La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OSTEOTOMIA TIBIALE ALTA DI APERTURA UTILIZZANDO UN FISSATORE ESTERNO MONOASSIALE DINAMICO: FOLLOW-UP DI 2-7 ANNI Mondanelli N., Aglietti P., Russo E.,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OSTEOTOMIA TIBIALE ALTA DI APERTURA UTILIZZANDO UN FISSATORE ESTERNO MONOASSIALE DINAMICO: FOLLOW-UP DI 2-7 ANNI Mondanelli N., Aglietti P., Russo E.,"— Transcript della presentazione:

1 OSTEOTOMIA TIBIALE ALTA DI APERTURA UTILIZZANDO UN FISSATORE ESTERNO MONOASSIALE DINAMICO: FOLLOW-UP DI 2-7 ANNI Mondanelli N., Aglietti P., Russo E., Cuomo P, Lup D., De Luca L. Prima Clinica Ortopedica – Università degli Studi di Firenze (Dir. Prof. P. Aglietti)

2 Maschio, 45 aa., sportivo con moderata artrosi mediale

3

4 ? Mantenimento della correzione ottenuta

5 Materiale ( ) 23 Pz. (13 maschi, 6 femmine) 16 ginocchio sinistro, 7 ginocchio destro Età all’intervento: 51 aa. (38-61 aa.) Chirurgia precedente: 10 meniscectomie mediali (2 aperte, 8 artroscopiche), 1 ORIF per frattura PTM (+RMS) Rivisti 22 Pz. (1 deceduto) Follow-up 47 mesi (23-85 mesi)

6 Controllo fluoroscopico intra-operatorio Inserimento manuale 2 fiches prossimali e 2 distali

7 Osteotomia obliqua al di sotto della TT (5 cm distale PTM fino ad art. tibioperoneale prossimale)

8 Fissatore esterno monoassiale dinamico (Star 90, citieffe, Bologna)

9 Distrazione iniziata dopo 6 (4-8) gg. da intervento Apertura 1 mm al giorno Controllo Rx (AP arto in toto 30x90 cm) ogni 7 gg. fino a correzione raggiunta Correzione raggiunta dopo 25 (18-30) gg. F.E. rimosso dopo 75 (60-120) gg. Nessuna infezione dei tramiti delle fiches

10 26 sett. 13 sett. 5 sett. 3 sett.

11 Metodo Valutazione soggettiva: KOOS IKDC soggettiva Valutazione obiettiva: IKDC Pre-op ed a F.U. Valutazione Rx: AP sotto carico, LL AP arto inferiore in toto assiale di rotula sec. Merchant PA sec. Rosemberg Pre-op, a rimozione del FE ed a F.U.

12 Degenerazione articolare (sec. Kellegren-Lawrence, Ahlback) Studio Rx

13 Criteri di Kellegren-Lawrence Grado 0: normale Grado 1: dubbio restringimento / Possibili osteofiti Grado 2: possibile restringimento / Definiti osteofiti Grado 3: restringimento definito / Modesti multipli osteofiti / Sclerosi e Possibile deformità ossea Grado 4: restringimento marcato/ Osteofiti evidenti Sclerosi / Deformità ossea KELLGREN J.H., LAWRENCE J.S., Ann Reum Dis, 1957

14 Deterioramento radiografico Criteri di Ahlback Grado 0: normale. Grado 1: restringimento rima articolare < 50%. Grado 2: restringimento rima articolare > 50%. Grado 3: obliterazione spazio articolare / osteofiti e sclerosi ossea. Grado 4: presenza di erosione ossea / cisti ossee. Ahlback S., Acta Radiol.Supplementum, 1968

15 Asse anatomico, asse meccanico, % asse meccanico/PT, varo metafisario

16 b a Slope tibiale posteriore, altezza di rotula (Indice di Insall-Salvati) b/a

17 RISULTATI

18 Valutazione soggettiva Tutti i Pz. tranne uno sono soddisfatti della chirurgia.

19 Pre-op.Follow-Up KOOS Dolore57 (37-92)80 (47-100) KOOS Sintomi56 (30-79)71 (36-100) KOOS Attività quotidiane53 (30-85)78 (57-100) KOOS Attività sportive18 (0-35)58 (5-100) KOOS Qualità della vita21 (0-36)55 (25-100) IKDC Soggettivo43 (15-63)79 (32-98) Valutazione soggettiva

20 Valutazione clinica IKDC Nessuna perdita di articolarità o instabilità ligamentosa peggiore che nel pre-operatorio.

21 Degenerazione articolare Kellegren-LawrenceAhlback Progressione artrosica in 3 Pz.

22 Studio radiografico Pre-op. Correzione raggiunta Rimozione F.E. Follow-Up Asse anatomico 3.4° (2°-6°) varo 6.6° (4°-8°) valgo 6.8° (4°-8°) valgo 6.1° (3°-10°) valgo Asse meccanico 8.4° (5°-12°) varo 4.2° (1°-7°) valgo 4.5° (2°-7°) valgo 4.4° (3°-7°) valgo % asse meccanico su piatto tibiale 53% (51%-57%) 64% (62%-66%) 63% (61%-66%) Slope posteriore6° (2°-9°)n.c.5° (1°-8°) Varo metafisario8.2° (5°-11°)4.5° (2°-8°)4.3° (2°-7°)4° (2°-6°) Altezza rotula (Insall-Salvati) 1.08 ( ) n.c ( ) 1.03 ( ) No variazione slope e altezza di rotula Perdita di correzione di 1-2° sull’asse meccanico o di 1-2% sulla percentuale dell’asse meccanico sul PT in 5 Pz.

23 26 sett. 13 sett. Pre-op. 5 aa. 6 sett.

24

25 CONCLUSIONI Nessuna complicazione. Nessuna perdita di correzione significativa.

26 Vantaggi Tecnicamente facile. Non necessità di innesto osseo. Correzione in corso d’opera. Carico immediato come tollerato. Assenza di mezzi di sintesi residui. Minor deformità metafisaria. Svantaggi Minor compliance del Pz. Controllo clinico e radiografico frequente e prolungata.

27 GRAZIE


Scaricare ppt "OSTEOTOMIA TIBIALE ALTA DI APERTURA UTILIZZANDO UN FISSATORE ESTERNO MONOASSIALE DINAMICO: FOLLOW-UP DI 2-7 ANNI Mondanelli N., Aglietti P., Russo E.,"

Presentazioni simili


Annunci Google