La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 DALLA PANNOCCHIA ALLA POLENTA. 2 DALLA PANNOCCHIA AL... WALZER DELLA POLENTA! Noi bambini più grandi della scuola dell'infanzia di Desenzano abbiamo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 DALLA PANNOCCHIA ALLA POLENTA. 2 DALLA PANNOCCHIA AL... WALZER DELLA POLENTA! Noi bambini più grandi della scuola dell'infanzia di Desenzano abbiamo."— Transcript della presentazione:

1 1 DALLA PANNOCCHIA ALLA POLENTA

2 2 DALLA PANNOCCHIA AL... WALZER DELLA POLENTA! Noi bambini più grandi della scuola dell'infanzia di Desenzano abbiamo avuto modo di conoscere approfonditamente il mais, le sue caratteristiche e tutti i passaggi che portano alla produzione della farina gialla, dalla sgranatura delle pannocchie, alla macinazione (tutto a mano..che fatica!), al setacciamento e alla preparazione della mitica polenta, il piatto tipico della bergamasca presente sulle nostre tavole dai tempi dei bisnonni e forse anche dei loro nonni! Tutti intorno ad un tavolone cantando “il walzer della polenta” ci siamo passati il bastone (detto dai nonni “tarèl”) per mischiare gli ingredienti nel paiolo di rame, acqua,farina gialla e sale, e dopo la cottura abbiamo rovesciato il tutto sul grande tagliere di legno. Che bella sorpresa! La nostra polenta era grande, bella e anche molto buona, infatti non ci siamo fatti mancare nemmeno l'assaggio e parecchi di noi non si son fatti mancare nemmeno il bis e il tris! Ma non è finita qui! Spinti dalla curiosità di saperne di più e di poter vedere e toccare con mano gli attrezzi che usavano proprio i nonni, siamo andati in visita al MUSEO ETNOGRAFICO DELLA TORRE DI COMENDUNO e lì il signor Beppe e la signora Anna ci hanno spiegato molto bene come facevano i nonni a seminare il mais e anche il frumento, a raccoglierlo, ad appendere le pannocchie, a sgranare, a macinare...Ci hanno mostrato tutti i macchinari di un tempo e i vari attrezzi e ci hanno portato indietro nel tempo accogliendoci nella cucina “antica” dove abbiamo trovato tantissime differenze con la nostra cucina...quante comodità in meno! Ci è stato spiegato anche come i nostri antenati non buttavano proprio via nulla che potesse essere cibo o condimento nei piatti “poveri” che si servivano in tavola, da ogni animale della fattoria si ricavava qualcosa e ogni frutto o seme era prezioso e veniva conservato, non esisteva lo spreco e i bambini si leccavano i baffi con la minestra che trovavano in tavola dopo magari aver trascorso la giornata nei campi a lavorare! E' proprio vero..dal passato si puo' imparare tanto! Grazie di cuore a Beppe e a Anna che con tanta pazienza e passione ci hanno dedicato il loro tempo. E' stato tutto molto interessante!

3 3 ALLA SCOPERTA DELLA PANNOCCHIA DI MAIS TOCCHIAMO E OSSERVIAMO LA PANNOCCHIA DI GRANOTURCO ED ECCO LE FRASI DEI BAMBINI: E’ FATTA TUTTA DI MAIS. E’ RUVIDA. E’ ASCIUTTA, E’ MORBIDA QUANDO LA TOCCHI perché è LISCIA. E’ UN POCHINO PESANTE. E’ BELLA DA TOCCARE. E’ UN PO’ BAGNATA.

4 MA SIAMO SICURI CHE SIA BAGNATA ‘ COSA SUCCEDE QUANDO UNA COSA è BAGNATA? HAI LE MANI BAGNATE. MA ADESSO LE MANI NON SONO BAGNATE. ALLORA è BAGNATA O ASCIUTTA? È ASCIUTTA. IN CIMA HA DELLE FOGLIE CHE SONO ATTACCATE AI CHICCHI. MI FA RICORDARE UNO SCOPINO perché IN CIMA CI SONO LE FOGLIE. HA TANTE RIGHE FATTE DI CHICCHI. LE RIGHE SERVONO A DIVIDERE IL MAIS. PER ME E’ DURA perché NON SI RIESCE A SCHIACCIARE. E’ GIALLA. TUTTI I CHICCHI SONO YELLOW CHE VUOL DIRE GIALLO IN INGLESE. SOTTO I CHICCHI E’ UN PO’ MARRONE E’ GIALLO POLENTA, GIALLO SOLE, GIALLO ORO. ALCUNI CHICCHI SONO UN PO’ PIU’ SCURI. 3

5 MA USIAMO I CHICCHI INTERI? NO LI PRENDI, SOLO I CHICCHI, LI TRITI E SI FORMA LA FARINA GIALLA. POI NELLA POLENTA PUOI METTERE ANCHE IL FORMAGGIO. MA QUELLA E’ LA POLENTA TARAGNA ! CONOSCETE DELLE ALTRE RICETTE DA FARE CON IL MAIS? SI PUO’ FARE UNA TORTA. LE TORTE SI FANNO CON LA FARINA BIANCA DI FRUMENTO. PROVATE A PENSARE A UNA COSA CHE SI MANGIA QUANDO ANDIAMO AL CINEMA O ANCHE A CASA E SONO CHIUSI IN UN SACCHETTO… SI SONO I POP CORN. SI CUOCIONO IN PADELLA.LA MIA MAMMA LI PRENDE IN UN SACCHETTO E LI METTE NEL MICROONDE. QUANDO CUOCIONO NON SONO PIU’ GIALLI MA DIVENTANO BIANCHI perché SCOPPIANO. 4

6 PERCHE’ HANNO QUESTO STRANO NOME.. PROVIAMO A RIPETERLO TANTE VOLTE VELOCEMENTE… Perché QUANDO CUOCIONO SI SENTE CHE SCOPPIANO. LA FILASTROCCA DEI POPCORN: LA PANNOCCHIA HO SGRANATO E TANTI CHICCHI HO TROVATO SE LI SALTI IN PADELLA SCOPPIETTERANNO E BIANCHI POPCORN DIVENTERANNO. 5

7 7

8 8

9 9

10 10

11 11

12 12

13 13

14 14

15 15


Scaricare ppt "1 DALLA PANNOCCHIA ALLA POLENTA. 2 DALLA PANNOCCHIA AL... WALZER DELLA POLENTA! Noi bambini più grandi della scuola dell'infanzia di Desenzano abbiamo."

Presentazioni simili


Annunci Google