La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

URTI ANELASTICI Ing. Ferdinando FUSCO. SOMMARIO  DEFINIZIONE DEFINIZIONE  ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "URTI ANELASTICI Ing. Ferdinando FUSCO. SOMMARIO  DEFINIZIONE DEFINIZIONE  ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO."— Transcript della presentazione:

1 URTI ANELASTICI Ing. Ferdinando FUSCO

2 SOMMARIO  DEFINIZIONE DEFINIZIONE  ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO  CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA’ DI MOTO CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA’ DI MOTO CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA’ DI MOTO  ENERGIA DISSIPATA NELL’URTO ENERGIA DISSIPATA NELL’URTO ENERGIA DISSIPATA NELL’URTO  SITO DI RIFERIMENTO SITO DI RIFERIMENTO SITO DI RIFERIMENTO

3 DEFINIZIONE  L‘URTO ANELASTICO è l'urto in cui l'energia meccanica totale non si conserva. urtoenergia meccanicaurtoenergia meccanica sommario  Nel caso di urto ANELASTICO TOTALE, i corpi, dopo la collisione, si fondono in un unico corpo e viaggiano con la stessa velocità.

4 ESEMPIO  Caso di un‘AUTOMOBILE che urta contro un CAMION e rimane incastrata in esso.  Dopo l'urto, automobile e camion si fondono in un unico corpo che continua a muoversi con una velocità diversa dalla velocità iniziale sia dell'automobile sia del "tir". sommario

5 CONSERVAZIONE DELLA QUANTITA’ DI MOTO  Legge di conservazione della quantità di moto del sistema: quantità di motoquantità di moto P t =  M · v = cost sommario  Per gli urti anelastici totali, si può scrivere: m 1 · v 1 + m 2 · v 2 = (m 1 + m 2 ) · V m 1 · v 1 e m 2 · v 2 quantità di moto prima dell'urto; m 1 · v 1 e m 2 · v 2 quantità di moto prima dell'urto; (m 1 + m 2 ) · V quantità di moto dell'intero sistema dopo l'urto

6 ENERGIA DISSIPATA  Supponendo che non vi siano variazioni di energia potenziale, la perdita di ENERGIA MECCANICA è dovuta alla sola variazione di ENERGIA CINETICA.  L'energia cinetica dissipata durante l'urto anelastico totale si trasforma in calore e si calcola con:  k = K i – K f = 1/2 · m r · (v 1 –v 2 ) 2 m r = m 1 · m 2 / (m 1 + m 2 ) è la massa ridotta del sistema m r = m 1 · m 2 / (m 1 + m 2 ) è la massa ridotta del sistema sommario

7 FINE


Scaricare ppt "URTI ANELASTICI Ing. Ferdinando FUSCO. SOMMARIO  DEFINIZIONE DEFINIZIONE  ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO ESEMPIO DI URTO ANELASTICO."

Presentazioni simili


Annunci Google