenza (%) Et à (anni) UominiDonne 


Scaricare ppt "EZIOPATOGENESI E CLINICA DM TIPO 2. EZIOPATOGENESI DM TIPO 2: Disordine metabolico causato dalla contemporanea presenza di insulino- resistenza ed inadeguata."

Presentazioni simili


Annunci Google