La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. Cartenì Direttore U.O.S.C. di Oncologia Medica A.O.R.N. A. Cardarelli Napoli Caso Clinico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. Cartenì Direttore U.O.S.C. di Oncologia Medica A.O.R.N. A. Cardarelli Napoli Caso Clinico."— Transcript della presentazione:

1 G. Cartenì Direttore U.O.S.C. di Oncologia Medica A.O.R.N. A. Cardarelli Napoli Caso Clinico

2 Caso clinico Paziente di 66 anni, iperteso in trattamento con sartanici. Depressione nervosa in trattamento. Pregressa prostatectomia nel dicembre 2009: adenocarcinoma Gleason 8 pT3 (4+4) Nx PSA pre-intervento 11 PSA post-intervento: 0.5 Dopo 1 mese: 1 Marzo 2010 pratica RT su loggia prostatica (68 Gy) Al follow-up presenta: PSA azzerato Bone scan neg TC neg. Andamento PSA nel 2010: PSA 0.2; PSA 0.6; PSA 2.5 (PSA DT: 2 mesi)

3 Dic 2010: Comparsa di 2 lesioni ossee (bacino, L1). Paziente asintomatico PSA 3.6 (↑↑) analogo + bifosfonato ↓ PSA fino a valori di 1 Dopo 5 mesi: PD ossea con 2 nuove lesioni assenza di lesioni parenchimali allaTc. PSA: 6 Analogo + bifosfonato + bicalutamide Il PSA nel tempo continua però ad aumentare: 6→ 10→ 25 (in 4 mesi con BAT). SD ossea. No altre lesioni Docetaxel (Ottobre 2011)

4 1º rivalutazione (4 cicli): TC: riduzione delle metastasi linfonodali (2 cm). Scintigrafia: SD ossea Miglioramento clinico e sintomatico. VAS: 2. PSA 30. Dopo 1 ciclo: G-CSF di profilassi. 2º rivalutazione ( 8 cicli): TC: SD linfonodale. Scintigrafia: SD ossea: PSA: 10 PAZIENTE CONTINUA FINO A 10 CICLI. POI STOP. Dopo 4 mesi di PFS: PD linfonodale e biochimica. Inizia enzalutamide.

5 Dopo 4 cicli la Rivalutazione: 3 metastasi linfonodali addominali (35 mm), 2 nuove lesioni ossee (testa femore dx ed L3). Paziente sintomatico. VAS: 7. PD biochimica. Cosa fare? II LINEA CABAZITAXEL PSA basale: 45 cabaz

6 DISCUSSIONE (1) Perchè cabazitaxel: AGGRESSIVE DISEASE (Gleason 8) Short PRIOR OT (9 mesi) Malattia linfonodale Docetaxel refractory patient

7 DISCUSSIONE (2) Il trattamento di seconda linea è stato ben tollerato dal paziente. Gli unici effetti collaterali sono stati: DIARREA gr 2, FATIGUE gr 2 e NAUSEA gr 1, facilmente gestiti con terapia appropriata. Dopo il primo ciclo leucopenia-neutropenia, afebbrile, il paziente ha ricevuto G-CSF di PROFILASSI. Non abbiamo utilizzato l’andamento del PSA come parametro di risposta al trattamento.


Scaricare ppt "G. Cartenì Direttore U.O.S.C. di Oncologia Medica A.O.R.N. A. Cardarelli Napoli Caso Clinico."

Presentazioni simili


Annunci Google